Bumbasina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Bumbasina nella sfilata 2018

La Bumbasina è, assieme al Tarlisu, una delle maschere tipiche della città di Busto Arsizio.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'ideatore delle maschere è stato Giovanni Sacconago, il patron del carnevale bustocco.[2] È stata storicamente interpretata, tra gli altri, da Genny Cuccetti Castiglioni, scomparsa proprio dopo il termine della sfilata 2018 a causa di un malore[3][4].

La Bumbasina prende il nome da una stoffa grezza, la bombasina, inventata a Busto Arsizio nel Medioevo e famosa in tutte le corti d'Europa, in particolare in Germania. Veniva adibita alla fabbricazione di lenzuola, e divenne simbolo dell'attività dei cotonifici bustocchi.[5][6]

La maschera è anche l'emblema della Bumbasina Run, una società podistica cittadina nata nel 2017.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carnevale bustocco, tutti sui carri col Tarlisu e la Bumbasina, su www3.varesenews.it. URL consultato l'11 settembre 2013 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2013).
  2. ^ E' morto Giovanni Sacconago, su www3.varesenews.it. URL consultato l'11 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2013).
  3. ^ Genny la bumbasina se ne va nel giorno del carnevale, in VareseNews, 17 febbraio 2018. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  4. ^ Carnevale bustocco tragico: è morta la Bumbasina, su legnanonews.com. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  5. ^ La Maschera Bustocca, su bustocco.com. URL consultato il 2 giugno 2015.
  6. ^ La seconda Maschera Bustocca, su bustocco.com. URL consultato il 2 giugno 2015.
  7. ^ Bumbasinarun Busto Arsizio società podistica corsa, su bumbasinarun. URL consultato il 22 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]