Ernesto Pellegrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ernesto Pellegrini negli anni ottanta

Ernesto Pellegrini (Milano, 14 dicembre 1940) è un imprenditore e dirigente sportivo italiano, noto per esser stato il presidente dell'Inter dal 1984 al 1995.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua carriera alla ditta Bianchi in veste di contabile e, successivamente, capocontabile e responsabile del servizio di ristorazione. Intuendo che, in anni di boom economico e di forte evoluzione delle abitudini alimentari degli italiani, la ristorazione sul posto di lavoro avrebbe conosciuto una fase di grande sviluppo, nel 1965 fondò l'Organizzazione Mense Pellegrini che, oltre alla ristorazione collettiva, si occupò successivamente anche di buoni pasto, pulizie, servizi integrati e distribuzione automatica.

Nel 2015 la Pellegrini S.p.A. e la Pellegrini Catering Overseas S.A. (azienda che opera in Angola, Camerun, Congo, Mozambico e Nigeria) hanno fatturato 500 milioni di euro contando un totale di 8500 dipendenti.

Presidenza dell'Inter[modifica | modifica wikitesto]

L'8 gennaio 1984 acquistò l'Inter da Ivanoe Fraizzoli. Sotto la sua gestione vennero acquistati Rummenigge, Matthaeus, Klinsmann e Brehme; la squadra conquistò il tredicesimo scudetto nella stagione 1988-1989, passato alla storia come "lo scudetto dei record" per i 58 punti guadagnati in 34 partite (allora la vittoria valeva solo 2 punti). Sempre nel 1989 l'Inter vinse la Supercoppa Italiana e nel 1991, dopo ventisei anni senza vittorie in Europa, conquistò la Coppa UEFA battendo in finale la Roma. Nel 1990 Pellegrini venne insignito dell'onorificenza di Cavaliere del Lavoro. L'ultimo trofeo dalla squadra sotto la sua gestione fu la Coppa UEFA conquistata nel 1994, vincendo la finale contro il Salisburgo. Nel 1995 lasciò la presidenza della società a Massimo Moratti.

L'impegno nel sociale[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2013 costituisce la Fondazione Ernesto Pellegrini ONLUS che si propone di aiutare le tante persone che si trovano in condizione di temporanea difficoltà economica e sociale e favorire così lo sviluppo di nuove idee e nuove risposte a bisogni che cambiano e divengono più complessi. Il Ristorante Ruben rappresenta l'avvio di questo progetto di sostegno. Ha sede a Milano, in via Gonin, 52 ed è in grado di servire fino a 500 pasti ogni sera. Grazie al contribuito della Fondazione, il costo del pasto per ogni commensale è simbolico, e pari a € 1.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 1990[1]
immagine del nastrino non ancora presente Il premio Ernst&Young “L’Imprenditore dell’Anno 2011” per la categoria Food & Services
— 2011
immagine del nastrino non ancora presente Ambrogino d'oro
— 2014[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]