Pontificia accademia delle scienze sociali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coordinate: 41°54′15″N 12°27′10″E / 41.904167°N 12.452778°E41.904167; 12.452778
Pontificia accademia delle scienze sociali
Pontificia Academia Scientiarum Socialium
Emblem of the Holy See usual.svg
Courtyard of the Casina Pio IV.jpg
Eretto1º gennaio 1994
PresidenteStefano Zamagni
Cancelliere elettocardinale Peter Turkson
VicecancelliereDario Edoardo Viganò
EmeritiMary Ann Glendon,
Margaret Scotford Archer
(presidenti emeriti)
Marcelo Sánchez Sorondo
(cancelliere emerito)
SedeCasina Pio IV - 00120 Città del Vaticano
Sito ufficialewww.pass.va
Santa Sede  · Chiesa cattolica
I dicasteri della Curia romana

La Pontificia accademia delle scienze sociali è una accademia vaticana nata con lo scopo di promuovere lo studio e il progresso delle scienze sociali. L'Accademia, tramite il suo operato, fornisce alla Chiesa gli elementi da impiegare per lo sviluppo della dottrina sociale e permette di studiare gli effetti dell'applicazione di quest'ultima nella società contemporanea. È ufficialmente autonoma pur mantenendo stretti contatti con il Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Pontificia accademia delle scienze sociali è stata istituita il 1º gennaio 1994 da papa Giovanni Paolo II con la lettera apostolica Socialium scientiarum.

I tre temi che sono stati finora dominanti negli studi dell'Accademia sono stati il lavoro e lo sviluppo, la democrazia e la dimensione sociale della globalizzazione.

La sede dell'accademia si trova nella Casina di Pio IV, insieme a quella della Pontificia accademia delle scienze, nel cuore dei giardini Vaticani.

Cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Cancellieri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Praedicate evangelium, Art. 174§1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN130429757 · ISNI (EN0000 0001 2097 3975 · LCCN (ENno97055213 · WorldCat Identities (ENlccn-no97055213