Assedio di Milano (222 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Assedio di Milano
parte della conquista romana della Gallia Cisalpina
Gallia cisalpina - Shepherd png.png
Territori della Gallia Cisalpina (evidenziati in rosso trasparente) tra la fine del II e gli inizi del I secolo a.C.
Data222 a.C.
LuogoMilano, Italia
EsitoConquista romana di Milano
Schieramenti
Comandanti
Perdite
SconosciuteSconosciute
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

L'assedio di Milano fu uno degli episodi principali della conquista romana della Gallia Cisalpina, che portò alla capitolazione di Milano e alla sua conquista da parte dell'esercito romano a scapito delle tribù celtiche insubri, che fondarono secoli prima questo centro abitato.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Conquista romana della Gallia Cisalpina.

A un certo punto della campagna romana di conquista della Gallia Cisalpina i consoli Marco Claudio Marcello e Gneo Cornelio Scipione Calvo ebbero importanti scontri con le tribù celtiche degli Insubri e dei Gesati presso Acerrae (la moderna Pizzighettone). Marco Claudio Marcello seguì alcune truppe celtiche attraversando il Po e assediando Clastidium (la moderna Casteggio), dove ottenne le spolia opima dei capi militari nemici.

Assedio[modifica | modifica wikitesto]

I due consoli, dopo il vittorioso assedio di Clastidium di Marco Claudio Marcello, si riunirono e assediarono con successo l'oppidum celtico di Mediolanum (la moderna Milano), ponendo così fine alla guerra. L'assedio, che fu breve ma sanguinoso[1][2], fu vinto con uno stratagemma: i Romani, giunti nei pressi di Mediolanum, dove nel frattempo si erano rifugiati i Celti dopo le sconfitte precedenti, simularono una ritirata verso Acerrae[2].

I Celti, convinti che i Romani fossero in difficoltà, uscirono da Mediolanum e attaccarono le retroguardie dell'esercito romano[2]. Dopo una prima fase in cui ebbero la meglio, i Celti subirono un capovolgimento delle sorti della battaglia, con i Romani che contrattaccarono e vinsero la battaglia, soprattutto grazie alla migliore preparazione militare[2]. I Romani entrarono poi facilmente a Mediolanum[2]. In seguito i due consoli celebrarono il trionfo sugli Insubri e sui Germani dedicando un tempio alla dea Virtus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'invasione Romana, su robertomarchese.it. URL consultato il 12 giugno 2018.
  2. ^ a b c d e 101 tesori nascosti di Milano da vedere almeno una volta nella vita, su books.google.it. URL consultato il 12 giugno 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]