Associazione Sportiva Ambrosiana 1929-1930

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Associazione Sportiva Ambrosiana
Inter 1929-30.jpg
Una formazione dell'Ambrosiana campione d'Italia 1929-1930, da sinistra, in piedi: Gianfardoni, Degani e Allemandi; accasciati: Rivolta, Viani e Castellazzi; seduti, Visentin, Serantoni, Meazza, Blasevich e Conti
Stagione 1929-30
Allenatore Ungheria Árpád Weisz
Presidente Italia Oreste Simonotti
Serie A 1º posto
Coppa Mitropa Semifinali
Maggiori presenze Campionato: Meazza, Rivolta (33)
Miglior marcatore Campionato: Meazza (31)

Questa pagina raccoglie i dati riguardanti l'Associazione Sportiva Ambrosiana nelle competizioni ufficiali della stagione 1929-1930.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La nuova divisa della società scomparve in breve tempo; in suo luogo fu scelta una maglia nerazzurra con un colletto a scacchi bianchi e neri. Questi ultimi colori erano un riferimento all'Unione Sportiva Milanese, assorbita con la fusione. In panchina vi fu il ritorno di Árpád Weisz, che aveva trascorso l'ultimo anno al Bari, mentre il ruolo di presidente venne spartito tra Torrusio e Simonotti. Nel primo campionato organizzato con la formula del girone unico, l'Ambrosiana-Inter debuttò con un successo in rimonta a Livorno.[1] Il 16 febbraio 1930, alla conclusione del girone di andata, la squadra aveva totalizzato 23 punti (dovendo inoltre recuperare una gara con la Juventus).[1] Effettuò un primo scatto il 20 aprile, ritrovandosi a + 4 sui bianconeri e sul Genoa.[1] L'esito fu determinato dagli scontri diretti, in programma nelle ultime domeniche. L'8 giugno, a Genova, la Juventus venne sconfitta per 2-0 sprofondando a − 6.[1] Nel turno successivo, i milanesi colsero un 3-3 casalingo rimontando i liguri (che fallirono anche un rigore nei minuti conclusivi) e mantenendo i quattro punti di distacco. Lo scudetto divenne certo il 29, con la vittoria all'Arena Civica sui torinesi che portò l'Ambrosiana-Inter a quota 50.[1] Determinante fu il contributo di Giuseppe Meazza, vincitore della classifica marcatori con 31 reti. Il tecnico Weisz, all'età di 34 anni, risultò il più giovane allenatore campione d'Italia con un primato poi eguagliato da Armando Castellazzi nel 1938 con la stessa Inter.[2]

La squadra disputò anche la Coppa dell'Europa Centrale fermandosi in semifinale contro lo Sparta Praga.

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Prima divisa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Valentino Degani
Italia P Bonifacio Smerzi
Italia D Luigi Allemandi
Italia D Giovanni Bolzoni
Italia D Vincenzo Coppo
Italia D Stefano Gallio
Italia D Giovanni Gasparini
Italia D Guido Gianfardoni
Italia D Silvio Pietroboni
Italia C Antonio Blasevich
Italia C Armando Castellazzi
N. Ruolo Giocatore
Italia C Luigi Ciminaghi
Italia C Enrico Rivolta
Italia C Luigi Rizzi
Italia C Pietro Serantoni
Italia C Giuseppe Viani (I)
Italia A Giulio Balestrini
Italia A Leopoldo Conti
Italia A Giuseppe Meazza
Italia A Luigi Pedrazzini
Italia A Pietro Povero
Italia A Umberto Visentin (III)

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1929-1930.

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Livorno
6 ottobre 1929
Livorno 1 – 2 Ambrosiana Villa Chayes
Arbitro Turbiani (Ferrara)

Vercelli
13 ottobre 1929
Pro Vercelli 1 – 0 Ambrosiana Foro Boario
Arbitro Lenti (Genova)

Milano
20 ottobre 1929
Ambrosiana 2 – 1 Bologna Campo Virgilio Fossati
Arbitro Barlassina (Novara)

Roma
27 ottobre 1929
Lazio 1 – 1 Ambrosiana Stadio della Rondinella
Arbitro Pessato (Monfalcone)

Milano
3 novembre 1929
Ambrosiana 3 – 2 Cremonese Campo Virgilio Fossati
Arbitro Enrietti (Torino)

Milano
10 novembre 1929
Milan 1 – 2 Ambrosiana Campo Milan
Arbitro Carraro (Padova)

Milano
17 novembre 1929
Ambrosiana 6 – 1 Padova Campo Virgilio Fossati
Arbitro Mattea (Torino)

Roma
24 novembre 1929
Roma 2 – 0 Ambrosiana Campo Testaccio
Arbitro Bruna (Venezia)

Milano
8 dicembre 1929
Ambrosiana 1 – 2 Triestina Arena Civica
Arbitro Girelli (Verona)

Alessandria
15 dicembre 1929
Alessandria 1 – 2 Ambrosiana Campo del Littorio
Arbitro Barlassina (Novara)

Busto Arsizio
22 dicembre 1929
Pro Patria 0 – 0 Ambrosiana Stadium
Arbitro Carraro (Padova)

Milano
5 gennaio 1930
Ambrosiana 2 – 1 Napoli Campo Virgilio Fossati
Arbitro Mastellari (Bologna)

Brescia
12 gennaio 1930
Brescia 0 – 0 Ambrosiana Stadium
Arbitro Galassi (Torino)

Milano
19 gennaio 1930
Ambrosiana 3 – 0 Torino Campo Virgilio Fossati
Arbitro Gonani (Ravenna)

Genova
26 gennaio 1930
Genoa 1 – 4 Ambrosiana Campo Marassi
Arbitro Mattea (Torino)

Torino
19 marzo 1930[3], ore 10:00 CET
Juventus 1 – 2 Ambrosiana Stadio di Corso Marsiglia
Arbitro Carraro (Padova)

Milano
16 febbraio 1930
Ambrosiana 5 – 1 Modena Campo Virgilio Fossati
Arbitro Scarpi (Dolo)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
23 febbraio 1930
Ambrosiana 6 – 2 Livorno Campo Virgilio Fossati
Arbitro Dani (Genova)

Milano
9 marzo 1930
Ambrosiana 4 – 0 Pro Vercelli Campo Virgilio Fossati
Arbitro Gonani (Ravenna)

Bologna
16 marzo 1930
Bologna 2 – 2 Ambrosiana Stadio Littoriale
Arbitro Mattea (Torino)

Milano
23 marzo 1930
Ambrosiana 4 – 2 Lazio Campo Virgilio Fossati
Arbitro Lenti (Genova)

Cremona
30 marzo 1930
Cremonese 0 – 0 Ambrosiana Stadio Giovanni Zini
Arbitro Garbieri (Genova)

Milano
13 aprile 1930
Ambrosiana 2 – 0 Milan Campo Virgilio Fossati
Arbitro Mattea (Torino)

Padova
20 aprile 1930
Padova 1 – 2 Ambrosiana Stadio Silvio Appiani
Arbitro Dani (Genova)

Milano
27 aprile 1930
Ambrosiana 6 – 0 Roma Campo Virgilio Fossati
Arbitro Gonani (Ravenna)

Trieste
4 maggio 1930
Triestina 1 – 2 Ambrosiana Stadio Montebello
Arbitro Garbieri (Genova)

Milano
18 maggio 1930
Ambrosiana 2 – 0 Alessandria Campo Virgilio Fossati
Arbitro Bruna (Venezia)

Milano
25 maggio 1930
Ambrosiana 8 – 0 Pro Patria Campo Virgilio Fossati
Arbitro Scorzoni (Bologna)

Napoli
29 maggio 1930
Napoli 3 – 1 Ambrosiana Stadio Giorgio Ascarelli
Arbitro Lenti (Genova)

Milano
1º giugno 1930
Ambrosiana 5 – 1 Brescia Campo Virgilio Fossati
Arbitro Melandri (Cairo Montenotte)

Torino
8 giugno 1930
Torino 4 – 1 Ambrosiana Campo Torino
Arbitro Gonani (Ravenna)

Milano
15 giugno 1930
Ambrosiana 3 – 3 Genoa Campo Virgilio Fossati
Arbitro Carraro (Padova)

Milano
29 giugno 1930
Ambrosiana 2 – 0 Juventus Arena Civica
Arbitro Scarpi (Dolo)

Modena
6 luglio 1930
Modena 2 – 0 Ambrosiana Ex Velodromo
Arbitro Lenti (Genova)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 6 luglio 1930.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR QR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A - 50 17 15 1 1 64 16 17 7 5 5 21 22 34 22 6 6 85 38 47 2,23

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Allemandi, L. L. Allemandi 29 0 ? ?
Balestrini, G. G. Balestrini 9 2 ? ?
Blasevich, A. A. Blasevich 32 14 ? ?
Bolzoni, G. G. Bolzoni 8 0 ? ?
Castellazzi, A. A. Castellazzi 32 0 ? ?
Ciminaghi, L. L. Ciminaghi 1 0 ? ?
Conti, L. L. Conti 25 8 ? ?
Coppo, V. V. Coppo 3 0 ? ?
Degani, V. V. Degani 29 -33 ? ?
Gallio, S. S. Gallio 1 0 ? ?
Gasparini, G. G. Gasparini 2 0 ? ?
Gianfardoni, G. G. Gianfardoni 31 0 ? ?
Meazza, G. G. Meazza 33 31 ? ?
Pedrazzini, L. L. Pedrazzini 1 0 ? ?
Pietroboni, S. S. Pietroboni 1 0 ? ?
Povero, P. P. Povero 9 2 ? ?
Rizzi, L. L. Rizzi 1 0 ? ?
Rivolta, E. E. Rivolta 33 6 ? ?
Serantoni, P. P. Serantoni 31 16 ? ?
Smerzi, B. B. Smerzi 5 -5 ? ?
Viani (I), G. G. Viani (I) 31 1 ? ?
Visentin (III), U. U. Visentin (III) 27 5 ? ?

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Italy Championship 1929/30, Rsssf.com.
  2. ^ Arpad Weisz, gloriosa e crudele storia di un grande uomo di calcio, Inter.it, 15 gennaio 2013.
  3. ^ Originariamente prevista per il 2 febbraio 1930, ma rinviata per impraticabilità di campo a causa della neve.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio, La storia 1898-2004. Modena, Panini, 2004.
  • Carlo F. Chiesa. Il grande romanzo dello scudetto, da Calcio 2000, annate 2002 e 2003

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]