Pontificia accademia per la vita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pontificia accademia per la vita
Pontificia Academia Pro Vita
Emblem of the Holy See usual.svg
Eretto 11 febbraio 1994
Presidente arcivescovo Vincenzo Paglia
Cancelliere Presbitero Renzo Pegoraro
Sede Via della Conciliazione, 1 - 00193 Roma
Sito ufficiale www.academiavita.org
Santa Sede · Chiesa cattolica
I dicasteri della Curia romana

La Pontificia accademia per la vita (in latino Pontificia Academia Pro Vita), in sigla PAV, è una accademia pontificia che ha lo scopo di promuovere il progresso degli studi e di «informare e formare circa i principali problemi di bioetica e di diritto, relativi alla promozione e alla difesa della vita, soprattutto nel diretto rapporto che essi hanno con la morale cristiana»[1].
Opera in perenne accordo con il Dicastero per i laici, la famiglia e la vita ed è attualmente posta sotto la protezione del sommo pontefice papa Francesco; il presidente è l'arcivescovo Vincenzo Paglia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il suo statuto moderno è definito dal motu proprio Vitae Mysterium (11 febbraio 1994) di papa Giovanni Paolo II. In esso sono indicati gli scopi specifici dell'istituzione. Che sono tre:

  1. studio dei problemi riguardanti la difesa della vita umana e la dignità della persona;
  2. promozione di una cultura della vita nel rispetto del magistero della Chiesa;
  3. informare la Chiesa, le istituzioni e i mass media dei risultati della propria attività di studio.

I membri ordinari dell'Accademia sono settanta, nominati dal papa sulla base della loro professionalità e competenza, senza alcuna discriminazione religiosa e nazionale. Una volta che assumono l'incarico si impegnano ad agire in conformità con il magistero della Chiesa.

Cronotassi dei presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Cronotassi dei vicepresidenti[modifica | modifica wikitesto]

Cronotassi dei cancellieri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]