Football Club Internazionale Milano 2007-2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
FC Internazionale Milano
FC Inter celebration of scudetto 2008.jpg
La squadra festeggia a San Siro la vittoria del tricolore
Stagione 2007-2008
AllenatoreItalia Roberto Mancini
All. in secondaSerbia Siniša Mihajlović
PresidenteItalia Massimo Moratti
Serie A1º (in Champions League)
Coppa ItaliaFinalista
Champions LeagueOttavi di finale
Supercoppa italianaFinalista
Maggiori presenzeCampionato: J. Zanetti (38)[1][2]
Totale: J. Zanetti (51)
Miglior marcatoreCampionato: Ibrahimović (17)[1][2]
Totale: Ibrahimović (22)
StadioGiuseppe Meazza
Abbonati37 466[3]
Maggior numero di spettatori78 765 vs Milan
(23 dicembre 2007)[3]
Minor numero di spettatori41 720 vs Catania
(16 settembre 2007)[3]
Media spettatori51 211[3]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 24 maggio 2008

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 2007-2008.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane Mario Balotelli, lanciato in prima squadra ancora minorenne: l'attaccante italiano di origine ghanese fornì il suo contributo allo Scudetto nella fase decisiva della stagione.

L'estate 2007 vide il presidente Massimo Moratti rinforzare ulteriormente l'organico col proposito di cogliere successi anche in ambito europeo.[4] In difesa giunsero il colombiano Rivas e il romeno Chivu[5], quest'ultimo scelto per rimpiazzare Fabio Grosso che venne ceduto al Lione.[6] A centrocampo furono acquistati il cileno Jiménez e il portoghese Pelé, con l'honduregno David Suazo ingaggiato — dopo una contesa di mercato col Milan che inizialmente parve favorevole ai rossoneri —[7] per l'attacco.[8] I nerazzurri aprirono la stagione perdendo di misura contro la Roma in Supercoppa italiana[9], dovendo poi rinunciare a Marco Materazzi[10]: il centrale difensivo subì un infortunio in Nazionale, rimanendo inattivo per oltre due mesi.[11] Pur a fronte dell'assenza di Matrix[12], la squadra seppe trarre giovamento dalla maturazione dei singoli[7]; il portiere Júlio César si affermò tra i migliori interpreti del ruolo[7], concedendo un esiguo minutaggio ai più anziani Toldo e Orlandoni.[13][14] A supportare la manovra offensiva furono invece il dinamismo di Maicon e le incursioni di Cambiasso[15][16], col brasiliano impiegato da laterale difensivo e l'argentino capace di svariare in mediana[17][18]; determinante risultò poi il contributo di Ibrahimović in fase realizzativa[19][20], con lo svedese autore di 8 doppiette complessive nel corso della stagione.[21]

Sul fronte dello Scudetto i milanesi trovarono nella Roma l'avversario più accreditato, ottenendo il primato in solitaria dopo aver espugnato nettamente il terreno dei capitolini.[22] Già in autunno la Beneamata si candidò alla riconferma nazionale[23][24], mantenendo un cospicuo vantaggio sui rivali.[25][26] Malgrado una serie di infortuni che limitò l'apporto di elementi-chiave quali Vieira, Stanković e Figo[27][28], la formazione meneghina conseguì un filotto di 13 vittorie consecutive tra campionato e coppe stabilendo un nuovo record.[21] Tale striscia positiva permise di consolidare il comando in classifica, oltre a garantire la qualificazione per gli ottavi di Champions League — a capo di un girone nel quale erano inserite CSKA Mosca[29][30], Fenerbahçe[31] e PSV Eindhoven[32] e l'accesso ai quarti della Coppa Italia.[33][34] Conquistato in anticipo il titolo d'inverno[35], l'Inter terminò il girone di andata distanziando di 7 punti i capitolini.[36][37][38][39] In casa nerazzurra si registrò inoltre il felice esordio di Mario Balotelli, diciassettenne attaccante in grado di contendere un posto da titolare al prolifico Cruz[40], in un reparto avanzato che soffrì del rendimento discontinuo di Suazo e Crespo nonché della cessione di Adriano nel mercato invernale.[41] La punta di origine ghanese fu peraltro decisiva nel derby d'Italia andato in scena in coppa nazionale[42], siglando una doppietta nel 3-2 con cui la Beneamata s'impose sul campo della Juventus.[43] In campionato, una vittoria degli stessi bianconeri contro la Roma fruttò ai lombardi un vantaggio di 11 lunghezze a metà febbraio.[44][45]

Le celebrazioni dei tifosi al Meazza dopo la vittoria in Campionato.

L'ambiente risentì tuttavia del contraccolpo per l'eliminazione dalla Champions League, avvenuta contro il Liverpool[46]: ad Anfield i nerazzurri si ritrovarono in inferiorità numerica per un rosso a Materazzi dopo mezz'ora di gioco, incassando due reti nei minuti finali.[47] La squadra perse inoltre Córdoba per infortunio[48], con l'assenza del colombiano — la cui stagione si concluse anticipatamente —[49] ad aggiungersi a quelle di Samuel e Dacourt[50], anch'essi indisponibili per problemi fisici.[51] La minor condizione degli interpreti incise sul cammino della Beneamata, costretta al pareggio da Sampdoria e Roma prima di cadere a Napoli[52]: la battuta d'arresto con i partenopei costituì il primo stop a livello nazionale dopo quasi un anno.[53] Nel retour match con gli inglesi, i meneghini si ritrovarono ancora privati di un uomo — a causa dell'espulsione di Burdisso[54] subendo poi la rete di Fernando Torres.[55] Il fallimento europeo spinse Mancini ad annunciare un possibile addio al termine della stagione[56], sia pur con l'obiettivo della vittoria in campionato ancora da conseguire[57]: le dichiarazioni del tecnico provocarono l'intervento di Moratti[58], il quale circoscrisse i dissapori con lo spogliatoio alla delusione agonistica.[59] La compagine risentì tuttavia delle tensioni interne[60], con una crisi di risultati in campionato che beneficiò la ripresa della Roma.[61] In primavera le due rivali si ritrovarono distanziate di 4 punti[62], con l'Inter che sconfiggendo in casa la Fiorentina toccò la quota di 55 incontri casalinghi consecutivi con almeno un gol segnato (striscia inaugurata all'apertura del campionato 2005-06).[63]

L'affermazione colta in casa del Torino ampliò a 6 lunghezze il vantaggio sui capitolini[64], ma a riaprire il duello fu la caduta nella stracittadina milanese[65]; il successivo pari con il Siena impedì di archiviare il titolo[66], lasciando al contempo un solo punto di margine sui giallorossi.[67] Ad attendere i nerazzurri nella domenica conclusiva era un Parma in cerca della salvezza, col medesimo scenario che interessò gli uomini di Spalletti sul campo di Catania.[68] Nei giorni precedenti la gara decisiva l'ambiente nerazzurro fu scosso dalle notizie circa un'indagine penale su Domenico Brescia[69], ex sarto della società accusato per traffico di droga[69]: la dirigenza respinse ogni accusa.[70]

Al Tardini l'Inter non riuscì a sbloccare il risultato durante la prima frazione, mentre il vantaggio capitolino sul terreno degli etnei avrebbe comportato il sorpasso in classifica[71]: a ribaltare le sorti fu nella ripresa il rientro in campo di Ibrahimović, assente da fine marzo.[71] L'attaccante svedese realizzò due reti[71], consegnando all'Inter la vittoria e il primato[72]: per la Beneamata si trattò del terzo scudetto consecutivo[73], sedicesimo in assoluto.[74][75] Il dualismo con la Roma toccò un'ulteriore tappa nella finale di Coppa Italia, rinnovata con la formula della gara secca, cui gli uomini di Mancini erano giunti battendo la Lazio in semifinale[76]: l'atto conclusivo del torneo, che oppose le due formazioni per la quarta stagione consecutiva, premiò i giallorossi (2-1).[77]

L'incontro rappresentò l'ultima apparizione di Mancini in panchina[78], col tecnico esonerato a fine maggio[79]: la società ricondusse ufficialmente la decisione alle parole del tecnico dopo il flop continentale.[80]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Hernán Crespo con la divisa casalinga dell'Inter nella stagione del Centenario.

Lo sponsor tecnico per la stagione 2007-2008 è Nike, mentre lo sponsor ufficiale è Pirelli.

La prima maglia presentava righe più strette rispetto alla stagione passata, con calzoncini bianchi e non più neri.[81] La divisa da trasferta ebbe invece un aspetto celebrativo, dovuto al centenario: una maglia bianca con croce rossa sul petto e calzoncini neri.[82] La parte superiore del kit conteneva due errori, ovvero una data di fondazione antecedente a quella effettiva (8 marzo 1908) e la scritta nerazzuro in luogo di nerazzurro.[82] Nel dicembre 2007, dopo che la divisa era stata utilizzata nell'incontro casalingo di Champions con il Fenerbahçe, la stessa società turca criticò il carattere razzista della maglia: il simbolo rosso venne accostato alle crociate[83], fatto ritenuto offensivo nei confronti dei musulmani.[84]

Durante la gara casalinga con la Reggina dell'8 marzo 2008, cui seguì una festa al Meazza per commemorare il centesimo anno di vita[85], la squadra milanese indossò una variante della prima maglia con caratteri in oro.[86]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Centenario

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

Area sanitaria

  • Direttore area medica: Franco Combi
  • Medico: Giorgio Panico
  • Massaggiatori e fisioterapisti: Marco Della Casa, Massimo Della Casa, Andrea Galli, Luigi Sessolo, Alberto Galbiati, Sergio Viganò

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Francesco Toldo
2 Colombia D Iván Córdoba
4 Argentina D Javier Zanetti (capitano)
5 Serbia C Dejan Stanković
6 Brasile D Maxwell
7 Portogallo C Luís Figo
8 Svezia A Zlatan Ibrahimović
9 Argentina A Julio Cruz
10 Brasile A Adriano[87]
11 Cile C Luis Antonio Jiménez
12 Brasile P Júlio César
13 Brasile D Maicon
14 Francia C Patrick Vieira
15 Francia C Olivier Dacourt
N. Ruolo Giocatore
16 Argentina D Nicolás Burdisso
18 Argentina A Hernán Crespo
19 Argentina C Esteban Cambiasso
21 Argentina C Santiago Solari
22 Italia P Paolo Orlandoni
23 Italia D Marco Materazzi
24 Colombia D Nelson Rivas
25 Argentina D Walter Samuel
26 Romania D Cristian Chivu
28 Portogallo C Maniche[88]
29 Honduras A David Suazo
30 Portogallo C Pelé
31 Brasile C César
71 Italia P Enrico Alfonso[87]

Aggregati dalla Primavera[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
17 Italia C Filippo Mancini
34 Italia P Paolo Tornaghi
35 Italia D Dennis Esposito
36 Italia C Francesco Bolzoni
37 Italia C Gabriele Puccio
38 Italia D Daniele Federici
40 Montenegro D Ivan Fatić
41 Ungheria C Attila Filkor
42 Marocco C Ibrahim Maaroufi
43 Italia A Daniele Pedrelli
N. Ruolo Giocatore
44 Italia A Diego Falcinelli
45 Italia A Mario Balotelli
46 Italia A Aiman Napoli
47 Italia D Fabio Perissinotto[87]
47 Italia D Marco Filippini
48 Italia C Alberto Gerbo
49 Svezia A Goran Slavkovski
50 Italia C Luca Siligardi
52 Italia C Saverio Macrì

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 al 31/8)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Enrico Alfonso Pizzighettone definitivo (1,3 milioni €)
D Cristian Chivu Roma definitivo (15 milioni €)
D Nelson Rivas River Plate definitivo (5 milioni €)
C Luis Antonio Jiménez Ternana prestito
C Pelé Vitória Guimarães definitivo (2 milioni €)
A David Suazo Cagliari definitivo (13 milioni €)
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Fabián Carini Real Murcia definitivo
D Marco Andreolli Roma compartecipazione (3 milioni €)
D Fabio Grosso Olympique Lione definitivo (7,5 milioni €)
D Rincon Empoli prestito
D Nicola Donazzan Mantova prestito
A Robert Acquafresca Cagliari compartecipazione (2 milioni €)
A Álvaro Recoba Torino prestito

Sessione invernale (dal 2/1 all'1/2)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Maniche Atlético Madrid prestito (1 milioni €)
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Enrico Alfonso Venezia prestito
A Adriano San Paolo prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2007-2008.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
26 agosto 2007, ore 15:00 CEST
1ª giornata
Inter1 – 1
referto
UdineseStadio Giuseppe Meazza (42.797 spett.)
Arbitro:  Banti (Livorno)

Empoli
1º settembre 2007, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Empoli0 – 2
referto
InterStadio Carlo Castellani (16.326 spett.)
Arbitro:  Ayroldi (Molfetta)

Milano
16 settembre 2007, ore 15:00 CEST
3ª giornata
Inter2 – 0
referto
CataniaStadio Giuseppe Meazza (41.720 spett.)
Arbitro:  Orsato (Schio)

Livorno
23 settembre 2007, ore 15:00 CEST
4ª giornata
Livorno2 – 2
referto
InterStadio Armando Picchi (11.922 spett.)
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Milano
26 settembre 2007, ore 20:30 CEST
5ª giornata
Inter3 – 0
referto
SampdoriaStadio Giuseppe Meazza (42.013 spett.)
Arbitro:  Tagliavento (Terni)

Roma
29 settembre 2007, ore 18:00 CEST
6ª giornata
Roma1 – 4
referto
InterStadio Olimpico (51.150 spett.)
Arbitro:  Rizzoli (Bologna)

Milano
6 ottobre 2007, ore 20:30 CEST
7ª giornata
Inter2 – 1
referto
NapoliStadio Giuseppe Meazza (46.536 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Reggio Calabria
20 ottobre 2007, ore 20:30 CEST
8ª giornata
Reggina0 – 1
referto
InterStadio Oreste Granillo (16.965 spett.)
Arbitro:  Bergonzi (Genova)

Palermo
28 ottobre 2007, ore 15:00 CEST
9ª giornata
Palermo0 – 0
referto
InterStadio Renzo Barbera (33.972 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
31 ottobre 2007, ore 20:30 CET
10ª giornata
Inter4 – 1
referto
GenoaStadio Giuseppe Meazza (47.230 spett.)
Arbitro:  Tagliavento (Terni)

Torino
4 novembre 2007, ore 20:30 CET
11ª giornata
Juventus1 – 1
referto
InterStadio Olimpico (22.722 spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Milano
5 dicembre 2007, ore 20:30 CET
12ª giornata[89]
Inter3 – 0
referto
LazioStadio Giuseppe Meazza (44.667 spett.)
Arbitro:  Damato (Barletta)

Milano
24 novembre 2007, ore 20:30 CET
13ª giornata
Inter2 – 1
referto
AtalantaStadio Giuseppe Meazza (43.190 spett.)
Arbitro:  Banti (Livorno)

Firenze
2 dicembre 2007, ore 15:00 CET
14ª giornata
Fiorentina0 – 2
referto
InterStadio Artemio Franchi (42.449 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
9 dicembre 2007, ore 15:00 CET
15ª giornata
Inter4 – 0
referto
TorinoStadio Giuseppe Meazza (46.148 spett.)
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Cagliari
16 dicembre 2007, ore 20:30 CET
16ª giornata
Cagliari0 – 2
referto
InterStadio Sant'Elia (12.700 spett.)
Arbitro:  De Marco (Chiavari)

Milano
23 dicembre 2007, ore 15:00 CET
17ª giornata
Inter2 – 1
referto
MilanStadio Giuseppe Meazza (78.675 spett.)
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

Siena
13 gennaio 2008, ore 15:00 CET
18ª giornata
Siena2 – 3
referto
InterStadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena (14.800 spett.)
Arbitro:  Girardi (San Donà di Piave)

Milano
20 gennaio 2008, ore 20:30 CET
19ª giornata
Inter3 – 2
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza (43.413 spett.)
Arbitro:  Gervasoni (Mantova)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Udine
27 gennaio 2008, ore 15:00 CET
20ª giornata
Udinese0 – 0
referto
InterStadio Friuli (21.913 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Milano
3 febbraio 2008, ore 20:30 CET
21ª giornata
Inter1 – 0
referto
EmpoliStadio Giuseppe Meazza (43.946 spett.)
Arbitro:  Tagliavento (Terni)

Catania
10 febbraio 2008, ore 20:30 CET
22ª giornata
Catania0 – 2
referto
InterStadio Angelo Massimino (21.068 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
16 febbraio 2008, ore 18:00 CET
23ª giornata
Inter2 – 0
referto
LivornoStadio Giuseppe Meazza (45.276 spett.)
Arbitro:  De Marco (Chiavari)

Genova
24 febbraio 2008, ore 15:00 CET
24ª giornata
Sampdoria1 – 1
referto
InterStadio Luigi Ferraris (26.306 spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Milano
27 febbraio 2008, ore 20:30 CET
25ª giornata
Inter1 – 1
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza (48.700 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Napoli
2 marzo 2008, ore 20:30 CET
26ª giornata
Napoli1 – 0
referto
InterStadio San Paolo (53.818 spett.)
Arbitro:  Rizzoli (Bologna)

Milano
8 marzo 2008, ore 18:00 CET
27ª giornata
Inter2 – 0
referto
RegginaStadio Giuseppe Meazza (64.575 spett.)
Arbitro:  Brighi (Cesena)

Milano
16 marzo 2008, ore 15:00 CET
28ª giornata
Inter2 – 1
referto
PalermoStadio Giuseppe Meazza (49.360 spett.)
Arbitro:  De Marco (Chiavari)

Genova
19 marzo 2008, ore 20:30 CET
29ª giornata
Genoa1 – 1
referto
InterStadio Luigi Ferraris (27.624 spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Milano
22 marzo 2008, ore 20:30 CET
30ª giornata
Inter1 – 2
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza (58.049 spett.)
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Roma
29 marzo 2008, ore 18:00 CET
31ª giornata
Lazio1 – 1
referto
InterStadio Olimpico (32.802 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Bergamo
6 aprile 2008, ore 15:00 CEST
32ª giornata
Atalanta0 – 2
referto
InterStadio Atleti Azzurri d'Italia (19.081 spett.)
Arbitro:  De Marco (Chiavari)

Milano
13 aprile 2008, ore 20:30 CEST
33ª giornata
Inter2 – 0
referto
FiorentinaStadio Giuseppe Meazza (53.483 spett.)
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Torino
20 aprile 2008, ore 20:30 CEST
34ª giornata
Torino0 – 1
referto
InterStadio Olimpico (21.865 spett.)
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

Milano
27 aprile 2008, ore 15:00 CEST
35ª giornata
Inter2 – 1
referto
CagliariStadio Giuseppe Meazza (56.676 spett.)
Arbitro:  Orsato (Schio)

Milano
4 maggio 2008, ore 15:00 CEST
36ª giornata
Milan2 – 1
referto
InterStadio Giuseppe Meazza (81.766 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Milano
11 maggio 2008, ore 15:00 CEST
37ª giornata
Inter2 – 2
referto
SienaStadio Giuseppe Meazza (76.633 spett.)
Arbitro:  Gava (Conegliano)

Parma
18 maggio 2008, ore 15:00 CEST
38ª giornata
Parma0 – 2
referto
InterStadio Ennio Tardini (25.149 spett.)
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2007-2008.

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Reggio Calabria
19 dicembre 2007, ore 20:45
Andata
Reggina1 – 4InterStadio Granillo
Arbitro:  Trefoloni (Siena)

Milano
17 gennaio 2008, ore 18:00
Ritorno
Inter3 – 0RegginaStadio San Siro
Arbitro:  Salati (Trento)

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
23 gennaio 2008, ore 20:30
Andata
Inter2 – 2JuventusStadio San Siro
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Torino
30 gennaio 2008, ore 20:30
Ritorno
Juventus2 – 3InterStadio Olimpico
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Milano
16 aprile 2008, ore 20:30
Andata
Inter0 – 0LazioStadio San Siro
Arbitro:  Rocchi (Firenze)

Roma
7 maggio 2008, ore 20:30
Ritorno
Lazio0 – 2InterStadio Olimpico
Arbitro:  Saccani (Mantova)

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Roma
24 maggio 2008, ore 20:30
Gara unica
Roma2 – 1InterStadio Olimpico
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2007-2008.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Istanbul
19 settembre 2007, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Fenerbahçe1 – 0InterStadio Şükrü Saraçoğlu (44.212 spett.)
Arbitro: Spagna Medina Cantalejo

Milano
2 ottobre 2007, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Inter2 – 0PSVStadio Giuseppe Meazza (23.882 spett.)
Arbitro: Grecia Vassaras

Mosca
23 ottobre 2007, ore 18:30 CEST
3ª giornata
CSKA Mosca1 – 2InterStadio Dinamo (24.000 spett.)
Arbitro: Inghilterra Riley

Milano
7 novembre 2007, ore 20:45 CET
4ª giornata
Inter4 – 2CSKA MoscaStadio Giuseppe Meazza (22.384 spett.)
Arbitro: Belgio Allaerts

Milano
27 novembre 2007, ore 20:45 CET
5ª giornata
Inter3 – 0FenerbahçeStadio Giuseppe Meazza (24.203 spett.)
Arbitro: Austria Plautz

Eindhoven
12 dicembre 2007, ore 20:45 CET
6ª giornata
PSV0 – 1InterPSV Stadium (35.000 spett.)
Arbitro: Germania Merk

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]
Liverpool
19 febbraio 2008, ore 20:45 CET
Andata
Liverpool2 – 0InterAnfield (41.999 spett.)
Arbitro: Belgio De Bleeckere

Milano
11 marzo 2008, ore 20:45 CET
Ritorno
Inter0 – 1LiverpoolStadio Giuseppe Meazza (71.501 spett.)
Arbitro: Norvegia Øvrebø

Supercoppa italiana[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Supercoppa italiana 2007.
Milano
19 agosto 2007, ore 20:45 CEST
Gara unica
Inter0 – 1
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza (34.898 spett.)
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 24 maggio 2008.

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 85 19 15 3 1 41 14 19 10 7 2 28 12 38 25 10 3 69 26 43
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 3 1 2 0 5 2 4 3 0 1 10 5 7 4 2 1 15 7 8
Coppa Campioni.svg Champions League 15 4 3 0 1 9 3 4 2 0 2 3 4 8 5 0 3 12 7 5
Supercoppa Italiana.svg Supercoppa italiana - 1 0 0 1 0 1 0 0 0 0 0 0 1 0 0 1 0 1 −1
Totale - 27 19 5 3 55 20 27 15 7 5 41 21 54 34 12 8 96 41 55

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo C T C T C T C T T C T C C T C T C T C T C T C T C T C C T C T T C T C T C T
Risultato N V V N V V V V N V N V V V V V V V V N V V V N N P V V N P N V V V V P N V
Posizione 12 6 2 2 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Fonte: Serie A – Classifiche, Sky Sport. URL consultato il 4 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2014).
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Sono in corsivo i calciatori che hanno lasciato la società a stagione in corso.[1][2]

Giocatore Serie A Coppa Italia Champions League Supercoppa Italiana Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Adriano, Adriano 41000000000000004100
Alfonso, E. E. Alfonso 00001000000000001000
Balotelli, M. M. Balotelli 1133044200000000015750
Bolzoni, F. F. Bolzoni 00003000200000005000
Burdisso, N. N. Burdisso 24170601120211000331102
Cambiasso, E. E. Cambiasso 3363020008200100044830
César, César 1714161000000000023241
Córdoba, I. I. Córdoba 2033010005000100027330
Chivu, C. C. Chivu 26070300060311000360101
Crespo, H. H. Crespo 1941052005100000029710
Cruz, J. J. Cruz 281340343062001000381970
Dacourt, O. O. Dacourt 900000003010100013010
Fatić, I. I. Fatić 00002000000000002000
Figo, L. L. Figo 1713010004010100023140
Filippini, M. M. Filippini 00001000000000001000
Ibrahimović, Z. Z. Ibrahimović 261750000075201010342280
Jiménez, L. L. Jiménez 1533040002110000021440
Júlio César, Júlio César 35-243100008-7001-10044-3231
Maaroufi, I. I. Maaroufi 00001000000000001000
Maicon, Maicon 3113130005000000039131
Mancini, F. F. Mancini 00001000000000001000
Maniche, Maniche 810030200000000011120
Materazzi, M. M. Materazzi 2315040013021101031182
Maxwell, Maxwell 3202040007000000043020
Napoli, A. A. Napoli 00001000000000001000
Orlandoni, P. P. Orlandoni 2-1001-100000000003-200
Pelé, Pelé 1503162401000000022271
Puccio, G. G. Puccio 00001000000000001000
Rivas, N. N. Rivas 1103050003010000019040
Samuel, W. W. Samuel 1204010005130000018170
Siligardi, L. L. Siligardi 00002000000000002000
Solari, S. S. Solari 500051005010000015110
Suazo, D. D. Suazo 2780030006001100037801
Stanković, D. D. Stanković 2112030006010101031140
Toldo, F. F. Toldo 3-1005-610000000008-710
Vieira, P. P. Vieira 1635130103000100023361
Zanetti, J. J. Zanetti 3810040008000100051100

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Grassia, Lotito, p. 239.
  2. ^ a b c Panini, p. 399.
  3. ^ a b c d (EN) Statistiche Spettatori Serie A 2007-2008, su stadiapostcards.com.
  4. ^ Andrea Elefante e Mirko Graziano, "La Champions è un dovere, il campionato un obbligo", su gazzetta.it, 15 luglio 2007.
  5. ^ Mercato: Jimenez e Rivas sono dell'Inter, su inter.it, 18 luglio 2007.
  6. ^ Silvia Scotti, Chivu, così dicono tutti, in la Repubblica, 28 luglio 2007, p. 52.
  7. ^ a b c Grassia, Lotito, pp. 38-39.
  8. ^ Andrea Elefante, Doppio Suazo e Ibra: che show, in La Gazzetta dello Sport, 2 agosto 2007.
  9. ^ Antonino Morici, La Supercoppa è della Roma, su gazzetta.it, 19 agosto 2007.
  10. ^ Materazzi operato dopo l'infortunio, resterà fermo almeno tre mesi, su repubblica.it, 23 agosto 2007.
  11. ^ Gianni Piva, Inter nei guai, lungo stop per Materazzi, in la Repubblica, 24 agosto 2007, p. 57.
  12. ^ Gianni Mura, Intervista al campionato, è l'anno buono per le sorprese, su repubblica.it, 24 agosto 2007.
  13. ^ Gianni Piva, Due gol ad Empoli risollevano l'Inter, in la Repubblica, 2 settembre 2007, p. 56.
  14. ^ Nicola Cecere, L'Inter romba col doppio Ibra, in La Gazzetta dello Sport, 2 settembre 2007.
  15. ^ Gianni Piva, Da Istanbul a Livorno, in la Repubblica, 24 settembre 2007, p. 57.
  16. ^ Luca Calamai, Ibra gol, Adri cresce, in La Gazzetta dello Sport, 24 settembre 2007.
  17. ^ Andrea Sorrentino, Ibrahimovic riporta in volo l'Inter, in la Repubblica, 27 settembre 2007, p. 60.
  18. ^ Alberto Cerruti, Magie di Ibra, l'Inter riappare in testa, in La Gazzetta dello Sport, 27 settembre 2007.
  19. ^ Nicola Cecere, BUMBUMIBRA, in La Gazzetta dello Sport, 3 ottobre 2007.
  20. ^ Gianni Piva, Inter sempre nel segno di Ibrahimovic, in la Repubblica, 3 ottobre 2007, p. 61.
  21. ^ a b Pressenda, Birelli.
  22. ^ Grassia, Lotito, pp. 36-37.
  23. ^ Luigi Garlando, Ecco l'orchestra di Mancini, in La Gazzetta dello Sport, 7 ottobre 2007.
  24. ^ Gianni Piva, Cruz fa l'Ibrahimovic, in la Repubblica, 7 ottobre 2007, p. 54.
  25. ^ Gaetano De Stefano, Adriano torna al gol, Inter in fuga: +5 sulla Roma, su gazzetta.it, 20 ottobre 2007.
  26. ^ Luca Calamai, Nonno Fontana ferma Ibra, in La Gazzetta dello Sport, 29 ottobre 2007.
  27. ^ Andrea Elefante, Sollievo Stankovic, in La Gazzetta dello Sport, 29 ottobre 2007.
  28. ^ Gianni Piva, Inter, addio fair play, in la Repubblica, 6 novembre 2007, p. 61.
  29. ^ Gianni Piva, Potenza Inter, in la Repubblica, 8 novembre 2007, p. 50.
  30. ^ Alberto Cerruti, Il cuore e Ibra, in La Gazzetta dello Sport, 8 novembre 2007.
  31. ^ Vittoria, gioco e qualificazione: l'Europa sorride all'Inter, su repubblica.it, 27 novembre 2007.
  32. ^ Mirko Graziano, MANCINI, in La Gazzetta dello Sport, 7 dicembre 2007.
  33. ^ Luca Taidelli, Non fa sconti neanche l'Inter di Balotelli, in La Gazzetta dello Sport, 20 dicembre 2007.
  34. ^ Gianni Piva, L'Inter scopre Balotelli, in la Repubblica, 20 dicembre 2007, p. 58.
  35. ^ Antonino Morici, Nessun regalo per il Milan, l'Inter vince in rimonta, su gazzetta.it, 23 dicembre 2007.
  36. ^ Nicola Cecere, Magia Ibrahimovic, in La Gazzetta dello Sport, 14 gennaio 2008.
  37. ^ Andrea Sorrentino, Doppio Ibra, l'Inter brinda ancora, in la Repubblica, 14 gennaio 2008, p. 50.
  38. ^ Fabio Licari, È nebbia fitta sull'arbitro, in La Gazzetta dello Sport, 21 gennaio 2008.
  39. ^ Gianni Piva, Inter vicina al ko, poi Ibra si scatena, in la Repubblica, 21 gennaio 2008, p. 45.
  40. ^ Alessandro De Calò, Quanto conta un pari, in La Gazzetta dello Sport, 24 gennaio 2008.
  41. ^ Gianni Piva, Nerazzurri in 10, show di Cruz, in la Repubblica, 24 gennaio 2008, p. 54.
  42. ^ Alberto Cerruti, TURBO BALOTELLI, in La Gazzetta dello Sport, 31 gennaio 2008.
  43. ^ Gianni Piva, Doppietta di Balotelli, in la Repubblica, 31 gennaio 2008, p. 58.
  44. ^ Gianni Piva, Basta anche l'Inter delle riserve, in la Repubblica, 17 febbraio 2008, p. 57.
  45. ^ Nicola Cecere, Re Suaz, in La Gazzetta dello Sport, 17 febbraio 2008.
  46. ^ Antonino Morici, Kuyt-Gerrard: tonfo Inter, a San Siro serve l'impresa, su gazzetta.it, 19 febbraio 2008.
  47. ^ Paolo Menicucci, L'Inter si piega nel finale, su it.uefa.com, 19 febbraio 2008.
  48. ^ Infortunio Cordoba: l'esito degli esami, su inter.it, 20 febbraio 2008.
  49. ^ Mancini perde Córdoba, su it.uefa.com, 20 febbraio 2008.
  50. ^ Inter con dieci infortunati!, su gianlucarossi.it, 29 febbraio 2008.
  51. ^ Andrea Elefante, La doppia missione di Ibrahimovic, su gazzetta.it, 1º marzo 2008.
  52. ^ Antonino Morici, Crisi Inter: k.o. a Napoli, su gazzetta.it, 2 marzo 2008.
  53. ^ Moratti: "Nessun dramma", su gazzetta.it, 3 marzo 2008.
  54. ^ Antonino Morici, Inter, fine della corsa, su gazzetta.it, 11 marzo 2008.
  55. ^ A San Siro non riesce il miracolo, una piccola Inter esce dalla coppa, su repubblica.it, 11 marzo 2008.
  56. ^ Mancini annuncia l'addio all'Inter "A fine stagione me ne vado", su repubblica.it, 11 marzo 2008.
  57. ^ Antonino Morici, Mancini: "Inter, me ne vado", su gazzetta.it, 11 marzo 2008.
  58. ^ Moratti: "Sfogo sbagliato", su gazzetta.it, 13 marzo 2008.
  59. ^ Moratti: "Tocca a Mancini rimotivare la squadra", su repubblica.it, 13 marzo 2008.
  60. ^ Nicola Cecere, Trenta giorni da brividi, in La Gazzetta dello Sport, 25 marzo 2008.
  61. ^ L'Inter fatica ma tiene quota +4, due traverse la salvano dalla Lazio, su repubblica.it, 29 marzo 2008.
  62. ^ Zanetti: "A Bergamo un passo avanti decisivo", su gazzetta.it, 7 aprile 2008.
  63. ^ Panini, p. 381.
  64. ^ Pier Luigi Todisco, L'Inter spezza il cuore Toro e vola a +6 sulla Roma, su gazzetta.it, 20 aprile 2008.
  65. ^ L'Inter perde il derby e frena, il Milan va in zona Champions, su repubblica.it, 4 maggio 2008.
  66. ^ Riccardo Pratesi, Il Siena gela l'Inter, il 2-2 riapre i giochi, su gazzetta.it, 11 maggio 2008.
  67. ^ Conto alla rovescia per lo scudetto, su repubblica.it, 12 maggio 2008.
  68. ^ Ibra sta sempre meglio, su gazzetta.it, 14 maggio 2008.
  69. ^ a b Intercettazioni, fermato Brescia, su repubblica.it, 16 maggio 2008.
  70. ^ "Nessun rapporto con la società", l'Inter nega un caso intercettazioni, su repubblica.it, 16 maggio 2008.
  71. ^ a b c Luigi Garlando, Nel giorno più caldo Zlatan ritorna re, in La Gazzetta dello Sport, 19 maggio 2008.
  72. ^ Gianni Piva, Entra Ibrahimovic, scaccia gli incubi e decide la partita, in la Repubblica, 19 maggio 2008, p. 40.
  73. ^ Fabrizio Cometti e Luca Taidelli, Inter 16, in La Gazzetta dello Sport, 19 maggio 2008.
  74. ^ Ilaria Carra e Franco Vanni, Cori e bandiere, è festa Inter, in la Repubblica, 19 maggio 2008, p. 2.
  75. ^ Gianni Piva, Moratti: "Abbiamo vinto da soli contro tutti", in la Repubblica, 19 maggio 2008, p. 45.
  76. ^ Il polemico day-after dell'Inter, su repubblica.it, 19 maggio 2008.
  77. ^ La Coppa Italia è giallorossa, "rivincita" della Roma sull'Inter, su repubblica.it, 24 maggio 2008.
  78. ^ Mancini-Inter, è finita, su gazzetta.it, 27 maggio 2008.
  79. ^ Mancini, un esonero a sorpresa, su repubblica.it, 28 maggio 2008.
  80. ^ L'Inter: "Mancini esonerato per le parole dopo il Liverpool", su repubblica.it, 29 maggio 2008.
  81. ^ Foto: la maglia nerazzurra 2007-'08, su inter.it, 30 luglio 2007.
  82. ^ a b Lo svarione del centenario diventa un Gronchi rosa, su gazzetta.it, 1º giugno 2007.
  83. ^ L'ira della Turchia contro l'Inter, su repubblica.it, 10 dicembre 2007.
  84. ^ Andrea Schiappapietra, "Inter, offende i musulmani la maglia del centenario", su gazzetta.it, 10 dicembre 2007.
  85. ^ Andrea Sorrentino, Moratti e la festa più lunga, su repubblica.it, 6 marzo 2008.
  86. ^ Centenario: Inter-Reggina, maglia d'oro Nike, su inter.it, 7 marzo 2008.
  87. ^ a b c Ceduto durante la sessione invernale del calciomercato.
  88. ^ Acquistato durante la sessione invernale del calciomercato.
  89. ^ Gara prevista alle 15:00 dell'11 novembre 2007 ma rinviata a seguito dell'omicidio di Gabriele Sandri; cfr. Inter-Lazio e Roma-Cagliari, recuperi il 5 dicembre, su gazzetta.it, 13 novembre 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio