Pontificio ateneo Sant'Anselmo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pontificio Ateneo Sant'Anselmo
San Anselmo Roma fc01.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàRoma
Dati generali
MottoFides Quaerens Intellectum
Fondazione1887[1]
Tipopontificia
Mappa di localizzazione
Sito web

Il Pontificio ateneo Sant'Anselmo è un'istituzione universitaria cattolica con sede a Roma, dipendente dalla Santa Sede.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il Pontifico Ateneo Sant'Anselmo è organizzato nelle seguenti facoltà:

  • Filosofia
  • Istituto monastico
  • Pontificio Istituto Liturgico
  • Teologia

Gran cancellieri[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo di gran cancelliere di questa istituzione spetta all'abate primate della confederazione benedettina[2].

  • Notker D. Wolf (2000-2016)
  • Gregory Polan (dal 2016)

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaetano Bernardi (1887-1893)
  • Laurentius Janssens (1893-1908)
  • Hartmann Strohsacker (1908-1913)
  • Suitbert Birkle (1913-1915)
  • Rector a Seckau (1915-1917)
  • Romuald Simó (1919-1921) – prorettore
  • Patrick Cummins (1921-1925)
  • Athanasius Staub (1925-1939)
  • Ulrich Beste (1939-1949)
  • Augustin Mayer (1949-1966)
  • Jean-Pierre Müller (1966-1968) – prorettore
  • Basil Studer (1968-1974)
  • Cipriano Vagaggini (1974-1978)
  • Magnus Löhrer (1978-1986)
  • Anscar Chupungco (1986-1990)
  • Pius Tragan (1990-1997)
  • Albert Schmidt (1997-2005)
  • Mark Sheridan (2005-2009)
  • Juan Javier Flores Arcas (2009-2017)
  • Stefano Visintin (2017-2019)
  • Philippe Nouzille (luglio-novembre 2019) – prorettore
  • Bernhard Eckerstorfer (dal 2019)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fondato nel 1887 da papa Leone XIII come Scuola internazionale di teologia per i benedettini (collegio Sant'Anselmo).
  2. ^ (LA) Ss. Patriarchae Benedicti Familiae Confederatae (a cura di), Catalogus Monasteriorum O.S.B. - Monachorum, Editio XXII 2015, Roma.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN131931250 · ISNI (EN0000 0004 1762 7432 · LCCN (ENn50052004 · GND (DE1024249-1 · BNF (FRcb12147985t (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n50052004