Enrico dell'Acqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Io non accettai il mio posto a scopo di lucro; potrei provare di avere sovente sacrificato del mio, di avere affrontato grandi responsabilità, per il bene di tutti e non ho mai esitato a seminare, pur sapendo che il seme doveva tornare a mio danno e a vantaggio di chi veniva dopo di me.»

(E. dell'Acqua)
Enrico dell'Acqua

Enrico dell'Acqua (Abbiategrasso, 21 maggio 1851Milano, 13 luglio 1910) è stato un imprenditore italiano dell'industria tessile. Fu chiamato "Il Pioniere" per aver dato inizio all'esportazione cotoniera in Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque ad Abbiategrasso Francesco dell'Acqua e Anna Provasoli, entrambi bustocchi[1]; dopo gli studi a Milano entrò nell'azienda cotoniera dello zio Pietro Provasoli, nella quale lavorava anche il padre Francesco come ragioniere.

Nel 1871, assieme al fratello Giovanni,[1] fondò a Castrezzato una tessitura meccanica, i cui prodotti venivano tinti e rifiniti a Busto Arsizio.

Dopo alcuni falliti tentativi di esportazione in Spagna e nel nord Africa, si rivolse all'America del sud e in particolare all'Argentina, dove vivevano molti immigrati italiani.[2]

Negli anni '90[1], dell'Acqua fondò vari stabilimenti di produzione in Argentina e in Brasile, oltre a numerosi punti commerciali in tutto il Sudamerica[3]; nel 1890 fondò anche la sua Nuova Società d'Esportazione Enrico dell'Acqua e C[1]. Negli anni, inoltre, portò avanti ricerche e sperimentazioni per la creazione di nuovi tipi di materiali e coloranti tessili[3], e nel 1898 partecipò all'Esposizione Generale di Torino con i suoi prodotti[1].

Nel 1903, dell'Acqua entrò in rotta con il CdA della società, e ne lasciò la direzione; nel 1904 ne fondò quindi una nuova, l'Accomandita Enrico dell'Acqua e C.ia, mentre la sua vecchia società, nel 1905, si trasformò nella Società per l'Esportazione e per l'Industria Italoamericana[1].

Nel 1907-1908, a causa della crisi economia argentina, anche l'attività di Enrico dell'Acqua entrò in crisi, dando però segnali di ripresa nel corso del 1910[1]. In quell'anno, dell'Acqua tornò quindi in Italia per presentare agli investitori i segnali positivi, quando la morte lo colse a Milano per un colpo apoplettico[1].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurazione del monumento a Enrico dell'Acqua a Busto Arsizio nel 1929

Il Ministero dell'industria e del commercio gli conferì la medaglia d'oro "per lo sviluppo grandioso da lui dato al commercio e all'industria tessile dell'America latina".

Ad Enrico dell'Acqua è intitolata una scuola a Busto Arsizio e un monumento equestre nella Piazza Volontari della Libertà della medesima città, di fronte alla stazione delle Ferrovie dello Stato. Il monumento fu progettato da Enrico Saroldi per la parte in bronzo ed Amedeo Fontana per la parte in granito, posta nel 1929, e fu inaugurato dal ministro delle Corporazioni Giuseppe Bottai. Prima del 1940 esisteva un'inferriata che correva intorno al monumento, forgiata dai fratelli Lomazzi di Abbiate Guazzone.

Il Monumento oggi

Anche una via di Roma è intitolata ad Enrico Dell'Acqua.

Nel 1900, Luigi Einaudi, futuro presidente della Repubblica, scrisse sul personaggio Un principe mercante: studio sulla espansione coloniale italiana, edito dalle edizioni Bocca, Torino.

Nel 2010, in occasione del primo centenario della scomparsa di Enrico dell'Acqua, viene celebrato il Dell'Acqua-Day[4], con tanto di annullo filatelico emesso da Poste Italiane in suo onore.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al merito agrario ed industriale - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito agrario ed industriale
«Per meriti industriali»
Benemerenza civica del comune di Busto Arsizio (postuma) - nastrino per uniforme ordinaria Benemerenza civica del comune di Busto Arsizio (postuma)
— 24 giugno 2015[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Luca Colombo, L'impero del cotone. Storia di Enrico dell'Acqua, industriale bustese che conquistò l'America, Pianezza Editore, 1999.
  2. ^ Enrico dell'Acqua - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 12 ottobre 2015.
  3. ^ a b Luigi Giavini, Il colore dell'Aurora, Nomos Edizioni, 2010.
  4. ^ Via alle celebrazioni del "principe mercante", su www3.varesenews.it. URL consultato il 19 gennaio 2010.
  5. ^ Enrico Dell’Acqua, il perché di una benemerenza, su varesenews.it, VareseNews, 15 giugno 2015. URL consultato il 24 giugno 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Colombo, L'impero del cotone. Storia di Enrico dell'Acqua, industriale bustese che conquistò l'America, Busto Arsizio, Pianezza editore, 1999.
  • Luigi Einaudi, Un principe mercante, Torino, F.lli Bocca, 1900.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN167979096 · ISNI (EN0000 0001 1729 1228 · LCCN (ENno2011017214 · GND (DE143499106
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie