Università degli Studi di Teramo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 42°40′10.67″N 13°42′02.45″E / 42.669631°N 13.700681°E42.669631; 13.700681

Università degli Studi di Teramo
Unite.png
UniTe facoltà scienze comunicazione.jpg
Facoltà di scienze della comunicazione
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàTeramo
Altre sediAvezzano
Dati generali
Fondazione1993
Tipouniversità statale
Facoltà
  • Bioscienze e tecnologie agro-alimentari e ambientali;
  • Giurisprudenza;
  • Medicina veterinaria;
  • Scienze della comunicazione;
  • Scienze politiche.
RettoreDino Mastrocola
Studenti5 564 (2018)
Dipendenti583 (2018)
Sito web

L'università degli Studi di Teramo è una università statale italiana fondata nel 1993 in seguito allo scorporo delle facoltà di giurisprudenza, medicina veterinaria e scienze politiche dall'università degli Studi "Gabriele d'Annunzio".

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'università è organizzata nelle seguenti facoltà:

  • Bioscienze e tecnologie agro-alimentari e ambientali;
  • Giurisprudenza;
  • Medicina veterinaria;
  • Scienze della comunicazione;
  • Scienze politiche.

Gli edifici dell'ateneo sono distribuiti in due poli: il campus di Coste Sant'Agostino nel quartiere Colleparco e l'ospedale didattico veterinario universitario nella frazione Piano D'Accio[1]. Il campus di Coste Sant'Agostino comprende la sede del rettorato e delle facoltà di giurisprudenza, scienze politiche, scienze della comunicazione, bioscienze e tecnologie agro-alimentari e ambientali; la struttura dispone inoltre di una mensa, uno studio televisivo, la radio di ateneo e una sala per cinema e spettacoli dal vivo.

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

Cronotassi dei rettori[2]:

  • Paolo Benvenuti (1993-1994);
  • Luciano Russi (1994-2005);
  • Mauro Mattioli (2005-2009);
  • Rita Tranquilli-Leali (2009-2012);
  • Luciano D'Amico (2012-2018);
  • Dino Mastrocola (dal 2018).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dove siamo, su unite.it. URL consultato il 13 novembre 2019.
  2. ^ UniTE – Ateneo – Organi di Ateneo: Il rettore, su unite.it. URL consultato il 19 novembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN168285168 · ISNI (EN0000 0001 2202 794X · LCCN (ENno96040256 · GND (DE1234908-2 · BNF (FRcb17734045w (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no96040256
Università Portale Università: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Università