Parco Ugo Foscolo (Busto Arsizio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco Ugo Foscolo
Parco Ugo Foscolo.jpeg
Parco Ugo Foscolo
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Busto Arsizio
Indirizzo via Ugo Foscolo
Caratteristiche
Tipo parco storico
Gestore Agesp
Apertura inverno: dalle 8.00 alle 18.00
estate: dalle 8.00 alle 21.00
Realizzazione
Proprietario Comune di Busto Arsizio
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°36′32.66″N 8°51′12.97″E / 45.609073°N 8.853602°E45.609073; 8.853602

Recinzione del vecchio cimitero vista dall'attuale via Ugo Foscolo
Il monumento ai reduci delle patrie battaglie

Il parco Ugo Foscolo è un parco del comune di Busto Arsizio che deve il nome alla sua ubicazione: si trova infatti lungo la via omonima (che collegava il centro con la vecchia stazione delle Nord), in particolare tra la chiesa di San Gregorio Magno in Camposanto e il palazzetto di via Ludovico Ariosto (rispettivamente a nord e a sud). A est è delimitato da un edificio del Liceo Artistico Paolo Candiani di recente costruzione.[1]

Sorge sull'area un tempo occupata dal vecchio cimitero cittadino, costruito quando i precedenti campisanti delle chiese di San Michele e San Giovanni erano diventati insufficienti. Il cimitero venne dismesso e trasformato in parco quando fu costruito il Cimitero Monumentale di Busto Arsizio, nel 1894. Il camposanto vicino alla chiesa di San Gregorio Magno, quando venne realizzato, si trovava al di fuori del borgo, accanto al lazzaretto[2] messo in funzione a causa della peste del 1630.

All'interno del parco è presente il monumento ai reduci delle patrie battaglie, inaugurato nel 1909[3], e costituito da due colonne doriche con una breve trabeazione; fu progettato dall'ingegnere Luigi Carlo Cornelli e realizzato dagli scultori Giulio Cassani ed Enrico Sirtori.

Il 21 maggio 1964 venne inaugurato il trenino delle meraviglie alla presenza del sindaco Rossi e con la benedizione di Monsignor Galimberti.

Nel 2011 il parco è stato teatro di una rappresentazione sulla peste del 1630.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un liceo di "classe A", il più grande d'Italia, www3.varesenews.it. URL consultato il 14 maggio 2013.
  2. ^ La processione delle anime dei defunti - bustocco.com, bustocco.com. URL consultato il =14 maggio 2013.
  3. ^ Augusto Spada, Conoscere la città di/Getting to know the city of Busto Arsizio, Busto Arsizio, Freeman editrice, 2004, p. 94.
  4. ^ A Busto Arsizio rivive la peste del 1600, ininsubria.it. URL consultato il 26 giugno 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]