Benedettine missionarie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le benedettine missionarie, dette di Tutzing, (in latino Congregatio Sororum Benedictinarum Missionarum de Tutzing), sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla O.S.B.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La congregazione fu fondata a Reichenbach il 24 settembre 1885 da Joseph Georg Amrhein (1844-1893) come ramo femminile della congregazione benedettina di Sant'Ottilia. Nel 1887 la casa madre delle religiose venne stabilita a Emming e nel 1904 a Tutzing, nell'Alta Baviera.[2]

L'istituto ottenne l'approvazione diocesana il 17 settembre 1895 e il riconoscimento di congregazione di diritto pontificio il 25 luglio 1934.[2]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Le benedettine missionarie si dedicano prevalentemente all'apostolato missionario.[2]

Sono presenti in Europa (Bulgaria, Germania, Italia, Portogallo, Spagna, Svizzera), in Africa (Angola, Kenya, Namibia, Tanzania, Uganda), nelle Americhe (Argentina, Brasile, Stati Uniti d'America) e in Asia (Cina, Corea, Filippine, India):[3] la sede generalizia è a Roma.[1]

Al 31 dicembre 2005, la congregazione contava 1.441 religiose in 137 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1537.
  2. ^ a b c DIP, vol. I (1974), coll. 1270-1271, voce a cura di G. Rocca.
  3. ^ Where we are?, osb-tutzing.it. URL consultato il 14-7-2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo