Comitato per gli investimenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Comitato per gli investimenti
Emblem of the Holy See usual.svg
Gli compete di garantire la natura etica degli investimenti mobiliari della Santa Sede secondo la dottrina sociale della Chiesa e, nello stesso tempo, la loro redditività, adeguatezza e rischiosità (Praedicate evangelium, 227)
Eretto5 giugno 2022
Presidentecardinale Kevin Joseph Farrell
Segretariovacante
dati catholic-hierarchy.org
Santa Sede  · Chiesa cattolica
I dicasteri della Curia romana

Il Comitato per gli investimenti è un organismo economico della Curia romana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comitato, previsto dalla costituzione apostolica Praedicate evangelium, entrata in vigore il 5 giugno 2022, è stato istituito il 7 giugno seguente da papa Francesco, che contestualmente ha nominato il primo presidente e i membri.[1]

Compiti[modifica | modifica wikitesto]

Compito del comitato è quello di «garantire la natura etica degli investimenti mobiliari della Santa Sede secondo la dottrina sociale della Chiesa e, nello stesso tempo, la loro redditività, adeguatezza e rischiosità».[2]

Cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Membri[modifica | modifica wikitesto]

  • Cardinale Kevin Joseph Farrell (presidente);
  • Dott. Jean Pierre Casey, fondatore e amministratore delegato di RegHedge;
  • Dott. Giovanni Christian Michael Gay, direttore gestionale dell'Union Investment Privatfonds GmbH;
  • Dott. David Harris, portfolio manager di Skagen Funds;
  • Dott. John J. Zona, responsabile degli investimenti del Boston College.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rinunce e nomine. Istituzione del Comitato per gli Investimenti e nomina dei Componenti, su press.vatican.va, 7 giugno 2022. URL consultato il 7 giugno 2022.
  2. ^ Praedicate Evangelium. Comitato per gli Investimenti, su vatican.va, 19 marzo 2022. URL consultato il 7 giugno 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo