Via Mediolanum-Bilitio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Via Mediolanum-Bilitio
1909y.(Real color photo^-Photographer Prokudin-Gorsky). - panoramio.jpg
Panorama di Lugano. Questa località poteva essere attraversata, in epoca romana, da due strade: la Mediolanum-Bilitio e la via Mala
Localizzazione
StatoVexilloid of the Roman Empire.svg Impero romano
Stato attualeItalia Italia
RegioneLombardia
Informazioni generali
Tipostrada romana
Condizione attualeNon più esistente
InizioMediolanum (Milano)
FineBilitio (Bellinzona)
Informazioni militari
UtilizzatoreVexilloid of the Roman Empire.svg Impero romano
Vexilloid of the Roman Empire.svg Impero romano d'Occidente
Funzione strategicamettere in comunicazione Milano con Bellinzona e i passi alpini.
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Mediolanum-Bilitio era una strada romana situata nella Regio XI Transpadana che metteva in comunicazione Mediolanum (Milano) con Bilitio (Bellinzona) o forse anche Curia Raetorum (Coira)) passando da Varisium (Varese) e, solo ipoteticamente, da Luganum (Lugano)[1]. La strada, oltre Bellinzona, tramite il Mons Vaium (Passo del San Bernardino) o il Lucomagno, puntava verso Coira e si connetteva ad altre vie commerciali dirette in Rezia e oltre le Alpi.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La moderna strada statale 233 Varesina nel territorio di Origgio

Il suo percorso iniziava a Mediolanum da Porta Jovia passando presso Cagnola e Villapizzone; proseguiva attraversando Ad Quartum (Quarto Oggiaro), dove era il quarto miglio, Novatum (Novate Milanese), Bollatum (Bollate), Aresium (Arese), Garbaniatum (Garbagnate Milanese), Caronum (Caronno Pertusella), Oleoductus (Origgio), Solomnum (Saronno), Giranzanum (Gerenzano), Turatum (Turate), Cistellacum (Cislago), Mozatum (Mozzate), Carbonaria (Carbonate), Locatum (Locate Varesino), Tradatum (Tradate), Venegonum (Venegono Inferiore), Castrum Stiliconis (Castiglione Olona), Vedanum (Vedano Olona), Lotia (Lozza) e Varisium (Varese)[2].

Solo ipoteticamente[3], da Varisium la strada romana proseguiva verso Lugano, dove intersecava la via Mala, che metteva in comunicazione Como con Splügen attraverso il passo del San Bernardino; il possibile itinerario poteva essere il seguente: Vallis Ganna (Valganna), Coliatum (Cugliate-Fabiasco), Marchirolum (Marchirolo), Cadelianum (Cadegliano Viconago), Pons Tretiae (Ponte Tresa), Anium (Agno), Luganum (Lugano) e da lì, oltre il Monte Ceneri, raggiungeva Bilitio (Bellinzona).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A. Palestra, Strade romane nella Lombardia Ambrosiana, Nuove Edizioni Duomo, Milano, 1984, p. 27
  2. ^ A. Palestra, Strade romane nella Lombardia Ambrosiana, Nuove Edizioni Duomo, Milano, 1984, pp. 26-27
  3. ^ Poiché anche Palestra considerava "azzardato tentare di abbozzare il percorso" oltre Varese.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Palestra, "Le strade romane nel territorio della Diocesi di Milano", in Archivio storico lombardo, a. CIV, serie X, vol. IV, 1978, pp. 7-42.
  • A. Palestra, Strade romane nella Lombardia Ambrosiana, Nuove Edizioni Duomo, Milano, 1984.
  • P. G. Sironi, "Note topografiche per il territorio dei Municipia di Mediolanum e di Comum", in Atti del Convegno Archeologia e storia nella Lombardia pedemontana occidentale (Varenna, 1-4 maggio 1967), Como, 1968, pp. 193-204.
  • M. Colaone, S. Feltrin, "Aggiornamenti topografici su un tratto dell’itinerario Milano-Varese", in Terra Insubre, n°79, Varese, 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]