Riforma benedettina inglese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Edgardo d'Inghilterra.

La riforma benedettina inglese o riforma monastica fu un movimento religioso e intellettuale avvenuto nel Regno d'Inghilterra durante il tardo periodo anglosassone. Verso la metà del X secolo quasi tutti i monasteri erano gestiti da clero secolare, spesso sposato. I riformatori cercarono di sostituirlo con monaci contemplativi celibi seguenti la Regola di San Benedetto. Il movimento venne ispirato dalle riforme monastiche europee e le figure di spicco furono Dunstan, arcivescovo di Canterbury, Æthelwold, vescovo di Winchester e Oswald, arcivescovo di York.

In Inghilterra, tra il settimo e l'ottavo secolo la maggior parte dei monasteri era benedettina, ma nel IX secolo il monachesimo e l'erudizione diminuirono considerevolmente. Alfredo il Grande (871-899) deplorava questo declino e iniziò un'opera per cercare di invertire tale tendenza. La corte di Atelstano (924-939), il primo re di tutta l'Inghilterra, era cosmopolita e i futuri riformatori, come Dunstan e Æthelwold, appresero da esponenti continentali circa il monachesimo benedettino. Il movimento inglese divenne dominante sotto il re Edgaro (959-975) che sostenne l'espulsione del clero secolare dai monasteri e dai capitoli cattedrali con la sostituzione con i monaci. I riformatori ebbero stretti rapporti con la corona, cercando i primi di favorire i suoi interessi e garantendo, da parte della seconda, il proprio sostegno. Il movimento si limitò al sud del Regno e nelle Midlands, essendo la corona non sufficientemente forte nelle regioni del nord tanto da riuscire a confiscare i beni delle classi dominanti locali e creare monasteri benedettini. Alla fine del X secolo, con la morte dei propri esponenti, il movimento diminuì di intensità alla fine del X secolo.

I laboratori artistici fondati da Æthelwold raggiunsero un alto livello artistico nei manoscritti miniati, nella scultura, nella lavorazione dell'oro e dell'argento, tanto da essere influenti sia in Inghilterra che sul continente. Nei monasteri, l'apprendimento raggiunse alti livelli, la produzione competente in latino di prosa e poesia in stile ermeneutico fiorì per tutto il X secolo. La sua scuola di Winchester svolse un importante ruolo nella creazione del dialetto sassone occidentale volgare, e il suo allievo Aelfric il grammatico fu il suo più eminente scrittore.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

L'autore della Regola benedettina, il principale codice monastico in uso in Europa nel Medioevo, fu San Benedetto da Norcia (c. 480-550). Secondo questa regola, la vita dei monaci doveva essere principalmente dedicata alla preghiera, insieme con la lettura di testi sacri e il lavoro manuale. Essi vivevano una esistenza in comune ed erano tenuti alla completa obbedienza verso il loro abate. L'aspirazione di Benedetto era quella di creare un sistema stabile caratterizzato da moderazione e prudenza.[1]

In Inghilterra, il settimo secolo vide lo sviluppo di un potente movimento monastico fortemente influenzato dalle idee di San Benedetto, tanto che alla fine del VII secolo lo studioso inglese Aldelmo di Malmesbury presume che di norma tutti monasteri seguano la regola benedettina.[2] Tuttavia, su 800 gruppi, solo pochi potevano dirsi aderenti a comportamenti spiritualmente e intellettualmente virtuosi, così al IX secolo si assistette ad un forte calo negli studi e nel monachesimo.[3] Pressioni politiche e finanziarie, in parte dovute ad attacchi da parte dei Vichinghi, portarono ad una crescente preferenza per il clero secolare, oltre che ai monaci contemplativi, come abati dei monasteri.[4] Contestualmente vi fu un progressivo trasferimento di proprietà dalle cattedrali verso la corona, un fenomeno che subì un'accelerazione dopo l'850. Secondo lo storico John Blair:

« In misura significativa, l'amministrazione reale aveva raggiunto una stabilità territoriale esentendo il potere sulle cattedrali. Bene, i polemisti di fine X secolo incolpavano di ciò il re del Wessex e i suoi baroni, ancor più che i Vichinghi, dello spoglio dei beni della Chiesa. Le cicatrici delle incursioni vichinghe erano ormai guarite, ma la secolarizzazione delle cattedrali continuò costantemente.[5] »

Alla fine del IX secolo, Alfredo il Grande iniziò a rilanciare lo studio e il monachesimo, un'iniziativa portata avanti anche dal nipote, il re Atelstano d'Inghilterra (924-939). I regnanti antecedenti a Edgardo (959-975) non seguirono questa via che venne però adottata da Atelstano e dalla sua corte, i quali sostenevano che l'unica vita religiosa valida fosse il monachesimo benedettino. Quando, nel 944, Gerardo di Brogne riformò l'Abbazia di San Bertino a Saint-Omer, i monaci dissidenti trovarono un rifugio in Inghilterra sotto il re Edmondo I d'Inghilterra (939-946).[6] Prima della riforma del decimo secolo, i confini tra clero secolare e monaci a volte risultavano sfocati. Vi erano casi di comunità di monaci dedicate alla cura pastorale e il clero appartenente ad alcuni istituti secolari che viveva secondo le regole monastiche.[7]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Sul continente, il movimento di riforma benedettina iniziò con la la fondazione della Abbazia di Cluny in Borgogna, tra il 909 e il 910,[8] tuttavia la sua influenza, decisamente innovativa per i suoi costumi, fu in gran parte limitata alla Borgogna. L'Inghilterra possedeva legami più stretti con la più conservatrice Abbazia di Fleury sulla Loira, dotata di un grande prestigio piché depositaria del corpo di San Benedetto. I promotori del movimento inglese vennero anche influenzati dalle riforme promulgate dall'Imperatore del Sacro Romano Impero, il carolingio Ludovico il Pio ai Sinodi di Aquisgrana degli anni 810 e in particolare alla promulgazione di uniformi regole monastiche sotto l'autorità della corona.[9] I modesti contatti religiosi e diplomatici tra l'Inghilterra e il continente, tenutisi sotto Alfredo e il figlio Edoardo il Vecchio (899-924), si intensificarono durante il regno di Atelstano portando all'inizio della rinascita monastica.[10] Quattro delle sorellastre di Atelstano andarono in spose a governanti europei comportando l'instaurazione di più stretti contatti tra i tribunali inglesi e continentali rispetto a prima. Molti manoscritti vennero importati, influenzando l'arte inglese, lo studio e rendendo edotta la chiesa inglese circa il movimento di riforma continentale benedettino.[11]

Resti del coro dell'Abbazia di Glastonbury.

Le figure di spicco della riforma benedettina inglese furono Dunstan, arcivescovo di Canterbury (959–988), Æthelwold, vescovo di Winchester (963–984) e Oswald, arcivescovo di York (971–992).[12] Nei primi anni del 940, Dunstan venne nominato abate di Glastonbury, dove venne raggiunto da Æthelwold. Essi trascorsero gran parte del seguente decennio a studiare i testi benedettini e Glastonbury divenne il primo centro per la diffusione della riforma monastica. Fu questo il periodo in cui la Regola di San Benedetto venne tradotta in inglese antico, probabilmente grazie a Æthelwold, e fu l'unica traduzione altomedievale in prosa superstite della Regola in un volgare europeo. Approssimativamente nel 954, Æthelwold volle recarsi sul continente per studiare le riforme in prima persona, ma il re Edredo d'Inghilterra (946-955) gli negò il permesso e lo nominò abate di Abingdon, che divenne il secondo centro benedettino inglese.[13] In seguito, Dunstan venne esiliato dal re Edwing d'Inghilterra (955-959) tra il 956 e il 958, trascorrendo questo tempo osservando le pratiche dei benedettini dell'Abbazia di San Pietro a Gand.[14] D'altra parte, Æthelwold sembra essere stato in buoni rapporti con Eadwig e ciò costituisce una prima indicazione che i riformatori non erano politicamente uniti.[15] Oswald era un nipote di Oda di Canterbury, arcivescovo di Canterbury dal 941 a 958, un sostenitore della riforma che lo introdusse a Fleury, dove venne ordinato e trascorse gran parte degli anni 950.[12]

La riforma e la corona[modifica | modifica wikitesto]

Rosamond McKitterick osserva che "lo zelo per la riforma monastica senza dubbio è stato un legame comune con tutta l'Europa".[16] D'altra parte, i rapporti tra i monasteri e i loro mecenati variavano. Dove i governanti erano deboli, come in Borgogna, i cluniacensi dovevano fare affidamento sulla protezione del papato, mentre in altri luoghi, come nelle Fiandre, i monasteri godevano di stretti legami con i governanti locali. La situazione in Inghilterra fu caratterizzata da una stretta dipendenza della famiglia reale e molto poca influenza da parte del potere papale.[17] L'ascesa al potere, nel 959, di Edgardo, il primo re a sostenere con decisione la riforma, comportò il sostegno da parte dei tribunali all'imposizione delle regole benedettine su un certo numero di vecchie cattedrali. Quasi nessuna delle confraterinte riformate furono nuove fondazioni, ma nel Witshire e nello Hampshire, vennero istituiti un paio di nuovi monasteri caratterizzati da forti collegamenti con lo stesso re.[18]

Nel 963, Edgardo nominò Æthelwold come vescovo di Winchester e, grazie all'appoggio del re e del papa, il nuovo vescovo espulse velocemente il clero secolare dai vecchi e nuovi monasteri della città sostituendoli con i monaci. Il clero laico i suoi sostenitori erano persone locali e di conseguenza il re dovette ricorrere alla forza per confiscargli le loro ricchezze e i loro benefici.[19] Nel 975, si contavano circa 30 monasteri maschili e 7 o 8 conventi riformati in tutto il Wessex, tuttavia queste congregazioni riformate rappresentavano probabilmente solo circa il 10 per cento delle case religiose.[20] I più ricchi monasteri riformati erano però molto più ricchi delle ordinarie cattedrali laiche e, nel tardo XI secolo il Domesday Book dimostrò che alcuni di essi possedevano terreni quasi quanto i più ricchi possidenti laici,[20] tuttavia monasteri ricchi e importanti non riformati, come Chester-le-Street e l'abbazia di Bury St Edmunds, fiorirono durante questi anni. La propaganda dei riformatori, soprattutto di quelli appartenenti al gruppo di Æthelwold, affermava che la chiesa era stata trasformata durante il regno di Edgardo, ma questa visione non è perfettamente concorde con alcune osservazioni degli storici.[21]

Edgardo si dimostrò preoccupato per le possibili diverse interpretazioni della Regola benedettina che potevano verificarsi nei diversi monasteri del suo regno, mentre la sua ambizione era quella di imporre regole uniformi che fossero da tutti seguite. Pertanto, un regolamento venne stabilito nel fondamentale documento della riforma inglese, il Regularis Concordia,adottato dal Consiglio di Winchester nel 970 circa.[22] La Concordia venne redatta da Æthelwold, il quale aveva sollecitato il parere delle abbazie di Ghent e Fleury.[23] Uno dei principali obiettivi del documento fu la regolarizzazione della forma dei servizi religiosi, dovee Æthelwold cercò di sintetizzare quello che egli considerava la migliore pratica continentale e inglese.[24]

Nel continente vi furono diverse interpretazioni della regola benedettina, ma in Inghilterra il raggiungimento di una pratica uniforme era una questione di principio politico. La Concordia asseriva che il re Edgardo "ha esortato tutti a essere una sola mente per quanto riguarda la vita monastica ... e così, con la mente ancorata saldamente sulle ordinanze della Regola, per evitare ogni dissenso."[25]

La nobiltà e la riforma[modifica | modifica wikitesto]

I nobili fecero cospicue donazioni verso i monasteri riformati per motivi religiosi, ritenendo che avrebbero potuto così espiare i loro peccati e quindi salvare le loro anime, grazie alle preghiere dei monaci. In alcuni casi, tali elargizioni avevano come contropartita il diritto di essere sepolto in un monastero. Alcuni aristocratici fondarono nuovi monasteri; per esempio, Æthelwine, Ealdorman dell'Anglia Orientale nel 969 fondò l'Abbazia di Ramsey a cui conferì molti doni e traslò ad esso le reliquie di due principi martirizzati. Le donazioni servivano sia per aumentare il prestigio del donatore che del ricevente, come quando Byrhtnoth, Ealdorman di Essex, in seguito eroe della battaglia di Maldon, donò alla Cattedrale di Ely "trenta mancos d'oro, venti libbre d'argento, due croci d'oro, due drappi di pizzo contenenti preziose realizzazioni in oro e gemme e due guanti finemente realizzati".[26] Alla sua morte la vedova aggiunse un grande pensile lavorato con le immagini delle sue vittorie, a quanto pare in precedenza appeso presso la loro dimora, e un collare d'oro.[27]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Farmer, 2011, pp. 42.
  2. ^ Stenton, 1971, pp. 157–59.
  3. ^ Blair, 2005, pp. 128-34.
  4. ^ Barrow, 2009, pp. 143.
  5. ^ Blair, 2005, pp. 323–26.
  6. ^ Farmer, 1975, p. 11; Wormald, 2004; Blair, 2005, pp. 347-48.
  7. ^ Stephenson, 2009, pp. 105–06.
  8. ^ Wormald, 1988, pp. 14, 19.
  9. ^ Cubitt, 1997, pp. 78–80; Gretsch, 2003; pp. 114-15, 145–46.
  10. ^ Cubitt, 1997, p. 78; Yorke, 1988, p. 2.
  11. ^ Keynes, 1984, pp. 12–13.
  12. ^ a b Blair, 2005, p. 350.
  13. ^ Blair, 2005, pp. 348, 350; Yorke, 1988, p. 2; Gretsch, 2014, p. 64.
  14. ^ Lapidge, 2004.
  15. ^ Yorke, 1988b.
  16. ^ McKitterick, 1999, p. 130.
  17. ^ Farmer, 1975, p. 12; Barrow, 2008b, p. 359.
  18. ^ Blair, 2005, pp. 350–51.
  19. ^ Gransden, 1992, pp. 41–42; Lapidge, 2014.
  20. ^ a b Molyneaux, 2015, p. 175.
  21. ^ Blair, 2005, pp. 351-52.
  22. ^ Barrow, 2008a, pp. 211–23; Barrow, 2008a, pp. 211–12.
  23. ^ Lapidge, 1988, p. 98.
  24. ^ Yorke, 1988a, p. 7.
  25. ^ Wormald, 1988, pp. 30–32; Lapidge, 1988, p. 99; Nightingale, 1996, p. 44.
  26. ^ Pope, 1994, pp. 165–73.
  27. ^ Dodwell, 1982, pp. 134–36.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mariano Dell'Omo, Storia del monachesimo occidentale dal medioevo all'età contemporanea. Il carisma di san Benedetto tra VI e XX secolo, Jaca Book, Milano 2011. ISBN 978-88-16-30493-2.
  • (EN) Julia Barrow, Ideas and Applications of Reform, in Thomas. F. X. Noble e Julia M. H. Smith (a cura di), Early Medieval Christianities c. 600 – c. 1100, The Cambridge History of Chritianity, vol. 3, New York, NY, Cambridge University Press, 2008b, pp. 345–62, ISBN 978-1-107-42364-0.
  • (EN) Julia Barrow, The Ideology of the Tenth-Century English Benedictine 'Reform', in Patricia Skinner (a cura di), Challenging the Boundaries of Medieval History: The Legacy of Timothy Reuter, Turnhout, Belgium, Brepols, 2009, pp. 141–54, ISBN 978-2-503-52359-0.
  • (EN) John Blair, The Church in Anglo-Saxon Society, Oxford, UK, Oxford University Press, 2005, ISBN 978-0-19-921117-3.
  • Richard Abels, Alfred the Great: War, Kingship and culture in Anglo-Saxon England, Harlow, UK, Pearson Education Limited, 1998, ISBN 978-0-582-04047-2.
  • Richard Abels, Byrhtnoth [Brihtnoth] (d. 991), in Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004, DOI:10.1093/ref:odnb/3429. URL consultato il 1 March 2015.
  • Janet Backhouse, Literature, Learning and Documentary Sources, in Janet Backhouse, D.H. Turner e Leslie Webster (a cura di), The Golden Age of Anglo-Saxon Art, 966–1066, London, UK, British Museum Publications Ltd, 1984a, pp. 143–69, ISBN 0-7141-0532-5.
  • Janet Backhouse, After the Conquest, in Janet Backhouse, D.H. Turner e Leslie Webster (a cura di), The Golden Age of Anglo-Saxon Art, 966–1066, London, UK, British Museum Publications Ltd, 1984b, pp. 194–208, ISBN 0-7141-0532-5.
  • Nicholas Brooks, Catherine Cubitt e Donald Scragg (a cura di), St. Oswald of Worcester: Life and Reform', Woodbridge, UK, The Boydell Press, pp. 211–23, ISBN 978-1-84383-928-6.
  • Nicholas Brooks, The Early History of the Church of Canterbury, Leicester, UK, Leicester University Press, 1984, ISBN 0-7185-1182-4.
  • Nicholas Brooks, The Career of St Dunstan, in Nigel Ramsay, Margaret Sparks e Tim Tatton-Brown (a cura di), St Dunstan : His Life, Times, and Cult, Woodbridge, UK, Boydell Press, 1992, pp. 1–23, ISBN 978-0-85115-301-8.
  • Catherine Cubitt, The Tenth-Century Benedictine Reform in England, in Early Medieval Europe, vol. 6, nº 1, 1997, pp. 77–94, DOI:10.1111/1468-0254.00004, ISSN 0963-9462.
  • Catherine Cubitt, The Institutional Church, in Pauline Stafford (a cura di), A Companion to the Early Middle Ages: Britain and Ireland c.500- c.1100, Chichester, UK, Wiley-Blackwell, 2009, pp. 376–94, ISBN 978-1-118-42513-8.
  • C.R. Dodwell, Anglo-Saxon Art, A New Perspective, US, Cornell, 1985, Manchester, UK, Manchester University Press, 1982, ISBN 0-7190-0926-X.
  • David Dumville, Wessex and England from Alfred to Edgar, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 1992, ISBN 0-85115-308-9.
  • David Hugh Farmer, The Progress of the Monastic Revival, in David Parsons (a cura di), Tenth-Century Studies: Essays in Commemoration of the Millennium of the Council of Winchester and the Regularis Concordia, Chichester, UK, Phillimore, 1975, pp. 10–19, ISBN 0-85033-179-X.
  • David Hugh Farmer, The Oxford Dictionary of Saints, 5th revised, Oxford, UK, Oxford University Press, 2011, ISBN 978-0-19-959660-7.
  • Richard Gem, Anglo-Saxon Architecture of the 10th and 11th Centuries, in Janet Backhouse, D.H. Turner e Leslie Webster (a cura di), The Golden Age of Anglo-Saxon Art, 966–1066, London, UK, British Museum Publications Ltd, 1984, pp. 139–42, ISBN 0-7141-0532-5.
  • Helmut Gneuss, The Origin of Standard Old English and Æthelwold's School at Winchester, in Anglo-Saxon England, vol. 1, Cambridge, UK, Cambridge University Press, 1972, pp. 63–83, ISSN 0263-6751.
  • Malcolm Godden, Ælfric of Eynsham, in Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004, DOI:10.1093/ref:odnb/187. URL consultato il 20 June 2016.
  • Antonia Gransden, Legends, Traditions and History in Medieval England, London, UK, The Hambledon Press, 1992, ISBN 1-85285-016-7.
  • Mechtild Gretsch, The Intellectual Foundations of the English Benedictine Reform, Cambridge, UK, Cambridge University Press, 1999, ISBN 978-0-521-03052-6.
  • Mechtild Gretsch, Cambridge, Corpus Christi College 57: A Witness to the Early Stages of the Benedictine Reform in England?, in Anglo-Saxon England, vol. 32, 2003, pp. 111–46, ISSN 0263-6751.
  • Mechtild Gretsch, Benedictine Rule, OE, in The Wiley Blackwell Encyclopaedia of Anglo-Saxon England, 2nd, Chichester, UK, Wiley Blackwell, 2014, pp. 64–65, ISBN 978-0-631-22492-1.
  • Walter Hofstetter, Winchester and the Standardization of Old English Vocabulary, in Anglo-Saxon England, vol. 17, Cambridge, UK, Cambridge University Press, 1988, pp. 139–61, ISSN 0263-6751.
  • Charles Insley, Southumbria, in Pauline Stafford (a cura di), A Companion to the Early Middle Ages: Britain and Ireland c.500- c.1100, Chichester, UK, Wiley-Blackwell, 2009, pp. 322–40, ISBN 978-1-118-42513-8.
  • Susan Irvine, Beginnings and Transitions: Old English, in Lynda Mugglestone (a cura di), The Oxford History of English, Oxford, UK, Oxford University Press, 2006, pp. 32–60, ISBN 978-0-19-954439-4.
  • Eric John, The Age of Edgar, in James Campbell (a cura di), The Anglo-Saxons, Harmondsworth, UK, Penguin Books, 1982, pp. 160–91, ISBN 0-14-014395-5.
  • Catherine E. Karkov, The Art of Anglo-Saxon England, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 2011, ISBN 978-1-84383-628-5.
  • Simon Keynes, Introduction, in Janet Backhouse, D.H. Turner e Leslie Webster (a cura di), The Golden Age of Anglo-Saxon Art, 966–1066, London, UK, British Museum Publications Ltd, 1984, pp. 11–16, ISBN 0-7141-0532-5.
  • Simon Keynes, Edgar Rex Admirabilis, in Donald Scragg (a cura di), Edgar, King of the English 959–975, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 2008, pp. 3–59, ISBN 978-1-84383-928-6.
  • Michael Lapidge, Æthelwold as Scholar and Teacher, in Barbara Yorke (a cura di), Æthelwold: His Career and Influence, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 1988, pp. 89–117, ISBN 978-0-85115-705-4.
  • Michael Lapidge, B. and the Vita S. Dunstani, in Nigel Ramsay, Margaret Sparks e Tim Tatton-Brown (a cura di), St Dunstan : His Life, Times, and Cult, Woodbridge, UK, Boydell Press, 1992, pp. 247–59, ISBN 978-0-85115-301-8.
  • Michael Lapidge, Dunstan [St Dunstan] (d. 988), Archbishop of Canterbury, in Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004, DOI:10.1093/ref:odnb/8288. URL consultato il 25 December 2015.
  • Michael Lapidge, Monasticism, in The Wiley Blackwell Encyclopaedia of Anglo-Saxon England, 2nd, Chichester, UK, Wiley Blackwell, 2014, pp. 327–29, ISBN 978-0-631-22492-1.
  • Claudio Leonardi, Intellectual Life, in Timothy Reuter (a cura di), The New Cambridge Medieval History, III, Cambridge, UK, Cambridge University Press, 1999, pp. 186–211, ISBN 0-521-36447-7.
  • Rosamond McKitterick, The Church, in Timothy Reuter (a cura di), The New Cambridge Medieval History, III, Cambridge, UK, Cambridge University Press, 1999, pp. 130–62, ISBN 0-521-36447-7.
  • George Molyneaux, The Formation of the English Kingdom in the Tenth Century, Oxford, UK, Oxford University Press, 2015, ISBN 978-0-19-871791-1.
  • Marco Mostert, Relations Between Fleury and England, in David Rollason, Conrad Leyser e Hannah Williams (a cura di), England and the Continent in the Tenth Century, Turnhout, Belgium, Brepols, 2010, pp. 185–208, ISBN 978-2-503-53208-0.
  • John Nightingale, Oswald, Fleury and Continental Reform, in Nicholas Brooks e Catherine Cubitt (a cura di), St. Oswald of Worcester: Life and Influence, London, UK, Leicester University Press, 1996, pp. 23–45, ISBN 978-0-567-34031-3.
  • Alejandro Planchart, The Repertory of Tropes at Winchester, vol. 1, Princeton, New Jersey, Princeton University Press, 1977, ISBN 978-0-691-09121-1.
  • Janet M. Pope, Monks and Nobles in the Anglo-Saxon Monastic Reform, in Christopher Harper-Brill (a cura di), Anglo-Norman Studies: Proceedings of the Battle Conference, XVII, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 1994, pp. 165–80, ISBN 0-85115-606-1.
  • David Pratt, The Political Thought of King Alfred the Great, Cambridge, UK, Cambridge University Press, 2007, ISBN 978-0-521-12644-1.
  • Andrew Prescott, The Text of the Benedictional of St Æthelwold, in Barbara Yorke (a cura di), Bishop Æthelwold: His Career and Influence, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 1988, pp. 119–47, ISBN 978-0-85115-705-4.
  • Nicola Robertson, Dunstan and Monastic Reform: Tenth-Century Fact or Twelfth-Century Fiction?, in Anglo-Norman Studies, Woodbridge, UK, The Boydell press, 2005, pp. 153–67, ISBN 1-84383-217-8.
  • Martin J. Ryan, Conquest, Reform and the Making of England, in Nicholas J. Higham e Martin J. Ryan (a cura di), The Anglo-Saxon World, New Haven, Connecticut, Yale University Press, 2013, pp. 284–322, ISBN 978-0-300-12534-4.
  • Mercedes Salvador-Bello, The Edgar Panegyrics in the Anglo-Saxon-Chronicle, in Donald Scragg (a cura di), Edgar, King of the English 959–975, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 2008, pp. 252–72, ISBN 978-1-84383-928-6.
  • Pauline Stafford, Unification and Conquest: A Political and Social History of England in the Tenth and Eleventh Centuries, London, UK, Edward Arnold, 1989, ISBN 0-7131-6532-4.
  • Frank Stenton, Anglo-Saxon England, 3rd, Oxford, UK, Oxford University Press, 1971, ISBN 978-0-19-280139-5.
  • Rebecca Stephenson, Scapegoating the Secular Clergy: the Hermeneutic Style as a Form of Monastic Self-Definition, in Anglo-Saxon England, vol. 38, Cambridge, UK, Cambridge University Press, December 2009, pp. 101–35, ISSN 0263-6751.
  • Alan Thacker, Cults at Canterbury: Relics and Reform under Dunstan and his Successors, in Nigel Ramsay, Margaret Sparks e Tim Tatton-Brown (a cura di), St Dunstan : His Life, Times, and Cult, Woodbridge, UK, Boydell Press, 1992, pp. 221–45, ISBN 978-0-85115-301-8.
  • Alan Thacker, Saint-Making and Relic Collecting by Oswald and his Communities, in Nicholas Brooks e Catherine Cubitt (a cura di), St. Oswald of Worcester: Life and Influence, London, UK, Leicester University Press, 1996, pp. 244–68, ISBN 978-0-567-34031-3.
  • Francesca Tinti, Benedictine Reform and Pastoral Care in Late Anglo- Saxon England, in Early Medieval Europe, vol. 23, nº 2, Wiley Blackwell, May 2015, pp. 229–51, DOI:10.1111/emed.12098, ISSN 0963-9462.
  • D. H. Turner, Illuminated Manuscripts, in Janet Backhouse, D.H. Turner e Leslie Webster (a cura di), The Golden Age of Anglo-Saxon Art, 966–1066, London, UK, British Museum Publications Ltd, 1984, pp. 46–87, ISBN 0-7141-0532-5.
  • Leslie Webster, Metalwork and Sculpture, in Janet Backhouse, D.H. Turner e Leslie Webster (a cura di), The Golden Age of Anglo-Saxon Art, 966–1066, London, UK, British Museum Publications Ltd, 1984, pp. 88–138, ISBN 0-7141-0532-5.
  • Leslie Webster, Anglo-Saxon Art, London, UK, British Museum Press, 2012, ISBN 978-0-7141-2809-2.
  • Ann Williams, Princeps Merciorum Gentis: the Family, Career and Connections of Ælfhere, Ealdorman of Mercia, 956-83, in Anglo-Saxon England, Cambridge, UK, Cambridge University Press, 1982, pp. 143–72, ISBN 0-521-24177-4.
  • David M. Wilson, Anglo-Saxon Art: From The Seventh Century To The Norman Conquest, Woodstock, NY, Thames and Hudson (US edn. Overlook Press), 1984, ISBN 978-0-87951-976-6.
  • D. A. Woodman, 'Æthelstan A' and the Rhetoric of Rule, in Anglo-Saxon England, vol. 42, Cambridge, UK, Cambridge University Press, December 2013, pp. 217–48, ISSN 0263-6751.
  • Patrick Wormald, Æthelwold and his Continental Counterparts: Contact, Comparison, Contrast, in Barbara Yorke (a cura di), Bishop Æthelwold: His Career and Influence, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 1988, pp. 13–42, ISBN 978-0-85115-705-4.
  • Patrick Wormald, Alfred [Ælfred] (848/9–899), King of the West Saxons and of the Anglo-Saxons, in Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004, DOI:10.1093/ref:odnb/183. URL consultato il 21 February 2016.
  • Barbara Yorke, Introduction, in Barbara Yorke (a cura di), Bishop Æthelwold: His Career and Influence, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 1988a, pp. 1–12, ISBN 978-0-85115-705-4.
  • Barbara Yorke, Æthelwold and the Politics of the Tenth Century, in Barbara Yorke (a cura di), Bishop Æthelwold: His Career and Influence, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 1988b, pp. 65–88, ISBN 978-0-85115-705-4.
  • Barbara Yorke, The Women in Edgar's Life, in Donald Scragg (a cura di), Edgar, King of the English 959–975, Woodbridge, UK, The Boydell Press, 2008, pp. 143–57, ISBN 978-1-84383-928-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]