Università telematica Universitas Mercatorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Università degli Studi delle Camere di Commercio "Universitas Mercatorum"
Universitas Mercatorum.jpg
010101 11 piazza mattei le tartarughe.JPG
Sede dell'Universitas Mercatorum nel centro di Roma, presso Palazzo Costaguti in Piazza Mattei.
Ubicazione
Stato  Italia
CittàRoma
Dati generali
Nome latinoUniversitas Mercatorum
SoprannomeUniMercatorum
MottoUniversità Telematica delle Camere di Commercio Italiane
SloganL'università di tutte le aziende italiane - La prima startup university italiana
Fondazione2006[1]
FondatoreCamera di commercio, industria, artigianato e agricoltura
Tipouniversità telematica
FacoltàEconomia
DipartimentiStatistica, Economia, Ingegneria, Psicologia, Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione, Lingue, Sociologia, Scienze Giuridiche, Relazioni Internazionali, Moda, Arte e Spettacolo.
RettoreGiovanni Cannata[2], prorettore Riccardo Tiscini[2]
PresidenteDanilo Iervolino[2]
PresideMaria Antonella Ferri[2]
Dir. generalePatrizia Tanzilli[2]
Studenti3 556 (2021)Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca[3]
Dipendenti176 (2021)[4]
Colori
rosso, bianco e nero
AffiliazioniUnione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura
Mappa di localizzazione
Sito web

L'Università telematica "Universitas Mercatorum" oppure l'Università degli Studi delle Camere di Commercio "Universitas Mercatorum"[5] (in acronimo UniMercatorum[6]) è un ateneo internazionale creato dal sistema delle Camere di Commercio italiane[7]. Istituita con Decreto Ministeriale del 10 maggio 2006[8], l'Università Mercatorum è legalmente riconosciuta dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca[9], dal 2019 denominato Ministero dell'Università e della Ricerca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha autorizzato l'Università degli Studi delle Camere di Commercio a praticare la formazione a distanza, in un progetto educativo innovativo che sfrutta le tecnologie dell'informazione e della comunicazione[10]. Del resto, l'intera attività didattica è soggetta alla vigilanza periodica dell'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, che ha reputato soddisfacente il relativo livello, confermando il pieno accreditamento dei corsi esistenti[11] e l'introduzione successiva di ulteriori corsi di laurea[12][13][14]. L'Ateneo, fondato dalle Camere di commercio italiane, è affiliato ad Unioncamere[15] ed è partecipato dal medesimo ente pubblico e dal gruppo Multiversity[16]: si tratta della prima partnership pubblico-privata per la governance di un'istituzione universitaria, che ha come obiettivo la formazione nel mondo delle imprese.[17]

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione Universitas Mercatorum richiama le origini, la natura e la vocazione tipica delle Camere di commercio quali organismi rappresentativi della comunità e, più specificatamente, della generalità dei vari soggetti ed ambiti produttivi. Le universitates mercatorum erano, infatti, organismi associativi – antesignani delle odierne Camere – dispensatori di giustizia e investiti di funzioni di regolazione dei mercati, a tutela degli interessi di tutti i settori coinvolti.[18][19]

Profilo accademico[modifica | modifica wikitesto]

L'Università degli Studi delle Camere di Commercio, nata per valorizzare il capitale umano delle imprese, fin dagli inizi ha strutturato la sua offerta formativa indirizzandola principalmente ad un target di persone inserite nel mondo del lavoro[17][20]. Con tali finalità, per i professionisti della filiera agroalimentare, della ristorazione, dell'ospitalità e del turismo, è stata fondata anche la Gambero Rosso University, un progetto di digital education promosso dal gruppo Gambero Rosso e da Universitas Mercatorum.[21][22][23]

Struttura organizzativa[modifica | modifica wikitesto]

L'ateneo ha sede legale a Palazzo Costaguti, nel centro di Roma, ed è articolato in un'unica Facoltà di Economia, che offre corsi di laurea triennali e magistrali, nonché percorsi formativi post-lauream, di alta formazione, di specializzazione e di perfezionamento.[24][25][26][27]

Gli esami si svolgono nella sede capitolina di Unioncamere di piazza Sallustio, ma anche in altre cinquanta città della penisola tra cui Bari, Bologna, Crotone, Cosenza, Latina, Milano, Napoli, Pagani, Palermo, Treviso, Caltanissetta e Torino.[28][29]

Approccio didattico[modifica | modifica wikitesto]

Il modello didattico su cui si basa è il blended learning (apprendimento integrato), che prevede un programma di autoformazione alternato all'assistenza del tutor e a interazioni simultanee online con il docente, il tutor e il gruppo classe.[30][31]

Docenti universitari[modifica | modifica wikitesto]

Espressione del mondo accademico e di quello delle professioni, i docenti dell'Università degli Studi delle Camere di Commercio vengono selezionati mediante concorsi sulla base di bandi che precisano i requisiti scientifici e curriculari dei candidati. Tra i titolari delle materie, quindi responsabili dei programmi didattici, risultano Raffaele Squitieri, Raffaele Bonanni, Carlo Bordoni, Paolo Cuccia, Enrico Menduni, Paolo Del Brocco, Giorgio Patrizi, Nello Polese e Franco Salvatori.[32]

Attività di ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Dalla collaborazione tra il Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo Tagliacarne e la medesima Università, sono state promosse due iniziative editoriali denominate TESI (Territorio, Economia, Società, Istituzioni) e TEMI (Territorio, Economia, Mercati, Istituzioni); esse si propongono come un forum di discussione e riflessione per lavori di ricerca caratterizzati da un elevato standard scientifico[33][34]. Inoltre, l'Universitas Mercatorum partecipa a network nazionali ed internazionali di ricerca scientifica, contribuendo al dibattito e alla valorizzazione dei filoni di suo interesse attraverso la partecipazione e l'organizzazione di seminari di studio, conferenze e incontri.[35]

Tra le varie iniziative avviate dall'ateneo, si annovera l'Osservatorio sulla Digitalizzazione delle Relazioni Industriali (promosso in sinergia con Gruppo Freccia Rossa e Università Cattolica del Sacro Cuore)[36][37] e le offerte dedicate di servizi formativi in collaborazione con Artribune[38][39], Confassociazioni[40], Unione Generale del Lavoro[41][42], ENBIC[43], e Confcommercio.[44][45][46]

Più in generale, le attività preponderanti di ricerca e di studio sono focalizzate sulle seguenti discipline: statistica, economia, ingegneria, psicologia, scienze politiche, scienze della comunicazione, lingue, sociologia, scienze giuridiche, relazioni internazionali, moda, arte e spettacolo.[47][48]

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Marbach (2006-2014)
  • Pierfrancesco Pacini (2014-2015)
  • Giovanni Cannata (dal 2015)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D.M. del 10/05/2006
  2. ^ a b c d e Governance | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 29 agosto 2021).
  3. ^ Statistiche MIUR sull'Univerisità degli Studi delle Camere di Commercio "Universitas Mercatorum", su ustat.miur.it. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 26 agosto 2021).
  4. ^ Informazioni su Università Mercatorum - Dipendenti totali", su linkedin.com. URL consultato l'11 settembre 2021.
  5. ^ (EN) Universitaly - Scheda Ateneo - Università Telematica, su Universitaly. URL consultato il 27 agosto 2021 (archiviato il 27 agosto 2021).
  6. ^ Universitas Mercatorum | Università Telematica, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 27 agosto 2021 (archiviato il 28 novembre 2020).
  7. ^ Formazione >> Universitas Mercatorum .:: Centro Servizi per le Imprese ::., su www.csimprese.it. URL consultato il 26 agosto 2021 (archiviato il 26 agosto 2021).
  8. ^ Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, Istituzione dell'universita' telematica internazionale non statale «Universitas Mercatorum», su gazzettaufficiale.it, Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana, 12 giugno 2006. URL consultato il 26 agosto 2021 (archiviato il 26 agosto 2021).
  9. ^ UNIVERSITAS TELEMATICA MERCATORUM DI ROMA, su ustat.miur.it. URL consultato il 26 agosto 2021 (archiviato il 26 agosto 2021).
  10. ^ Renée, Le Università Telematiche Riconosciute dal MIUR – LezioneOnline.com, su lezioneonline.com. URL consultato l'11 settembre 2021 (archiviato l'11 settembre 2021).
  11. ^ ANVUR, Rapporto ANVUR Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio Università telematica “Universitas Mercatorum” (PDF), su anvur.it, 11 luglio 2018. URL consultato il 26 agosto 2021 (archiviato il 15 agosto 2021).
  12. ^ Università Mercatorum: 5 Nuovi Corsi di Laurea Online, su Unitelematiche, 23 luglio 2019. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  13. ^ I nuovi corsi che verranno attivati dall’UNIVERSITA’ UNIMERCATORUM per l’anno accademico 2020/2021 sono i seguenti: – Centro Servizi Universitari Vicenza srl, su www.csuvi.it. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  14. ^ Anno Accademico 2020/21 i nuovi corsi dell’UNIVERSITA’ MERCATORUM – Università delle Isole, su unieolie.it. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  15. ^ simpar, Universitas Mercatorum, su www.unioncamere.gov.it, 14 luglio 2016. URL consultato il 26 agosto 2021 (archiviato il 17 aprile 2021).
  16. ^ Carlo Festa, Il fondo Cvc entra nell’Università Pegaso, in Il Sole 24 Ore, 2 agosto 2019. URL consultato il 26 agosto 2021 (archiviato il 26 agosto 2021).
  17. ^ a b Nasce l'università delle Pmi all'insegna dell'innovazione: accordo Unioncamere-Pegaso .:: Unioncamere ::., su www.unioncamere.gov.it. URL consultato il 27 agosto 2021 (archiviato il 27 agosto 2021).
  18. ^ Grande guida università 2009-2010: Universitas Mercatorum, su repubblica.it, Gruppo editoriale L'Espresso. URL consultato il 26 agosto 2021 (archiviato il 22 febbraio 2020).
  19. ^ Chi Siamo | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  20. ^ Università Telematica Mercatorum, su CFU - Centro Formativo Universitario. URL consultato il 27 agosto 2021 (archiviato il 27 agosto 2021).
  21. ^ NASCE LA GAMBERO ROSSO UNIVERSITY, LA NUOVA COLLABORAZIONE TRA UNIMERCATORUM E GAMBERO ROSSO | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  22. ^ Gambero Rosso University, su www.gamberorossouniversity.it. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  23. ^ Unimercatorum – Gambero Rosso Le sfide e l’esperienza per l’ospitalità e la ristorazione di successo – Centro Servizi Universitari Vicenza srl, su www.csuvi.it. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  24. ^ Universitas Mercatorum - Corsi di Laurea, su unimercatorum.it. URL consultato il 14 dicembre 2020 (archiviato l'11 dicembre 2020).
  25. ^ Universitas Mercatorum - Organizzazione Didattica, su unimercatorum.it. URL consultato il 14 dicembre 2020 (archiviato il 28 novembre 2020).
  26. ^ SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 29 agosto 2021 (archiviato il 29 agosto 2021).
  27. ^ Corsi di Alta Formazione Online | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 29 agosto 2021 (archiviato il 29 agosto 2021).
  28. ^ Copia archiviata, su unimercatorum.it. URL consultato il 14 dicembre 2020 (archiviato il 28 novembre 2020).
  29. ^ Cerca Sedi Esame, su Unitelematiche. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  30. ^ Formazione >> Universitas Mercatorum .:: Centro Servizi per le Imprese ::., su www.csimprese.it. URL consultato il 27 agosto 2021 (archiviato il 26 agosto 2021).
  31. ^ Universitas Mercatorum, su Italiano, 28 dicembre 2008. URL consultato il 27 agosto 2021 (archiviato il 27 agosto 2021).
  32. ^ Docenti | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 dicembre 2021.
  33. ^ Centro Studi Guglielmo Tagliacarne, TESI & TEMI, su Centro Studi delle Camere di commercio Guglielmo Tagliacarne s.r.l.. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  34. ^ TESI & TEMI | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  35. ^ Eventi di Ricerca | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  36. ^ Osservatorio sulla Digitalizzazione delle Relazioni Industriali | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  37. ^ Oservatorio sulla digitalizzazione delle relazioni industriali, su linkedin.com.
  38. ^ Artribune University | Artribune, su artribune.com. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  39. ^ ARTRIBUNE UNIVERSITY | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  40. ^ Confassociazioni University, su confassociazioniuniversity.it. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  41. ^ Ugl - UGL: CON UNIVERSITÀ MERCATORUM "ACADEMY" PER OFFERTA FORMATIVA, su Ugl, 12 ottobre 2020. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  42. ^ CORSI DI ALTA FORMAZIONE UGL | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  43. ^ ENBIC ACADEMY - ENTE BILATERALE CONFEDERALE, su enbic-academy-university.it. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 23 ottobre 2020).
  44. ^ Università delle Imprese, su www.universitadelleimprese.it. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 26 febbraio 2021).
  45. ^ Fattoria Creativa, Giovani Imprenditori Confcommercio - Corporate University, su www.giovaniimprenditoriconfcommercio.it. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  46. ^ Nuova collaborazione Università Mercatorum e CONFCOMMERCIO. Master in Gestione Delle Associazioni di Rappresentanza | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 28 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  47. ^ Corsi di Laurea Online | Universitas Mercatorum, su Università Telematica Universitas Mercatorum. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato l'11 dicembre 2020).
  48. ^ Percorsi di laurea UniMercatorum – Università telematica Pegaso e Università Mercatorum Vicenza – Centro Servizi Universitari Vicenza srl, su www.csuvi.it. URL consultato il 13 settembre 2021 (archiviato il 13 settembre 2021).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6217161453867764330004 · GND (DE1227872127
  Portale Università: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Università