Cadegliano Viconago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cadegliano Viconago
comune
Cadegliano Viconago – Stemma Cadegliano Viconago – Bandiera
Cadegliano Viconago – Veduta
Il centro abitato di Viconago
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaVarese
Amministrazione
SindacoAlberto Almieri (lista civica Progetto Comune) dal 5-10-2021, 1º mandato
Territorio
Coordinate45°58′N 8°50′E / 45.966667°N 8.833333°E45.966667; 8.833333 (Cadegliano Viconago)
Altitudine414 m s.l.m.
Superficie10,27 km²
Abitanti2 153[1] (31-10-2017)
Densità209,64 ab./km²
FrazioniArbizzo, Avigno, Cadegliano, Viconago
Comuni confinantiCremenaga, Cugliate Fabiasco, Lavena Ponte Tresa, Marchirolo, Marzio, Montegrino Valtravaglia, Tresa (CH-TI)
Altre informazioni
Cod. postale21031
Prefisso0332
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT012027
Cod. catastaleB326
TargaVA
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 705 GG[3]
Nome abitantiCadeglianesi Viconaghesi
Patronosan Silvestro
Giorno festivo31 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cadegliano Viconago
Cadegliano Viconago
Cadegliano Viconago – Mappa
Posizione del comune di Cadegliano Viconago nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Cadegliano-Viconago (Carijan, Viconagh in dialetto varesotto) è un comune italiano di 2 153 abitanti della provincia di Varese in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cadegliano, in epoca romana, era attraversato dalla Via Mediolanum-Bilitio, strada romana che metteva in comunicazione Mediolanum (Milano) con Luganum (Lugano) passando da Varisium (Varese).

Nella prima metà dell'Ottocento, il territorio di Cadegliano e Viconago fu interessato da un cospicuo fenomeno di migrazione verso i grandi centri italiani e, oltreconfine, verso il nord Europa e le Americhe.[4]

Nel 1893 dal comune di Viconago venne staccata la frazione di Campagna, aggregata al comune di Cremenaga[5].

Nel 1908 dal comune di Viconago si staccarono le frazioni di Cadegliano, Gaggio, Argentera e Doneda, erette in comune autonomo con il nome di Cadegliano[6].

Nel 1928 i comuni di Arbizzo, Cadegliano e Viconago furono soppressi e aggregati nel nuovo comune di Cadegliano-Viconago (R.D. 21 giugno 1928, n. 1721[7][8]).

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Le ville di Giorgio Pellini[modifica | modifica wikitesto]

Dopo anni di esperienza a Milano, nella seconda metà del XIX secolo, l'architetto locale Giorgio Pellini progettò e realizzò le seguenti tre ville cadeglianesi.[9]

  • Villa Pellini[9] (1850) — Inizialmente progettata come una dimora signorile in stile rurale, la villa divenne in seguito un istituto religioso. Da un punto di vista architettonico, la villa si caratterizza per la presenza di nove coppie di logge, equamente distribuite su tre piani in modo simmetrico.[10]
  • Villa Pellini-Pellegatta[9] (1860) — Dimora personale di Giorgio Pellini, sul lato affacciato sul giardino presenta una facciata aperta al centro da logge tripartite.[11]
  • Villa Menotti Alfonso[9] (1870) — Inserita in un ampio parco, la villa si presenta con una facciata scandita da lesene, al piano inferiore della quale si apre una loggia a tre arcate.[12]

Villa Menotti-Castello[modifica | modifica wikitesto]

In località Gaggio si trova[13] Villa Menotti-Castello,[9] edificio in stile coloniale realizzato agli inizi del Novecento su commissione della famiglia Menotti, ritornata a Cadegliano dopo anni trascorsi nelle Americhe.[13]Dotata di una piccola torretta merlata, la villa presenta una facciata al centro della quale si aprono due strutture a pronao sovrastanti. La struttura al piano inferiore presenta colonne dotate di capitelli dorici, mentre le colonne del piano superiore terminano in capitelli di ordine ionico. Sopra a questi ultimi, un architrave sostiene un frontone posto a coronamento della facciata.[13]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa Bianchini[9] (1906), in stile liberty, dotata di loggia panoramica.[14]
  • Villa Scolari (1900), in stile liberty.[15]
  • Casa Righini[9], (XIX secolo) dotata di logge disposte su tre piani sovrapposti.[15]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[16]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo statuto comunale, il territorio comunale comprende le "comunità naturali" di Arbizzo, Cadegliano e Viconago[17]. Secondo l'ISTAT, il territorio comunale comprende i centri abitati di Avigno e Cadegliano Viconago, e i nuclei abitati di Argentera, Pradaccio e Statale[18].

Il primo consiglio comunale fu eletto nel 1821.[19]

Il comune è sede operativa della comunità montana del Piambello e fa parte della comunità di lavoro Regio Insubrica, ente di cooperazione transfrontaliera che federa alcune province di Lombardia e Piemonte e il Cantone Ticino svizzero[20].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Langè, p. 240.
  5. ^ R.D. N. 664 del 20-11-1893, su elesh.it.
  6. ^ LEGGE N. 324 del 25-6-1908, su elesh.it.
  7. ^ Codex, Pavia (IT) - http://www.codexcoop.it, Comune di Viconago, 1859 - 1928 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  8. ^ R.D. N. 1721 del 21-6-1928, su elesh.it.
  9. ^ a b c d e f g Langè, pp. 240-241.
  10. ^ Langè, p. 244.
  11. ^ Langè, p. 245.
  12. ^ Langè, p. 243.
  13. ^ a b c Langè, p. 247.
  14. ^ Langè, p. 242.
  15. ^ a b Langè, p. 246.
  16. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  17. ^ Art. 1 comma 2 dello Statuto Comunale
  18. ^ ISTAT - Dettaglio località abitate
  19. ^ Comune di Viconago, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  20. ^ Soci - regioinsubrica.org

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Santino Langè, Ville delle province di Como, Sondrio e Varese, a cura di Pier Fausto Bagatti Valsecchi, Vol. Lombardia 2, Milano, Edizioni SISAR, 1968.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241885028 · WorldCat Identities (ENviaf-241885028