Vincenzo Brunacci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincenzo Brunacci

Vincenzo Brunacci (Firenze, 3 marzo 1768Pavia, 16 giugno 1818) è stato un matematico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò, presso l'Università di Pisa, medicina, astronomia e matematica con Pietro Paoli, laureandosi in medicina nel 1788. Nello stesso anno venne nominato professore straordinario di fisica all'università di Pisa[1]. Intorno al 1790, in seguito alla nomina di professore di matematica e nautica, iniziò l'insegnamento matematico presso l'Istituto della Marina di Livorno[2].

Nel 1796, quando Napoleone entrò in Italia, fu tra i molti matematici che aderirono al nuovo ordine. In seguito alla reazione austriaca si trasferì in Francia tra il 1799 e il 1800, insieme a molti scienziati coinvolti nella causa repubblicana.

Al rientro occupò la cattedra che era stata di Pietro Paoli presso l'Università di Pisa. Nel 1801 si trasferì all'Università di Pavia e ne divenne rettore. Nel 1803 entrò a far parte dell'Istituto Nazionale Italiano, fondato dai francesi sulla falsariga dell'analogo istituto parigino e nel 1806 della "Società italiana delle Scienze", di cui vinse il premio nel 1818. Furono suoi allievi Antonio Bordoni e Ottaviano Fabrizio Mossotti.

Collaborò inoltre con l'amministrazione pubblica: nel 1805 aveva fatto parte della Commissione per il progetto del Naviglio Pavese, e l'anno seguente fu nominato " Ispettore di Acque e Strade". Nel 1809 entrò a far parte della "Commissione per il nuovo sistema di misure e pesi", e dal 1811 fu ispettore generale della Pubblica Istruzione per tutto il Regno di Italia. Nel 1806 aveva ricevuto il titolo di Cavaliere della Corona ferrea.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Quale tra le pratiche usate in Italia per la dispensa delle acque (1814)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Di Fidio, Claudio Gandolfi, Idraulici italiani (PDF), Fondazione BEIC, 2014, p. 335.
  2. ^ Mario Di Fidio, Claudi Gandolfi, Idraulici italiani (PDF), Fondazione Biblioteca Europea di Informazione e Cultura, 2015, p. 333-334.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN15551454 · ISNI: (EN0000 0000 7325 933X · SBN: IT\ICCU\RAVV\075668 · LCCN: (ENno2007139962 · GND: (DE117638056 · BNF: (FRcb10494953r (data) · BAV: ADV10119486