Giancarlo Redini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giancarlo Redini
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia FIGC
Sezione Pisa
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1976-1987
1977-1987
Serie B
Serie A
Arbitro
Arbitro

Giancarlo Redini (Pisa, 26 ottobre 1941) è un ex arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Pisa nel 1941, e originario di Uliveto Terme[1], nella provincia pisana faceva parte della sezione AIA "Renato Gianni" di Pisa.[2]

Ad inizio 1976, a 34 anni, arriva ad arbitrare in Serie B, esordendo il 4 gennaio in Avellino-Pescara del quattordicesimo turno di campionato, che sospende all' 85' per incidenti sul punteggio di 0-2, lo stesso dato poi a tavolino agli abruzzesi.[3][4]

La stagione successiva debutta in Serie A, in Inter-Perugia del 22 maggio 1977, ultima di campionato, conclusa sull'1-1.[3][5]

Nel 1982 viene scelto per il ritorno della finale di Coppa Italia tra Torino e Inter del 20 maggio, gara che termina 1-1 con gol di Agatino Cuttone per i granata e pareggio di Alessandro Altobelli per i nerazzurri, i quali vincono la competizione in virtù del successo per 1-0 dell'andata.

Il 30 giugno 1985 dirige ancora una volta una finale di Coppa Italia, stavolta l'andata tra Milan e Sampdoria vinta per 1-0 dai blucerchiati, che si aggiudicheranno poi il trofeo.

Il 3 novembre 1985 arbitra Napoli-Juventus, nona giornata di Serie A[6], assegnando al 72' una punizione indiretta in area ai padroni di casa[7], che Eraldo Pecci tocca per Diego Armando Maradona, il quale realizza uno dei suoi gol più famosi di sempre, decidendo il match, che si conclude sull'1-0.[8]

Nella stessa stagione dirige la semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Como e Sampdoria del 29 gennaio 1986, nella quale, sul 2-1 per i lariani ai supplementari, viene colpito da un oggetto: verrà assegnata la vittoria a tavolino per 2-0 ai blucerchiati, poi sconfitti in finale dalla Roma.[9]

Sempre nel 1986 è di scena nel derby di Milano della ventisettesima di campionato, in casa dell'Inter il 6 aprile[10], il primo dall'acquisto del Milan da parte di Silvio Berlusconi. La gara viene vinta dai nerazzurri per 1-0 con gol del giovane Giuseppe Minaudo, all'esordio da professionista.[11]

Arbitra l'ultima in massima serie il 17 maggio 1987, dirigendo Udinese-Milan 0-0, ultima di campionato.[3][12]

Il 7 giugno dello stesso anno arbitra per la terza volta una finale di Coppa Italia, l'andata tra Napoli e Atalanta, vinta 3-0 dagli azzurri, poi vincitori del trofeo.

Chiude la carriera con la gara di Serie B Messina-Campobasso del 21 giugno, ultima di campionato, terminata 0-0.[3][13]

Termina con 94 gare dirette in Serie A e 88 in Serie B.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'ex arbitro di A Redini: «Vivo grazie a Cisanello», iltirreno.gelocal.it, 14 settembre 2006. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  2. ^ La nostra Storia…continua, aiapisa.it, 18 dicembre 2017. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  3. ^ a b c d e calcio-seriea.net.
  4. ^ Avellino-Pescara, calcio-seriea.net, 3 gennaio 1976. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  5. ^ Inter-Perugia, transfermarkt.it, 22 maggio 1977. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  6. ^ Napoli-Juventus, transfermarkt.it, 3 novembre 1985. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  7. ^ Francesca Leva, L’arbitro Redini: «Sono famoso grazie a Maradona e a quella partita», ilnapolista.it, 2 novembre 2015. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  8. ^ Marco Caiazzo, La "punizione divina" che fece santo Maradona, repubblica.it, 2 novembre 2015. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  9. ^ Luca Bedogni, Da Dirceu, meglio di Maradona e Platini, a Lady Essien: riecco il Como, calciomercato.com, 15 aprile 2017. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  10. ^ Inter-Milan, transfermarkt.it, 6 aprile 1986. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  11. ^ Francesco Fontana, Minaudo e il derby '86: "Come rovinai il primo di Berlusconi. E per Prisco...", gazzetta.it, 14 ottobre 2017. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  12. ^ Udinese-Milan, transfermarkt.it, 17 maggio 1987. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  13. ^ Messina-Campobasso, transfermarkt.it, 21 giugno 1987. URL consultato il 18 dicembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]