Manifattura Tosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°36′46.87″N 8°51′42.3″E / 45.61302°N 8.86175°E45.61302; 8.86175

Manifattura Tosi & C.
Viale della Gloria - vecchia stazione di Busto Arsizio.jpg
Uno degli stabilimenti della Manifattura Tosi lungo la ferrovia (oggi viale della Gloria), all'angolo con via XX Settembre
StatoItalia Italia
Fondazione1888 a Busto Arsizio
Fondata daRoberto Tosi
ChiusuraAnni 1970 fallimento
Sede principalecorso XX Settembre 33, Busto Arsizio
SettoreTessile
Dipendenti2400[1] (1929)

La Manifattura Tosi & C. è stata un'azienda tessile con sede a Busto Arsizio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane Roberto Tosi (1850-1911[2]), non ancora ventenne, fondò l'azienda Agostino Tosi & C. che aveva sede a Busto Arsizio, in via San Michele, proprio di fronte all'omonima chiesa.

Nel 1888, dopo aver rilevato gli stabilimenti della Ditta Turati a Busto Arsizio (tessitura), situata in corso XX Settembre all'angolo con l'attuale viale Duca d'Aosta, e a Castellanza (tintoria), la ragione sociale si trasformò e sorse la Manifattura Tosi & C., la cui sede venne fissata in via XX Settembre 33[1]. Successivamente, vista la costante crescita dell'azienda, dal 1898 assunse la denominazione Società Anonima Manifattura Tosi.

Con il passare degli anni nuovi stabilimenti vennero aperti, fino ad arrivare a un totale di cinque complessi, tutti dotati di un macchinario imponente e molto innovativo per l'epoca. Alla morte di Roberto Tosi gli stabilimenti erano quelli di tessitura (con 874 telai) e di tintoria a Busto Arsizio e di Vittuone; altri due di candeggio e tintoria a Castellanza e un impianto di filatura e di ritorcitura a Novara[1].

Nel 1913 la Manifattura dava lavoro a circa 2000 operai e occupava una superficie di 225 000 m². Il ritmo della produzione rallentò durante la seconda guerra mondiale, quando la produzione era dedicata esclusivamente alle forniture militari. Nel dopoguerra gli stabilimenti furono interamente rinnovati e nel 1929 l'azienda occupava oltre 2400 operai[1].

Tra i Paesi in cui la Manifattura Tosi esportava i suoi prodotti c'erano Siria, Turchia, Bulgaria, Regno Unito, Francia, Germania, Paesi Bassi e Sudamerica.

Alla fine degli anni settanta l'azienda fallì e cessò l'attività. La villa che fu sede della manifattura, negli anni successivi ospitò le aule del liceo artistico Paolo Candiani[1], successivamente trasferitosi in altra sede in zona più centrale a Busto Arsizio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Manifattura Tosi, su itctosi.it. URL consultato il 23 marzo 2015.
  2. ^ Roberto Tosi, su cavalieridellavoro.it, Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro. URL consultato il 23 marzo 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]