Via Mediolanum-Ticinum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Via Milano-Pavia
Via Mediolanum-Ticinum
Navigli di Milano Naviglio Pavese27.jpg
Il Navigliaccio che costeggia la strada provinciale 35 dei Giovi, che si intravede sulla destra
Localizzazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
Informazioni generali
Tipostrada romana
CostruzioneI secolo a.C.-I secolo d.C.
Condizione attualeNon più esistente
Lunghezzacirca 20 miglia romane
InizioMediolanum (Milano)
FineTicinum (Pavia)
Informazioni militari
UtilizzatoreShe-wolf suckles Romulus and Remus.jpg Repubblica romana
Vexilloid of the Roman Empire.svg Impero romano
Vexilloid of the Roman Empire.svg Impero romano d'Occidente
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La via Mediolanum-Ticinum (it. via Milano-Pavia) era un'antica strada romana situata nella regio XI Transpadana che congiungeva Ticinum (la moderna Pavia) con Mediolanum (Milano).

L'attuale strada statale 35 dei Giovi, che unisce anch'essa Milano e Pavia passando per Binasco, corre qualche chilometro più a ovest dell'antica Mediolanum-Ticinum, ricalcando il percorso della medioevale strada mastra.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La via Mediolanum-Ticinum ebbe una notevole importanza per la rete stradale romana dell'Italia settentrionale, come confermato dai cospicui ritrovamenti archeologici avvenuti nei territori che la lambivano, che sono perlopiù ascrivibili al II e al III secolo, quindi all'epoca tardo imperiale a testimonianza della graduale crescita dell'urbanizzazione delle aree limitrofe.[2]

Per quanto riguarda il traffico da sud verso nord in direzione Milano, la via Mediolanum-Ticinum era seconda solo alla via Emilia[3].

La via Mediolanum-Ticinum venne costruita probabilmente in epoca repubblicana su un percorso preesistente; in epoca tardo repubblicana (I secolo a.C.) fu semiabbandonata in favore di un'altra via passante per Opera (l'attuale via Vigentina), ma riacquistò importanza a partire dal II secolo d.C., in piena epoca imperiale. La rinnovata frequentazione favorì lo sviluppo degli insediamenti abitativi e di servizio lungo il suo percorso. La strada fu utilizzata per molto tempo anche dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente.[4]

In riferimento agli insediamenti abitativi nei pressi della via Mediolanum-Ticinum, è assodato il fatto che fossero piccoli nuclei rurali sparsi per la campagna; essi ospitavano agricoltori che lavoravano questi terreni in modo intensivo, nonché boscaioli che fornivano di legname Mediolanum, dove c'era un abbondantemente utilizzo di questo materiale nell'edilizia, vista la quasi totale assenza, nei dintorni della città, di cave di pietra[2].

Dopo la conquista romana della Gallia Cisalpina, anche i territori limitrofi alla futura via Mediolanum-Ticinum, precedentemente dominati dai Celti, conobbero una profonda crescita economica, che fu frutto delle nuove tecniche agricole importate dai Romani: queste ultime erano infatti nettamente migliori di quelle celtiche[5].

Furono anche fondamentali la costruzione di una rete capillare di strade, che era costituita anche da arterie minori e da strade vicinali, e le molte bonifiche agrarie che furono effettuate in questi luoghi[5]. Nel 7 d.C., con la soppressione della provincia romana della Gallia Cisalpina e la contestuale istituzione delle regioni augustee d'Italia, la via Mediolanum-Ticinum entrò a far parte della regio XI Transpadana.

I resti di Porta Ticinese romana, che si trovano a Milano all'angolo di via Torino con via del Torchio, nei pressi del Carrobbio, e che sono conosciuti come Torre dei Malsani o Torraccia

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso della via Mediolanum-Ticinum iniziava a Mediolanum da Porta Ticinesis e proseguiva lungo l'attuale corso di Porta Ticinese, giungendo alla Porta Ticinese medioevale. Seguivano poi una serie di rettifili perfettamente allineati che si inoltravano nelle campagne a sud di Milano, ancora ben leggibili nelle moderne fotografie aeree.[6]

La via si dirigeva poi verso Ad Quintum (Quinto de' Stampi) e Ad Sextus (Pontesesto), che prendevano il nome dalla loro distanza, rispettivamente cinque e sei miglia romane, da Mediolanum.[7][8]

Nei pressi di Pontesesto superava il Lambro Meridionale su un ponte di cui nel 1948 sono stati individuati pochi resti dallo studioso Gianfranco Tibiletti.[9][10]

La via Mediolanum-Ticinum lambiva poi numerosi vici, i più importanti dei quali erano Basiglio e Lacchiarella.[11] In particolare, nell’attuale comune di Lacchiarella la strada passava da Nono (località oggi scomparsa, ma ancora presente in mappe del XVII secolo) e Ad Decimum (Cascina Decima), moderna corte lombarda e antico insediamento abitato, i cui nomi ricordano la distanza in miglia da Mediolanum.[8]

Il tratto più meridionale, oltre Cascina Decima, è oggi meno leggibile a causa di modifiche alla conformazione del territorio dovute alle bonifiche agrarie e alla costruzione di infrastrutture quali il Naviglio Pavese e la ferrovia Milano-Genova, se ne può comunque ipotizzare il percorso lungo il Navigliaccio fino ad arrivare alle mura spagnole di Pavia. Attraversata la città, la via terminava sul Ticino nei pressi dell'attuale ponte coperto, da dove nei periodi di magra è visibile la base di una pila del ponte romano che attraversava il fiume.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antico Gallina, p. 17
  2. ^ a b Antico Gallina, p. 11
  3. ^ Antico Gallina, p. 10.
  4. ^ Antico Gallina, pp. 15-16
  5. ^ a b Antico Gallina, pp. 12-13.
  6. ^ Banzi, p. 9-10
  7. ^ Antico Gallina, p. 15
  8. ^ a b Banzi, p. 12
  9. ^ Antico Gallina, p. 61.
  10. ^ Banzi, p. 11
  11. ^ Antico Gallina, p. 12
  12. ^ Banzi, p. 12-13

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]