Università Campus Bio-Medico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Università Campus Bio-Medico
Stato Italia Italia
Città Roma
Motto La Scienza per l'Uomo
Fondazione 1993
Tipo Privata
Facoltà
  • Medicina e Chirurgia
  • Ingegneria
Rettore Andrea Onetti Muda
Studenti 1 640 (2014/15[1])
Sito web www.unicampus.it

L'Università Campus Bio-Medico di Roma è una università italiana non statale[2] nata nel 1993 (D.M. 31 ottobre 1991). L'iniziativa fu incoraggiata da mons. Álvaro del Portillo, vescovo Prelato dell'Opus Dei, con l'obiettivo di realizzare un progetto culturale capace di riproporre al centro delle scienze biomediche il valore della persona. Oggi l'Università Campus Bio-Medico è promossa da persone dell'Opus Dei insieme a tanti altri che non sono dell'Opera. L'Opus Dei[3], con le attività di formazione dottrinale e spirituale supporta la mission dell'Ateneo, ne promuove l'identità cristiana e assiste spiritualmente chi vi lavora e lo desidera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 1993 presero il via, nella sede provvisoria di via Emilio Longoni, i corsi di laurea in Infermieristica e in Medicina e Chirurgia. Nel 1994 fu inaugurato il Policlinico Universitario e successivamente i laboratori per la ricerca in campo biomedico. Nel 1999 nacque la Facoltà di Ingegneria con i corsi di laurea in Ingegneria Biomedica. Ne 2001 ci fu l'attivazione delle scuole di specializzazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Nel 2003 l'allora Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, ricevette al Quirinale i dirigenti e il personale dell'Università in occasione del decimo anniversario della fondazione dell'Ateneo. Nel 2007 venne attivato il nuovo corso di laurea in Scienze dell'Alimentazione e della Nutrizione Umana. Nel gennaio 2007[4] Joaquín Navarro-Valls divenne Presidente dell’Advisory Board, un Comitato di Consulenza e Indirizzo per l'Università Campus Bio-Medico di cui fanno parte attualmente (2016) Paolo Arullani (Presidente Onorario UCBM), Pellegrino Capaldo, Vittorio Caporale, Bruno Dallapiccola, Gianni Letta, Sergio Pecorelli e Mario Preve[5]. Nel 2008 venne inaugurato il nuovo campus universitario a Trigoria, comprendente il nuovo Policlinico Universitario e il Polo di Ricerca Avanzata in Biomedicina e Bioingegneria (PRABB), che sorsero accanto al Centro per la Salute dell'Anziano (CESA), già esistente dal 2000. Sempre nel 2008, venne attivato il nuovo corso di laurea in Tecniche di Radiologa Medica per Immagini e Radioterapia e nel 2010 il corso di laurea in Ingegneria Industriale, propedeutico al corso di laurea magistrale in Ingegneria Biomedica e in Ingegneria Chimica per lo Sviluppo Sostenibile. Nel 2013 venne inaugurato il nuovo Polo dela Didattica a 20 anni dalla nascita dell'Ateneo[6].

Offerta formativa[modifica | modifica wikitesto]

Facoltà dipartimentale di Medicina e Chirurgia
Facoltà dipartimentale di Ingegneria
Scuole di specializzazione
  • Allergologia ed Immunologia Clinica
  • Anatomia Patologica
  • Anestesia, Rianimazione e Terapia intensiva
  • Cardiochirurgia
  • Chirurgia dell'Apparato Digerente
  • Chirurgia Generale
  • Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica
  • Ematologia
  • Endocrinologia e Malattie del metabolismo
  • Gastroenterologia
  • Geriatria
  • Ginecologia ed Ostetricia
  • Malattie dell'apparato cardiovascolare
  • Malattie Infettive
  • Medicina fisica e riabilitativa
  • Medicina Interna
  • Microbiologia e Virologia
  • Neurologia
  • Oftalmologia
  • Oncologia medica
  • Ortopedia e Traumatologia
  • Otorinolaringoiatria
  • Patologia clinica
  • Radiodiagnostica
  • Radioterapia
  • Urologia
Dottorati di ricerca
  • Dottorato di ricerca in Bioingegneria e Bioscienze [9]
  • Dottorato di Ricerca in Scienze Biomediche Integrate e Bioetica [10]
Master
  • Master di I livello in Management per le Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie [11]
  • Master di I livello in Cure Palliative e Terapia del Dolore [12]
  • Master di II livello in Imprenditorialità in Sanità [13]
  • Master di II livello in Homeland Security [14]

Sedi e strutture[modifica | modifica wikitesto]

Sede di via Longoni[modifica | modifica wikitesto]

Nella sede originaria (1993-2007) dell'Università Campus Bio-Medico, in via Emilio Longoni, oggi resta attivo un Centro di Radioterapia.

Campus universitario a Trigoria[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 2008 è stato inaugurato ufficialmente il nuovo campus universitario sorto a Trigoria su terreni in parte venduti e in parte donati da Alberto Sordi, ai confini della Riserva naturale di Decima-Malafede. Su questi terreni vanno sorgendo gradualmente gli edifici universitari.

Centro per la Salute dell'Anziano - CESA (2000)[modifica | modifica wikitesto]

il Polo di Ricerca Avanzata
« «Ho fatto tutto questo, perché anch' io ho raggiunto il traguardo della vecchiaia e capisco qual è il disagio. Un uomo che è soggetto all' assistenza di qualcuno, deve avere sempre la sicurezza di essere protetto».[7][8] »
(Alberto Sordi)

Il Centro per la Salute dell'Anziano (CESA), inaugurato nel 2001, sorge sui circa otto ettari di terreno donati da Alberto Sordi all'Università Campus Bio-Medico per la realizzazione di una struttura dedicata "all' assistenza medica e alla ricerca applicata alle patologie della terza età"[9]. Il CESA, oltre alle attività assistenziali e di ricerca, ospita la Fondazione Alberto Sordi[15] e l'Associazione Alberto Sordi Onlus che vi promuove un innovativo Centro Diurno per Anziani Fragili[10].

Polo di Ricerca Avanzata in Biomedicina e Bioingegneria - PRABB (2007)[modifica | modifica wikitesto]

il Policlinico universitario visto dalla Riserva Naturale di Decima-Malafede

Questo edificio, inaugurato nel 2007[11] e destinato in futuro ad ospitare quasi esclusivamente laboratori di ricerca, al momento attuale ospita anche alcune aule, la Presidenza, il Rettorato, le segreterie per gli studenti e per gli specializzandi, la mensa universitaria e alcuni uffici amministrativi. Vi ha sede anche l'Istituto di Filosofia dell'Agire Scientifico e Tecnologico (FAST) una struttura didattica e di ricerca interdisciplinare diretta da Elvio Covino che, oltre a coordinare l'insegnamento delle discipline umanistiche all'interno dei diversi corsi di laurea dell'Ateneo, ha lo scopo di favorire un costante "dialogo fra filosofi, ricercatori e docenti delle diverse discipline scientifiche"[12].

Policlinico universitario (2007)[modifica | modifica wikitesto]

Visione serale del Trapezio con la nuova Biblioteca

Il policlinico universitario del Campus Bio-Medico è convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale. "La struttura è dotata di oltre trenta Unità Operative. Eroga assistenza sanitaria in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale e privatamente. Comprende servizi ambulatoriali, di day-hospital, day-surgery e reparti di degenza organizzati per intensità di cura"[13]. A regime potrà arrivare ad ospitare fino a 400 posti letto con 18 sale operatorie[14].

Trapezio (2013)[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 novembre 2013, il ministro della Pubblica Istruzione Maria Chiara Carrozza ha inaugurato, assieme al Prelato dell'Opus Dei, Javier Echevarría, una nuova struttura per la didattica "di oltre 4.500 m² che arricchisce l'ateneo di 13 nuove aule per 1.400 posti a sedere, con una biblioteca da 120 postazioni di lettura. Il complesso architettonico, che sfrutta energie rinnovabili ed è attento all'ambiente, è stato realizzato dagli architetti Ambrogio Risari, Santiago Hernandez ed Eduardo Lopez"[15].

Autorità accademiche[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

Presidi[modifica | modifica wikitesto]

Medicina[modifica | modifica wikitesto]

Ingegneria[modifica | modifica wikitesto]

Altri docenti e personalità di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Attività extra-accademiche[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Marzo 2011: vengono girate all'interno e all'esterno del Policlinico Universitario alcune scene della fiction televisiva Don Matteo con Terence Hill[17].
  • Dicembre 2011: l'esibizione natalizia degli allievi del Laboratorio teatrale dell'università ha visto la partecipazione straordinaria di Edoardo Siravo
  • Dicembre 2012: studenti e personale dell'Università partecipano ad una Webserie autoprodotta, Dr. Rob, sulle disavventure di un medico-robot. La serie, messa in onda su YouTube tra febbraio e maggio 2013, ha avuto come ospiti della nona puntata i calciatori Mattia Destro e Pablo Osvaldo[18].
  • Agosto 2015: Ennio Morricone viene operato nel Policlinico del Campus Bio-Medico, dopo una frattura al femore, dal Prof. Vincenzo Denaro. Lo ringrazierà pubblicamente durante il concerto svoltosi il 12 settembre 2015 all'Arena di Verona[19].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati dell'ufficio di statistica del MIUR
  2. ^ Il sistema delle Università non statali in Italia - Fondazione Crui
  3. ^ Opus Dei - COS'È L'OPUS DEI - Attività
  4. ^ http://www.navarro-valls.info/
  5. ^ ORGANIZZAZIONE | Organizzazione
  6. ^ Mission e Storia, Sito ufficiale dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, unicampus.it.
  7. ^ Al Campus Bio-Medico la targa per Alberto Sordi, Corriere della Sera, 9 febbraio 2007, p.17.
  8. ^ Si veda anche il video dell'intervento di Alberto Sordi
  9. ^ Al Campus Bio-Medico la targa per Alberto Sordi, Corriere della Sera, 9 febbraio 2007, p.17.
  10. ^ Pagina ufficiale.
  11. ^ dal sito ufficiale
  12. ^ Istituto Di Filosofia Dell'Agire Scientifico E Tecnologico (Fast) | Rettorato Facoltà Istituti
  13. ^ dal sito ufficiale del Policlinico
  14. ^ dal dépliant ufficiale di presentazione
  15. ^ ADNKRONOS, 13-11-2013: a Campus BioMedico nuovo percorso 2+3, Carrozza inaugura anno
  16. ^ Si veda il filmato del musical sul canale ufficiale YouTube dell'Università.
  17. ^ notizia tratta dalla newsletter dell'Università,25-31 marzo 2011
  18. ^ la web serie su YouTube
  19. ^ Si veda su YouTube il filmato in cui Morricone ringrazia il Prof. Denaro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Università Campus Bio-Medico di Roma. Primo decennale (Roma, 15 ottobre 2003), Edigraf, Formello (RM) 2004, pp. 99

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]