Marino Ascanio Caracciolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marino Ascanio Caracciolo
cardinale di Santa Romana Chiesa
3423 - Milano, Duomo - Deambulatorio - Bambaia, Monumento Marino Caracciolo (+1538) - Foto Giovanni Dall'Orto - 6-Dec-2007.jpg
Ritratto di Marino Caracciolo dalla sua tomba nel Duomo di Milano
Template-Cardinal (Bishop).svg
 
Nato1468, Napoli
Nominato vescovo18 gennaio 1524 da papa Clemente VII
Creato cardinale21 maggio 1535 da papa Paolo III
Pubblicato cardinale31 maggio 1535 da papa Paolo III
Deceduto28 gennaio 1538, Milano
 

Marino Ascanio Caracciolo (Napoli, 1468Milano, 28 gennaio 1538) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Napoli nel 1468, figlio del patrizio Domizio Caracciolo, signore di Ruodi, e di Martuscella Caracciolo.

Nel breve periodo tra il 18 gennaio 1524 e il 24 luglio dello stesso anno fu vescovo di Catania, ma rassegnò le dimissioni in favore del fratello Scipione Caracciolo.

Fu creato 1º conte di Gallarate, con il feudo comprendente le località di Cassina Verghera, Samarate, Ferno, Bolladello, Cedrate, Solbiate sopra l'Arno, Santo Stefano, Peveranza, Arnate, Cardano (al Campo) e Oggiona, grazie alla donazione a lui fatta dal duca Francesco II Sforza il 13 luglio 1530; fu inoltre conte di Vespolate, nonché 2º duca di Atripalda (allora dominata dal principato dei Caracciolo), nella seconda metà del Cinquecento.

Fu creato cardinale diacono e riservato in pectore nel concistoro del 21 maggio 1535 da papa Paolo III; pubblicato nel concistoro del 31 maggio 1535 e il 12 novembre ricevette la berretta con la diaconia di Santa Maria in Aquiro.

Fu inoltre governatore del Ducato di Milano.

Morì il 28 gennaio 1538 all'età di 70 anni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305115037 · GND (DE109388133X