Antonio Tantardini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sullo scultore omonimo, vedi Carlo Antonio Tantardini.
La Storia (collocata ai piedi del monumento al Cavour di Odoardo Tabacchi)
Busto con figura di fanciulla in marmo bianco (part.), in collezione privata.

Antonio Tantardini (Milano, 12 giugno 1829Milano, 7 marzo 1879) è stato uno scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Antonio Tantardini, Angelo della Vittoria. Vicenza, piazzale della Vittoria.

I suoi genitori erano originari di Viggiù e si trasferirono successivamente a Milano, città in cui frequentò l'Accademia di Belle Arti di Brera e fu allievo di Pompeo Marchesi. Fu uno scultore molto attivo, che acquistò notevole fama; morì nel 1879 a soli 50 anni, rimpianto da tutti. Non avendo eredi dispose dei legati a favore dell'Accademia di Brera ed ai suoi più affezionati ed affermati scolari.

Delle sue opere sono da segnalare i nudi muliebri che si impongono per nobiltà d'impianto, opulenza di forme, morbidezza di superfici.

Si ricordano: Schiava, che ebbe successo all'Esposizione Internazionale di Parigi del 1867, Leggitrice, Naiade (Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia) e, sempre a Brescia le tombe Arici e T. Lechi al Cimitero Vantiniano. Due leoni sulla scalinata della Parrocchiale di Gussago alle porte di Brescia. La Storia (collocata ai piedi del monumento al Cavour di Odoardo Tabacchi), Faust e Margherita (Il bacio) in marmo, e il gesso Arnaldo da Brescia (Galleria d'Arte Moderna di Milano), la colossale statua del Mosè presso l'Arcivescovado di Milano, Nostalgia di Caino, Alessandro Volta (1878) presso l'Università di Pavia ed il busto di Angelo Mai (Pinacoteca di Bergamo).

Celletta con i resti di Tantardini nella Cripta del Famedio del Cimitero Monumentale di Milano

In provincia di Varese, a Jerago con Orago, nella cappella della famiglia Bianchi, si trova l'Angelo pensoso ed il busto di Giovanni Bianchi; presso la Scuola Materna il busto di Ippolita Bianchi Gori. A Monza quattro leoni decorano le spallette del ponte sul Lambro chiamato appunto Ponte dei Leoni.

A Sant'Angelo Lomellina, in provincia di Pavia, si trova la statua l'Eroe sul monumento ai caduti in via Dott. Mazzini.

Dopo una prima sepoltura, i resti di Tantardini sono ora tumulati in una grande celletta al Cimitero Monumentale di Milano, nella Cripta del Famedio[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96528049 · ISNI (EN0000 0000 6864 0259 · GND (DE1051973082 · ULAN (EN500112682 · CERL cnp02103666