Università degli Studi di scienze gastronomiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
UNISG - Università degli Studi di scienze gastronomiche
Unisg licensed.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàBra, frazione Pollenzo
Dati generali
MottoGet into the future of food
Fondazione2004
TipoPrivata
RettoreAndrea Pieroni
PresidenteCarlo Petrini
Studenti336 (2017) [1]
Mappa di localizzazione
Sito web

L'Università degli Studi di Scienze Gastronomiche (abbreviato UniSG) è un'università non statale italiana fondata nel 2004 e riconosciuta dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca[2]. La sede è a Pollenzo, frazione del comune di Bra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 gennaio 2003, sotto l'egida di Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, venne costituito il Comitato per l'università, primo passo verso l'apertura dell'ateneo, che attivò i corsi a partire dal 4 ottobre 2004. Lo scopo dell'iniziativa era la creazione di un polo internazionale che si occupasse di formazione e ricerca nell'ambito dell'agricoltura sostenibile, dello studio e mantenimento delle diversità bio-culturali e atto alla creazione di un approccio inter-disciplinare che coniugasse le scienze e tecnologie alimentari con le scienze sociali, umane, biologiche e agrarie.

A seguito dell'insediamento degli organi di governo universitari, il comitato si è evoluto in un'associazione di supporto all'ente, denominata Associazione amici dell'università di scienze gastronomiche.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Esterno della sede dell'università

L'università è organizzata in una singola Facoltà e propone percorsi formativi inerenti esclusivamente all'ambito enogastronomico, a livelli diversi.[3]

Finanziamenti[modifica | modifica wikitesto]

L'università è sostenuta da partner e sovvenzionatori pubblici e privati, sia sotto il profilo finanziario che organizzativo.

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anagrafe nazionale studenti – Ateneo: scienze gastronomiche (2017-2018), su anagrafe.miur.it. URL consultato l'8 novembre 2018.
  2. ^ Riconosciuta con d.m. n. 262 del 5 agosto 2004
  3. ^ Stefano Carnazzi, Il primo "ateneo del gusto" del mondo, su lifegate.it, 30 aprile 2004. URL consultato il 21 giugno 2011.
  4. ^ a b Valter Cantino è il nuovo rettore dell’UNISG - unisg.it, ott 2008
  5. ^ Dal 1º ottobre Piercarlo Grimaldi il nuovo rettore dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche. - unisg.it, 1° ottobre 2011
  6. ^ Pollenzo: è Andrea Pieroni il nuovo Rettore dell'Università degli Studi di Scienze Gastronomiche - targatocn.it, 4 lug 2017

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 9229 4149