Rifugio Città di Busto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rifugio Città di Busto
Rifugio Città di Busto.jpg
Il rifugio nel luglio 2009.
Ubicazione
Stato Italia Italia
Altitudine 2 480 m s.l.m.
Località Piano dei Camosci, Formazza
Catena Alpi Lepontine
Coordinate 46°26′02.01″N 8°21′46.94″E / 46.433892°N 8.363039°E46.433892; 8.363039Coordinate: 46°26′02.01″N 8°21′46.94″E / 46.433892°N 8.363039°E46.433892; 8.363039
Dati generali
Inaugurazione 1928
Proprietà Club Alpino Italiano, sezione di Busto Arsizio
Gestione Marco Valsesia
Periodo di apertura giugno-settembre
Capienza 52 posti letto
Locale invernale 6 posti
Mappa di localizzazione
Sito internet

Il rifugio Città di Busto è un rifugio alpino in alta Val Formazza, nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, a 2.480 m s.l.m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Foto del rifugio scattata nel 1935

Il rifugio, di proprietà della sezione di Busto Arsizio del CAI, fu costruito tra il 1926 ed il 1927 su progetto dell'architetto Silvio Gambini,[1] ed inaugurato nel 1928.

Caratteristiche e informazioni[modifica | modifica wikitesto]

È una costruzione in muratura di pietrame a due piani, rivestita internamente in legno. Offre un totale di 52 posti letto; è dotato di acqua corrente interna, docce calde, telefono pubblico, ed impianto di riscaldamento elettrico. Offre servizio di alberghetto, ed è di proprietà del CAI di Busto Arsizio. Il locale invernale dispone di 6 posti, ed è dotato di coperte e materiale per cucina.

Il rifugio è aperto dal primo week-end di giugno fino alla fine di settembre, salvo avverse condizioni meteo.

Accessi[modifica | modifica wikitesto]

Si accede al rifugio dal lago di Morasco, punto d'arrivo della statale della val Formazza. Da qui, seguendo una strada sterrata, si sale all'Alpe Bettelmatt, dove parte il sentiero diretto al piano dei camosci, seguendo il quale si arriva al rifugio.[2] L'itinerario è di tipo escursionistico, classificato con difficoltà T.

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Traversate[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio si trova sul percorso dell'Alta Via delle Alpi Ossolane, di cui è punto tappa. È inoltre a breve distanza dal percorso blu della Via Alpina.

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Nelle vicinanza del rifugio è stata aperto nel 2004 un sito d'arrampicata destinato principalmente ad uso didattico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Silvio Gambini: la carriera di un architetto tra Liberty e Razionalismo, Busto Arsizio, 1992, Città di Busto Arsizio, p. 194.
  2. ^ OMG - rifugio 3A

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]