Football Club Internazionale Milano 2007-2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Football Club Internazionale Milano
FC Inter celebration of scudetto 2008.jpg
La festa della squadra per la vittoria del Campionato
Stagione 2007-2008
AllenatoreItalia Roberto Mancini
All. in secondaSerbia Siniša Mihajlović
PresidenteItalia Massimo Moratti
Serie A1º posto (in Champions League)
Coppa ItaliaFinalista
Champions LeagueOttavi di finale
Supercoppa italianaFinalista
Maggiori presenzeCampionato: J. Zanetti (38)[1]
Totale: J. Zanetti (51)
Miglior marcatoreCampionato: Ibrahimović (17)[1]
Totale: Ibrahimović (22)
StadioGiuseppe Meazza
Abbonati37 466[2]
Maggior numero di spettatori78 675 vs. Milan (23 dicembre 2007)[2]
Minor numero di spettatori41 720 vs. Catania (16 settembre 2007)[2]
Media spettatori51 211[2]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 24 maggio 2008

Questa pagina raccoglie i dati riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 2007-2008.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Ibrahimović, miglior marcatore stagionale dei nerazzurri: l'apporto dello svedese risultò decisivo per la vittoria del tricolore.[3]

La stagione 2007-08, coincidente con il centenario del club, vide diversi nuovi arrivi in casa nerazzurra: i difensori Chivu e Rivas, il centrocampista Jiménez e l'attaccante Suazo, parso destinato in un primo momento al Milan.[4][5] Ad inaugurare l'annata ufficiale fu la Supercoppa italiana, che i milanesi persero contro la Roma[6]; al debutto in campionato, la squadra venne fermata sul pari dall'Udinese.[7] Gli stessi friulani erano l'unica squadra che, nel precedente torneo, avevano conservato l'imbattibilità contro i campioni d'Italia.[8]

Dal punto di vista tattico, Roberto Mancini impostò un 4-4-2 con la variante del 4-3-1-2: a ricoprire la posizione di trequartista era Stanković, alle spalle di due punte.[3] Tra i pali Júlio César si affermò come uno dei migliori portieri d'Europa, toccando elevati picchi di rendimento[3]; Maicon e Maxwell agivano come terzini segnalandosi sia in fase d'attacco che nelle situazioni difensive, mentre Córdoba e Chivu rimpiazzarono gli infortunati Materazzi e Samuel al centro.[3] Javier Zanetti fu spostato in mediana, reparto che risentì delle assenze di Vieira e Dacourt, venendo così affiancato da Figo e Cambiasso.[3] I terminali offensivi recavano i nomi di Ibrahimović e Cruz, con minor spazio per Crespo e Suazo[3]: diede invece un contributo minimo Adriano, ceduto in prestito nel mercato invernale.[3] Lo schieramento esaltò le qualità delle svedese — abile sia nel trovare la via del gol che nel servire assist ai compagni —, tanto che già dal mese di settembre la sua vena realizzativa si dimostrò fondamentale per i nerazzurri.[9][10] Divenuto nel frattempo il rigorista della squadra[11][12], Ibra si sbloccò anche in Champions League con i colori nerazzurri.[13]

L'Inter trovò la vetta del campionato alla sesta giornata, dopo aver agganciato e sconfitto la Roma nel confronto diretto.[8] Nel corso delle settimane seguenti, i lombardi si confermarono in testa con un cammino simile a quello dell'ultima stagione[14][15]; ad orientare i favori del pronostico nella direzione della Beneamata fu inoltre una striscia di 13 vittorie consecutive, conseguita in tutte le competizioni da inizio novembre a metà gennaio.[16][17][18][19][20][21][22][23][24] Il filotto positivo si tradusse — tra l'altro — nella conquista anticipata del titolo d'inverno[25], nonché nella vittoria del girone di Champions e nella qualificazione per i quarti di Coppa Italia.[26][27][28] Concluso il girone di andata da imbattuta e con 7 punti di margine sui giallorossi[29], la squadra meneghina eliminò la Juventus in coppa nazionale.[30][31]

Il giovane Mario Balotelli, lanciato in prima squadra ancora minorenne: l'attaccante di origine ghanese fornì il proprio contributo allo Scudetto.[3]

A metà febbraio la contesa per lo Scudetto parve già archiviata, in quanto le sconfitte dei romani sui campi di Siena e Torino spinsero l'Inter ad un vantaggio di 11 lunghezze.[32] L'eliminazione in Europa contro il Liverpool aprì tuttavia una crisi nell'ambiente, deluso dall'ennesimo fallimento continentale.[33][34] In seguito alla disfatta contro gli inglesi, Mancini annunciò un possibile addio a fine stagione[35]: per sedare le polemiche, il presidente Moratti intervenne in prima persona riconducendo le dichiarazioni alla delusione del post-partita.[36] Il fatto ebbe ripercussioni anche sul fronte agonistico, con i nerazzurri che rallentarono la propria marcia: persa l'imbattibilità in Campionato dopo 11 mesi[37], alla fine di marzo il distacco della Roma si era assottigliato a 4 punti.[38] In tale frangente, la formazione dovette rinunciare anche all'infortunato Ibrahimović[3]: il sostituto venne trovato in Balotelli, capace a dispetto della giovane età di imporsi come titolare e segnare gol importanti.[39]

Raggiunta la finale di Coppa Italia per la quarta stagione consecutiva[40], l'Inter sostenne contro la Roma un'accesa corsa per il titolo.[41] Ad inizio maggio i nerazzurri — giunti in vista del traguardo con un divario di 6 punti e il vantaggio degli scontri diretti — persero infatti il derby e pareggiarono col Siena, permettendo ai capitolini di recuperare ben 5 lunghezze.[42] Per l'assegnazione del tricolore risultò decisiva l'ultima giornata, con i lombardi impegnati a Parma ed i giallorossi ospiti del Catania: ducali ed etnei erano, a loro volta, in corsa per scampare l'ultima retrocessione.[43] La settimana precedente il turno conclusivo fu densa di polemiche, in quanto il ROS dei Carabinieri rinvenne prove telefoniche di contatti tra i calciatori interisti e Domenico Brescia, ex sarto indagato per sospetta attività di carattere mafioso[44]; la trasferta in Emilia fu poi vietata ai tifosi della compagine meneghina, sebbene il provvedimento non poté essere applicato poiché successivo alla vendita dei biglietti.[45]

I sostenitori della Beneamata festeggiano a San Siro il 16º Scudetto.

Scesa in campo senza Ibrahimović, presente in panchina, l'Inter chiuse il primo tempo a reti inviolate: la Roma passò invece in vantaggio a Catania, circostanza che avrebbe comportato un clamoroso sorpasso in classifica.[8] All'inizio della ripresa, il rientro in campo dello svedese mutò però la situazione[46]: Ibra realizzò infatti una doppietta, l'ottava stagionale, consentendo alla formazione di confermarsi campione d'Italia.[46] Nei minuti finali, la Roma venne raggiunta sul pari: a retrocedere in B fu quindi il Parma, dopo 18 anni in massima categoria.[46] Per i nerazzurri si trattò del terzo Scudetto di fila, il sedicesimo in assoluto.[47][48] La finale di Coppa Italia vide invece la squadra perdere contro la Roma, come già avvenuto nella precedente stagione.[49] A fine maggio, Mancini fu poi esonerato dalla società[50]: nel comunicato ufficiale, furono addotte come causa le dichiarazioni rilasciate dal tecnico dopo l'eliminazione in Champions League.[51] Il saldo dell'allenatore jesino fu comunque positivo, risultando al pari di Helenio Herrera il più vincente della storia nerazzurra: esattamente come il Mago, Mancini si era infatti aggiudicato 3 campionati e 4 coppe.[3]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 2007-2008 è Nike, mentre lo sponsor ufficiale è Pirelli.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Centenario

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

Area sanitaria

  • Direttore area medica: Franco Combi
  • Medico: Giorgio Panico
  • Massaggiatori e fisioterapisti: Marco Della Casa, Massimo Della Casa, Andrea Galli, Luigi Sessolo, Alberto Galbiati, Sergio Viganò

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Francesco Toldo
2 Colombia D Iván Córdoba
4 Argentina D Javier Zanetti (capitano)
5 Serbia C Dejan Stanković
6 Brasile D Maxwell
7 Portogallo C Luís Figo
8 Svezia A Zlatan Ibrahimović
9 Argentina A Julio Cruz
10 Brasile A Adriano[52]
11 Cile C Luis Antonio Jiménez
12 Brasile P Júlio César
13 Brasile D Maicon
14 Francia C Patrick Vieira
15 Francia C Olivier Dacourt
16 Argentina D Nicolás Burdisso
N. Ruolo Giocatore
17 Italia D Francesco Coco[53]
18 Argentina A Hernán Crespo
19 Argentina C Esteban Cambiasso
21 Argentina C Santiago Solari
22 Italia P Paolo Orlandoni
23 Italia D Marco Materazzi
24 Colombia D Nelson Rivas
25 Argentina D Walter Samuel
26 Romania D Cristian Chivu
28 Portogallo C Maniche[54]
29 Honduras A David Suazo
30 Portogallo C Pelé
31 Brasile C César
71 Italia P Enrico Alfonso[52]

Aggregati dalla Primavera[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
17 Italia C Filippo Mancini
34 Italia P Paolo Tornaghi
35 Italia D Dennis Esposito
36 Italia C Francesco Bolzoni
37 Italia C Gabriele Puccio
38 Italia D Daniele Federici
40 Montenegro D Ivan Fatić
41 Ungheria C Attila Filkor
42 Marocco C Ibrahim Maaroufi
43 Italia A Daniele Pedrelli
N. Ruolo Giocatore
44 Italia A Diego Falcinelli
45 Italia A Mario Balotelli
46 Italia A Aiman Napoli
47 Italia D Fabio Perissinotto[52]
47 Italia D Marco Filippini
48 Italia C Alberto Gerbo
49 Svezia A Goran Slavkovski
50 Italia C Luca Siligardi
52 Italia C Saverio Macrì

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 al 31/8)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Enrico Alfonso Pizzighettone definitivo (1,3 milioni €)
D Cristian Chivu Roma definitivo (15 milioni €)
D Nelson Rivas River Plate definitivo (5 milioni €)
C Luis Antonio Jiménez Ternana prestito
C Pelé Vitória Guimarães definitivo (2 milioni €)
A David Suazo Cagliari definitivo (13 milioni €)
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Fabián Carini Real Murcia definitivo
D Marco Andreolli Roma compartecipazione (3 milioni €)
D Fabio Grosso Olympique Lione definitivo (7,5 milioni €)
D Rincon Empoli prestito
D Nicola Donazzan Mantova prestito
A Robert Acquafresca Cagliari compartecipazione (2 milioni €)
A Álvaro Recoba Torino prestito

Sessione invernale (dal 2/1 all'1/2)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Maniche Atlético Madrid prestito (1 milioni €)
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Enrico Alfonso Venezia prestito
A Adriano San Paolo prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2007-2008.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
26 agosto 2007, ore 15:00 CEST
1ª giornata
Inter1 – 1
referto
UdineseStadio Giuseppe Meazza (42.797 spett.)
Arbitro:  Banti (Livorno)

Empoli
1º settembre 2007, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Empoli0 – 2
referto
InterStadio Carlo Castellani (16.326 spett.)
Arbitro:  Ayroldi (Molfetta)

Milano
16 settembre 2007, ore 15:00 CEST
3ª giornata
Inter2 – 0
referto
CataniaStadio Giuseppe Meazza (41.720 spett.)
Arbitro:  Orsato (Schio)

Livorno
23 settembre 2007, ore 15:00 CEST
4ª giornata
Livorno2 – 2
referto
InterStadio Armando Picchi (11.922 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Milano
26 settembre 2007, ore 20:30 CEST
5ª giornata
Inter3 – 0
referto
SampdoriaStadio Giuseppe Meazza (42.013 spett.)
Arbitro:  Tagliavento (Terni)

Roma
29 settembre 2007, ore 18:00 CEST
6ª giornata
Roma1 – 4
referto
InterStadio Olimpico (51.150 spett.)
Arbitro:  Rizzoli (Bologna)

Milano
6 ottobre 2007, ore 20:30 CEST
7ª giornata
Inter2 – 1
referto
NapoliStadio Giuseppe Meazza (46.536 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Reggio Calabria
20 ottobre 2007, ore 20:30 CEST
8ª giornata
Reggina0 – 1
referto
InterStadio Oreste Granillo (16.965 spett.)
Arbitro:  Bergonzi (Genova)

Palermo
28 ottobre 2007, ore 15:00 CEST
9ª giornata
Palermo0 – 0
referto
InterStadio Renzo Barbera (33.972 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
31 ottobre 2007, ore 20:30 CET
10ª giornata
Inter4 – 1
referto
GenoaStadio Giuseppe Meazza (47.230 spett.)
Arbitro:  Tagliavento (Terni)

Torino
4 novembre 2007, ore 20:30 CET
11ª giornata
Juventus1 – 1
referto
InterStadio Olimpico (22.722 spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Milano
5 dicembre 2007, ore 20:30 CET
12ª giornata[55]
Inter3 – 0
referto
LazioStadio Giuseppe Meazza (44.667 spett.)
Arbitro:  Damato (Barletta)

Milano
24 novembre 2007, ore 20:30 CET
13ª giornata
Inter2 – 1
referto
AtalantaStadio Giuseppe Meazza (43.190 spett.)
Arbitro:  Banti (Livorno)

Firenze
2 dicembre 2007, ore 15:00 CET
14ª giornata
Fiorentina0 – 2
referto
InterStadio Artemio Franchi (42.449 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
9 dicembre 2007, ore 15:00 CET
15ª giornata
Inter4 – 0
referto
TorinoStadio Giuseppe Meazza (46.148 spett.)
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Cagliari
16 dicembre 2007, ore 20:30 CET
16ª giornata
Cagliari0 – 2
referto
InterStadio Sant'Elia (12.700 spett.)
Arbitro:  De Marco (Chiavari)

Milano
23 dicembre 2007, ore 15:00 CET
17ª giornata
Inter2 – 1
referto
MilanStadio Giuseppe Meazza (78.675 spett.)
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

Siena
13 gennaio 2008, ore 15:00 CET
18ª giornata
Siena2 – 3
referto
InterStadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena (14.800 spett.)
Arbitro:  Girardi (San Donà di Piave)

Milano
20 gennaio 2008, ore 20:30 CET
19ª giornata
Inter3 – 2
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza (43.413 spett.)
Arbitro:  Gervasoni (Mantova)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Udine
27 gennaio 2008, ore 15:00 CET
20ª giornata
Udinese0 – 0
referto
InterStadio Friuli (21.913 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Milano
3 febbraio 2008, ore 20:30 CET
21ª giornata
Inter1 – 0
referto
EmpoliStadio Giuseppe Meazza (43.946 spett.)
Arbitro:  Tagliavento (Terni)

Catania
10 febbraio 2008, ore 20:30 CET
22ª giornata
Catania0 – 2
referto
InterStadio Angelo Massimino (21.068 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
16 febbraio 2008, ore 18:00 CET
23ª giornata
Inter2 – 0
referto
LivornoStadio Giuseppe Meazza (45.276 spett.)
Arbitro:  De Marco (Chiavari)

Genova
24 febbraio 2008, ore 15:00 CET
24ª giornata
Sampdoria1 – 1
referto
InterStadio Luigi Ferraris (26.306 spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Milano
27 febbraio 2008, ore 20:30 CET
25ª giornata
Inter1 – 1
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza (48.700 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Napoli
2 marzo 2008, ore 20:30 CET
26ª giornata
Napoli1 – 0
referto
InterStadio San Paolo (53.818 spett.)
Arbitro:  Rizzoli (Bologna)

Milano
8 marzo 2008, ore 18:00 CET
27ª giornata
Inter2 – 0
referto
RegginaStadio Giuseppe Meazza (64.575 spett.)
Arbitro:  Brighi (Cesena)

Milano
16 marzo 2008, ore 15:00 CET
28ª giornata
Inter2 – 1
referto
PalermoStadio Giuseppe Meazza (49.360 spett.)
Arbitro:  De Marco (Chiavari)

Genova
19 marzo 2008, ore 20:30 CET
29ª giornata
Genoa1 – 1
referto
InterStadio Luigi Ferraris (27.624 spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Milano
22 marzo 2008, ore 20:30 CET
30ª giornata
Inter1 – 2
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza (58.049 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Roma
29 marzo 2008, ore 18:00 CET
31ª giornata
Lazio1 – 1
referto
InterStadio Olimpico (32.802 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Bergamo
6 aprile 2008, ore 15:00 CEST
32ª giornata
Atalanta0 – 2
referto
InterStadio Atleti Azzurri d'Italia (19.081 spett.)
Arbitro:  De Marco (Chiavari)

Milano
13 aprile 2008, ore 20:30 CEST
33ª giornata
Inter2 – 0
referto
FiorentinaStadio Giuseppe Meazza (53.483 spett.)
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Torino
20 aprile 2008, ore 20:30 CEST
34ª giornata
Torino0 – 1
referto
InterStadio Olimpico (21.865 spett.)
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

Milano
27 aprile 2008, ore 15:00 CEST
35ª giornata
Inter2 – 1
referto
CagliariStadio Giuseppe Meazza (56.676 spett.)
Arbitro:  Orsato (Schio)

Milano
4 maggio 2008, ore 15:00 CEST
36ª giornata
Milan2 – 1
referto
InterStadio Giuseppe Meazza (81.766 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Milano
11 maggio 2008, ore 15:00 CEST
37ª giornata
Inter2 – 2
referto
SienaStadio Giuseppe Meazza (76.633 spett.)
Arbitro:  Gava (Conegliano)

Parma
18 maggio 2008, ore 15:00 CEST
38ª giornata
Parma0 – 2
referto
InterStadio Ennio Tardini (25.149 spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2007-2008.

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Reggio Calabria
19 dicembre 2007, ore 20:45
Andata
Reggina1 – 4InterStadio Granillo
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Milano
17 gennaio 2008, ore 18:00
Ritorno
Inter3 – 0RegginaStadio San Siro
Arbitro:  Salati (Trento)

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
23 gennaio 2008, ore 20:30
Andata
Inter2 – 2JuventusStadio San Siro
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Torino
30 gennaio 2008, ore 20:30
Ritorno
Juventus2 – 3InterStadio Olimpico
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Milano
16 aprile 2008, ore 20:30
Andata
Inter0 – 0LazioStadio San Siro
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Roma
7 maggio 2008, ore 20:30
Ritorno
Lazio0 – 2InterStadio Olimpico
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Roma
24 maggio 2008, ore 20:30
Partita Unica
Roma2 – 1InterStadio Olimpico
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2007-2008.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Istanbul
19 settembre 2007, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Fenerbahçe1 – 0InterStadio Şükrü Saraçoğlu (44.212 spett.)
Arbitro: Spagna Medina Cantalejo

Milano
2 ottobre 2007, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Inter2 – 0PSVStadio Giuseppe Meazza (23.882 spett.)
Arbitro: Grecia Vassaras

Mosca
23 ottobre 2007, ore 18:30 CEST
3ª giornata
CSKA Mosca1 – 2InterStadio Dinamo (24.000 spett.)
Arbitro: Inghilterra Riley

Milano
7 novembre 2007, ore 20:45 CET
4ª giornata
Inter4 – 2CSKA MoscaStadio Giuseppe Meazza (22.384 spett.)
Arbitro: Belgio Allaerts

Milano
27 novembre 2007, ore 20:45 CET
5ª giornata
Inter3 – 0FenerbahçeStadio Giuseppe Meazza (24.203 spett.)
Arbitro: Austria Plautz

Eindhoven
12 dicembre 2007, ore 20:45 CET
6ª giornata
PSV0 – 1InterPSV Stadium (35.000 spett.)
Arbitro: Germania Merk

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]
Liverpool
19 febbraio 2008, ore 20:45 CET
Andata
Liverpool2 – 0InterAnfield (41.999 spett.)
Arbitro: Belgio De Bleeckere

Milano
11 marzo 2008, ore 20:45 CET
Ritorno
Inter0 – 1LiverpoolStadio Giuseppe Meazza (71.501 spett.)
Arbitro: Norvegia Øvrebø

Supercoppa italiana[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Supercoppa italiana 2007.
Milano
19 agosto 2007, ore 20:45 CEST
Partita Unica
Inter0 – 1
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza (45.000 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 24 maggio 2008.

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale Gf Gs DR
G V N P G V N P G V N P
Scudetto.svg Serie A 85 19 15 3 1 19 10 7 2 38 25 10 3 69 26 43
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia 3 1 2 0 4 3 0 1 7 4 2 1 15 7 8
Coppacampioni.png Champions League 15 4 3 0 1 4 2 0 2 8 5 0 3 12 7 5
Supercoppaitaliana.png Supercoppa Italiana 1 0 0 1 - - - - 1 0 0 1 0 1 −1
Totale - 27 19 5 3 27 15 7 5 54 34 12 8 96 41 55

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo C T C T C T C T T C T C C T C T C T C T C T C T C T C C T C T T C T C T C T
Risultato N V V N V V V V N V N V V V V V V V V N V V V N N P V V N P N V V V V P N V
Posizione 12 6 2 2 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Fonte: Serie A – Classifiche, Sky Sport.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Sono in corsivo i calciatori che hanno lasciato la società a stagione in corso.[56][57]

Giocatore Serie A Coppa Italia Champions League Supercoppa Italiana Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Adriano, Adriano 41??000000000000410+0+
Alfonso, E. E. Alfonso 0-0001-0??0-0000-0001-00+0+
Balotelli, M. M. Balotelli 113??44??000000001570+0+
Bolzoni, F. F. Bolzoni 000030??20??0000500+0+
Burdisso, N. N. Burdisso 241??60??20??10003310+0+
Cambiasso, E. E. Cambiasso 336??20??82??10004480+0+
César, César 171??61??000000002320+0+
Córdoba, I. I. Córdoba 203??10??50??10002730+0+
Chivu, C. C. Chivu 260??30??60??10003600+0+
Crespo, H. H. Crespo 194??52??51??00002970+0+
Cruz, J. J. Cruz 2813??34??62??100038190+0+
Dacourt, O. O. Dacourt 90??000030??10001300+0+
Fatić, I. I. Fatić 000020??00000000200+0+
Figo, L. L. Figo 171??10??40??10002310+0+
Filippini, M. M. Filippini 000010??00000000100+0+
Ibrahimović, Z. Z. Ibrahimović 2617??000075??101034221+0+
Jiménez, L. L. Jiménez 153??40??21??00002140+0+
Júlio César, Júlio César 35-24??0-0008-7??1-10044-320+0+
Maaroufi, I. I. Maaroufi 000010??00000000100+0+
Maicon, Maicon 311??30??50??00003910+0+
Mancini, F. F. Mancini 000010??00000000100+0+
Maniche, Maniche 81??30??000000001110+0+
Materazzi, M. M. Materazzi 231??40??30??10103111+0+
Maxwell, Maxwell 320??40??70??00004300+0+
Napoli, A. A. Napoli 000010??00000000100+0+
Orlandoni, P. P. Orlandoni 2-1??1-1??0-0000-0003-20+0+
Pelé, Pelé 150??62??10??00002220+0+
Puccio, G. G. Puccio 000010??00000000100+0+
Rivas, N. N. Rivas 110??50??30??00001900+0+
Samuel, W. W. Samuel 120??10??51??00001810+0+
Siligardi, L. L. Siligardi 000020??00000000200+0+
Solari, S. S. Solari 50??51??50??00001510+0+
Suazo, D. D. Suazo 278??30??60??10003780+0+
Stanković, D. D. Stanković 211??30??60??10103111+0+
Toldo, F. F. Toldo 3-1??5-6??0-0000-0008-70+0+
Vieira, P. P. Vieira 163??30??30??10002330+0+
Zanetti, J. J. Zanetti 381??40??80??10005110+0+

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Panini, p. 399.
  2. ^ a b c d (EN) Statistiche Spettatori Serie A 2007-2008, su stadiapostcards.com.
  3. ^ a b c d e f g h i j Grassia, Lotito, pp. 38-39.
  4. ^ L'Inter vince il «derby» e prende Suazo, su corriere.it, 23 giugno 2007.
  5. ^ Chivu all'Inter, ora è ufficiale, su repubblica.it, 27 luglio 2007.
  6. ^ Roma, un colpo di qualità L'Inter le passa la Supercoppa, su repubblica.it, 19 agosto 2007.
  7. ^ L'Inter delude nella prima, solo un pari con l'Udinese, su repubblica.it, 26 agosto 2007.
  8. ^ a b c Grassia, Lotito, p. 36.
  9. ^ Nicola Cecere, L'Inter romba col doppio Ibra, in La Gazzetta dello Sport, 2 settembre 2007.
  10. ^ Luca Calamai, Ibra gol, Adri cresce ma l'Inter è smarrita, in La Gazzetta dello Sport, 24 settembre 2007.
  11. ^ Alberto Cerruti, Magie di Ibra, l'Inter riappare in testa, in La Gazzetta dello Sport, 27 settembre 2007.
  12. ^ L'Inter travolge la Roma all'Olimpico, per i nerazzurri vittoria e primato, su repubblica.it, 29 settembre 2007.
  13. ^ Nicola Cecere, BUMBUMIBRA, in La Gazzetta dello Sport, 3 ottobre 2007.
  14. ^ Luigi Garlando, ECCO L'ORCHESTRA DI MANCINI, in La Gazzetta dello Sport, 7 ottobre 2007.
  15. ^ Aspettando la Juve, l'Inter vince, su repubblica.it, 31 ottobre 2007.
  16. ^ Alberto Cerruti, IL CUORE E IBRA, in La Gazzetta dello Sport, 8 novembre 2007.
  17. ^ Inter, Suazo e Cruz fanno tutto facile, su repubblica.it, 24 novembre 2007.
  18. ^ Vittoria, gioco e qualificazione L'Europa sorride all'Inter, su repubblica.it, 27 novembre 2007.
  19. ^ Inter, superato l'esame di maturità, su repubblica.it, 2 dicembre 2007.
  20. ^ L'Inter non si ferma più, Lazio travolta per 3-0, su repubblica.it, 5 dicembre 2007.
  21. ^ Inter sempre più sola in testa, travolto il Torino a San Siro, su repubblica.it, 9 dicembre 2007.
  22. ^ Olanda, Inter autoritaria, solito Cruz, su repubblica.it, 12 dicembre 2007.
  23. ^ Cagliari-Inter 0-2: ancora Cruz, poi Suazo, su inter.it, 16 dicembre 2007.
  24. ^ Gianni Piva, L'Inter scopre Balotelli, in la Repubblica, 20 dicembre 2007, p. 58.
  25. ^ L'Inter vince anche il derby, nerazzurri campioni d'inverno, su repubblica.it, 23 dicembre 2007.
  26. ^ U.C.L.: ancora in campo il Liverpool, su inter.it, 27 dicembre 2007.
  27. ^ Nicola Cecere, Magia Ibrahimovic, in La Gazzetta dello Sport, 14 gennaio 2008.
  28. ^ Inter-Reggina 3-0: nerazzurri ai quarti, su inter.it, 17 gennaio 2008.
  29. ^ Fabio Licari, È nebbia fitta sull'arbitro, in La Gazzetta dello Sport, 21 gennaio 2008.
  30. ^ Gianni Piva, Nerazzurri in 10, show di Cruz poi la rimonta, in la Repubblica, 24 gennaio 2008, p. 54.
  31. ^ Alberto Cerruti, TURBO BALOTELLI, in La Gazzetta dello Sport, 31 gennaio 2008.
  32. ^ Nicola Cecere, RE SUAZ, in La Gazzetta dello Sport, 17 febbraio 2008.
  33. ^ Champions, l'Inter crolla a Liverpool, su repubblica.it, 19 febbraio 2008.
  34. ^ A San Siro non riesce il miracolo, una piccola Inter esce dalla coppa, su repubblica.it, 11 marzo 2008.
  35. ^ Mancini annuncia l'addio all'Inter "A fine stagione me ne vado", su repubblica.it, 13 marzo 2008.
  36. ^ Moratti: "Tocca a Mancini rimotivare la squadra", su repubblica.it, 13 marzo 2008.
  37. ^ La Juve batte l'Inter, campionato riaperto, su repubblica.it, 22 marzo 2008.
  38. ^ La Juve batte l'Inter a San Siro, la Roma ringrazia, ora è a −4, su repubblica.it, 22 marzo 2008.
  39. ^ Luca Taidelli, Balotelli, la stella che fa sognare, su gazzetta.it, 25 aprile 2008.
  40. ^ Inter in finale col minimo sforzo, espulsi Mancini e Materazzi, su repubblica.it, 7 maggio 2008.
  41. ^ Fabrizio Bocca, Verso lo scudetto a nervi tesi, su repubblica.it, 11 maggio 2008.
  42. ^ Riccardo Pratesi, Il Siena gela l'Inter, il 2-2 riapre i giochi, su gazzetta.it, 11 maggio 2008.
  43. ^ Conto alla rovescia per lo scudetto, su repubblica.it, 12 maggio 2008.
  44. ^ Scudetto, ultimi veleni sull'Inter "Intercettazioni e auto di lusso", su repubblica.it, 15 maggio 2008.
  45. ^ Stadio Tardini vietato ai fan interisti, la curva: "Si va a Parma lo stesso", su repubblica.it, 15 maggio 2008.
  46. ^ a b c Gianni Piva, Entra Ibrahimovic, scaccia gli incubi e decide la partita, in la Repubblica, 19 maggio 2008, p. 40.
  47. ^ Fabrizio Bocca, Alla fine vince l'Inter multirazziale, più umana e innamorata del rischio, su repubblica.it, 18 maggio 2008.
  48. ^ Fabrizio Bocca, Da Moratti a Ibra a Mourinho Grandi star, voti e piccoli veleni, su repubblica.it, 18 maggio 2008.
  49. ^ La Coppa Italia è "giallorossa", rivincita della Roma sull'Inter, su repubblica.it, 24 maggio 2008.
  50. ^ Mancini, un esonero a sorpresa, su repubblica.it, 28 maggio 2008.
  51. ^ L'Inter: "Mancini esonerato per le parole dopo il Liverpool", su repubblica.it, 29 maggio 2008.
  52. ^ a b c Ceduto durante la sessione invernale del calciomercato.
  53. ^ Svincolato a ottobre.
  54. ^ Acquistato durante la sessione invernale del calciomercato.
  55. ^ La gara, inizialmente prevista alle 15:00 dell'11 novembre 2007, fu rinviata in segno di lutto per la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri; cfr. Tifoso ucciso: rinviata Inter-Lazio, altre gare alle 15,10, su sport.repubblica.it, 11 novembre 2007.
  56. ^ Grassia, Lotito, p. 239.
  57. ^ Panini, p. 399.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio