Football Club Internazionale 1962-1963

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Grande Inter.

Football Club Internazionale
Inter 1962-63.jpg
Una formazione dell'Inter per la stagione 1962-63
Stagione 1962-1963
Allenatore Argentina Helenio Herrera
All. in seconda Italia Maino Neri
Presidente Italia Angelo Moratti
Serie A 1º posto (in Coppa Campioni)
Coppa Italia Ottavi di finale
Maggiori presenze Campionato: Guarneri (34)
Totale: Guarneri (34)
Miglior marcatore Campionato: Di Giacomo (11)
Totale: Di Giacomo, Mazzola (11)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale nelle competizioni ufficiali della stagione 1962-1963.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Per la terza stagione di Herrera in panchina, il quale si era inizialmente dimesso dopo che Angelo Moratti ebbe lasciato temporaneamente la presidenza nerazzurra per motivi di salute,[1][2] furono acquistati il terzino Burgnich e l'interno Maschio. Il tecnico argentino inserì anche i giovani Facchetti e Mazzola, che lui stesso aveva fatto esordire due anni prima.[3] L'avvio di campionato fu in salita, con la squadra che nei primi sette turni ottenne altrettanti punti. A novembre, sfruttando la sessione autunnale di mercato, Hitchens fu scambiato con il Torino per Di Giacomo: questi andò a ricoprire la posizione di centravanti.[4] Una striscia di vittorie, tra cui quella ai danni della Juventus il 23 dicembre, portò in vetta i nerazzurri che si fecero tuttavia superare dai torinesi nell'ultimo turno di andata. Alla 20ª giornata si concretizzò l'aggancio, seguito poi dal sorpasso alla 23ª: all'Inter fu poi sufficiente amministrare il vantaggio, salito a 6 punti per effetto della vittoria nello scontro diretto del 31º turno. Le distanze si resero incolmabili sette giorni dopo, allorché i bianconeri vennero fermati sul pareggio a Mantova: dal canto suo l'Inter perse 3-0 in casa della Roma, risultando comunque certa del primo posto.[5][6] Il torneo fu chiuso a quota 49 punti, con un margine di 4 sui torinesi. Si trattò del primo Scudetto per la nuova dirigenza nonché dell'ottavo complessivo, giunto a nove anni di distanza dall'ultimo.

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª divisa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medico sociale: dott. Angelo Quarenghi[7]
  • Massaggiatore: Bartolomeo Della Casa e Giancarlo Della Casa

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Lorenzo Buffon
Italia P Ottavio Bugatti
Italia P Giovanni Ferretti
Italia D Bruno Bolchi
Italia D Tarcisio Burgnich
Italia D Giorgio Dellagiovanna[8]
Italia D Giacinto Facchetti
Italia D Aristide Guarneri
Italia D Spartaco Landini
Spagna C Luis Suárez
Italia D Armando Picchi
Italia C Beniamino Di Giacomo
N. Ruolo Giocatore
Italia C Mario Corso
Italia C Carlo Tagnin
Italia C Sandro Mazzola
Italia C Franco Zaglio
Italia C Enea Masiero
Argentina C Humberto Maschio
Italia A Egidio Morbello
Brasile A Jair da Costa
Inghilterra A Gerry Hitchens[8]
Italia A Lorenzo Bettini[8]
Italia A Mauro Bicicli
Argentina A Marcelo Pagani

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1962-1963.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Mantova
16 settembre 1962
1ª giornata
Mantova 0 – 0 Inter Stadio Danilo Martelli
Arbitro Bonetto (Torino)

Milano
23 settembre 1962
2ª giornata
Inter 1 – 0 Vicenza Stadio San Siro
Arbitro Sbardella (Roma)

Catania
30 settembre 1962
3ª giornata
Catania 1 – 0 Inter Stadio Cibali
Arbitro Jonni (Macerata)

Palermo
7 ottobre 1962
4ª giornata
Palermo 1 – 1 Inter Stadio La Favorita
Arbitro De Marchi (Pordenone)

Milano
14 ottobre 1962
5ª giornata
Inter 1 – 0 Napoli Stadio San Siro
Arbitro Francescon (Padova)

Milano
21 ottobre 1962
6ª giornata
Milan 1 – 1 Inter Stadio San Siro
Arbitro Adami (Roma)

Milano
28 ottobre 1962
7ª giornata
Inter 1 – 2 Atalanta Stadio San Siro
Arbitro De Marchi (Pordenone)

Genova
1º novembre 1962
8ª giornata
Genoa 1 – 3 Inter Stadio Luigi Ferraris
Arbitro Marchese (Napoli)

Milano
4 novembre 1962
9ª giornata
Inter 2 – 0 Venezia Stadio San Siro
Arbitro Lo Bello (Siracusa)

Milano
18 novembre 1962
10ª giornata
Inter 4 – 0 Sampdoria Stadio San Siro
Arbitro Angonese (Mestre)

Firenze
25 novembre 1962
11ª giornata
Fiorentina 1 – 1 Inter Stadio Artemio Franchi
Arbitro Adami (Roma)

Milano
9 dicembre 1962
12ª giornata
Inter 3 – 2 SPAL Stadio San Siro
Arbitro Jonni (Macerata)

Bologna
16 dicembre 1962
13ª giornata
Bologna 0 – 4 Inter Stadio Comunale
Arbitro Lo Bello (Siracusa)

Milano
23 dicembre 1962
14ª giornata
Inter 1 – 0 Juventus Stadio San Siro
Arbitro Adami (Roma)

Milano
30 dicembre 1962
15ª giornata
Inter 2 – 0 Roma Stadio San Siro
Arbitro De Marchi (Pordenone)

Modena
6 gennaio 1963
16ª giornata
Modena 0 – 0 Inter Stadio Alberto Braglia
Arbitro Rigato (Mestre)

Torino
13 gennaio 1963
17ª giornata
Torino 1 – 1 Inter Stadio Comunale
Arbitro Jonni (Macerata)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
20 gennaio 1963
18ª giornata
Inter 1 – 0 Mantova Stadio San Siro
Arbitro Francescon (Padova)

Vicenza
27 gennaio 1963
19ª giornata
Vicenza 1 – 2 Inter Stadio Romeo Menti
Arbitro Sbardella (Roma)

Milano
3 febbraio 1963
20ª giornata
Inter 2 – 1 Catania Stadio San Siro
Arbitro Gambarotta (Genova)

Milano
10 febbraio 1963
21ª giornata
Inter 4 – 0 Palermo Stadio San Siro
Arbitro Di Tonno (Lecce)

Napoli
17 febbraio 1963
22ª giornata
Napoli 1 – 5 Inter Stadio San Paolo
Arbitro Francescon (Padova)

Milano
24 febbraio 1963
23ª giornata
Inter 1 – 1 Milan Stadio San Siro
Arbitro Lo Bello (Siracusa)

Bergamo
3 marzo 1963
24ª giornata
Atalanta 1 – 0 Inter Stadio Atleti Azzurri d'Italia
Arbitro Marchese (Napoli)

Milano
10 marzo 1963
25ª giornata
Inter 6 – 0 Genoa Stadio San Siro
Arbitro Francescon (Padova)

Venezia
17 marzo 1963
26ª giornata
Venezia 0 – 2 Inter Stadio Pierluigi Penzo
Arbitro Sbardella (Roma)

Genova
31 marzo 1963
27ª giornata
Sampdoria 0 – 0 Inter Stadio Luigi Ferraris
Arbitro Lo Bello (Siracusa)

Milano
7 aprile 1963
28ª giornata
Inter 1 – 0 Fiorentina Stadio San Siro
Arbitro Gambarotta (Genova)

Ferrara
14 aprile 1963
29ª giornata
SPAL 0 – 0 Inter Stadio Paolo Mazza
Arbitro Francescon (Padova)

Milano
21 aprile 1963
30ª giornata
Inter 4 – 1 Bologna Stadio San Siro
Arbitro De Marchi (Pordenone)

Torino
28 aprile 1963
31ª giornata
Juventus 0 – 1 Inter Stadio Comunale
Arbitro Sbardella (Roma)

Roma
5 maggio 1963
32ª giornata
Roma 3 – 0 Inter Stadio Olimpico
Arbitro Lo Bello (Siracusa)

Milano
19 maggio 1963
33ª giornata
Inter 0 – 0 Modena Stadio San Siro
Arbitro Francescon (Padova)

Milano
26 maggio 1963
34ª giornata
Inter 1 – 1 Torino Stadio San Siro
Arbitro D'Agostini (Roma)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1962-1963.
Alessandria
9 settembre 1962
Primo turno
Alessandria 0 – 5 Inter Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Gambarotta (Genova)

Milano
9 gennaio 1963
Ottavi di finale
Inter 1 – 2 Padova Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Babini (Ravenna)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale Gf Gs DR
G V N P G V N P G V N P
Scudetto.svg Serie A 49 17 13 3 1 17 6 8 3 34 19 11 4 56 20 + 36
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 1 0 0 1 1 1 0 0 2 1 0 1 6 2 + 4
Totale - 18 13 3 2 18 7 8 3 36 20 11 5 62 22 + 40

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti riferite al Campionato.[9][10]

  • Aristide Guarneri, 34 partite disputate, 0 goals realizzati
  • Tarcisio Burgnich, 31 partite disputate, 0 goals realizzati
  • Giacinto Facchetti, 31 partite disputate, 4 goals realizzati
  • Mario Mariolino Corso, 30 partite disputate, 8 goals realizzati
  • Armando Picchi, 30 partite disputate, 0 goals realizzati
  • Luis Luisito Suarez, 29 partite disputate, 8 goals realizzati
  • Jair Da Costa, 27 partite disputate, 10 goals realizzati
  • Beniamino Di Giacomo, 24 partite disputate, 10 goals realizzati
  • Alessandro Sandro Mazzola, 23 partite disputate, 10 goals realizzati
  • Franco Zaglio, 21 partite disputate, 0 goals realizzati
  • Lorenzo Buffon, 20 partite disputate, 11 goals subiti
  • Humberto Maschio, 15 partite disputate, 4 goals realizzati
  • Bruno Bolchi, 12 partite disputate, 0 goals realizzati
  • Mauro Bicicli, 11 partite disputare, 0 goals realizzati.
  • Ottavio Bugatti, 10 partite disputate, 5 goals subiti
  • Enea Masiero, 9 partite disputate, 0 goals realizzati
  • Gerry Hitchens, 5 partite disputate, 1 goal realizzato
  • Giovanni Ferretti, 4 partite disputate, 4 goals subiti
  • Egidio Morbello, 4 partite disputate, 0 goals realizzati
  • Lorenzo Bettini, 2 partite disputate, 0 goals realizzati
  • Giorgio Dellagiovanna, 1 partita disputata, 0 goals realizzati
  • Carlo Tagnin, 1 partita disputata, 0 goals realizzati

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Moratti ha presentato le dimissioni da presidente dell'Internazionale, in La Stampa, 21 marzo 1962, p. 6.
  2. ^ Herrera ha chiesto di lasciare l'Inter, in La Stampa, 28 marzo 1962, p. 6.
  3. ^ Germano Bovolenta, Rivoluzione Herrera Ecco la Grande Inter, La Gazzetta dello Sport, 19 luglio 2007.
  4. ^ Alessandro De Calò, Maghi, papere, astronauti e Juve Inter, La Gazzetta dello Sport, 20 febbraio 1998.
  5. ^ K.O. l'Inter (PDF), L'Unità, 6 maggio 1963.
  6. ^ Ottavo scudetto dell'Inter, da l'Unità del 6 maggio 1963
  7. ^ È morto Quarenghi, primo medico sociale, in la Repubblica, 18 luglio 1992, p. 37.
  8. ^ a b c Ceduto durante la sessione invernale di calciomercato.
  9. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1964, Carcano editore, 1963.
  10. ^ Filippo Grassia e Gianpiero Lotito, INTER Dalla nascita allo scudetto del centenario, Milano, Vallardi editore, 2008, pp. 227-228.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori 1962-63, Modena-Milano, Panini-L'Unità, 1994.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Serie A 1962-1963 su RSSSF.com, rsssf.com.