Football Club Internazionale Milano 1984-1985

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Football Club Internazionale Milano
Inter 1984-1985.jpg
Stagione 1984-1985
AllenatoreItalia Ilario Castagner
All. in secondaItalia Giancarlo Cella
PresidenteItalia Ernesto Pellegrini
Serie A3º posto (in Coppa UEFA)
Coppa ItaliaSemifinale
Coppa UEFASemifinale
Maggiori presenzeCampionato: Altobelli, Baresi (30)
Miglior marcatoreCampionato: Altobelli (17)
Totale: Altobelli (25)
StadioGiuseppe Meazza
Dati aggiornati al 26 giugno 1985

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 1984-1985.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

I due stranieri della stagione, il tedesco Rummenigge e l'irlandese Brady, esultano dopo un gol.

Il colpo di mercato della stagione 1984-85, dopo la scelta di Ilario Castagner per la panchina[1], fu l'attaccante tedesco Karl-Heinz Rummenigge, il cui connubio con la società meneghina era già stato annunciato in primavera.[2] L'altro posto riservato agli atleti stranieri venne preso dall'irlandese Liam Brady, ex centrocampista della Juventus.[3] Il loro inserimento giovò in immediato ai risultati della squadra, accreditata di grandi ambizioni.[3]

Puntando ancora sui gol del capitano Altobelli[4], l'Inter raggiunse i quarti di Coppa UEFA eliminando nell'ordine: Sportul Studentesc[5], Rangers Glasgow[6][7] e Amburgo.[8][9]

Il gol in rovesciata di Rummenigge contro il Rangers Glasgow, annullato per gioco pericoloso.

Alla ripresa dopo la pausa invernale, i nerazzurri - nel frattempo lanciati in campionato all'inseguimento della sorpresa Hellas Verona e del Torino guidato dall'ex Radice[10] - sfidarono il Colonia vincendo 1-0 la partita di andata.[11] Il 3-1 del ritorno assicurò le semifinali[12], dove ad attenderli era pronto il Real Madrid.[13] La vittoria a Milano per 2-0 sembrò aprire le porte della finale[14], ma sul loro terreno i Blancos ribaltarono la situazione con un netto 3-0.[15] Vane risultarono le proteste di parte interista per una biglia che, scagliata dalle tribune, colpì Bergomi alla testa: l'Uefa, nell'analizzare il referto dell'incontro, non rilevò irregolarità alcuna.[16]

L'Inter finì il campionato al terzo posto, dietro gli scaligeri e i granata, arrendendosi poi al Milan nelle semifinali di Coppa Italia.[17]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 1984-1985 fu Mec Sport[18], mentre lo sponsor ufficiale fu Misura.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

[19]

Area direttiva

Area organizzativa

Area comunicazione

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medici sociali: dott. Mario Benazzi e dott. Luigi Colombo
  • Preparatore atletico: Vanni Turconi
  • Massaggiatori: Giancarlo Della Casa e Massimo Della Casa

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

[21]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Angelo Recchi
Italia P Walter Zenga
Italia D Giuseppe Bergomi
Italia D Graziano Bini (capitano)
Italia D Fulvio Collovati
Italia D Riccardo Ferri (II)
Italia C Giuseppe Baresi (I)
Irlanda C Liam Brady
Italia C Franco Causio
Italia C Enrico Cucchi
Italia C Andrea Mandorlini
N. Ruolo Giocatore
Italia C Gianpiero Marini
Italia C Giuseppe Minaudo
Italia C Giancarlo Pasinato
Italia C Massimo Pellegrini
Italia C Antonio Sabato
Italia A Alessandro Altobelli
Italia A Massimo Ciocci
Italia A Andrea Galanti
Italia A Carlo Muraro
Germania A Karl-Heinz Rummenigge

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Bergamo
16 settembre 1984
Atalanta1 – 1InterStadio Atleti Azzurri d'Italia

Milano
23 settembre 1984
Inter2 – 1AvellinoStadio Giuseppe Meazza

Roma
30 settembre 1984
Lazio1 – 1InterStadio Olimpico

Milano
7 ottobre 1984
Inter0 – 0VeronaStadio Giuseppe Meazza

Torino
14 ottobre 1984
Torino1 – 1InterStadio Comunale

Milano
21 ottobre 1984
Inter1 – 0ComoStadio Giuseppe Meazza

Milano
28 ottobre 1984
Milan2 – 1InterStadio Giuseppe Meazza

Milano
11 novembre 1984
Inter4 – 0JuventusStadio Giuseppe Meazza

Milano
18 novembre 1984
Inter1 – 0UdineseStadio Giuseppe Meazza

Firenze
25 novembre 1984
Fiorentina1 – 1InterStadio Artemio Franchi

Milano
2 dicembre 1984
Inter2 – 1NapoliStadio Giuseppe Meazza

Cremona
16 dicembre 1984
Cremonese1 – 2InterStadio Giovanni Zini

Milano
23 dicembre 1984
Inter2 – 0SampdoriaStadio Giuseppe Meazza

Milano
6 gennaio 1985
Inter0 – 0RomaStadio Giuseppe Meazza

Ascoli Piceno
13 gennaio 1985
Ascoli1 – 1InterStadio Cino e Lillo Del Duca

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
20 gennaio 1985
Inter1 – 0AtalantaStadio Giuseppe Meazza

Avellino
27 gennaio 1985
Avellino0 – 0InterStadio Partenio

Milano
10 febbraio 1985
Inter1 – 0LazioStadio Giuseppe Meazza

Verona
17 febbraio 1985
Verona1 – 1InterStadio Marcantonio Bentegodi

Milano
24 febbraio 1985
Inter1 – 1TorinoStadio Giuseppe Meazza

Como
3 marzo 1985
Como0 – 0InterStadio Giuseppe Sinigaglia

Milano
17 marzo 1985
Inter2 – 2MilanStadio Giuseppe Meazza

Torino
24 marzo 1985
Juventus3 – 1InterStadio Comunale

Udine
31 marzo 1985
Udinese2 – 1InterStadio Friuli

Milano
14 aprile 1985
Inter1 – 0FiorentinaStadio Giuseppe Meazza

Napoli
21 aprile 1985
Napoli3 – 1InterStadio San Paolo

Milano
28 aprile 1985
Inter2 – 0CremoneseStadio Giuseppe Meazza

Genova
5 maggio 1985
Sampdoria1 – 2InterStadio Luigi Ferraris

Roma
12 maggio 1985
Roma4 – 3InterStadio Olimpico

Milano
19 maggio 1985
Inter5 – 1AscoliStadio Giuseppe Meazza

Coppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 1984-1985.

Trentaduesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Bucarest
20 settembre 1984
Sportul Studențesc1 – 0InterStadio Aurică Rădulescu
Arbitro: Spagna Castillo

Milano
3 ottobre 1984
Inter2 – 0Sportul StudențescStadio Giuseppe Meazza (52.600 spett.)
Arbitro: Svezia Fredriksson

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
24 ottobre 1984
Inter3 – 0RangersStadio Giuseppe Meazza (65.591 spett.)
Arbitro: Germania Roth

Glasgow
7 novembre 1984
Rangers3 – 1InterIbrox Stadium (30.000 spett.)
Arbitro: Slovacchia Christov

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Amburgo
28 novembre 1984
Amburgo2 – 1InterVolksparkstadion (62.000 spett.)
Arbitro: Svizzera Daina

Milano
12 dicembre 1984
Inter1 – 0AmburgoStadio Giuseppe Meazza (78.398 spett.)
Arbitro: Inghilterra Hackett

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
6 marzo 1985
Inter1 – 0ColoniaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro: Francia Wurtz

Colonia
20 marzo 1985
Colonia1 – 3InterMüngersdorfer Stadion
Arbitro: Belgio Ponnet

Semifinale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
10 aprile 1985
Inter2 – 0Real MadridStadio Giuseppe Meazza (75.521 spett.)
Arbitro: Austria Wöhrer

Madrid
24 aprile 1985
Real Madrid3 – 0InterStadio Santiago Bernabéu (90.000 spett.)
Arbitro: Scozia Valentine

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 26 giugno 1985.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale RA RP DR
G V P S G V P S G V P S
Scudetto.svg Serie A 38 15 11 4 0 15 2 8 5 30 13 12 5 42 28 +14
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 5 4 0 1 6 3 2 1 11 7 2 2 18 8 +10
Coppauefa.png Coppa UEFA - 5 5 0 0 5 1 0 4 10 6 0 4 14 10 +4
Totale - 25 20 4 1 26 6 10 10 51 26 14 11 74 46 +28

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianni Brera, Non sembra l'anno di Juventus e Roma, in la Repubblica, 8 luglio 1984, p. 27.
  2. ^ Franco Rossi, "S'io fossi Rummenigge...", in la Repubblica, 23 agosto 1984, p. 26.
  3. ^ a b Luciano Pedrelli, All'opera Brady e Rummenigge, in la Repubblica, 23 agosto 1984, p. 25.
  4. ^ Franco Rossi, Gran festival di Altobelli il Francavilla partecipa..., in la Repubblica, 30 agosto 1984, p. 31.
  5. ^ Gianni Brera, Brady-Rummenigge rilanciano l'Inter, in la Repubblica, 4 ottobre 1984, p. 24.
  6. ^ Gianni Brera, C'è una strana Europa dentro queste coppe, in la Repubblica, 26 ottobre 1984, p. 31.
  7. ^ Gianni Mura, Un gol di Altobelli salva l'Inter a Glasgow, in la Repubblica, 8 novembre 1984, p. 16.
  8. ^ Gianni Mura, L'Inter spreca l'Amburgo vince, in la Repubblica, 29 novembre 1984, p. 21.
  9. ^ Gianni Mura, Un rigore di Brady ha salvato l'Inter, in la Repubblica, 13 dicembre 1984, p. 31.
  10. ^ Bruno Bernardi, Il Como perdona tutti i «peccati» dell'Inter, in La Stampa, 4 marzo 1985, p. 14.
  11. ^ Gianni Brera, Per fortuna c'era Causio, in la Repubblica, 7 marzo 1985, p. 28.
  12. ^ Carlo Coscia, La fantastica notte di Colonia, in La Stampa, 23 marzo 1985, p. 22.
  13. ^ Gianni Brera, Inter e Real alla ricerca del tempo perduto, in la Repubblica, 10 aprile 1985, p. 37.
  14. ^ Gianni Brera, Contro il Real Brady-Altobelli ditta imperiale, in la Repubblica, 11 aprile 1985, p. 23.
  15. ^ Gianni Brera, L'Inter scompare davanti al Real, in la Repubblica, 25 aprile 1985, p. 25.
  16. ^ Gianni Mura, Ora l'Inter s'arrabbia "Non è una sceneggiata", in la Repubblica, 27 aprile 1985, p. 24.
  17. ^ Gianni Brera, Il Milan trova la finale e un posto in Europa, in la Repubblica, 27 giugno 1985, p. 22.
  18. ^ Abbigliamento Sportivo Milano - Mec Sport | Storia, su www.mecsport.it. URL consultato il 6 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2016).
  19. ^ Panini, 14
  20. ^ F.R., Dal Cin entra nell'Inter, in la Repubblica, 4 settembre 1984.
  21. ^ Panini, 14-15

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori 1984-85, Modena-Milano, Panini-l'Unità, 1994.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio