Università degli Studi dell'Insubria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 45°48′52.56″N 8°49′31.8″E / 45.8146°N 8.8255°E45.8146; 8.8255

Università degli Studi dell'Insubria
Logoinsubria.PNG
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàVarese, Como
Altre sediBusto Arsizio, Saronno[1]
Dati generali
Nome latinoUniversitas Studiorum Insubriae
Motto"Chiaramente Insubria"
Fondazione14 luglio 1998
TipoStatale
Scuole
  • Scuola di Medicina
  • Scuola di Dottorato
Dipartimenti
  • Biotecnologie e scienze della vita
  • Diritto, economia e culture
  • Economia
  • Medicina e Chirurgia
  • Scienza e alta tecnologia
  • Scienze teoriche e applicate
  • Scienze umane e dell'innovazione per il territorio
RettoreAngelo Tagliabue
Studenti10 649 (2017) [1]
Colori    
SportCUS Insubria
Mappa di localizzazione
Sito web

L’Università degli Studi dell'Insubria è una università statale italiana fondata nel 1998 a Varese con sede nelle città di Varese e Como. Prende il nome dall'area geografica in cui sono situate le sedi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia dell'Università inizia nel 1972 a Varese, quando vengono attivati i corsi della Facoltà di Medicina e Chirurgia gemmati dall'Università degli Studi di Pavia.

Nel 1990 furono attivati due ulteriori corsi: scienze biologiche gemmato dall'Università degli Studi di Milano e Economia e commercio, gemmato dall'Università degli Studi di Pavia; parallelamente a Como nel 1987 fu avviato il primo corso a carattere universitario: il diploma a fini speciali in informatica gestionale avviato dal Politecnico di Milano.

Abside della Basilica di S. Abbondio, 2012
Chiostro della Basilica di S. Abbondio, 2012

A Como nel XV secolo presso il collegio dei dottori giureconsulti era sorta una scuola universitaria con tre cattedre: teologia morale (attiva sin dal 1473), diritto canonico misto (fondata nel 1656 ad opera di Tommaso Verga) ed istituzioni (fondata nel 1656 ad opera di Francesco Benzi). Tale università restò attiva fino all'anno 1795.[2]

Chiostro della Basilica di S. Abbondio, 1931

Dal 1989, Como divenne sede di regolari corsi di laurea in ingegneria gemmati dal Politecnico milanese oltre a quelli di scienze e, dal 1994, di giurisprudenza, gemmati dall'Università degli Studi di Milano.

Nel febbraio 1997, l'osservatorio per la valutazione del sistema universitario considerò la possibilità di creare una "università bipolare" concedendo autonomia ai corsi di laurea e alle Facoltà di Como e Varese. Contemporaneamente il Politecnico di Milano si ritirò dall'operazione dichiarando di puntare alla strategia del "Politecnico a rete" per valorizzare le sue sedi.

Il 14 febbraio 1998, il Ministero dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica emanò il decreto per l'istituzione dell'Università degli Studi dell'Insubria, con sedi in Como e Varese.

Nel 2003, a Varese fu attivato il primo corso di laurea in ingegneria per la sicurezza del lavoro e dell'ambiente, al quale seguirono, nel 2006, il corso di laurea in giurisprudenza a Varese e quello in economia e amministrazione delle imprese a Como; quest'ultimo disattivato dal 2012 per mancanza di fondi.[3]

Sedi[modifica | modifica wikitesto]

Complessivamente l'Università degli Studi dell'Insubria dispone di due sedi principali a Como e Varese e ulteriori strutture didattiche e laboratori a Busto Arsizio[4]. Secondo lo statuto, emanato l'11 marzo 2002, le due sedi hanno pari dignità: l'università ne assicura lo sviluppo paritario, armonico ed equilibrato, favorendo le iniziative comuni e l'integrazione delle attività didattiche e di ricerca.

Parte degli edifici che ospitano il polo universitario comasco, condiviso da Politecnico di Milano e Università dell'Insubria

Il polo di Varese si struttura come un campus universitario: il campus Bizzozzero, ubicato nell'omonimo quartiere, alla periferia est della città. Esso consta di una decina di padiglioni didattici, del Collegio Universitario Carlo Cattaneo, del PalaInsubria (presso cui ha sede il CUS Insubria), di una struttura adibita a servizio di ristorazione, di una libreria universitaria e di diversi laboratori di ricerca.

Presso la sede di Como, di particolare interesse storico e artistico è il chiostro della basilica di Sant'Abbondio (fra i più antichi d'Europa ed utilizzato dapprima come Convento, poi come seminario vescovile), il quale accoglie il rettorato e i dipartimenti di: diritto, economia e culture; scienze umane e dell'innovazione per il territorio.

Chiostro di Sant'Abbondio di Como, sede del Dipartimento di Diritto, Economia e Culture, del Dipartimento di Scienze umane e dell'innovazione per il territorio e del Prorettore vicario dell'Università degli Studi dell'Insubria.
Palazzo Natta

Il principale ospedale universitario è l'ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese, mentre l'azienda ospedaliera Sant'Anna afferisce alla sede di Como.

Ricerca[modifica | modifica wikitesto]

L'ateneo espleta le proprie attività di ricerca nei campi dell'economia, della medicina, del diritto, delle scienze e della cultura, attraverso sette dipartimenti:[5]

  • Biotecnologie e scienze della vita
  • Diritto, economia e culture
  • Economia
  • Medicina e chirurgia
  • Scienza e alta tecnologia
  • Scienze teoriche e applicate
  • Scienze umane e dell'innovazione per il territorio

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN142308964 · ISNI (EN0000 0001 2172 4807 · LCCN (ENn99035223 · GND (DE5503367-2 · BNF (FRcb151263043 (data) · WorldCat Identities (ENn99-035223