Università degli Studi di Pavia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Università di Pavia)

Coordinate: 45°11′11.41″N 9°09′20.65″E / 45.186503°N 9.155735°E45.186503; 9.155735

Università degli Studi di Pavia
Unipv-logo.png
Aula Magna Università di Pavia.jpg
Aula Magna dell'Università di Pavia, sede delle principali cerimonie dell'Ateneo
Ubicazione
Stato Italia Italia
Città Stemma Pavia
Altre sedi Cremona, Mantova, Voghera, Vigevano
Dati generali
Nome latino Alma Ticinensis Universitas
Soprannome UNIPV
Fondazione 1361 (656 anni)
Tipo Statale
Facoltà 2
Dipartimenti 18
Rettore Fabio Rugge
Studenti 21 523[1] (2015/16)
Dipendenti 910 docenti[2]
855 tecnici amministrativi
Colori   Giallo Pavia
Affiliazioni Gruppo di Coimbra
EUA
Sport CUS Pavia
Mappa di localizzazione
[www.unipv.eu Sito web]

L'Università degli Studi di Pavia (abbreviata in UNIPV) è una università statale italiana fondata nel 1361. È fra le più antiche del mondo.

Oggi, l’Alma Ticinensis Universitas di Pavia offre 84 corsi di laurea, 22 dottorati di ricerca e 29 master; si propone come una Research University, partecipa a progetti internazionali ed è inserita in network di lavoro con i maggiori college del mondo. Insieme ad altre istituzioni, come il Policlinico San Matteo, l'Istituto Universitario di Studi Superiori (IUSS) ed il Gruppo di Coimbra, ha da sempre formato legami accademici e culturali al fine di promuovere l'eccellenza nell'apprendimento e nella ricerca.

Secondo la classifica stilata da Censis, l'Università di Pavia si colloca al 2º posto fra le migliori università italiane fino a 40 000 iscritti[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo centrale dell'Università di Pavia in Corso Strada Nuova, 65

Fondazione e periodo medioevale[modifica | modifica wikitesto]

825 e 1361: queste due date segnano l’inizio dell’Università di Pavia, l’Ateneo più antico della Lombardia e uno dei più antichi del mondo. All’anno 825 risale il capitolare dell'imperatore Lotario I che costituì a Pavia la scuola di retorica per i funzionari del regno (ereditando a sua volta la tradizione della scuola di diritto, fondata dall'imperatore romano Teodosio I). Per tutto il periodo medioevale la scuola fu in fiorente attività; nell'XI secolo, Pavia divenne sede anche di un'attestata scuola giuridica. Esistono tuttavia diverse fonti legate all'effettiva origine del centro di studi pavesi[4].

Le figure di Lotario I e Galeazzo II Visconti ai lati dell'ingresso principale del palazzo centrale

Lo Studium Generale nacque grazie a Galeazzo II Visconti nel 1361. Difatti, subito dopo la conquista della città da parte del Ducato di Milano[5], Galeazzo II, in qualità di vicario imperiale, ottenne dall'imperatore Carlo IV di Lussemburgo il decreto di fondazione dello Studium, con privilegi analoghi a quelli delle scuole di Parigi, Bologna, Oxford, Orléans e Montpellier. "Lo Studio era costituito da due Università distinte, dei giuristi (Diritto Civile e Canonico) e degli artisti (Medicina, Filosofia e Arti Liberali). A capo dell'Università veniva eletto annualmente un rettore che era in genere uno studente che avesse superato i venti anni. Si conferivano gradi accademici a tre livelli: il bacellierato, la licenza e il dottorato."[6]. Successivamente nel 1389 lo Studium venne autorizzato da Papa Bonifacio IX all'esercizio dell'insegnamento teologico. Inoltre, nello stesso anno di fondazione, Galeazzo II Visconti emise un decreto con il quale stabiliva che tutti gli studenti che vivevano nei territori del Ducato di Milano avrebbero dovuto utilizzare il nuovo Studio pavese[7].

Le figure di Lotario I e Galeazzo II Visconti sono ricordate in due medaglioni scolpiti, posti ai lati dell'ingresso principale del palazzo centrale dell'Università che si affaccia in Strada Nuova.

Decreto di Fondazione dello Studium Generale[modifica | modifica wikitesto]

« Nel nome della santa e indivisibile Trinità Amen. Carlo IV per il favore della clemenza divina sempre augusto imperatore dei Romani e re di Boemia, a perpetua memoria. La preclara scienza, sovrana del genere umano, emulatrice delle virtù celesti, le cui nobili membra l'odiosa violenza della peste per le regioni del mondo ha già preso con sé in un empio baratro, già privata delle sue dimore da penose abitazioni, con un grido confida in noi con un così grande gemito che giudichiamo degno soccorrerla con l'aiuto dell'Altezza Imperiale, se mai con un decreto dell'Imperatore, cui preme provvedere a tutto il mondo, possa risplendere nell'antica condizione, sorreggere la crescente umanità e certamente di nuovo feconda essere circondata da germogli. La supplica del podestà, del capitano, del Consiglio degli Anziani del comune e del popolo della città di Pavia, onorevolissimi e a noi diletti, fedeli a noi e al Sacro Impero, presentata alla nostra Maestà, chiedeva che a loro, a somiglianza di altre città, volessimo concedere per imperiale benevolenza la grazia e il privilegio della fondazione di uno Studium Generale con tutte le facoltà. Considerando i molteplici meriti di probità di cui detti Pavesi già in passato con profonda attenzione per gli studi onorarono Noi e il Sacro Romano Impero, con animo deliberato non per errore né incautamente ma in forza dell'intervenuto ragionevole parere degli elettori e degli altri principi del Sacro Impero, abbiamo ritenuto di concedere per sempre a loro, ai loro eredi e successori, la grazia di seguito indicata, che nella predetta città di Pavia sia fondato uno Studium Generale dell'uno e dell'altro diritto, vale a dire tanto del canonico quanto del civile, nonché di filosofia, di medicina e di arti liberali, grazia che d'ora innanzi venga rispettata. Vogliamo, in ragione di questa nostra concessione, che lo Studium, i suoi studenti, i rettori, i doctores, i baccalarii, gli ufficiali, i ministri, gli inservienti, le loro famiglie e le famiglie di ciascuno di essi, qualunque sia il loro nome, e di qualsivoglia dignità, status, ordine o condizione siano, godano di quei privilegi, libertà, immunità, indulti e grazie che sono riconosciuti agli Studia di Parigi, Bologna, Oxford, Orléans e Montepellier e a qualunque altro privilegiato Studium Generale e che li godano pienamente come se i privilegi, le libertà, le immunità, gli indulti e le grazie di tal fatta fossero indicati ai presenti parola per parola. Decidendo e ordinando in forza di questa nostra costituzione imperiale, che sarà per sempre valida, nella piena consapevolezza della pienezza della potestà imperiale, che detta città pavese, sorretta dalla presente nostra concessione, goda in perpetuo del grazioso privilegio di uno Studium Generale. E che il vescovo pavese, attuale e futuro, personalmente o per mezzo di un suo vicario o luogotenente, con il parere e l'approvazione dei doctores e dei professori del menzionato Studium, rispettati la forma, il modo e le regole che in questi casi si era soliti osservare nei predetti Studia Generalia e negli altri Studia, a coloro che per questo si saranno giudicati idonei e degni possa concedere la licentia legendi, dopo un esame li possa laureare, possa conferire loro ritualmente le insegne del dottorato o del magistero e di queste solennemente investirli. Inoltre, affinché qualsivoglia scolaro e studente del predetto Studium pavese possa dedicarsi agli studi delle lettere tanto più liberamente quanto più sarà sollevato da molestie e disordini e quanto più sarà avvolto dalla benevolenza imperiale, per la clemenza in noi innata, accogliamo in piena consapevolezza sotto la speciale protezione, tutela e difesa nostra e del Sacro Romano Impero i rettori, i doctores, tutti gli scolari o studenti dello Studium, ciascuno di loro e ad uno ad uno, e di ognuno di essi i familiari, i servi, i ministri ed anche le scuole, le case o alloggi. Perciò a nessun uomo sia consentito violare questo scritto della nostra mente o opporvisi con un'impresa temeraria. Se tuttavia taluno oserà tentare il contrario sappia di incorrere senza possibilità di remissione, per tante volte quante sarà stata commessa la violazione, nel bando imperiale e nella pena di cento marche d'oro puro, di cui stabiliamo che la metà sia destinata al fisco e la restante parte a utile del predetto Studium pavese, conservando nondimeno piena efficacia, espiata o rimessa la pena, ogni cosa precedentemente stabilita. Dato a Norimberga, l'anno del Signore 1361, quattordicesima indizione, 13 aprile, quindicesimo anno del nostro regno e settimo dell'impero. »

(Carlo IV di Lussemburgo, Decreto di Fondazione dello Studium Generale)

Epoca moderna e contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Camillo Golgi, laureato presso l'ateneo pavese, fu il primo Italiano a ricevere nel 1906 il Premio Nobel

L'attività accademica conobbe una brusca interruzione in seguito ai gravissimi danni ricevuti dalla città per l'assedio lungo un anno, subito tra il 1524 e il 1525, risoltosi con la battaglia di Pavia che contrappose l'esercito francese guidato dal re Francesco I e l'armata imperiale, costituita da spagnoli e lanzichenecchi tedeschi, di Carlo V. Un'analoga situazione stagnante continuò a persistere negli anni successivi, e ne risentirono fortemente l'attività scientifica e didattica dell'università. La situazione si aggravò ulteriormente nel XVII secolo con la dominazione spagnola, ed a causa dall'epidemia di peste del 1630 che colpì diverse zone dell'Italia settentrionale.

La rinascita dell'ateneo avvenne dalla seconda metà del 1700, grazie ai sovrani austriaci Maria Teresa d'Austria e Giuseppe II d'Asburgo-Lorena, i quali, ispirati dai principi dell'assolutismo illuminato, apportarono rilevanti riforme amministrative, e permisero la nascita della Scuola anatomica pavese. A cavallo tra il XVIII e il XIX secolo, l'ateneo divenne uno dei migliori d'Europa (e del mondo), annoverando accademici come il fisico Alessandro Volta (che ricoprì anche la carica di rettore), gli anatomisti Antonio Scarpa e Lazzaro Spallanzani, il matematico Lorenzo Mascheroni.

Polo di Ingegneria nato su progetto dell'architetto Giancarlo De Carlo

Nei primi anni del novecento, l'Università di Pavia fu il primo ateneo italiano a ricevere il Premio Nobel, nella persona del medico e istologo Camillo Golgi (nei periodi 1893-96 e 1901-09 massima carica dell'ateneo). Nel 1935 per raggiungere gli istituti universitari fu attivato un apposito prolungamento della linea tranviaria cittadina, in attuazione dell'accordo fra la civica amministrazione e la Regia Università[8]. Dalla fine della seconda guerra mondiale, l'Università di Pavia ha conosciuto un nuovo rilancio, dovuto in gran parte all'energia e all'iniziativa dell'allora rettore Plinio Fraccaro. Nel corso degli anni settanta, alle facoltà tradizionali si sono aggiunte quella di Economia e Commercio e di Ingegneria. Infine, negli anni ottanta l'ateneo assunse l'attuale fisionomia attraverso l'edificazione del polo sede della facoltà Ingegneria, nato da un progetto dell’architetto Giancarlo De Carlo. A seguito di ulteriori ampliamenti, è stato creato un vero e proprio campus che ospita ad oggi laboratori di ricerca, laboratori didattici e uffici di svariati corsi di laurea anche di ambito scientifico. In una parte della struttura, annessa allo stesso campus, ha sede l'Istituto di Genetica Molecolare (IGM-CNR). Il nome "Nave", che tutti utilizzano per identificare questa sede universitaria, si deve proprio all'architettura degli edifici che, con piani asimmetrici, sostegni esterni evidenti e oblò sulle porte, ricordano la struttura tipica di una nave di importanti dimensioni.

L'emblema[modifica | modifica wikitesto]

L'emblema dell'Università di Pavia è di antico uso. In alcune aule storiche dell'ateneo, quali l'Aula Foscolo e l'Aula Magna, risalenti rispettivamente al XVIII e XIX secolo, sono presenti elementi di mobilio d'epoca con tale emblema intagliato nel legno. È diviso in quattro parti dalle due mazze rettorali d'argento incrociate, ciascuna sormontata da una piccola aquila, tuttora portate in apertura dei cortei rettorali più solenni[9]. Al centro dell'emblema si trova una stola pendente, a coprire l'incrocio delle mazze, appoggiata su un cartiglio con la scritta Alma Ticinensis Universitas. La stola è sormontata da una corona di foggia simile alla corona ferrea, elemento che allude al ruolo di Pavia quale capitale del regno longobardo e del regno d'Italia carolingio. Al di sotto del tutto, cinque volumi come elemento fondamentale dello studio, su cui poggia l’anello che veniva consegnato ai neo dottori. Nella cornice si leggono due scritte: DCCCXXV Capit[olum] Lotharii e MCCCLXI Generale Studium Constitutum. La prima scritta si riferisce al Capitolare di Lotario dell'825, con il quale Lotario I approvò la costituzione di una scuola di retorica a Pavia; la seconda si riferisce alla fondazione dello Studium Generale del 1361 per opera di Carlo IV[10] su richiesta di Galeazzo II Visconti.

Il palazzo centrale[modifica | modifica wikitesto]

Il "cortile delle statue" visto dal piano della biblioteca storica, all'ingresso del palazzo centrale
Aula Foscoliana, intitolata al poeta Ugo Foscolo, che qui fu docente di eloquenza italiana e latina

In origine non esisteva un unico edificio destinato agli studi: le lezioni si tenevano nelle case private e nei conventi che offrissero locali adatti, o nello stesso palazzo del Comune. Solo sul finire del quattrocento, Ludovico il Moro destinò allo Studium un palazzo in Strada Nuova appartenuto ad Azzone Visconti. L'edificio, che confinava con l'Ospedale San Matteo, a seguito della ristrutturazione cinquecentesca (1534) presentava già due cortili a loggiati sovrapposti che corrispondono approssimativamente a quelli attuali di Volta e dei Caduti. In origine i due cortili erano conosciuti come Legale (Volta) e Medico (Caduti) dagli insegnamenti ospitati nelle aule delle due parti: quello meridionale ospitava le lezioni di diritto civile e canonico, mentre in quello settentrionale erano collocati gli spazi della medicina, filosofia e arti liberali. Il Cortile Volta deve la denominazione corrente alla presenza della statua di Alessandro Volta scolpita da Antonio Tantardini nel 1878 in occasione del centenario della nomina di Volta a professore di fisica sperimentale a Pavia. Volta è raffigurato in toga professionale con la pila nella mano sinistra. Nei muri perimetrali, sotto il portico si possono ammirare numerose pietre tombali e epigrafi in memoria. Le più antiche e interessanti risalgono al XV e XVI secolo e sono dedicate ad alcuni dei più famosi insegnanti di Pavia.

Tra il 1661 e il 1671 ci fu un ulteriore intervento, ad opera dell'architetto Giorgio Pessina che riorganizzò i doppi portici aggiungendo colonne doriche binate, progettò balaustre decorate con pilastrini per il piano superiore e diede agli archi un inusuale profilo poligonale[11]. Nel XVIII secolo, Maria Teresa d'Austria, nell'ambito del suo nuovo piano per una migliore direzione e riordino dell'Università, propose una modernizzazione dell'antico edificio. L'incarico fu affidato all'architetto Giuseppe Piermarini che si occupò della facciata e dei cortili, dove arrotondò gli archi e sostituì la copertura a cassettoni dei loggiati con soffitti a volta. Fu durante questo periodo che fu costruita l'Aula Foscolo, che nel 1782 fu decorata da Paolo Mescoli.

Nel 1783, l'Imperatore Giuseppe II d'Asburgo-Lorena donò all'ateneo l'ex Monastero di Leano, una parte del quale fu destinata alla Facoltà di Teologia per la quale Leopoldo Pollack realizzò un autonomo corpo di fabbrica, articolato intorno a un terzo cortile in asse coi due originali, dei quali riprese il motivo del doppio loggiato con colonne doriche binate. Al piano superiore costruì un teatro fisico semicircolare, ora conosciuto come Aula Volta, di struttura simile al teatro anatomico, oggi Aula Scarpa situata nel cortile di medicina. All'inizio del XIX secolo, anche la parte meridionale del Monastero di Leano fu assorbita dall'Università e Giuseppe Marchesi completò il braccio di fabbrica fino a via Mentana. Allo stesso architetto si deve il progetto della nuova Aula Magna costruita tra il 1845 e il 1850 sotto la direzione dell'architetto Giovanni Battista Vergani, con un pronao composto di colonne corinzie ispirato al modello di un tempio greco. All'esterno il bassorilievo del timpano, eseguito dallo scultore Antonio Galli, rappresenta il rettore Alessandro Volta nell'atto di conferire un diploma di laurea. È la sede delle principali cerimonie dell'Università.

Nel 1932, dopo che i dipartimenti medici furono trasferiti nella loro nuova sede in viale Golgi, l'Università si espanse ulteriormente ed acquistò l'ampio complesso del XV secolo che un tempo apparteneva all'Ospedale San Matteo.

Aule storiche[modifica | modifica wikitesto]

Aula Scarpa, ex teatro anatomico intitolato al celebre anatomo-chirurgo Antonio Scarpa

Il palazzo conserva alcune aule storiche che sono state restaurate e che vengono tuttora utilizzate per convegni, occasioni di rappresentanza e per lo svolgimento delle sedute di laurea.

  • Aula Foscoliana, è stata l'aula magna della facoltà di medicina e di quella legale. È stata costruita nel 1775 su progetto dell'architetto Giuseppe Piermarini. Sulla parete di fondo sono collocate due grandi tele ad olio che ritraggono Maria Teresa d'Austria ed il figlio Giuseppe II d'Asburgo-Lorena, eseguiti a Vienna nel 1779
  • Aula Scarpa, situata al piano terra nell'angolo a nord est del primo cortile. È il teatro anatomico fatto costruire da Antonio Scarpa. Al primo progetto redatto da Giuseppe Piermarini, seguì quello definitivo di Leopoldo Pollack; l'attuale volta a ombrello progettata dal Marchesi sostituisce l'originario soffitto a cassettoni. Ha forma semicircolare su gradinate per permettere agli studenti di assistere alle lezioni di anatomia basate sulla dissezione dei cadaveri. L'anatomista Antonio Scarpa fu uno dei primi a comprendere l'importanza di un collegamento stretto tra medicina e chirurgia. Quest'ultima era considerata una branca meno nobile del sapere medico, da affidare a non medici. Questa innovazione è rappresenta allegoricamente da due uomini sulla vela centrale sopra la cattedra, rappresentanti la medicina e la chirurgia che si stringono la mano in un gesto di riconoscenza. Sulle altre vele si alternano delle grottesche a delle figure alate che hanno in mano i ferri del mestiere del chirurgo. Nella parete posteriore, dietro l'ultima fila di scranni, vi sono i busti di una serie di professori che hanno tenuto la cattedra di chirurgia presso l'Ateneo pavese: marmorei di Antonio Scarpa, Bartolomeo Panizza, Luigi Zoja, Antonio Pensa, Alessandro Brambilla, Giovanni Pietro Frank e Luigi Porta.
  • Aula Volta, al primo piano nel cortile delle statue. In quest'aula, Alessandro Volta svolse il suo insegnamento e i primi esperimenti sull'elettricità. È stata voluta da Giuseppe II che affidò il progetto a Leopoldo Pollack. Ha forma ad anfiteatro e presenta dei trompe-l'oeil che continuano la serie di finestroni sugli scranni a gradinata di fronte alla cattedra. Lo spazio è scandito da semicolonne ioniche che diventano a tutto tondo nella curvatura della gradinata. La volta a conchiglia fu realizzata nel 1828 su progetto del Marchesi in sostituzione del soffitto piano voluto dal Pollach che si era fortemente danneggiato a seguito di un terremoto. Sui lati le statue di Galileo Galilei e dell'allievo Bonaventura Cavalieri.

I collegi universitari[modifica | modifica wikitesto]

Il Collegio Ghislieri

Già dalla metà del XVI secolo[12] Pavia era dotata di due grandi Collegi Universitari, l'Almo Collegio Borromeo e il Collegio Ghislieri, che hanno svolto nel secolo XIX un ruolo importante nella preparazione culturale di buona parte della classe dirigente e intellettuale lombarda e italiana.

Nel piano di potenziamento delle strutture universitarie, dopo il 1945 ebbe parte centrale un grande sviluppo di questo caratteristico aspetto della vita universitaria pavese per merito del rettore Plinio Fraccaro. Profondamente inseriti nel tessuto culturale e storico della città, i collegi svolgono un forte ruolo di attrattiva per gli studenti provenienti da tutta Italia; forte mezzo di aggregazione e ponte tra vita accademica e sociale, ad oggi, i collegi si possono distinguere in collegi di merito, pubblici (EDISU)[13] e privati. I quattro collegi di merito sono l'Almo Collegio Borromeo (misto), il Collegio Ghislieri (misto), il Collegio Santa Caterina (femminile) ed il Collegio Nuovo (femminile): questi sono collegi riservati ad alunni meritevoli, selezionati tramite concorso pubblico. Tutti e quattro questi collegi prevedono inoltre una sezione o una residenza separata per gli studenti post-laurea.

I collegi gestiti dall'EDISU sono il Collegio Castiglioni-Brugnatelli (femminile), il Collegio Cairoli (maschile), il Collegio Girolamo Cardano (misto), il Collegio Fraccaro (maschile), il Collegio Spallanzani (maschile), il Collegio Benvenuto Griziotti (misto), il Collegio Giasone del Maino (misto), il Collegio Lorenzo Valla (misto), il Collegio Alessandro Volta (misto) e i Collegi Camillo Golgi (misti) due residenze universitarie ad amministrazione separata. Esistono poi quattro collegi privati: il Collegio Maria Ausiliatrice (femminile), il Collegio Don Bosco (maschile), il Collegio Sant'Agostino (maschile) ed il Collegio Senatore (femminile). A Cremona è presente infine il Collegio Quartier Nuovo.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il rettore, per il sessennio 2013-19, è Fabio Rugge[14], professore ordinario di Storia delle Istituzioni politiche e Storia dell'amministrazione pubblica, e dal 2005 al 2011 preside della Facoltà di Scienze politiche.

Dipartimenti[modifica | modifica wikitesto]

La riforma Gelmini[15] del 2010, ha soppresso le facoltà universitarie ed i relativi organi, sostituite ed accorpate nelle competenze dai dipartimenti universitari, i quali organizzano la didattica nei rispettivi corsi di laurea e la ricerca di settore. Ad oggi, la didattica dell'Università di Pavia è coordinata dai seguenti dipartimenti (in vigore dal 1 gennaio 2012)[16]:

  • Dipartimento di Biologia e Biotecnologie
  • Dipartimento di Chimica
  • Dipartimento di Fisica
  • Dipartimento di Giurisprudenza
  • Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura
  • Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell'Informazione
  • Dipartimento di Matematica
  • Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Medica
  • Dipartimento di Medicina Molecolare
  • Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali
  • Dipartimento di Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense
  • Dipartimento di Scienze Clinico Chirurgiche, Diagnostiche e Pediatriche
  • Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali
  • Dipartimento di Scienze del Farmaco
  • Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali
  • Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e del Comportamento
  • Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Ambiente
  • Dipartimento di Studi Umanistici

Inoltre, dal 2013 sono state istituite due Facoltà, che coordinano le attività didattiche e gestiscono i servizi comuni dei corsi di studio afferenti, attivati su proposta dei dipartimenti:

  • Facoltà di Ingegneria
  • Facoltà di Medicina e Chirurgia

Offerta formativa[modifica | modifica wikitesto]

Campus di Ingegneria, sezione del Polo Nuovo con annessa biblioteca

Accanto all'offerta dei corsi di laurea tradizionali, Pavia è anche il primo Ateneo in Italia ad aver avviato nel 2009 il corso in Medicine and Surgery, tenuto interamente in lingua inglese[17]. Successivamente, sono stati creati altri corsi di laurea magistrale sempre con didattica interamente in lingua inglese, in Molecular Biology and Genetics (Scienze) e in International Business and Entrepreneurship (Economia) che hanno già laureato i primi studenti nell'arco del biennio.

Altri corsi si sono aggiunti all'offerta formativa in lingua: si tratta del corso di laurea magistrale in World Politics and International Relations (Scienze Politiche), dei corsi in Electronic Engineering, in Computer Engineering e in Industrial Automation Engineering (entrambi di Ingegneria) e del corso di laurea magistrale in Economics, Finance and International integration (Economia).

L’ampliamento dell’offerta didattica in inglese è un ulteriore passo avanti nella politica di internazionalizzazione dell’Università di Pavia, che ha visto crescere in questi ultimi anni il numero di iscrizioni di studenti stranieri[18].

Ricerca e Innovazione[modifica | modifica wikitesto]

Francobollo dedicato all'anno internazionale della fisica raffigurante la città universitaria di Pavia

L’Università degli Studi di Pavia è da sempre una Research University, e sono molteplici i progetti e le collaborazioni internazionali di ricerca nelle quali è coinvolta. Diversi sono i centri di ricerca che, associati all'ateneo, collaborano attivamente e ne permettono la crescita scientifica e culturale. Ne sono un esempio:

La fondazione EUCENTRE[19], in campo ingegneristico, è una delle migliori eccellenze. Creato nel 2003 su iniziativa dei soci fondatori Dipartimento della Protezione Civile, Università di Pavia, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Istituto Universitario di Studi Superiori di Pavia (IUSS) è un ente senza fine di lucro che promuove e sviluppa la ricerca e la formazione nel campo della riduzione del rischio, in particolare sismico.

L'Istituto di Genetica Molecolare[20] (IGM-CNR), nato nel settembre del 2000 dalla fusione di due centri del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pavia: l'Istituto di Biochimica e Genetica Evoluzionistica (IGBE) e il Centro di Studi per l’Istochimica (CSI). L'IGM è coinvolto nella ricerca di base su processi biologici-molecolari fondamentali.

L'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), istituito nel 1951, è un ente pubblico di ricerca dedicato allo studio dei costituenti fondamentali della materia e svolge attività di ricerca, teorica e sperimentale, nel campo della fisica subnucleare, nucleare e astroparticellare, in stretta collaborazione con il mondo universitario.

Il Centre for Health Technologies[21] (CHT), progetto strategico dell’Università di Pavia (che collega 12 dipartimenti medici e scientifici, 100 docenti e 200 dottorandi), si occupa di ricerca scientifica per risolvere problemi in materia di salute umana, promuovendo la ricerca interdisciplinare integrando le scienze di base, la medicina, la farmacologia e l'ingegneria. Il progetto "NATO[22]" che fa capo a un gruppo di ricerca del CHT, è stato uno degli esperimentiSist scientifici realizzati in orbita all'interno della Stazione Spaziale Internazionale durante la missione Expedition 42/43.

Il Parco Tecnico Scientifico[23] (PTS) di recente fondazione, gestisce un incubatore di imprese in ambito biotecnologico e ICT provenienti dall'ateneo.

Attività Culturale[modifica | modifica wikitesto]

Sistema museale[modifica | modifica wikitesto]

Raccolta del museo archeologico fondato nel 1819 da Pier Vittorio Aldini
Facciata meridionale dell'Orto Botanico di Pavia

Il "Sistema museale di Ateneo"[24] si è costituito nel gennaio 2005 con lo scopo di riunire tutti i musei e le collezioni dell'Università di Pavia.

In particolare, l'Università ospita:

  • Museo per la Storia dell'Università di Pavia[25] comprende due sezioni principali, quella di Medicina e quella di Fisica. Il percorso, attraverso l'esposizione degli “strumenti” utilizzati dai grandi maestri del passato, testimonia l'evoluzione dello studio e dell'insegnamento di queste scienze.
  • Museo di Storia Naturale[26] costituito a scopo didattico da Lazzaro Spallanzani nel 1771 grazie a un primo nucleo di minerali inviati in dono dall'Imperatrice Maria Teresa d'Austria. Alla sezione di mineralogia e zoologia fu aggiunta nel 1778 quella di anatomia comparata. La fama del Museo, che già nel 1780 contava oltre 24 000 esemplari, ispirò al poeta e matematico Lorenzo Mascheroni alcuni versi del componimento didascalico “Invito a Lesbia Cidonia”.
  • Museo della Tecnica Elettrica[27] istituito nel 2006, grazie alle preziose donazioni di Edison, ENEL e di molte aziende del settore. Omaggio permanente ad Alessandro Volta (inventore della pila elettrica, docente e rettore dell'ateneo), presenta il patrimonio storico della tecnica elettrica e il suo impatto su tutti gli aspetti della vita quotidiana dalle origini dell'elettricità ad oggi.
  • Museo di Mineralogia[28] conserva collezioni di minerali, rocce e fossili provenienti dalle più note località italiane ed estere. Il museo conta circa 10.000 pezzi ed è suddiviso in due sezioni, Mineralogia-Petrografia e Geologia-Paleontologia.
  • Museo Camillo Golgi[29] istituito nel 2012 e dedicato alla figura di Camillo Golgi (1843-1926) premio Nobel per la medicina e inventore della reazione nera un metodo istologico, considerato alla base delle moderne neuroscienze.
  • Museo di Archeologia[30] comprende collezioni didattiche di epoche diverse (dalla preistoria al periodo tardo antico), compresa una piccola sezione egizia. Tra i reperti esposti vi sono sculture, capitelli, vasi e monete. Il primo nucleo della Collezione è stato costituito dal professore di Archeologia, Pier Vittorio Aldini nel 1819. Il Museo è ospitato nella sala della Crociera dell'antico Ospedale San Matteo che è raggiungibile attraverso il passaggio tra il Cortile delle Magnolie e il Cortile Sforzesco.
  • Orto Botanico di Pavia istituito nella seconda metà del settecento. Si estende su una superficie di circa 2 ettari e comprende le serre, l'edificio storico e l'arboreto dedicato alle collezioni di piante vive all'aperto. Le collezioni sono in parte tematiche e in parte rappresentative di aree geografiche. La serra più antica è dedicata al primo direttore del Museo, Antonio Scopoli. Dell'impianto originario rimane un platano alto 45 metri, la cui circonferenza alla base supera i 7 metri.

Attività editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Pavia University Press
Logo
Stato Italia Italia
Fondazione 2009
Sede principale Pavia
Settore Editoria
Sito web paviauniversitypress.it

L'Università degli Studi di Pavia è una delle istituzioni che aderiscono alla Dichiarazione di Berlino sull'accesso aperto alla letteratura scientifica. La Pavia University Press, è la casa editrice dell’Università degli Studi di Pavia, istituita nel marzo 2009 con lo scopo di diffondere strumenti della didattica e risultati della ricerca condotte nell’Ateneo e presso altri centri di alta specializzazione.

Il Catalogo si articola in tre[31] sezioni: scientifica (monografie, miscellanee, atti di convegno); didattica e formazione (manuali e testi didattici); pubblicazioni istituzionali. Pavia University Press aderisce, inoltre, ai principi dell'Open Access e pubblica sia in formato digitale sia nel tradizionale formato a stampa con la formula del print on demand.

Radio universitaria[modifica | modifica wikitesto]

UCampus[32] è la webradio dell’Università di Pavia, nasce nel 2008 (le trasmissioni prendono il via il 22 settembre 2008 sotto il nome iniziale di “Radio Campus Pavia”). La radio conta sulla collaborazione del corso di laurea interdipartimentale CIM (Comunicazione Innovazione e Multimedialità), e conta di diverse dirette settimanali e un palinsesto musicale in onda 24 ore su 24. UCampus inoltre collabora attivamente alle produzioni e ai progetti di RadUni – l’Associazione degli operatori radiofonici universitari, e di Ustation – il Network dei media universitari italiani.

Giornata del laureato[modifica | modifica wikitesto]

La giornata del laureato è una cerimonia in cui la comunità accademica pavese, riprendendo la tradizione dei college americani e inglesi, consegna il diploma di laurea e festeggia i migliori neo-laureati dell'ultimo anno accademico. La tradizione è stata avviata nel 1991 e si svolge annualmente nel mese di luglio all'interno del caratteristico Cortile Teresiano dell'Università di Pavia.

Inoltre, accanto al rettore, ai direttori di dipartimento in toga, ai docenti dell’ateneo, ai rettori dei collegi pavesi, è chiamato a portare un saluto ai neo-dottori un ospite d’onore, laureato a Pavia e di grande prestigio internazionale, che illustra le principali tappe della propria esperienza umana, scientifica e professionale.

Regata Pavia-Pisa[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Regata Pisa-Pavia.

Nata nel 1929 per commemorare gli studenti pavesi e pisani che parteciparono alla battaglia risorgimentale di Curtatone e Montanara del 1848, è una delle regate più antiche che si disputano nel continente europeo.

Ispirata alla celebre regata Oxford-Cambridge, è un evento arrivato nel 2017 alla 55ª edizione[33], che vede ad anni alterni gli equipaggi universitari sfidarsi sulle acque dei fiumi Arno e Ticino, che attraversano le rispettive città. Nonostante alcune interruzioni registrate dalla nascita della manifestazione, la tradizionale competizione tra i due Centri Universitari Sportivi continua a suscitare grande interesse nelle due città per i significati storici e commemorativi che ad essa sono legati. La regata mantiene inoltre un indiscusso valore sportivo, in quanto gli equipaggi rappresentano a livello nazionale il vertice della disciplina, come dimostrano anche i risultati ottenuti nei campionati sportivi universitari, con Pavia e Pisa arrivate spesso a contendersi i primi posti nelle classifiche.

Personalità legate all'Alma Ticinensis[modifica | modifica wikitesto]

Rettori dal 1900 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Il Magnifico Rettore Plinio Fraccaro in toga durante l'inaugurazione dell'anno accademico 1949/1950
Il Magnifico Rettore Fabio Rugge durante l'inaugurazione dell'anno accademico 2016/2017
Magnifico Rettore Periodo[34]
Camillo Golgi 1901 – 1909
Luigi Berzolari 1909 – 1913
Egidio Gorra 1913 – 1915
Oreste Ranelletti 1915 – 1919
Luigi Zoja 1919 – 1920
Luigi Berzolari 1920 – 1922
Guido Villa 1922 – 1923
Arrigo Solmi 1923 – 1925
Ottorino Rossi 1925 – 1936
Paolo Vinassa de Regny 1935 – 1939
Carlo Vercesi 1939 – 1943
Plinio Fraccaro 1942 – 1944
Carlo Vercesi 1944 – 1945
Plinio Fraccaro 1945 – 1959
Luigi De Caro 1959 – 1965
Alessandro Castellani 1983 – 1988
Roberto Schmid 1988 – 2005
Angiolino Stella 2005 – 2013
Fabio Rugge dal 2013

Alunni e docenti illustri[modifica | modifica wikitesto]

Tra i laureati dell'ateneo e i docenti illustri che insegnarono presso l'ateneo pavese, nel passato e nel presente:

nelle scienze umane e sociali[modifica | modifica wikitesto]

nelle scienze naturali, fisiche e matematiche[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premi Nobel[modifica | modifica wikitesto]

Medaglie teresiane[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia teresiana è un riconoscimento accademico che il Rettore dell'Università di Pavia consegna ai docenti nominati in prima fascia in occasione della cerimonia dell'inaugurazione dell'anno accademico, momento che sancisce l'ingresso dei professori ordinari nel corpo accademico pavese. Voluta nel 1953 dall'allora rettore Plinio Fraccaro, la medaglia è la seconda versione di quella coniata nel 1772 in onore di Maria Teresa d’Austria. Sul recto è raffigurato lo stemma dell’ateneo. Tale onorificenza può inoltre essere conferita dal Rettore dell'Università di Pavia a persone particolarmente illustri, tradizionalmente ospitate in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico o della giornata del laureato. Di seguito alcuni dei premiati con tale onorificenza:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MIUR Anagrafe Nazionale Studenti
  2. ^ Numeri dell'Università di Pavia
  3. ^ Le classifiche degli atenei statali, in Grande Guida Università 2016/2017.
  4. ^ Dario Mantovani, Il lungo cammino dei mercanti di sapienza. Le origini dell'Università di Pavia nella storiografia dal XIV al XX secolo, in Almum Studium Papiense, Cisalpino, 2012.
  5. ^ Pavia si arrese all'esercito visconteo il 13 novembre 1359 dopo lunghi anni di guerre
  6. ^ Monumenti, ppp.unipv.it.
  7. ^ Paolo Sangiorgio, Cenni storici sulle due Università di Pavia e di Milano, Milano, 1831, p. 41.
  8. ^ Giuliano Ascorbi, Pietro Ferrari e Claudio Guastoni, Quando a Pavia si aspettava il tram : storia della Tramvia elettrica urbana, 1913-1954, Pavia, Pime Editrice, 2013, ISBN 978-88-7963-296-6.
  9. ^ UCampus Università di Pavia, XXIII Giornata del laureato: il video integrale, 9 luglio 2013.
  10. ^ Francesca Civile, Brunella Danesi, Stemmi di alcune Università (PDF), naturalmentescienza.it, pp. 15 di 39.
  11. ^ Luisa Erba, Alma Ticinensis Universitas, edito dall'Università degli Studi di Pavia, 2002, ISBN 978-88-8215-333-5.
  12. ^ Si ricorda un terzo collegio universitario, il Collegio di S. Agostino o Collegio Castiglioni (1429-1803), fondato dal cardinale Branda Castiglioni; fu ospite del collegio durante gli studi Giovan Angelo Medici, Pio IV, zio di Carlo, fondatore del Collegio Borromeo.
  13. ^ EDiSU - Collegi edisu, su www.edisu.pv.it.
  14. ^ Pavia, Rugge rettore alla quarta votazione, in Archivio Corriere della Sera.
  15. ^ Guida alla nuova scuola superiore (PDF), MIUR, febbraio 2010. (archiviato dall'url originale il ).
  16. ^ Dipartimenti, su www.unipv.eu. URL consultato il 7 aprile 2017.
  17. ^ Medicina in lingua inglese: a Pavia i primi 40 laureati -, in Il Giorno, 2 luglio 2015.
  18. ^ Medicina, boom iscrizioni al top i corsi in inglese, in La Provincia Pavese, 30 agosto 2016.
  19. ^ Fondazione EUCENTRE - Pavia, su eucentre.it.
  20. ^ Istituto di Genetica Molecolare, su www.igm.cnr.it.
  21. ^ (EN) Centre for Health Technologies at the University of Pavia, su cht.unipv.it.
  22. ^ L’esperimento dell’Università di Pavia a bordo della ISS, in news.unipv.
  23. ^ Parco Tecnico Scientifico - Pavia, su www.ptspavia.it.
  24. ^ Sistema Museale d'Ateneo, su musei.unipv.eu.
  25. ^ Museo per la storia dell'Università | Sistema Museale d'Ateneo, su musei.unipv.eu.
  26. ^ Museo di storia naturale | Sistema Museale d'Ateneo, su musei.unipv.it.
  27. ^ Museo della Tecnica Elettrica | Sistema Museale d'Ateneo, su musei.unipv.it.
  28. ^ Museo di Mineralogia | Sistema Museale d'Ateneo, su musei.unipv.it.
  29. ^ Museo Camillo Golgi | Sistema Museale d'Ateneo, su musei.unipv.eu.
  30. ^ Museo di Archeologia | Sistema Museale d'Ateneo, su musei.unipv.eu.
  31. ^ Pavia University Press, paviauniversitypress.it. URL consultato il 23-10-2014.
  32. ^ UCampus | La webradiotv dell'Università di Pavia, su ucampus.unipv.it.
  33. ^ Giovanni Armillotta: "La Regata Pisa-Pavia, la più prestigiosa competizione accademica dell'Europa continentale", su www.giovanniarmillotta.it. URL consultato il 3 maggio 2017.
  34. ^ Annuari dell'Università di Pavia (1859 - 2003), su unipv.it.
  35. ^ Senato della Repubblica: Del Giudice Pasquale
  36. ^ Un Nobel all'ateneo pavese, su www.miapavia.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luisa Erba, Alma Ticinensis Universitas, edito dall'Università degli Studi di Pavia (2002)
  • Dario Mantovani, Il lungo cammino dei mercanti di sapienza. Le origini dell'Università di Pavia nella storiografia dal XIV al XX secolo, in Almum Studium Papiense, Cisalpino, (2012)
  • Mazzarello, Fregonese, Pavia e le svolte della scienza: a cura di Paolo Mazzarello e Lucio Fregonese, Pavia, Libreria CLU (2011)
  • Simona Negruzzo, Il giansenismo e l’Università di Pavia. Studi in ricordo di Pietro Stella, Milano, Cisalpino, (2012)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN143263130 · LCCN: (ENn79109738 · ISNI: (EN0000 0004 1762 5736 · GND: (DE40464-0 · BNF: (FRcb118679541 (data)