Suore missionarie benedettine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Suore Missionarie Benedettine (in polacco Zgromadzenie Sióstr Benedyktynek Misjonarek) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La congregazione fu fondata da Jadwiga Kulesza con l'aiuto di Jadwiga Aleksandrowicz, con la quale nel 1917 aprì un orfanotrofio a Biała Cerkiew; Adolf Szelążek, vescovo di Łuck, emanò il decreto di erezione dell'istituto il 31 dicembre 1928.[2]

Alla morte della fondatrice (1935) la congregazione contava due case a Biała Cerkiew e a Kowel, ma con lo scoppio della seconda guerra mondiale la popolazione polacca migrò più a occidente e la casa madre fu trasferita da Łuck a Kwidzyn.[2]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo dell'istituto è missionario ed educativo.[2]

Oltre che in Polonia, le suore sono presenti in Brasile, in Ecuador, negli Stati Uniti d'America e in Ucraina;[3] la sede generalizia è a Otwock.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione contava 296 religiose in 40 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2010, p. 1507.
  2. ^ a b c Joachim Bar, DIP, vol. I (1974), col. 1270.
  3. ^ Misje, su benedyktynki.opoka.net.pl. URL consultato il 29 settembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo