Governatore di Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governatore di Milano
Flag of Milan.svg
20110725 Castello Sforzesco Milan 5557.jpg
Castello Sforzesco, sede del governatore
StatoFlag of Milan.svg Ducato di Milano
Flag of Italy.svg Repubblica Transpadana
Flag of the Repubblica Cisalpina.svg Repubblica Cisalpina
Flag of the Italian Republic (1802).svg Repubblica Italiana
Flag of the Napoleonic Kingdom of Italy.svg Regno d'Italia
Flag of Kingdom of Lombardy-Venetia.gif Regno Lombardo-Veneto
TipoAmministratore locale
Istituito1521
daFrancesco II Sforza
PredecessoreFlag of Milan.svg Signoria di Milano
Operativo dal1535
Riforme1545
1581
Soppresso1861
daFlag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regno d'Italia
Nominato daSupremo Consiglio d'Italia (dal 1526 al 1706)
Imperatore d'Austria (dal 1726 al 1800)
SedeMilano
Ducato di Milano in chiaro.

Il Governatore di Milano fu una carica amministrativa del Ducato di Milano. Il titolo dei rappresentanti dei sovrani stranieri che tennero dominio sul milanese, sostanzialmente dal XVI secolo sino all'Unità d'Italia. Il primo Governatore fu nominato dopo la morte dell'ultimo duca di casa Sforza, Francesco II.

L'uso del termine di "vicario" come governatore[modifica | modifica wikitesto]

In tempi antichi le funzioni del moderno governatore vennero assunte dal vicario imperiale, istituito da Lotario I come suo rappresentante nei domini milanesi e italiani. Tale carica ebbe valenza governatoriale dall'840 al 975 e dal 980 al 1042, cadendo poi definitivamente in disuso. Nel secondo periodo, la carica di Vicario venne mantenuta dagli arcivescovi di Milano che detennero tale funzione sino alla definitiva rottura dei rapporti col Sacro Romano Impero.

Vicari imperiali in carica di governatori[modifica | modifica wikitesto]

Periodo imperiale[modifica | modifica wikitesto]

  • Leone (840-865)
  • Alberico (865-892)
  • Maginfredo (892-901)
  • Sigifredo (901-918)
  • Berengario (918-962)
  • Oberto (962-975)
dopo cinque anni in cui l'Imperatore del Sacro Romano Impero riprende direttamente le redini del governo a Milano, la carica torna ad essere concessa nella persona dell'arcivescovo di Milano.

Periodo arcivescovile[modifica | modifica wikitesto]

  • Arderico Cotta (940 - 15 ottobre 948), già arcivescovo di Milano dal 936
Manasse d'Arles non ottiene il vicariato

Il Governatore durante il periodo francese[modifica | modifica wikitesto]

La carica di Governatore, abolita durante il periodo della signoria viscontea prima e sforzesca poi, venne ripristinato nel breve periodo di tempo della reggenza francese del Ducato di Milano tra la fine del Quattrocento e la prima metà del Cinquecento. I governatori, in questo periodo, svolgevano perlopiù la mansione di comandanti militari delle guarnigioni reali a Milano, risiedevano al Castello Sforzesco ed avevano il titolo di Castellani.

Governatori del periodo francese[modifica | modifica wikitesto]

Dal Al Governatore
1495 1497 Jean de Foix
Restaurazione sforzesca
1499 1500 Gian Giacomo Trivulzio
1500 1510 Charles II d'Amboise
25 giugno 1511 11 aprile 1512 Gastone di Foix
1516 1516 Carlo III, duca di Borbone
1517 1522 Odet de Foix
15 settembre 1524 1525 Michele Antonio di Saluzzo
1525 24 febbraio 1525 Teodoro Trivulzio
Restaurazione sforzesca e poi occupazione da parte della Spagna

Il Governatore durante il periodo spagnolo[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo spagnolo il Governatore era nominato dal Consiglio di Stato, presieduto dal Re, su proposta del Supremo Consiglio d'Italia, per tre anni, anche se mancavano norme formali al riguardo. All'assunzione dell'ufficio riceveva il giuramento della città di Milano e dei feudatari del Ducato. Percepiva una retribuzione di 24.000 ducati annui.

Il Governatore aveva attribuzioni tipiche di un capo di Stato, anche se dipendente dal Re di Spagna. Presiedeva il Consiglio Generale dei 60 decurioni (il più importante organo dell'amministrazione cittadina milanese). Aveva il potere d'ordinanza (ossia normativo), di concedere la grazia ai condannati e di nominare le più alte cariche dello stato (nominava direttamente quelle biennali, proponeva una rosa di nomi al Supremo Consiglio d'Italia per quelle di durata superiore o vitalizia). Alle sue dipendenze era posto un vasto apparato, denominato Cancelleria segreta, ed era affiancato da un organo collegiale consultivo, il Consiglio segreto. Non aveva il comando delle forze armate, che spettava al Castellano, sebbene spesso le due cariche fossero unite nella stessa persona. In caso di assenza o impedimento le sue funzioni erano svolte in un primo tempo dal Castellano o dal Presidente del Senato, in seguito dal Consiglio segreto.

Governatori del periodo spagnolo[modifica | modifica wikitesto]

Per lo più, i Governatori di Milano nel periodo spagnolo erano nati in Spagna.[1]

Dal Al Governatore Note Regnante
6 luglio 1526 21 maggio 1527 Carlo III, duca di Borbone
1 marzo 1531 1532 Alessandro Bentivoglio Luogotenente generale[1] Francesco II Sforza
13 novembre 1535 15 settembre 1536 Antonio de Leyva, principe di Ascoli Prese possesso di Milano il 27 novembre 1535[1], morto in carica Carlo V d'Asburgo
1 agosto 1536 28 gennaio 1538 Cardinale Marino Ascanio Caracciolo Governatore civile, morto in carica
1538 31 marzo 1546 Alfonso d'Avalos d'Aquino, marchese del Vasto Governatore militare
aprile 1546 19 marzo 1554 Ferrante Gonzaga, principe di Molfetta Entrò a Milano il 19 giugno 1546[1]
26 gennaio 1554 25 luglio 1554 Presidente e del Senato e del Grancancelliere di Milano Reggenza in assenza di Ferrante Gonzaga
16 agosto 1554 14 aprile 1555 Presidente e del Senato e del Grancancelliere di Milano Conferma della reggenza Filippo II di Spagna
14 aprile 1555 1555 Fernando Álvarez de Toledo, terzo Duca di Alba
8 dicembre 1555 agosto 1557 Cardinale Cristoforo Madruzzo, principe-vescovo di Trento Rimosso dall'incarico[1]
agosto 1557 aprile 1558 Giovanni de Figueroa, castellano di Milano Nominato ad interim
24 aprile 1558 dicembre 1559 Gonzalo II Fernández de Córdoba, duca di Sessa 1558-1560 Primo mandato
10 dicembre 1559 settembre 1561 Francesco Fernando d'Avalos, marchese di Pescara
20 settembre 1561 gennaio 1564 Gonzalo II Fernández de Córdoba, duca di Sessa Secondo mandato
18 gennaio 1564 21 agosto 1571 Gabriel de la Cueva, duca di Albuquerque Morto in carica
8 settembre 1571 dicembre 1571 Alvaro de Sande
8 dicembre 1571 1573 Luis de Zúñiga y Requesens
1573 20 aprile 1580 Antonio de Guzmán, marchese di Ayamonte Morto in carica
10 luglio 1580 1581 Sancho de Guevara y Padilla, castellano di Milano Nominato ad interim
27 marzo 1581 1581 Alfonso Perez de Guzman Non occupò la carica[1]
15 ottobre 1581 maggio 1592 Carlo d'Aragona Tagliavia, principe di Castelvetrano Capitano generale
10 maggio 1592 aprile 1600 Juan Fernández de Velasco, duca di Frias Primo mandato
20 aprile 1600 22 luglio 1610 Pedro Enríquez de Acevedo, conte di Fuentes Morto in carica Filippo III di Spagna
2 ottobre 1610 4 maggio 1612 Juan Fernández de Velasco, duca di Frias Terzo mandato
4 maggio 1612 settembre 1615 Juan de Mendoza y Velasco, marchese di la Hinojosa
26 settembre 1612 febbraio 1618 Pedro de Toledo, marchese di Villafranca
13 febbraio 1618 marzo 1626 Gómez Suárez de Figueroa y Córdoba, duca di Feria Primo mandato
31 marzo 1626 ottobre 1627 Gonzalo Fernández de Córdoba Filippo IV di Spagna
14 ottobre 1627 marzo 1628 Ferdinando Afan de Ribera, duca d'Alcalà Non occupò la carica
17 marzo 1628 luglio 1629 Gonzalo Fernández de Córdoba
16 luglio 1629 25 settembre 1630 Ambrogio Spinola, marchese di Los Balbases Morto in carica
20 settembre 1630 aprile 1631 Alvaro de Bazán, marchese di Santa Cruz
18 aprile 1631 gennaio 1633 Gómez Suárez de Figueroa y Córdoba, duca di Feria Secondo mandato
22 gennaio 1633 23 settembre 1633 Cardinale-Infante Ferdinando d'Asburgo
23 settembre 1633 luglio 1635 Gil Carrillo de Albornoz Prima ad interim, poi effettivo dal 6 gennaio 1635
11 luglio 1635 settembre 1635 Ferdinando Afan de Ribera, duca d'Alcalà Non occupò la carica
24 settembre 1635 dicembre 1640 Diego Felipe de Guzmán, marchese di Leganés
19 dicembre 1640 giugno 1643 Juan de Velasco de la Cueva y Pacheco, conte di Sirvela
20 giugno 1643 settembre 1645 Antonio Sancho Dávila de Toledo y Colonna, marchese di Velada
18 settembre 1645 settembre 1647 Bernardino Fernández de Velasco, duca di Frias
30 settembre 1647 giugno 1648 Iñigo Fernandez de Velasco, conte di Haro Sostituì pro tempore il padre
25 giugno 1648 dicembre 1655 Luis de Benavides Carrillo, marchese di Caracena
2 dicembre 1655 gennaio 1656 Cardinale Teodoro Trivulzio
13 gennaio 1656 febbraio 1660 Alfonso Perez de Vivero, conte di Fuensaldaña
15 dicembre 1657 21 febbraio 1658 Inigo Velez de Guevara, conte di Onate Morì prima di assumere la carica; rimase governatore il conte di Fuensaldaña
26 febbraio 1660 marzo 1662 Francesco Caetani, duca di Sermoneta
19 marzo 1662 29 marzo 1668 Luis de Guzmán Ponce de Leon Morto in carica
31 marzo 1668 giugno 1668 Paolo Spinola, marchese di Los Balbases Primo mandato Carlo II di Spagna
26 giugno 1668 26 dicembre 1668 Francisco de Orozco, marchese di Olias Morto in carica
1 febbraio 1669 marzo 1669 Paolo Spinola, marchese di Los Balbases Secondo mandato
6 marzo 1669 maggio 1671 Gaspar Tellez Girón, duca di Osuna
5 maggio 1671 novembre 1673 Antonio Lopez de Ayala Velasco y Cardeñas, conte di Fuensalida
12 novembre 1673 ottobre 1678 Claude Lamoral I di Ligne, principe di Ligne
17 ottobre 1678 gennaio 1686 Juan Tomás Enríquez de Cabrera, conte di Melgar Prima ad interim e poi effettivo dal 26 agosto 1680
22 gennaio 1686 aprile 1691 Antonio Lopez de Ayala Velasco y Cardeñas, conte di Fuensalida
1 aprile 1691 gennaio 1698 Diego Dávila Mesía y Guzmán, marchese di Leganés
15 gennaio 1698 19 settembre 1706 Carlo Enrico di Lorena, principe di Vaudemont

Milano fu presa dall'esercito austriaco il 26 settembre 1706 durante la guerra di successione spagnola. Il possesso austriaco venne confermato dal trattato di Utrecht.

Il Governatore durante il periodo austriaco[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo della dominazione austriaca, che coprì sostanzialmente tutto il XVIII secolo, il governatorato di Milano rappresentava uno dei punti cardine dell'amministrazione austriaca. Lo stesso imperatore, infatti, si fregiava dell'antico titolo di Duca di Milano e godeva dei benefici di nominare un proprio rappresentante nei domini che egli possedeva nell'Italia settentrionale. La maggior parte dei governatori di questo periodo furono in prevalenza aristocratici di origine austriaca e comunque nessuno fu un lombardo d'origine, fatto rilevante questo per definire la cura degli affari di stato da parte della corte imperiale.

Governatori del periodo austriaco[modifica | modifica wikitesto]

Occupazione sarda 1733-1736 (Carlo Emanuele III di Savoia)
Occupazione spagnola 1745-1746 (Filippo di Borbone)
Repubblica Transpadana 1796-1797
Repubblica Cisalpina 1797-1799

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Franco Arese Lucini, Le supreme cariche del Ducato di Milano, in Archivio storico lombardo, 1970, pp. 59-156.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]