Museo civico di Teramo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pinacoteca Comunale
Teramo - Pinacoteca Comunale.jpg
Teramo: Pinacoteca Comunale
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàTeramo
Indirizzoviale Bovio 4
Caratteristiche
TipoPinacoteca
Sito web

Coordinate: 42°39′42.53″N 13°41′51.36″E / 42.661814°N 13.6976°E42.661814; 13.6976

Il Museo civico di Teramo, o anche Pinacoteca Comunale, raccoglie i più importanti pezzi dell'arte dal '400 fino alla fine del XIX sec., di Teramo e dei dintorni.
È allestito al centro della Villa Comunale, nelle 15 sale di un palazzo ottocentesco al centro del giardino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Affresco del salone maggiore: "Bruto e i figli", di Gennaro Della Monica (1886)

Il Museo nacque tra il 1868 e il 1888, quando dalle chiese cittadine confluirono non solo opere sacre, ma anche "tesori" che possedevano i religiosi. Il palazzo fino agli anni '50 fu sede del Tribunale di Teramo, che prima era ospitato presso le vecchie carceri in corso Cerulli, dove fu eretto poi il palazzo Savini. Per l'abbellimento del Tribunale fu chiamato anche Gennaro Della Monica, che dipinse il salone della Corte d'Assise con l'affresco dal gusto classico alla francese "Bruto e i figli" (1886), lodato anche da Giacinto Pannella. Il Tribunale di Teramo oggi è in uno stabile fuori Porta Madonna, in via Beccaria. Le opere vennero provvisoriamente esposte in un palazzo vicino alla chiesa di Sant'Anna, cioè nell'attuale sede del museo archeologico di Teramo. Poco dopo, in città furono trovati reperti di epoca romana che, considerati più importanti, presero il posto dei dipinti che perciò finirono nei depositi. Dal XX secolo i reperti archeologici furono sistemati nell'attuale Museo archeologico "Francesco Savini", presso l'ex complesso di San Carlo Borromeo nel centro storico, mentre i dipinti vennero collocati nell'attuale sede.

Opere ospitate[modifica | modifica wikitesto]

Sala 1
Sala 2
  • Madonna col Bambino (scuola teramana, fine del XV sec.)
  • Crocifissione (scuola di Pietro Damini, intorno al 1624)
  • Papa Eleuterio consegna il documento di scomunica al Vescovo Francesco Chiericati (scuola veneto-lombarda, XVI sec.)
Sala 3
  • Il Peccato Originale (Paolo De Matteis, 1685 circa)
  • Gesù e la Samaritana (scuola veneta, metà del XVII sec.)
  • Ultima Cena (copia da Joos Van Cleve, XVI-XVII sec.)
Sala 4
Sala 5
Sala 6
Sala 7
Sala 8
Sala 9
Sala 10
  • Ritratto (Gennaro Della Monica, 1901)
  • Primavera (Pasquale Celommi,1890 c.)
  • Estate (Pasquale Celommi, 1890-1900)
  • Autunno (Pasquale Celommi, 1890-1900)
  • Inverno (Pasquale Celommi, 1890-1900)
  • L'operaio politico (Pasquale Celommi, 1888)
Sala 11
Sala 12
Sala 13
Sala 14
Sala 15

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN142784360 · ISNI (EN0000 0001 2223 5685 · LCCN (ENnr98026931 · GND (DE5307043-4 · WorldCat Identities (ENlccn-nr98026931