Commissione di materie riservate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Commissione di materie riservate
Emblem of the Holy See usual.svg
sarà questa commissione a stabilire caso per caso su quali atti di natura economica è necessario mantenere la riservatezza
Eretto29 settembre 2020 da papa Francesco
Presidentecardinale Kevin Joseph Farrell
Segretarioarcivescovo Filippo Iannone, O.Carm.
Santa Sede · Chiesa cattolica
I dicasteri della Curia romana

La Commissione di materie riservate è un organismo della Curia romana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La commissione viene istituita da papa Francesco il 29 settembre 2020.[1] La creazione di questo organismo era prevista dall'articolo 4§2 delle "Norme sulla trasparenza, il controllo e la concorrenza dei contratti pubblici della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano", emanate il 1º giugno 2020.[2]

Compiti[modifica | modifica wikitesto]

Compito della commissione è quello di stabilire su quali atti di natura economica è necessario mantenere la riservatezza: la commissione, infatti, vigila sui contratti stipulati dalla Segreteria di Stato della Santa Sede e dal Governatorato dello Stato della Città del Vaticano aventi particolari caratteristiche disciplinate dall'articolo 4§1-d delle "Norme sulla trasparenza".

Cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Segretari[modifica | modifica wikitesto]

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rinunce e nomine. Nomina dei Membri della Commissione di Materie Riservate, su press.vatican.va, 5 ottobre 2020. URL consultato il 5 ottobre 2020.
  2. ^ Il Papa nomina la Commissione Materie Riservate, su vaticannews.va, 5 ottobre 2020. URL consultato il 5 ottobre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]