Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni

Busto Arsizio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Busto Arsizio
comune
Busto Arsizio – Stemma Busto Arsizio – Bandiera
Busto Arsizio – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
Sindaco Emanuele Antonelli (Forza Italia) dal 05-06-2016, 1° mandato
Territorio
Coordinate 45°36′43.05″N 8°51′06.48″E / 45.611958°N 8.8518°E45.611958; 8.8518 (Busto Arsizio)Coordinate: 45°36′43.05″N 8°51′06.48″E / 45.611958°N 8.8518°E45.611958; 8.8518 (Busto Arsizio)
Altitudine 226 m s.l.m.
Superficie 30,66 km²
Abitanti 83 180[2] (28-02-2016)
Densità 2 712,98 ab./km²
Comuni confinanti Cassano Magnago, Castellanza, Dairago (MI), Fagnano Olona, Gallarate, Legnano (MI), Magnago (MI), Olgiate Olona, Samarate
Altre informazioni
Cod. postale 21052
Prefisso 0331
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012026
Cod. catastale B300
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 861 GG[3]
Nome abitanti bustocchi (per chi è nato nella città) o bustesi (per chi non è nato nella città)[1]
Patrono San Giovanni Battista e San Michele Arcangelo
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Busto Arsizio
Busto Arsizio
Localizzazione del comune di Busto Arsizio nella provincia di Varese
Localizzazione del comune di Busto Arsizio nella provincia di Varese
Sito istituzionale
(LA)

« Eoum Baptista latus: tenet Aliger ipse
Occiduum: medium Virgo beata forum
[4] »

(IT)

« D'Orïente il Battista occupa il lato, / l'alato san Michele l'Occidente; / Piazza central la Vergine beata. »

(Gian Alberto Bossi, Carme Ad Bustienses, f. 96r)

Busto Arsizio (Büsti Gràndi in dialetto bustocco) è un comune italiano di 83 180 abitanti[2] della provincia di Varese, in Lombardia. È il sesto comune della regione per popolazione.[5]

Secondo l'ISTAT, è il comune più popolato della provincia e supera il capoluogo di oltre duemila abitanti.[6] Busto Arsizio supera Varese anche per densità di popolazione.[7] I santi patroni sono San Giovanni Battista e San Michele Arcangelo, a cui erano devoti i Longobardi.

L'area era abitata anche in età romana, come dimostrano l'andamento regolare delle vie del centro storico e il ritrovamento di alcuni oggetti di epoca tardo-romana, risalenti probabilmente al periodo che va dal II secolo al IV secolo d.C.. Busto Arsizio è oggi un moderno centro industriale e commerciale, ed è considerata una città economicamente strategica grazie alla sua posizione al centro di un virtuale "quadrilatero" che ha come diagonale l'asse del Sempione e come vertici opposti Novara e Como.

Il nome dialettale locale Büsti Gràndi (Busto Grande) la distingue da Büst Picul (letteralmente Busto Piccola, che indica la città di Busto Garolfo) e da Büsti Cava (ora Buscate/Büscàa). Alcuni studi sul dialetto bustocco hanno avanzato l'ipotesi che Busto Arsizio abbia origini liguri.[8][9][10][11][12][13]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Lombardia.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Bustese (territorio).
Cartello di ingresso alla città, con lo stemma e il nome in italiano e in dialetto bustocco

Il territorio di Busto Arsizio è al limite settentrionale della pianura Padana, nella zona alluvionale dell'alta pianura, a sud delle Prealpi Varesine. È situato nella zona interessata dai pianalti morenici della Valle Olona.

La collocazione del primo insediamento non è casuale: si trovava infatti su un percorso alternativo alla strada del Sempione, detto "strada di Milano", che metteva in comunicazione Milano con il Lago Maggiore.

La casa comunale è situata a 228,18 metri sul livello del mare, come indicato su una facciata del Municipio. Le quote dei punti più basso e più alto sono rispettivamente 194 e 244 m s.l.m., per un dislivello di 50 metri.[14]

Il terreno del territorio di Busto Arsizio è costituito da materiali staccatisi dalle Alpi[15] a causa delle glaciazioni. Si tratta principalmente di ciottoli, ghiaia, sabbia e argilla. Un tempo era coperto da uno sottile strato di humus poco adatto alla crescita di boschi e successivamente alla coltivazione agricola, così da essere in gran parte brughiera, nome che indica quel paesaggio nel quale domina una vegetazione che riesce a svilupparsi in un ambiente arido (il brugo, l'erica, il rovo e la robinia). Infatti, a causa della presenza di strati argillosi, il terreno fatica ad assorbire e trattenere l'acqua piovana, che cade abbondante in questa zona. La falda acquifera sotterranea si trova a parecchi metri di profondità: la sua soggiacenza media è di circa 35 m.[16]. Nel territorio di Busto Arsizio sono presenti numerosi pozzi, interconnessi tra loro. Sotto il livello stradale scorrono anche due torrenti, il Tenore e il Rile, un suo affluente.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Milano Malpensa.
Nebbia a Busto Arsizio in dicembre

Secondo la classificazione climatica il centro abitato è situato in "zona E", 2861 GG.[17]

Il clima di Busto Arsizio è di tipo continentale. Gli inverni sono freddi e presentano molte giornate di gelo. Le estati sono calde e afose. È frequente, anche se sempre meno, il fenomeno della nebbia.

In base alla media trentennale di riferimento (19611990) della stazione meteorologica di Milano Malpensa, situata a meno di 10 km in linea d'aria dal centro di Busto Arsizio, secondo l'Organizzazione Mondiale della Meteorologia, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta attorno a +1 °C; quella del mese più caldo, luglio, è di circa +22 °C, quella media di circa +11 °C. Le precipitazioni medie annue sono pari a 1 082 mm con picco primaverile e autunnale e minimo relativo invernale.[18][19][20] La media nivometrica è di circa 35 cm annui.[21][22]

MILANO MALPENSA Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 6,1 8,6 13,1 17,0 21,3 25,5 28,6 27,6 24,0 18,2 11,2 6,9 7,2 17,1 27,2 17,8 17,3
T. min. mediaC) −4,4 −2,5 0,4 4,3 9,0 12,6 15,3 14,8 11,5 6,4 0,7 −3,6 −3,5 4,6 14,2 6,2 5,4
Precipitazioni (mm) 67,5 77,1 99,7 106,3 132,0 93,3 66,8 97,5 73,2 107,4 106,3 54,6 199,2 338,0 257,6 286,9 1 081,7
Giorni di pioggia 6 6 8 9 10 9 6 8 6 7 8 6 18 27 23 21 89
Umidità relativa media (%) 78 76 69 73 74 74 74 73 74 77 80 80 78 72 73,7 77 75,2
Vento (direzione-m/s) N
3,3
N
3,3
N
3,4
N
3,5
N
3,3
N
3,2
N
3,1
N
3,0
N
3,1
N
3,1
N
3,4
N
3,3
3,3 3,4 3,1 3,2 3,3

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Busto Arsizio.

Secondo alcune ipotesi, Busto Arsizio ebbe origini liguri.[8][9][10][11][12][13] La distribuzione urbanistica della città di Busto Arsizio dimostra la successiva presenza dei Romani. Nota nell'Alto Medioevo per la concia delle pelli, la prima menzione della città risale al 922, anno in cui il nome del locus viene citato in alcuni documenti di notai.[23] Con decreto del cardinale Carlo Borromeo, il 4 aprile 1583[24] Busto Arsizio, allora sotto il dominio del duca Filippo Maria Visconti, venne staccata dal vicariato del Seprio e messa a capo di quella che fino ad allora era la pieve di Olgiate Olona con un podestà proprio.

Le origini di quello che fu un centro tessile di primaria importanza sono da ricercarsi nel Medioevo: nel 1375 "quasi in ogni casa batte un telaio", come testimoniato qualche secolo più tardi dallo storico Pietro Antonio Crespi Castoldi nella sua storia di Busto Arsizio (De Oppido Busti Relationes).[25]

Nella seconda metà dell'Ottocento iniziò lo sviluppo del borgo al di fuori della cinta difensiva, lungo la strà Balon (attuale corso XX Settembre) e la strada Garottola (attuale via Mameli).[26] Il 30 ottobre del 1864 Busto Arsizio ottenne nel Regno d'Italia il titolo di città.[27] Grazie all'attività di Enrico dell'Acqua, sul finire dell'Ottocento acquistò la duplice natura di città cotoniera e meccanica, situazione che le assicurò a lungo fortuna e benessere.

Molti imprenditori costruirono le proprie ville nello stile in voga nei primi anni del Novecento, stile Liberty, parte importante del patrimonio architettonico bustocco. All'inizio del XXI secolo Busto Arsizio è un moderno centro industriale e commerciale di 83 106 abitanti che si colloca in una delle zone più industrializzate d'Europa, l'Altomilanese.[28]

Stemma, gonfalone e onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Stemma civico
Gonfalone civico
Medaglia di bronzo al valor militare
« Il Comune ha come stemma civico uno scudo troncato di rosso e d'argento, a due lettere maiuscole B dell'uno nell'altro, alla fiamma di rosso nascente dalla punta dello scudo e ornamenti esteriori da Città. »
(Descrizione dello Stemma Civico del Comune di Busto Arsizio, Art. 5 comma 1, Statuto Comunale[29])

Le origini dello stemma della città si possono far risalire al XV secolo. Infatti compare formalmente per la prima volta in una miniatura di Francesco Crespi de Roberti all'interno di un antifonario (sanctorum totius anni more ambrosianum) conservato nella Basilica di San Giovanni. La lettera "B" con sottostante una fiamma, forse a rappresentare il verbo latino burere che farebbe riferimento "Busto bruciata" ovvero "Busto Arsizio", è il simbolo entrato a far parte nel 2006 del gonfalone della provincia di Varese per iniziativa del bustocco Marco Reguzzoni, all'epoca presidente della Provincia.

Non è chiaro l'evento al quale vada correlata la fiamma: secondo una prima ipotesi agli incendi causati dal principe gallo Belloveso all'antico villaggio, secondo una seconda ipotesi la fiamma sarebbe un riferimento al rogo di cadaveri in seguito ad una battaglia avvenuta nelle campagne circostanti all'abitato, mentre secondo una terza ipotesi la fiamma sarebbe un simbolo dei frequenti incendi a cui il villaggio, composto da case di legno e paglia, era soggetto.[30]

Uno stemma composito nel quale sono raccolti gli stemmi delle famiglie Marliani e Visconti oltre agli stemmi di Busto Arsizio e dei capitoli di San Giovanni e di San Michele è inserito in una vetrata del duomo di Milano.[31]

« Il Comune ha come gonfalone un drappo di colore azzurro riccamente ornato di ricami d'oro, caricato dello stemma civico con l'iscrizione centrata in oro "Città di Busto Arsizio". Le parti di metallo e i nastri sono dorati. L'asta verticale è ricoperta di velluto azzurro con bullette dorate poste a spirale. Nella freccia è rappresentato lo stemma della Città e sul gambo inciso il nome. Cravatta e nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d'oro. »
(Descrizione del Gonfalone del Comune di Busto Arsizio, Art. 5 comma 2, Statuto Comunale[29])

La città di Busto Arsizio è stata insignita il 2 giugno 1963, da parte dell'allora presidente della Repubblica Antonio Segni, della "medaglia d'oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell'arte".[32]

Busto Arsizio fa parte delle città decorate. Infatti, il 9 aprile 1979[33] è stata insignita, da parte dell'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini, della medaglia di bronzo al valor militare per il ruolo rilevante tenuto e i meriti acquisiti durante la lotta partigiana nel corso della guerra di Liberazione al termine seconda guerra mondiale (l'emittente locale Radio Busto Libera fu la prima ad annunciare la caduta del regime fascista),[34] con la seguente motivazione:

« Fin dall'armistizio, Busto non esitò a scegliere la via dell'onore con la costituzione di reparti partigiani operanti in Città o in appoggio alle formazioni di montagna e organizzando, contemporaneamente, gruppi per la difesa delle fabbriche. Divenuta, con l'insediamento del C.L.N., anche sede di missioni alleate, potenziò l'attività, allargandone la sfera d'azione e diventando, in breve, il centro propulsore della lotta partigiana nel Nord-Italia. Nel corso di venti mesi, i suoi figli diedero un determinante apporto alla lotta armata, da S. Martino sopra Varese, a Cusio in provincia di Novara e nelle zone del Mottarone, dell'alto Verbano e dell'Ossolano, culminata con la liberazione dell'Ossola, sempre infliggendo dure perdite alle forze di occupazione, neutralizzandone numerosi presidi e liberando tutto il suo territorio ancor prima dell'arrivo degli alleati. Prima Città a dare, il 25 aprile, l'annuncio al mondo che l'Italia era insorta, Busto Arsizio è stata una degna protagonista del Secondo Risorgimento Italiano. »
(Busto Arsizio, settembre 1943 - aprile 1945)

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Monumenti di Busto Arsizio.

Pur essendo una città essenzialmente industriale, l'urbe di Busto Arsizio conserva numerosi monumenti di carattere ecclesiastico. Inoltre lo sviluppo economico ad inizio del XX secolo ha comportato il fiorire di costruzioni in stile Liberty e art déco, che ancora si possono osservare passeggiando per le vie della città. L'importante testimonianza del Liberty bustocco ricorda gli antichi sfoggi di una grande potenza industriale che fu chiamata la "Manchester d'Italia".[35]

Chiese[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese di Busto Arsizio.
Santuario di Santa Maria di Piazza
Basilica di San Giovanni Battista
Prepositurale di San Michele Arcangelo

Cimiteri[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Marliani-Cicogna, antica dimora dei conti di Busto Arsizio
Villa Ottolini-Tosi immersa nel suo parco

Cascine[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cascine di Busto Arsizio.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Busto Arsizio è, tra le città non capoluogo di provincia, la sesta d'Italia per popolazione.

Dopo un periodo di crescita durato fino ai primi anni ottanta, la popolazione di Busto Arsizio si è stabilizzata per circa un ventennio. Nei primi anni del nuovo secolo è ripresa la crescita che si stima avrà una certa regolarità per i successivi 20-25 anni.[36]

Abitanti censiti[37]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

I cittadini stranieri residenti a Busto Arsizio al 1º gennaio 2015 erano 7 695.[38]

  1. Albania, 1 312
  2. Ecuador, 823
  3. Romania, 757
  4. Marocco, 710
  5. Perù, 627
  6. Ucraina, 362
  7. Cina, 312
  8. Pakistan, 298
  9. Tunisia, 285
  10. Bangladesh, 191

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto bustocco.

La lingua parlata in città è l'italiano. Nel comune è relativamente diffuso anche il dialetto bustocco. Come tutti i dialetti lombardi occidentali, anche il bustocco è sostanzialmente una lingua romanza derivata dal latino. In esso vi è chi trova tracce delle lingue dei popoli anteriori alla latinizzazione della regione, in particolare l'antico ligure,[8][9][10][11][12][13] anche se i dati sull'effettiva influenza di questo sostrato sono pochi e di varia interpretazione.

Ad esempio, alcuni vorrebbero vedere nella conservazione delle antiche vocali finali latine diverse da -a (in particolare la -u atona finale nei sostantivi e negli aggettivi maschili, nei verbi e negli avverbi), cadute in milanese, un tratto dovuto ad un "sostrato ligure". Il fatto che nel dialetto bustocco tale conservazione sia più avanzata che ad esempio nel dialetto legnanese (es. gatu, secu, coldu, büceu, candu invece di gatt, secch, cald, bicér, quand, tipiche del legnanese - e per questo il bustocco è considerato diverso dagli altri dialetti della zona[9] -) deriverebbe da una minore influenza di Milano su Busto Arsizio.[39] Altro tratto del bustocco che deriverebbe dal "sostrato ligure" sarebbe la sparizione di alcune consonanti intervocaliche (es. lauá invece di lavurá),[11] al punto che è possibile comporre una frase di senso compiuto totalmente priva di consonanti: "A öu i öi" (Voglio le uova).

Dalla seconda metà del secolo scorso, il dialetto non viene più parlato abitualmente tra i cittadini, se non dagli anziani.[40] La valorizzazione del dialetto bustocco è pertanto sempre più affidata a singole iniziative di enti, associazioni o singoli. Nel 2002, ad esempio, si è tenuto un ciclo di conferenze intitolato «Lingue, letterature e tradizioni delle nostre genti» e riguardante il dialetto bustocco e più in generale quello dell'Insubria.[41] Nel 2006 il poeta bustocco Mariolino Rimoldi ha tradotto dal greco al dialetto cittadino 30 favole di Esopo.[42]

Un'altra opera importante è Ul vangèli tème lu cönta ul San Marcu (una traduzione al bustocco del Vangelo secondo Marco) della poetessa bustocca Carla Mocchetti.[43]

Uno scioglilingua in dialetto bustocco molto celebre nella zona è il seguente:

« Dü öi indüii in d'ü aca d'ü Öna. »
(Traduzione: «Due uova indurite/sode nell'acqua dell'Olona.»)

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La grande maggioranza della popolazione di Busto Arsizio è cristiana cattolica: nel comune, appartenente all'arcidiocesi di Milano, hanno sede 13 parrocchie cattoliche. Oltre alla minoranza dei Testimoni di Geova sono presenti comunità musulmane e ortodosse, costituite prevalentemente da immigrati.

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di Giöbia a Busto Arsizio

L'ultimo giovedì di gennaio la Giöbia, un fantoccio di paglia vestito di stracci, viene bruciata per esorcizzare l'inverno.[44] La tradizione bustocca ha un'origine millenaria che ha radici e motivazioni nella ripresa della fecondità della terra bruciata con il fuoco purificatore.[45].

Durante il periodo del Carnevale si svolge una sfilata in maschera e di carri allegorici. Le maschere ufficiali della città sono ul Tarlisu (maschera tipica dal 1983[46]) e a Bumbasina. Sebbene di creazione recente, sono entrambe riferite alle tradizionali attività della tessitura, il primo al tessuto detto "traliccio", "cruciata" o federa per materassi e cuscini, a righe bianche e marroni, la seconda relativa alla bambagia, o "bombasina".

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Una delle associazioni culturali più importanti del comune è La Famiglia Bustocca, istituita nel 1951 con lo scopo di promuovere, attraverso manifestazioni, pubblicazioni e attività varie, la conoscenza della tradizione storica, linguistica, artistica e culturale della città. La pubblicazione annuale più importante è l'Almanacco della Famiglia Bustocca, una raccolta di proverbi, poesie, aspetti storico-artistici di Busto Arsizio ed episodi della vita cittadina.[47]

Nei primi anni ottanta, Busto Arsizio fu la culla del neonato "movimento paninaro". La genesi della cultura paninara sembra essere avvenuta in Via Mameli, a Busto Arsizio, da parte delle compagnie di giovani che usavano ritrovarsi di fronte alla storica Pasticceria Paganini.[48]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca comunale presso Palazzo Marliani-Cicogna

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

A Busto Arsizio esistono le seguenti scuole: 3 asili nido, 19 scuole materne o dell'infanzia, 19 scuole elementari o primarie, 9 scuole medie inferiori o secondarie di primo grado e 8 scuole medie superiori o secondarie di secondo grado.[51]

Università[modifica | modifica wikitesto]

A Busto Arsizio è presente una sede dell'Università degli Studi dell'Insubria nella quale vengono tenuti il corso di laurea triennale in biologia sanitaria (scienze e tecnologie biologiche), il corso di laurea specialistica in biologia applicata alla ricerca biomedica, il dottorato di ricerca in neurobiologia e il master in bioinformatica.[52] È presente una sezione del Dipartimento di Biologia Strutturale e Funzionale che si occupa di studiare le basi biologiche delle malattie. Tra le tematiche studiate compaiono la malattia di Parkinson, il cancro, la sindrome di Rett e le tossicodipendenze.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo del tessile

A Busto Arsizio, città ricca di opere d'arte, sono stati istituiti, negli ultimi decenni del XX secolo, quattro musei. Il primo, in ordine cronologico, è stato un museo privato: il museo di arte sacra di San Michele Arcangelo. Sotto il campanile della prepositurale di san Michele Arcangelo si iniziò a raccogliere materiale a partire dal 1975 e successivamente a sistematizzarlo, con la collaborazione della soprintendenza ai Beni Culturali della Lombardia.[53]

Nel 1990 fu aperto il primo museo civico: si tratta delle civiche raccolte d'arte di palazzo Marliani-Cicogna che trovarono spazio in quella che fu la dimora dei conti Marliani, proprietari della contea di Busto Arsizio tra XVII secolo e il XVIII secolo. Nel 1997, dopo anni di restauri, l'amministrazione comunale di Busto Arsizio inaugurò ufficialmente il museo del tessile e della tradizione industriale di Busto Arsizio.

Il quarto museo presente in città, il museo delle arti di palazzo Bandera, fu fondato nel 1999 per ospitare 100 opere tra sculture, disegni e incisioni, realizzate dal 1938 al 1991 dall'artista Carlo Paganini.

Un ulteriore museo è l'Agorà della Scherma, istituito nel 2012, che conserva numerosi oggetti e documenti legati alla storia della scherma.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Nino Miglierina, direttore e conduttore di Radio Busto Libera

Radio Busto Libera fu la prima emittente del Nord Italia ad annunciare la liberazione dai nazi-fascisti, nel pomeriggio del 25 aprile 1945. I partigiani bustocchi della brigata Alfredo di Dio[54] infatti, quella mattina occuparono l'allora Radio Tevere che, spostata da Roma a Busto Arsizio dopo la liberazione di Roma da parte degli americani, trasmetteva programmi di sostegno al regime fascista, ed era collegata con la Repubblica di Salò. L'impegno di tutti, quel giorno, rese possibile mandare in onda, prima del tramonto e in tutto il Nord Italia, l'annuncio dell'insurrezione. Radio Busto, nei giorni seguenti, funzionò a pieno regime e con un ascolto incredibile.[55] Venne poi chiusa il 23 maggio perché non era prevista una emittente a non molti chilometri da quella di Milano.

Dal 1975 a Busto Arsizio nacquero molte emittenti locali. La più importante di tutte fu certamente la stazione interprovinciale Radio Busto Music, in seguito denominata Radio News ed avente sede a Varese. Notevole riscontro ebbe anche Top Radio Busto, diffusa in quasi tutta la provincia di Varese.[56] Degne di nota anche Radio Busto 3 e Radio Studio 5, nata sulle ceneri di Radio TRC di Cassano Magnago divenuta poi Radio Millennium con sede a Milano.[57]

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

L'Informazione è un settimanale dell'Altomilanese con sede a Busto Arsizio nato nel 1995 dalla fusione di Busto Sport, mensile fondato nel settembre 1980 (e diventato quindicinale nel 1987) e La scelta, settimanale fondato nel settembre 1990. L'Informazione tratta la cronaca, la politica, la cultura e le tradizioni della città di Busto Arsizio e dei comuni della valle Olona.

Un altro periodico della città è Busto Arsizio 24, curato da Il Sole 24 ORE Radiocor; il primo numero è uscito nel novembre 2009.[58]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

A Busto Arsizio fu creata la prima televisione[59] che, insieme a Telebiella, fece concorrenza alla Rai: Telealtomilanese, nata nel 1975. In seguito gli studi televisivi furono trasferiti a Cologno Monzese, dopo la cessione dell'emittente al gruppo Rizzoli.

Cinema e teatri[modifica | modifica wikitesto]

Istituto cinematografico Michelangelo Antonioni[modifica | modifica wikitesto]

Villa Calcaterra, sede dell'istituto cinematografico Michelangelo Antonioni.

Questa Accademia Cinematografica è dedicata allo studio delle arti e delle tecniche cinematografiche nel campo della regia e della recitazione.[60] Nata nel 2008 con il patrocinio dell'Amministrazione Comunale, della Regione Lombardia e della Famiglia Antonioni, è l'unico Istituto Cinematografico italiano intitolato al grande maestro del cinema dell'incomunicabilità Michelangelo Antonioni.[61]

Compagnie teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • Filodrammatica Cittadina Paolo Ferrari[62]
  • Associazione culturale "Educarte" (compagnia stabile del teatro Sociale di Busto Arsizio)
  • Gli Antagonisti (compagnia stabile del teatro San Giovanni Bosco di Busto Arsizio, diretta da Matteo Andreolli)
  • L'Aquilone (compagnia stabile del teatro San Giovanni Bosco di Busto Arsizio, diretta da Valentina Caccia)
  • Palketto Stage[63]
  • Associazione culturale "Attori per caso" (compagnia stabile del teatro Sant'Anna di Busto Arsizio)

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Complessi bandistici[modifica | modifica wikitesto]

  • Corpo Musicale Pro Busto
  • Corpo Musicale Santa Cecilia (Borsano)
  • Filarmonica Santa Cecilia (Sacconago)

Orchestre[modifica | modifica wikitesto]

  • Mandolinisti Bustesi[64]

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina lombarda e Prodotti agroalimentari tradizionali lombardi.
  • Bruscitti, piatto di carne tagliuzzata cotta a lungo con semi di finocchio e vino.[65] A Busto Arsizio ha sede, dal 1975, l'associazione "Magistero dei Bruscitti da Büsti Grándi", con lo scopo di diffondere la conoscenza, in città e fuori, della cucina rustica bustocca.
Le coppette della Madonna in Prato
  • Cupeti, dolci di mandorle tostate e zuccherate. La festa delle coppette si celebra ogni 8 dicembre nei pressi della chiesa di "Madonna in Prato". Tradizione vuole che i promessi sposi (muusi in dialetto bustocco) delle ragazze bustocche portino queste tipiche cialde ripiene di mandorle all'amata proprio nel giorno dell'Immacolata per chiedere loro la mano.[66] La nascita della Cuppetta viene descritta nella poesia A Madôna da Prà del Comm. Avv. Pietro Tosi, riportata sull'etichetta delle confezioni.
(Dialetto bustocco)

« Un bel dì a Madôna da Prà L'ha vorzü vegnì foeua dàa cà: Ul so coeui ga renda cumpassion Che in d'un Bust ga füss nanca un bumbon. Chi pescitti, spassegiandu sutti i pianti Han cambià tücci i sassi in crôccanti: Chi manitti, inscì bianchi e devotti, I han quatà cont'à a nevi sua e suttu E vedendo a passà ul diavaén Par cuppall gh'ì à tià in d’ul cuppén. E peu, dopu d’avéi benedetti L'ha vorzü ch'u ciamassen “cuppetti”. »

(IT)

« Un bel giorno la Madonna del prato ha voluto uscire di casa e si è dispiaciuta che a Busto non ci fosse nemmeno un dolce tipico. Con i piedi, passeggiando sotto gli alberi ha trasformato tutti i sassi in croccanti, e con le mani candide li ha coperti di neve sopra e sotto e vedendo passare il diavolo per ucciderlo glieli ha tirati nel coppino [il collo] e dopo averli benedetti ha voluto che si chiamassero "cuppetti". »

  • Lüganiga, salsiccia tradizionale.[67]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune, si svolge annualmente dal 2003, il festival cinematografico Busto Arsizio Film Festival e dal 2001 il Bustofolk, Festival Interceltico[68]

Persone legate a Busto Arsizio[modifica | modifica wikitesto]

Sono numerose e varie le personalità che sono nate a Busto Arsizio, o pur non essendovi nate, hanno vissuto a lungo oppure hanno operato significativamente e hanno stabilito dei saldi rapporti con la città e il suo spirito. Con il termine bustocchi si indicano i cittadini nati a Busto Arsizio. Con il termine bustesi si indicano i cittadini non nati a Busto Arsizio.

Bustocchi[modifica | modifica wikitesto]

Affresco della Beata Giuliana Puricelli, di Biagio Bellotti
Busto a Giuseppe Bossi nel Palazzo di Brera.
Daniele Crespi — La Pietà (Madrid, Prado).
Tomba di Eugenio Tosi, Arcivescovo bustocco di Milano.
XIV secolo[modifica | modifica wikitesto]
XV secolo[modifica | modifica wikitesto]
XVI secolo[modifica | modifica wikitesto]
XVIII secolo[modifica | modifica wikitesto]
XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]
XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Bustesi[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa del quartiere di Madonna Regina, che sarebbe rimasto isolato dal resto della città se fosse stato realizzato il progetto originale della "secante interna".

Fino alla prima metà dell'Ottocento, l'abitato di Busto Arsizio si sviluppava principalmente all'interno del limite dell'antico borgo, che era stato delimitato nel Medioevo da un terrapieno e da un fossato, ormai parzialmente livellati già dal Seicento. Nel territorio attuale della città erano presenti altri due abitati, quello di Sacconago e, più a sud, quello di Borsano.

A partire dalla seconda metà dell'Ottocento, dato il rapido incremento demografico, iniziò lo sviluppo del borgo al di fuori della cinta difensiva. Nel corso degli anni vennero anche abbattute le quattro porte della città. Nel 1911, quando la popolazione aveva superato quota 31 000, venne steso il Piano di Ampliamento,[71] che prevedeva lo spostamento ad est delle Ferrovie dello Stato (completato nel 1924), l'apertura della circonvallazione ovest e l'inquadramento dell'area delle ferrovie Nord Milano, ormai raggiunta dall'urbanizzazione. Lo spostamento del tracciato della ferrovia diede luogo all'espansione della città lungo la strà Balon (attuale corso XX Settembre) e la strada Garottola (attuale via Mameli).

Le prime industrie iniziarono a insediarsi attorno al centro storico, in cerca di manodopera. Ciò fu reso possibile grazie al miglioramento dei trasporti ed al conseguente calo del loro prezzo: le industrie non avevano più la necessità di essere ubicate vicino alle materie prime da trasformare, ma potevano stabilirsi nelle vicinanze dei centri abitati. Col passare del tempo, tali industrie furono inglobate dalla città in rapida espansione.

Dopo il piano regolatore del 1911, venne stilato quello del 1934. Il primo piano studiato per risanare la situazione del centro storico di Busto Arsizio risale al 1940, quando la popolazione aveva superato ormai le 40 000 unità.[72] Il progetto prevedeva l'apertura di una grande arteria fra piazza Manzoni e l'allora viale della Gloria, seguendo un tracciato est-ovest lungo le piazze Manzoni, Santa Maria, San Giovanni e Garibaldi.[73] A causa dello scoppio della seconda guerra mondiale, il progetto non fu mai completamente attuato; tuttavia nel 1953, pochi anni dopo la stesura del piano regolatore del 1948, in via Milano cominciarono i lavori per la costruzione di nuovi edifici e l'allargamento della strada.

Alcune delle idee alla base del piano di recupero del 1940 furono inoltre riprese nel 1963,[74] alla presentazione di quello nuovo, che prevedeva da un lato la costruzione dei quartieri di beata Giuliana e di sant'Anna e dall'altro la demolizione di quasi tutto il vecchio tessuto urbano, più o meno degradato, nell'intera area del centro storico. Fu aperto il corso Europa ed in via Milano continuò l'opera di rinnovamento già iniziata. Nuovi palazzi sorsero un po' ovunque: gli unici edifici che si sarebbero dovuti salvare erano solo quelli di un certo valore storico o artistico. Nel 1967, però, il Ministero dei lavori pubblici, resosi conto che era in corso una vera e propria opera di cancellazione della storia bustese, bloccò i lavori.[74] Dopo quella data iniziò un lungo periodo di immobilismo. La situazione si è sbloccata nei primi anni del nuovo millennio, quando è iniziata una fase di demolizione delle aree industriali dismesse che sorgevano intorno al perimetro del centro storico, soprattutto nella zona sud-ovest. In queste aree sono sorte nuove zone residenziali.

Nel 1977 venne approvato il piano regolatore adottato nel 1975. Tra i punti importanti vi sono la previsione della zona industriale a Sacconago e della cosiddetta "area grossistica" nei pressi del raccordo autostradale, la salvaguardia generalizzata delle aree industriali centrali dall'eccessiva edificazione, l'obbligo per le nuove costruzioni di portici al piano terreno, la previsione di piani (mai attuati) per i centri storici di Borsano e Sacconago e l'uso del quinto arco dello svincolo dei cosiddetti "cinque ponti" per uno svincolo verso il quartiere di sant'Anna.[75] Un successivo piano regolatore reca la data del 1984.

Tra il 1992 e il 1993 arrivò la variante del piano regolatore,[76] (approvato nel 1996)[77] la quale confermò l'impianto precedente, con qualche previsione in più di terziario. Venne estesa inoltre la possibilità di sopralzare le abitazioni. Per quanto riguarda la cosiddetta "tangenziale interna detta secante", originariamente prevista in trincea tra il centro ed il quartiere di Madonna Regina, si pensa ad una strada a raso più ridotta, per non isolare il quartiere.

Con la legge regionale 12/2005[78] viene abolito lo strumento del piano regolatore e istituito quello del piano di governo del territorio, articolato in tre atti: documento di piano, piano dei servizi e piano delle regole.

Quartieri[modifica | modifica wikitesto]

I quartieri di Busto Arsizio sono 13: Sant'Anna, San Michele, San Giovanni, Sant'Edoardo, Madonna Regina, Redentore, Beata Giuliana, San Giuseppe, Santi Apostoli, Frati, Santa Croce, Borsano e Sacconago.

Storicamente sono sempre state presenti le due ben distinte comunità di San Michele e San Giovanni, oltre che gli ex-comuni autonomi di Borsano e Sacconago e gli insediamenti, risalenti per lo meno al Medioevo, di Cascina Brughetto e Cascina dei Poveri.

L'agglomerato urbano di Busto Arsizio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Bustese.

L'agglomerato urbano di Busto Arsizio comprende, oltre alla città di Busto Arsizio, che ne rappresenta il maggiore centro, anche una serie di comuni limitrofi: Castellanza, Olgiate Olona, Marnate, Gorla Minore, Solbiate Olona, Gorla Maggiore, Fagnano Olona. Questi comuni, tutti adagiati lungo la Valle Olona, sono strettamente legati alla città di Busto, in quanto essa ospita una serie di infrastrutture e servizi pubblici, di cui sono sprovvisti i centri minori. Inoltre tutti i comuni dell'agglomerato urbano appartengono all'Associazione Commercianti di Busto Arsizio e compongono il distretto socio-sanitario ASL di Busto Arsizio e Valle Olona. La popolazione residente nell'agglomerato urbano di Busto Arsizio supera le 145 000 unità.[79]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Cascina Burattana
Un bozzolo

Il modello economico di Busto Arsizio è cambiato negli anni passando da prevalentemente agricolo a industriale fino a vedere negli ultimi decenni la crescita del settore terziario. Il PIL pro-capite è superiore del 20% rispetto alla media europea mentre la disoccupazione si attesta al 4%.[80]

Il ramo industriale principale è quello del tessile, che affonda le sue radici nei primi secoli dell'età moderna.[81]

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Il suolo di Busto Arsizio non è mai stato particolarmente favorevole all'agricoltura.[82] Per questo gli abitanti del luogo, fin dalle origini, dovettero affiancarvi altre attività, come la concia delle pelli nell'Alto Medioevo. Ciò nonostante il settore primario rimase quello predominante fino almeno al XVI secolo.[83] I raccolti più importanti erano quelli di cereali e vino.

L'agricoltura biodinamica nasce dallo sviluppo degli impulsi dati da Rudolf Steiner, fondatore dell'antroposofia, per una nuova agricoltura che si basi sul potenziamento della fertilità del terreno. Una delle ultime realtà del patrimonio agricolo comunale è la Cascina Burattana, angolo verde situato da quattro secoli a nord del quartiere.[84] Ormai realtà in espansione, la cooperativa sociale agricola Cascina Burattana, nata nel 2011 con lo scopo di promuovere l'agricoltura biodinamica, ha acquisito pieno titolo per essere protagonista nella trasformazione della cascina. Originariamente di proprietà della famiglia nobiliare Durini, è stata acquistata dal comune di Busto Arsizio, insieme ai suoi terreni, negli anni novanta.[85] I terreni, dati in uso alla cooperativa sociale, sono in fase di certificazione biodinamica e gli stabili, soggetti a forte degrado, sono oggetto di un progetto di restauro che verrà presentato dalla cooperativa alle amministrazioni nell'ambito delle iniziative dell'Expo 2015.[86]

L'allevamento del baco da seta (i bigàti) fu praticato nell'Altomilanese da tempo immemorabile. Fino all'avvento delle prime fibre artificiali (anni trenta del XX secolo) che portò al crollo del prezzo della seta sul mercato, l'Alto Milanese era la capitale della bachicoltura italiana,[87] una delle prime al mondo.[88] Si tratta di una tradizione secolare, che risale alla fine del Medioevo, e che era praticata in modo massivo nelle famiglie bustesi. Tale attività fu una di quelle che contribuirono a trasformare Busto Arsizio nella «Manchester d'Italia»,[35] ossia in uno dei più importanti centri per la produzione tessile. Proprio a supporto della bachicoltura, a Busto Arsizio, nei cortili delle case, veniva coltivato il gelso, indispensabile nutrimento dei bachi da seta.[87]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Già nel XVI secolo Busto Arsizio era rinomata per la produzione del fustagno, un tessuto robusto e resistente, che ha le sue origini nel Basso Medioevo.[89] Diffusa a Busto Arsizio è la lavorazione del peltro, finalizzata alla produzione di oggetti artistici, monili, trofei, vassoi e piatti.[90]

Industria[modifica | modifica wikitesto]

Due delle "cento" ciminiere di Busto Arsizio appartenenti al cotonificio "Giovanni Milani & Nipoti"

Busto Arsizio è stata per anni uno dei più importanti centri tessili d'Italia, tanto da essere conosciuta anche all'estero.[91] Già agli inizi dell'800 vi troviamo la ditta "Benigno Crespi", appartenente ad una famiglia di lunga tradizione bustocca, soprannominata dei "Tengitt". Furono proprio Benigno Crespi e suo figlio Silvio che vollero costruire Crespi d'Adda, un villaggio operario dominato dal castello del padrone, che simboleggiava l'autorità e benevolenza verso gli operai e le loro famiglie.[92]

Nel 1995, il villaggio industriale di Crespi d'Adda, fu accolto da parte del Comitato per il Patrimonio Mondiale dell'Unesco nella Lista del Patrimonio Mondiale Protetto in quanto "Esempio eccezionale del fenomeno dei villaggi operai, il più completo e meglio conservato del Sud Europa".[93]

In città si ebbe formazione di un ceto di imprenditori che avviò le prime manifatture tessili. Contemporaneamente si creò la figura dell'operaio-contadino che trovava impiego in tali manifatture senza però mai trascurare completamente le attività agricole. Con il passare del tempo l'Altomilanese si apprestava a diventare un motore pulsante dell'economia lombarda ed un'area di eccellenza dell'industria manifatturiera nazionale. Busto Arsizio iniziò ad essere chiamata "la Manchester d'Italia" o "la città delle 100 ciminiere".[94]

Tra le industrie che hanno fatto la storia di Busto Arsizio, si possono ricordare la Tintoria Giovanni Garavaglia (1863), la Società Anonima Airoldi e Pozzi (1863), la Giovanni Milani & Nipoti (1870),[95] il Cotonificio Venzaghi (1876),[96] il Cotonificio Enrico Candiani (1876), la Metallurgica Marcora (1878), le Officine Meccaniche Rodolfo Comerio (1878), il Cotonificio Giuseppe Pozzi (1878), la Tintoria Roberto Cerana (1880), la Tintoria Pietro Garavaglia (1880), le Industrie Grafiche Servi (1880) la Società Anonima Gas Molteni (1881), il Calzaturificio Giuseppe Borri (1882), il Cotonificio Lissoni Castiglioni (1888), la Manifattura Tosi (1888) e le Officine Meccaniche Ercole Comerio (1890).

Nel 1917 gli imprenditori dell'area bustese diedero vita alla Federazione Industriale dell'Alto Milanese.[97] Dopo la pausa corporativa del ventennio fascista (prima della seconda guerra mondiale contava la presenza di 65 industrie[91]), gli imprenditori di Busto Arsizio si unirono nell'Unione Bustese degli Industriali nel 1949.

Nel 1951 fu creata, sul confine sud della città, la cosiddetta "Mostra del Tessile". Fu opera degli uomini più conosciuti e avveduti della città: il banchiere Benigno Airoldi, gli industriali Antonio Tognella, Carlo Schapira, Enrico Candiani, Alessandro Pozzi, il sindaco Giovanni Rossini, i parlamentari Cipriano Facchinetti, Morelli, Tosi.

Se negli anni cinquanta del XX secolo, per quanto riguarda il settore tessile, Busto Arsizio era prevalentemente una scuola di taglio e cucito orientata alla produzione, al giorno d'oggi invece l'orientamento è quello dello sviluppo tecnico.[98]

L'industria bustocca si è comunque molto diversificata, anche a causa della crisi che ha investito il settore tessile. La città ha saputo far fronte al declino del tessile in due modi: incentivando altri campi del settore secondario (l'industria meccanica, la lavorazione della plastica e l'edilizia) e sviluppando costantemente il settore commerciale e del terziario.[91]

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Enrico dell'Acqua

Anche per quanto riguarda il settore terziario, si hanno illustri esempi di eccellenza già nei secoli passati. Basti pensare che l'Antico Salumificio Bustese esportava in America già alla fine dell'Ottocento,[99] oppure che in quegli stessi anni Enrico dell'Acqua, pioniere dell'esportazione cotoniera in Italia e soprannominato "il principe mercante" da Luigi Einaudi, aveva creato un'importante rete di commercio soprattutto con l'America latina.[100]

Il terziario locale bilancia in numero di addetti l'attività manifatturiera, da sempre vocazione del comune di Busto Arsizio.[25] Secondo i dati del 2005[101] relativi al tessuto economico della città, le imprese sono in totale 7 342. Per quanto riguarda la ripartizione per settore, commercio (1 846 imprese) e attività immobiliari (1 800 imprese) ricoprono il maggior numero di imprese attive. Le attività manifatturiere contano 1 255 imprese attive.[102]

Il gruppo Biocell Center, costituito da aziende in Italia, Svizzera e Stati Uniti è il primo centro ricerche al mondo ad aver sviluppato un metodo di trattamento e crioconservazione delle cellule staminali amniotiche.[103]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Svincoli in località "Cinque Ponti"
Facciata della stazione RFI

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Busto Arsizio è servita dall'Autostrada dei Laghi e dalla strada statale 336 dell'Aeroporto della Malpensa, nonché dalle strade statali numero 33 del Sempione, 341 Gallaratese e 527 Bustese.

Ferrovie e tranvie[modifica | modifica wikitesto]

La città dispone della stazione di Busto Arsizio, posta lungo la ferrovia del Sempione e gestita da Rete Ferroviaria Italiana e dalla stazione di Busto Arsizio Nord, posta sulla linea Novara-Seregno e località di diramazione per la Busto Arsizio-Malpensa Aeroporto, gestita da Ferrovienord.

Entrambi gli impianti sono serviti da relazioni regionali e suburbane gestite da Trenord e TiLo nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Lombardia.

Fra il 1881 e il 1951 la città era altresì servita dalla tranvia Milano-Gallarate, gestita dalla STIE[104].

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

La mobilità urbana di Busto Arsizio è servita mediante autoservizi gestiti dalla stessa STIE [105] e dalla Società Movibus.[106]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei sindaci di Busto Arsizio[modifica | modifica wikitesto]

Busto raffigurante il sindaco Carlo Azzimonti
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1850 1853 Carlo Tosi Sindaco
1853 Cesare Rossi Sindaco
1856 1863 Pasquale Pozzi Sindaco
1863 1868 Carlo Crespi (detto Cordafina[107]) Sindaco
1868 1872 Carlo Tosi Sindaco
1872 1º gennaio 1874 Luigi Krumm Assessore anziano
2 gennaio 1874 11 luglio 1875 Luigi Krumm Sindaco
1875 1884 Giuseppe Lualdi Sindaco
1884 Orsino Orsini Commissario
1884 Angelo Gambero Sindaco f.f.[108]
1884 1885 Ernesto Travelli Sindaco f.f.
1885 1889 Paolo Crespi Porro Sindaco f.f.
Leopoldo Candiani Sindaco
Ercole Marinoni Sindaco
1890 1895 Attilio Ballarati Sindaco
1896 1902 Pietro Tosi Sindaco
1903 1904 Cesare Rossi Sindaco
1906 1907 Giuseppe Rossi Sindaco
1909 1914 Pietro Tosi Sindaco
1914 1923 Carlo Azzimonti Partito Socialista Italiano Sindaco [109]
1924 1930 Ottorino Maderna Podestà
1931 1º settembre 1943 Ercole Lualdi Podestà
2 settembre 1943 25 aprile 1945 Carlo Azzimonti Commissario prefettizio [110]
26 aprile 1945 1946 Camillo Tosi Sindaco
1946 1947 Mario Grampa Partito Socialista Italiano Sindaco [111]
1947 1961 Giovanni Rossini Democrazia Cristiana Sindaco
1961 1970 Gian Pietro Rossi Democrazia Cristiana Sindaco [112]
1970 1972 Giuseppe Castiglioni Democrazia Cristiana Sindaco
1972 1974 Giorgio Ughetto Haraszthy Democrazia Cristiana Sindaco
1974 1975 Gian Luigi Baratelli Democrazia Cristiana Sindaco
1975 1976 Gian Pietro Rossi Democrazia Cristiana Sindaco
1976 Ascanio Besnati Partito Repubblicano Italiano Sindaco
1976 1977 Felice Pozzi Democrazia Cristiana Sindaco
1977 1979 Giancarlo Tovaglieri Democrazia Cristiana Sindaco
1979 1985 Angelo Borri (il "sindaco buono"[113]) Democrazia Cristiana Sindaco [114]
1985 1988 Gian Pietro Rossi Democrazia Cristiana Sindaco
1988 1990 Luigi Caccia Democrazia Cristiana Sindaco
1990 1993 Gian Pietro Rossi Democrazia Cristiana Sindaco
1993 Umberto Calandrella Commissario straordinario
Dicembre 1993 25 maggio 2002 Gianfranco Tosi Lega Nord Sindaco
26 maggio 2002 30 gennaio 2006 Luigi Enrico Rosa Lega Nord Sindaco
1º febbraio 2006 29 maggio 2006 Paolo Guglielman Commissario prefettizio
30 maggio 2006 5 giugno 2016 Gianluigi Farioli (detto Gigi[115]) Forza Italia/Popolo della Libertà Sindaco
5 giugno 2016 in carica Emanuele Antonelli centrodestra Sindaco

Consiglio Comunale dei Ragazzi[modifica | modifica wikitesto]

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi ha il compito di deliberare in via consultiva nelle seguenti materie: politica ambientale, sport, tempo libero, giochi, rapporti con l'associazionismo, cultura e spettacolo, pubblica istruzione, assistenza ai giovani e agli anziani, rapporti con l'UNICEF.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 maggio 2012 è stato siglato un patto di amicizia con il comune di Scopello.[117]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio del comune è la Pro Patria, fondata nel 1919, che milita nel campionato di Lega Pro. Nella sua storia ha disputato quattordici campionati di Serie A. Tra le squadre minori vi è il Busto 81, militante in Promozione,[118] nonché prima squadra cittadina dopo la Pro Patria ad essere promossa in Eccellenza.[119]

La principale squadra locale di pallavolo femminile è la Futura Volley Busto Arsizio, vincitrice di un campionato, due Coppe CEV, una Coppa Italia e una Supercoppa italiana.

Busto Arsizio ha ospitato nel 2011 il Campionato europeo di pallavolo femminile, e nel 2015 il Campionato europeo di pallavolo maschile.

La Pro Patria Scherma, già Società Ginnastica Pro Patria et Libertate, fondata nel 1881, è una delle associazioni sportive più antiche d'Italia.[120]

Nel 1997, dalla fusione delle attività agonistiche di Bustese Nuoto e Busto Pallanuoto, è nata Busto Nuoto A.S.[121]. La squadra di nuoto sincronizzato ha vinto nel 2014 il titolo italiano nei campionati juniores.[122]

L'ingresso della piscina di via Manara prima delle modifiche apportate nel 1983

Società di atletica leggera sono la Pro Patria A.R.C. Busto Arsizio e l'Atletica San Marco[123] che ha organizzato il campionato italiano di mezza maratona nel 1999[124], vinto da Giuliano Battocletti e Maria Guida.

Busto Arsizio è stata tre volte sede di tappa al Giro d'Italia: nel 1985 la prima tappa è stata vinta da Urs Freuler; nel 2001 la diciannovesima tappa, ha visto la vittoria di Mario Cipollini e nel 2012, la quindicesima tappa è stata vinta da Matteo Rabottini. Per alcuni anni si tenne nel comune la corsa in linea maschile Coppa Città di Busto Arsizio.

Tra il 1984 e il 1986 Busto Arsizio è stata la sede della società di football americano Frogs, proveniente da Gallarate, in seguito trasferitasi a Legnano. Nel 1984 vinse per la prima volta il Superbowl italiano.[125]

Nel comune è presente una squadra di tackle football che milita in seconda divisione FIDAF, i Blue Storms[126] , sono inoltre presenti due squadre di flag football maschile: Blue Storms e Flames Busto Arsizio ed una squadra femminile di tackle football.[127] [128]

La pista di atletica leggera di Sacconago.

La Pallacanestro Busto Arsizio Associazione Dilettantistica è la principale squadra di basket della città,[129][130][131] che milita in Promozione.

Nel 1956 nasce la società Accademia Bustese Pattinaggio, una delle società italiane di più antica affiliazione alla Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio.[132][133] Fra i maggiori risultati conseguiti, figurano il titolo italiano di società negli anni 1959, 1960, 1961, 1962. Ha vinto inoltre due titoli italiani di società nel 2011 e 2012 e due titoli mondiali individuali.[134]

La Società Mandamentale di Tiro a Segno di Busto Arsizio, ora Sezione di Tiro a Segno Nazionale, è stata fondata nel 1883.[135] Trent'anni dopo la sua fondazione, nel 1914, Vittorio Emanuele di Savoia-Aosta, conte di Torino, inaugurò un nuovo campo di tiro destinato oltre che ai cittadini di Busto Arsizio e zone limitrofi, anche all'addestramento dei militari della Caserma "S.Ten. Ugo Mara" di Solbiate Olona.[136] L'organizzazione di tiro a segno, assolve senza fini di lucro, in ambito territoriale, i compiti istituzionali e sportivi dell'Unione Italiana Tiro a Segno.

Nel 2012 e nel 2015, si è disputato il torneo di tennis Busto Arsizio Open, facente parte della categoria ITF Men's Circuit.[137][138]

Inoltre, dal 1978 ha sede nel comune la società di twirling Club Twirling Sacconago[139] nel quale ha militato Chiara Stefanazzi, oro mondiale nella categoria junior nel 1993 e senior nel 1996 oltreché campionessa europea negli anni 1994, 1996, 1998 e 2000.

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio Carlo Speroni, costruito nel 1927[140] ha subito varie ristrutturazioni ed ampliamenti, l'ultima delle quali nel luglio 2011 con la creazione di un'ulteriore curva nel settore ospiti. Viene utilizzato principalmente per le partite di calcio casalinghe della Pro Patria, nel 2011 ha ospitato la finale nazionale del Campionato italiano di football a 9.

Il PalaYamamay, intitolato a Maria Piantanida, ospita gli incontri casalinghi della Futura Volley Busto Arsizio.

Il campo sportivo Carlo Reguzzoni (oggi demolito) era un impianto con pista di atletica leggera. Aveva uno sviluppo di 414 metri, il rettilineo finale lungo 150 metri e le curve con sopraelevazione massima di 65 centimetri. Nel 1922 ospitò i tredicesimi campionati italiani assoluti di atletica leggera, evento condiviso con la città di Milano[141].

Ha sede in città il centro di atletica leggera Angelo Borri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per chi abita nei quartieri di Borsano e Sacconago si usano rispettivamente i termini "borsanese" (Borsano) e "sinaghino" (Sacconago, dal nome dialettale della frazione, "Sinàgu").
  2. ^ a b Dato Istat al 28 febbraio 2016
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Citato in: Bondioli, 1937-54, vol. II, p.145
  5. ^ Comuni lombardi per popolazione - dati ISTAT aggiornati al 01/01/2013, tuttitalia.it. URL consultato il 21 agosto 2014.
  6. ^ Popolazione di Varese - Demo Istat, demo.istat.it. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  7. ^ tuttitalia.it - dati istat popolazione comuni in provincia di varese, tuttitalia.it. URL consultato il 3 agosto 2014.
  8. ^ a b c Marinoni, 1957, pp. 37-50
  9. ^ a b c d Tradizioni e feste popolari - Sito istituzionale di Busto Arsizio, comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  10. ^ a b c "Scòedi a sedi"? Virtuosismi della parlata bustocca, informazioneonline.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  11. ^ a b c d Giavini, 2002, pp. 17-38
  12. ^ a b c AA.VV., 1981, p. 252 citando Magni-Pacciarotti, 1977 parlando di "isola" linguistica.
  13. ^ a b c La Giöbia dai Liguri antichi al Duemila, www3.varesenews.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  14. ^ Busto Arsizio: Clima e Dati Geografici, su Comuni-italiani.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  15. ^ Magni-Pacciarotti, 1977, p. 5
  16. ^ Relazione tecnica, comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  17. ^ Classificazione climatica Lombardia, dati Confedilizia, confedilizia.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  18. ^ Medie climatiche 1961-1990, wunderground.com. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  19. ^ Dati climatologici medi a Malpensa, eurometeo.com. URL consultato il 2 agosto 2014.
  20. ^ Atlante climatico di Milano Malpensa (PDF), clima.meteoam.it. URL consultato il 3 agosto 2014.
  21. ^ Carta della nevosità media sulla pianura padana, marcopifferetti.altervista.org. URL consultato il 26 agosto 2014.
  22. ^ La neve in pianura in Italia. Quarta Parte: nevosità media annuale padana, meteogiornale.it. URL consultato il 26 agosto 2014.
  23. ^ Magni-Pacciarotti, 1977, p. 13
  24. ^ AA.VV., 1981, p. 40. Nello stesso anno, come si legge alla stessa pagina del libro citato, crollò l'ultima delle sette torri della Busto medievale.
  25. ^ a b Piano Strategico di Busto Arsizio (PDF), comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 3 agosto 2014.
  26. ^ Spada, 2004, p. 18
  27. ^ Personaggi ed eventi a Busto Arsizio dal 1864 ad oggi, www3.varesenews.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  28. ^ Parabiago, parabiago.net. URL consultato il 2 agosto 2014.
  29. ^ a b Statuto Comunale, comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 25 agosto 2014.
  30. ^ Lo stemma ufficiale della città di Busto Arsizio, bustocco.com. URL consultato il 31 agosto 2014.
  31. ^ Stemma, bustocco.com. URL consultato il 25 agosto 2014.
  32. ^ Medaglia d'Oro ai Benemeriti della Scuola, della Cultura e dell'Arte, quirinale.it. URL consultato il 25 agosto 2013.
  33. ^ Resistenza, si celebra la medaglia di bronzo concessa alla città, www3.varesenews.it. URL consultato il 25 agosto 2013.
  34. ^ La motivazione è visionabile all'url del Sito dell'Istituto Nastro Azzurro, istitutonastroazzurro.it. URL consultato il 25 agosto 2014.
  35. ^ a b Garavaglia, 1997, p.12
  36. ^ Piano di zona 2009-2011 (PDF), comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  37. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 3 agosto 2014.
  38. ^ Dato Istat al 01/01/2015, tuttitalia.it. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  39. ^ Si veda in particolare Giorgio D'Ilario, Dizionario legnanese - Proverbi e modi di dire dialettali - Con un'introduzione sulle parlate dall'Olona al Ticino, 1991. "Si ebbe dunque subito una prima diversificazione del latino dovuta alle abitudini dei singoli popoli conquistati, ossia al diverso sostrato linguistico. La valutazione di questo elemento ha dato luogo ad ampie discussioni. Un tempo si credeva di poterlo facilmente determinare in questa o quella caratteristica fonetica; oggi si procede in questo campo con più dubitosa cautela" (ivi, p. 32).
  40. ^ L'Unitalsi ricorda Azzimonti, poeta dialettale, www3.varesenews.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  41. ^ Nasce a Busto Arsizio la grammatica lombarda, archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 2 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  42. ^ Esopo: trenta favole scelte / traduzione in dialetto bustocco di Mariolino Rimoldi, opac.bncf.firenze.sbn.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  43. ^ Ul vangèli tème lu cönta ul San Marcu, bustocco.com. URL consultato il 2 agosto 2014.
  44. ^ La Giöbia dai Liguri antichi al Duemila, www3.varesenews.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  45. ^ Brüsa la Giôeubia, univa.va.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  46. ^ Alcuni passi tratti dalla delibera sono i seguenti. Premesso che il termine Tarlisu è il corrispondente dialettale di “traliccio”, denominazione consuetudinaria di un particolare tipo di tessuto, particolarmente idoneo per le sue caratteristiche a mantenere all'interno il piumino d'oca o la lana di pecora, tinteggiato a righe bianche e marroni, prodotto sempre in quantità predominante nei tanti opifici della città, divenuta famosa anche all'estero per la sua produzione ed esportazione cotoniera tanto da essere chiamata la "Manchester d'Italia"[...]; [...]ritenuto che il Tarlisu abbia tutte le caratteristiche per poter essere considerato la maschera tipica della città e possa quindi essere proclamato tale, nel quadro di una giusta valorizzazione delle tradizioni locali e del patrimonio culturale e folkloristico bustocco, con un atto formale e solenne che consacri, per il carnevale in atto e per quelli a venire, il Tarlisu Maschera Bustocca; [...]delibera di proclamare a tutti gli effetti Maschera tipica della Città di Busto Arsizio il Tarlisu.
  47. ^ La Famiglia Bustocca, lafamigliabustocca.org. URL consultato il 2 agosto 2014.
  48. ^ Dalle moto ai panini, quante cantonate sugli anni ’80, ilgiornale.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  49. ^ Biblioteca capitolare e archivio storico, su bustosgb.it, Parrocchia Prepositurale Collegiata di San Giovanni Battista. URL consultato il 1º novembre 2015.
  50. ^ Lombardia Beni Culturali - Lascito e biblioteca conte Dino Crespi, lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 2 novembre 2015.
  51. ^ MIUR, cercalatuascuola.istruzione.it. URL consultato il 27 agosto 2014.
  52. ^ Uninsubria - Sede di Busto Arsizio, www3.uninsubria.it. URL consultato il 29 agosto 2014.
  53. ^ AA.VV., 2006, Vol. I, p. 257
  54. ^ Bartolomeo (Nino) Miglierina, lafamigliabustocca.org. URL consultato il 31 luglio 2014.
  55. ^ Radio Busto: la prima voce che annunciò la libertà, www3.varesenews.it. URL consultato il 31 luglio 2014.
  56. ^ Busto, com'eri pioniera. Le tv però ora piangono, laprovinciadivarese.it. URL consultato il 31 luglio 2014.
  57. ^ Radio Millennium, storiaradiotv.it. URL consultato il 28 luglio 2014.
  58. ^ Busto Arsizio 24 - Anno I, n. 1 e n.2, novembre 2009, comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  59. ^ Busto, la prima annunciatrice racconta Telealtomilanese, laprovinciadivarese.it. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  60. ^ Istituto Antonioni, istitutoantonioni.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  61. ^ fondazione ICMA, istitutoantonioni.it. URL consultato il 24 agosto 2014.
  62. ^ Compagnia fondata nel 1905. Filodrammatica Cittadina Paolo Ferrari, xoomer.virgilio.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  63. ^ Palketto Stage, palchetto.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  64. ^ Orchestra fondata nel 1905. Mandolinisti Bustesi, mandolinistibustesi.it. URL consultato il 3 agosto 2014.
  65. ^ Magni-Pacciarotti, 1977, p. 58
  66. ^ Muusi e cupeti a Busto. La tradizione si rinnova, in La Provincia di Varese, 8 dicembre 2012. URL consultato il 30 luglio 2014.
  67. ^ Giobia e risotto con la luganiga: la tradizione si rinnova giovedì 29 gennaio, varesenews.it. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  68. ^ Bustofolk 2014, irlandaonline.com. URL consultato il 23 agosto 2014.
  69. ^ Francesco da Busto è ricordato nel Proemio del De divina proportione di Luca Pacioli insieme a Leonardo da Vinci ed altri personaggi della corte sforzesca.
  70. ^ Beato Bernardino de' Bustis, santiebeati.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  71. ^ Magni-Pacciarotti, 1977, p. 43
  72. ^ Piano Strategico di Busto Arsizio - Figura 3.2 (PDF), comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 30 agosto 2014.
  73. ^ AA.VV., 1981, p. 356
  74. ^ a b AA.VV., 1981, p. 359
  75. ^ AA.VV., 1981, pp. 267-268
  76. ^ Piano Regolatore Generale: variante generale 1992/1993, comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  77. ^ Documento di inquadramento dei programmi integrati di intervento, comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  78. ^ Legge 12/2005 della Lombardia (PDF), provincia.milano.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  79. ^ Popolazione di Castellanza, demo.istat.it. URL consultato il 23 agosto 2014. Popolazione di Olgiate Olona, demo.istat.it. URL consultato il 23 agosto 2014. Popolazione di Marnate, demo.istat.it. URL consultato il 23 agosto 2014. Popolazione di Gorla Minore, demo.istat.it. URL consultato il 23 agosto 2014. Popolazione di Solbiate Olona, demo.istat.it. URL consultato il 23 agosto 2014. Popolazione di Gorla Maggiore, demo.istat.it. URL consultato il 23 agosto 2014. Popolazione di Fagnano Olona, demo.istat.it. URL consultato il 23 agosto 2014.
  80. ^ Fitch conferma, Busto più ricca della media Ue, www3.varesenews.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  81. ^ Mercanti-imprenditori ed operai a Busto Arsizio nel XVIII secolo (PDF), ledonline.it. URL consultato il 2 agosto 2014.
  82. ^ Touring Club, 2002, p.12
  83. ^ Garavaglia, 1997, pp.7–12
  84. ^ La cascina burattana, atosi.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  85. ^ Il fienile della Cascina Burattana ha perso il tetto, cascinaburattana.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  86. ^ L'Expo salverà la cascina Burattana, www3.varesenews.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  87. ^ a b Busto Arsizio, Manchester, archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 1º settembre 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  88. ^ Bachicoltura a Crescenzago, lagobba.it. URL consultato il 1º settembre 2014.
  89. ^ Busto Arsizio, vareseturismo.altervista.org. URL consultato il 30 luglio 2014.
  90. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 1, Roma, A.C.I., 1985, p. 14.
  91. ^ a b c Busto Arsizio, itinerariesapori.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  92. ^ Il valore e la storia, villaggiocrespi.it. URL consultato il 21 agosto 2014.
  93. ^ Crespi d'Adda, l'insediamento industriale, turismo.regione.lombardia.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  94. ^ Busto, dalle "cento ciminiere" alle 150 antenne, www3.varesenews.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  95. ^ Imprenditori tessili bustesi - Famiglia Milani, archiviocinemaindustriale.it. URL consultato il 17 giugno 2016.
  96. ^ Imprenditori tessili bustesi - Achille Venzaghi, archiviocinemaindustriale.it. URL consultato il 17 giugno 2016.
  97. ^ La nostra storia, univa.va.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  98. ^ Una scuola che misura l'economia del territorio, www3.varesenews.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  99. ^ Il salame prealpino, da Alboino ai cerveleé, univa.va.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  100. ^ Colombo, 1999
  101. ^ Imprese attive iscritte al Registro Imprese nel 2005.
  102. ^ Piano strategico di Busto Arsizio (PDF), comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 22 agosto 2014. Pagina 84.
  103. ^ Biocell Center, biocellcenter.it. URL consultato il 30 luglio 2014.
  104. ^ Alessandro Albè, Guido Boreani, Giampietro Dall'Olio, La tramvia Milano - Gallarate, Calosci, Cortona, 1993. ISBN 9788877850867
  105. ^ STIE, gruppostarlodi.it. URL consultato il 25 agosto 2014.
  106. ^ Movibus, movibus.it. URL consultato il 25 agosto 2014.
  107. ^ Un tricolore risorgimentale in dono all'Amministrazione Comunale, in comune.bustoarsizio.va.it, dicembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2014.
  108. ^ Sindaco facente funzioni.
  109. ^ Era il più giovane sindaco d'Italia, essendo nato nel 1888.
  110. ^ Destituito dal prefetto per alcuni mesi a partire dal 17 novembre 1943.
  111. ^ Eletto senatore nel 1955.
  112. ^ Eletto senatore nel 1976.
  113. ^ Marco Corso, Il "sindaco buono" trova finalmente il suo stadio, in VareseNews, 12 settembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2014.
  114. ^ Angelo Borri: tifoso e sindaco, bustocco.com. URL consultato il 30 luglio 2014.
  115. ^ Elezioni Amministrative del 15 e 16 maggio 2011 - Città di Busto Arsizio, servizi.comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 21 agosto 2014.
  116. ^ a b c Gemellaggi della Regione Lombardia (PDF), AICCRE, settembre 2010. URL consultato il 2 agosto 2014.
  117. ^ L'amicizia fra Busto e Scopello nasce con il Giro d'Italia, in VareseNews, 18 maggio 2012. URL consultato il 21 agosto 2014.
  118. ^ Busto 81 rimontato e sconfitto dal Cairate. Vittoria di carattere per il Cas, informazioneonline.it. URL consultato il 4 novembre 2015.
  119. ^ Festa Busto 81: è Eccellenza, varesenews.it. URL consultato l'11 aprile 2016.
  120. ^ Associazione Schermistica "Pro Patria et Libertate", itctosi.va.it. URL consultato il 23 agosto 2014.
  121. ^ Busto Nuoto A.S., bustonuoto.com. URL consultato il 29 luglio 2014.
  122. ^ Estivi junior. Vince Busto Nuoto, federnuoto.it. URL consultato il 29 luglio 2014.
  123. ^ Atletica san Marco, atleticasanmarco.it. URL consultato il 29 luglio 2014.
  124. ^ Storia, atleticasanmarco.it. URL consultato il 29 luglio 2014.
  125. ^ Palmares. Superbowl italiano, superbowl2014.it. URL consultato il 29 luglio 2014.
  126. ^ Francesco Mazzoleni, Buona la prima, i Blue Storms approdano ai quarti di finale, in VareseNews, 8 giugno 2015. URL consultato l'08 giugno 2015.
  127. ^ Barbara Allaria, progetti Comunicato Stampa: Dopo il Super Bowl è già tempo di progetti , in Bluestorms.it, 16 luglio 2012. URL consultato il 29 luglio 2014.
  128. ^ Blue Storms, il nuovo coach è Giovanni Ganci, in VareseNews, 16 gennaio 2013. URL consultato il 29 luglio 2014.
  129. ^ Nuova vita alla pallacanestro cittadina, informazioneonline.it. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  130. ^ La Bustese riparte dalla serie D, informazioneonline.it. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  131. ^ Serie D – Pallacanestro Busto Arsizio, una stagione di alti e bassi. Traietta: "Pensavamo fosse più semplice", varesesport.com. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  132. ^ Gian Carlo Castiglioni. Un dirigente di successo, informazioneonline.it. URL consultato il 29 luglio 2014.
  133. ^ III festival pattinaggio a rotelle (PDF), accademiabustesepattinaggio.com. URL consultato il 25 febbraio 2015.
  134. ^ Accademia Bustese Pattinaggio, successi internazionali, informazioneonline.it. URL consultato il 4 novembre 2015.
  135. ^ Tiro a segno nazionale. Sezione di Busto Arsizio, tsnbusto.com. URL consultato il 5 novembre 2015.
  136. ^ Tiro a segno nazionale. Sezione di Busto Arsizio. Storia, tsnbusto.com. URL consultato il 5 novembre 2015.
  137. ^ Italy F14 Futures, itftennis.com. URL consultato il 5 ottobre 2015.
  138. ^ Il grande tennis torna in Città da sabato 27 giugno con il Futures ITF Busto Arsizio, comune.bustoarsizio.va.it. URL consultato il 5 ottobre 2015.
  139. ^ Club Twirling Sacconago, clubtwirlingsacconago.it. URL consultato il 29 luglio 2014.
  140. ^ Pro Patria, giocatori senza stipendio occupano lo stadio insieme ai tifosi, itasportpress.it. URL consultato il 29 luglio 2014.
  141. ^ Campionati "assoluti" – Uomini. Tutti i campioni italiani – 1906-2013 (PDF), su sportolimpico.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pio Bondioli, Storia di Busto Arsizio (2 voll.), Lativa, 1937-54.
  • Augusto Marinoni, I dialetti da Saronno al Ticino. Busto Arsizio-Legnano, Rotary Club, 1957.
  • Carlo Magni e Giuseppe Pacciarotti, Busto Arsizio - Ambiente storia società, Busto Arsizio, Freeman Editrice, 1977, SBN IT\ICCU\MIL\0534586.
  • Rodolfo Rogora, Stefano Ferrario e Luigi Belotti, Sommario di storia bustese dalle origini ai tempi nostri, Azzate, L.V.G. Editrice, 1981, SBN IT\ICCU\LO1\0369269.
  • Giampiero Magugliani (a cura di), Busto Arsizio. Storia di una città attraverso le sue vie e le sue piazze, Busto Arsizio, Pianezza s.r.l., 1985, SBN IT\ICCU\CFI\0239636.
  • Amici del Liceo, Vita bustese. Rassegna di vita bustese, documenti ed immagini 1920-1940, Busto Arsizio, Bramante Editrice, 1989, SBN IT\ICCU\LO1\0064227.
  • Giovanni Battista Lupi, Francesco Bertolli e Umberto Colombo, La peste del 1630 a Busto Arsizio, Busto Arsizio, Bramante Editrice, 1990, SBN IT\ICCU\MIL\0065686.
  • Franco Bertolli, Giuseppe Pacciarotti e Augusto Spada, Chiese minori a Busto Arsizio: San Gregorio e Beata Vergine delle Grazie (Sant'Anna), Busto Arsizio, Libreria della Basilica, 1991, SBN IT\ICCU\LO1\0101178.
  • Elisabetta Ferrario Mezzadri, Santino Langè e Andrea Spiriti, Il Palazzo Marliani Cicogna in Busto Arsizio: da dimora patrizia a palazzo pubblico, Busto Arsizio, Arti Grafiche Baratelli, 1992, SBN IT\ICCU\LO1\0245848.
  • Maurizio Sbicego, Busto città amata, testi storici di Franco Bertolli e Augusto Spada, Azzate (Varese), Macchione Editore, 1996, SBN IT\ICCU\LO1\0421718.
  • Alberto Garavaglia, Museo del Tessile e della Tradizione Industriale di Busto Arsizio, Busto Arsizio, Freeman Editrice, 1997, SBN IT\ICCU\LO1\0771542.
  • Daniela Maffioli, La Capitolare di Busto Arsizio attraverso la storia e alcuni suoi codici (XII-XV secolo), Olgiate Olona, Mariani Artigrafiche s.r.l., 1998, SBN IT\ICCU\CFI\0416791.
  • Luca Colombo, L'impero del cotone: storia di Enrico Dell'Acqua, industriale bustese che conquistò l'America, Busto Arsizio, Pianezza Editore, 1999, SBN IT\ICCU\CFI\0465050.
  • Aurora Scotti Tosini, La Basilica di San Giovanni Battista a Busto nell'opera di Francesco Maria Ricchino, Busto Arsizio, Freeman Editrice, 2001, SBN IT\ICCU\MIL\0511818.
  • Giuseppe Tettamanti, Zibaldone Cronaca Altri Scritti, Busto Arsizio, Edizioni de "la Provvidenza", 2001, SBN IT\ICCU\LO1\0581110.
  • Elisabetta Palmisano, Il Settecento a Busto Arsizio: economia e società nel periodo delle riforme teresiane, Busto Arsizio, Freeman editrice, 2002, SBN IT\ICCU\LO1\0609422.
  • Gian Franco Ferrario, Busto Arsizio. Emozioni Liberty, Busto Arsizio, Macchione Editore, 2002, ISBN 88-8340-111-5.
  • AA.VV., Molini Marzoli Massari. Un recupero di eccellenza. La Tecnocity di Busto Arsizio, Busto Arsizio, Macchione editore, 2002, ISBN 88-8340-110-7.
  • Luigi Giavini, Le origini di Busto Arsizio dai Liguri ai Longobardi, Nomos Edizioni, 2002, SBN IT\ICCU\BVE\0298289.
  • Varese e provincia: le Prealpi, le valli, i laghi : ville, monasteri, castelli, Touring editore, 2002, ISBN 88-365-2444-3.
  • AA.VV., Busto Arsizio, anno 1604 e dintorni, Busto Arsizio, Edizioni de "la Provvidenza", 2004, SBN IT\ICCU\LO1\0893815.
  • Augusto Spada, Conoscere la città di/Getting to know the city of Busto Arsizio, Busto Arsizio, Freeman Editrice, 2004, SBN IT\ICCU\LO1\0826777.
  • AA.VV., La chiesa di San Michele. Origine e storia, 2 voll., Busto Arsizio, Arti Grafiche Baratelli s.n.c., 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN248142895
Altomilanese Portale Altomilanese: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Altomilanese
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 22 gennaio 2009 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci in vetrina in altre lingue  ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki