Senato di Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Senato di Milano
Senatus Excellentissimus Mediolani
StatoFlag of Milan.svg Ducato di Milano
Istituito1499
daLuigi XII di Francia
Operativo dal1499 - 1786
Soppresso daRepubblica Cisalpina
Numero di membri27
SedeMilano
IndirizzoPalazzo del Senato, via Senato, 10 - Milano

Il Senato di Milano (Senatus Excellentissimus Mediolani) fu uno degli organi governativi più importanti dello Stato di Milano, investito di funzioni giurisdizionali e legislative, che esercitò le proprie funzioni dal 1499 al 1786.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Senato fu istituito da Luigi XII di Francia, con l'editto di Vigevano dell'11 novembre 1499, sul modello dei parlamenti francesi, in sostituzione di due precedenti collegi: il Consilium secretum (consiglio segreto) e il Consilium iustitiae (consiglio di giustizia).

L'organo fu poi mantenuto dagli spagnoli, che ne ampliarono notevolmente le competenze, e dagli austriaci, rappresentando un importante elemento di continuità dello Stato.

Venne definitivamente soppresso dall'imperatore Giuseppe II d'Austria, con editto dell'11 febbraio 1786, nell'ambito delle riforme che innovarono profondamente, modernizzandolo, il sistema giuridico dello Stato di Milano. In relazione a tali riforme Carlo Cattaneo ebbe a scrivere: "Si abolirono le preture feudali, s'abolì un Senato, sul quale pesava la memoria di supplizii iniqui e crudeli ... si abolì la tortura, che puniva nell'innocente i delitti dell'ignoto, sparvero le fruste, le tenaglie infocate, le orribili rote, l'inquisizione".[1]

Le funzioni del Senato, abolito da Giuseppe II, furono assunte da un nuovo organismo, dipendente direttamente dal governo austriaco, denominato Consiglio di Governo. Quest'ultimo a sopravvisse sino al 1797, quando venne sostituito dal Senato della Repubblica Cisalpina, di stampo rivoluzionario.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il Senato di Milano era composto da membri - detti senatori (senatores, al singolare senator) - nominati a vita. Al momento della creazione erano 17 milanesi, più alcuni francesi di fiducia di Luigi XII. Secondo le disposizioni del Re di Francia, i senatori dovevano essere di diverse professioni, con almeno 2 prelati e 4 militari oltre ai rimanenti che dovevano essere dottori di collegio. I primi diciassette senatori nominati furono Antonio Trivulzio, vescovo di Como, Gerolamo Pallavicini, vescovo di Novara, Pietro Gallarati, Francesco Bernardino Visconti, Gilberto Borromeo, Erasmo Trivulzio, Claudio Leistel (consigliere del parlamento di Tolosa), Gian Francesco Marliano, Michele Riccio, Gian Francesco Corte, Gioffredo Caroli (consigliere del parlamento del Delfinato), Giovanni Stefano Castiglioni, Girolamo Cusani, Antonio Caccia, Girolamo Moroni e Giovanni Biraghi.

Col tempo il numero dei senatori aumentò, attestandosi già dal 1535 a 27, oltre al presidente, di cui 9 cavalieri, 5 prelati e 13 giureconsulti. Nel Seicento si ridussero a 15, compreso il presidente, di cui tre di nazionalità spagnola. I giureconsulti, tratti dal patriziato milanese, finirono con prevalere all'interno del collegio, grazie alla loro estrazione culturale; l'appartenenza al Senato e, in particolare, la presidenza dello stesso rappresentava per un giureconsulto il culmine della carriera.

Pur essendo il Senato un organo collegiale le cause erano di norma trattate da un senatore di turno (o di lettura), che riceveva e giudicava nella propria abitazione; solo le cause più delicate o controverse erano trattate dal collegio riunito, che teneva le sue sedute in un'aula (detta Sala dell'Udienza) situata nel piano nobile del Palazzo Regio-Ducale (attuale Palazzo Reale).

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Il potere più rilevante del Senato era il diritto di interinazione delle leggi, ossia il potere di confermare le disposizioni del sovrano (o del Governatore che lo rappresentava) oppure di opporsi ad esse nel caso fossero in contrasto con le leggi dello Stato di Milano.

Il Senato era inoltre il tribunale supremo dello Stato di Milano in materia civile e penale: era giudice in unica istanza per le cause civili di maggior rilievo (in materia di confini tra fondi, diritto di famiglia e successorio, nomina dei tutori, obbligazioni tra privati e diritto feudale) e per i reati puniti con la pena di morte; era giudice di seconda istanza per le sentenze delle magistrature superiori e giudice di ultima istanza per quelle delle magistrature inferiori. Poteva avocare a sé le cause di competenza degli altri giudici o spedire agli stessi ordini (rescritti) con le istruzioni su come trattare la cause loro sottoposte; tutti giudici dovevano recarsi settimanalmente dal senatore di turno per relazionare sulle cause trattate.

Le sentenze (decisiones, al singolare decisio) del Senato non erano motivate ed erano inappellabili; costituivano precedente vincolante per i giudici inferiori che le dovevano rispettare come fossero leggi. Il Senato aveva anche il potere di disapplicare per ragioni di equità le leggi nei casi sottoposti al suo giudizio. Per questi motivi le sue sentenze venivano raccolte e pubblicate.

Tra le ulteriori competenze del Senato si possono ricordare l'amministrazione dell'Università di Pavia (dove venivano formati i giureconsulti), la censura sui libri e la tutela della salute pubblica, attraverso il magistrato di sanità sul quale sovrintendeva e di cui nominava il presidente (oltre a due questori) scegliendolo tra i propri membri.

Presidenti del Senato di Milano[modifica | modifica wikitesto]

Dati relativi al periodo spagnolo e al periodo austriaco.[2][3]

Immagine Nome Mandato Note
Nomina Termine
Giacomo Filippo Sacchi
(?-1550)
1 marzo 1531 1550
Marco Barbavara
(?-1552)
24 ottobre 1550 1552
Pietro Paolo Arrigoni
(?-1565)
17 dicembre 1552 1565
Gabriele Casati
(?-1569)
1 settembre 1565 1569
Giovanni Battista Rainoldi
(?-1587)
18 novembre 1569 1587
Giacomo Riccardi
(?-1597)
11 dicembre 1587 1597
Bartolomeo Brugnoli
(?-1604)
21 febbraio 1597 1604
Giacomo Mainoldi
(?-1612)
18 febbraio 1604 1612
Agostino Domenico Squarciafico
(?-1619)
15 novembre 1612 1619
Giulio Arese
(?-1627)
31 gennaio 1619 1627
Giovanni Battista Trotti
(?-1641)
29 giugno 1627 1641
Ottaviano Picenardi
(?-1646)
30 maggio 1641 1646
Luigi Cusani
(?-1660)
15 dicembre 1646 1660 marchese
Bartolomeo III Arese.jpg Bartolomeo Arese
(?-1675)
16 novembre 1660 1675 conte
Carlo Belloni
(?-1683)
24 giugno 1675 1683 conte
Luca Pertusati
(?-22 luglio 1718)
24 marzo 1683 1697 conte
Giorgio Clerici
(?-14 dicembre 1736)
6 febbraio 1697 1706 marchese
Luca Pertusati
(?-22 luglio 1718)
1706 14 ottobre 1716 conte; II mandato
Giorgio Clerici
(?-14 dicembre 1736)
9 aprile 1711 17 ottobre 1733 marchese; II mandato; in carica effettiva dal 17 ottobre 1716
Carlo Pertusati
(?-14 aprile 1755)
10 dicembre 1733 ... conte; privilegio imperiale spedito tardivamente e sostituito da Carlo Castiglioni
Carlo Castiglioni
(?-12 settembre 1750)
25 gennaio 1734 1736 marchese; esonerato nel 1736
Carlo Pertusati
(?-14 aprile 1755)
29 settembre 1736 1 novembre 1753 conte
Giovanni Corrado de Olivera
(?-15 dicembre 1784)
25 agosto 1751 1784 marchese; nomina effettiva da 1 novembre 1753

Dopo la morte del de Olivera fu nominato pro-presidente Carlo Biondi. Il Senato fu abolito nel 1786.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ C. Cattaneo. Notizie naturali e civile su la Lombardia. 1844
  2. ^ Franco Arese, Le supreme cariche del Ducato di Milano, in Archivio Storico Lombardo, 1970, pp. 59-156.
  3. ^ Franco Arese, Le supreme cariche del Ducato di Milano e della Lombardia austriaca 1706-1796, in Archivio Storico Lombardo, 1980, pp. 535-598.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Bibliotheca Senatus mediolanensis, 2002.
  • Bascapè G.C., I palazzi della vecchia Milano, ristampa 1986.
  • Cattaneo, Carlo, Notizie naturali e civili su la Lombardia (1844) in: Scritti su Milano e la Lombardia, 1990.
  • Cavanna A., La codificazione penale lombarda, 1975.
  • Massetto, G.P., Saggi di storia del diritto penale lombardo, 1994.
  • Petronio, U., Il Senato di Milano, 1972.
  • Signorotto G.V., Il ruolo politico di Bartolomeo Arese nell'Europa secentesca, Convegno di studi "Mecenatismo culturale e spettacolo al tempo dei conti Bartolomeo Arese e Vitaliano Borromeo. 1650-1690", Cesano Maderno, 13-14 giugno 1998.
  • Zeppegno, L., Le chiese di Milano, 1999.
  • Monti, A., Iudicare tamquam Deus. I modi della giustizia senatoria nel Ducato di Milano tra Cinque e Settecento, 2003

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]