Giovanni Battista Borsieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lapide a Giovanni Battista Borsieri all'Università di Pavia

Giovanni Battista Borsieri de Kanilfeld, noto anche con lo pseudonimo di Borserius de Kanifeld (Civezzano, 18 febbraio 1725[1]Milano, 21 dicembre 1785[1]), è stato un medico, accademico e rettore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo i suoi studi a Padova, Bologna e Parma, divenne celebre sconfiggendo un'epidemia di peste a Faenza (1745). Clemente XIV gli offrì la cattedra di professore a Ferrara.

In seguito l'imperatrice Maria Teresa gli offrì quella dell'Università degli Studi di Pavia, dove Borsieri fondò una clinica nel 1772 e divenne rettore dell'università. In seguito, nel 1778, fu nominato anche archiatra della corte di Milano[2].

Il nipote, Pietro Borsieri, fu un noto patriota.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ha scritto diversi lavori, tra cui il più noto è Institutiones medicinae practicae.

  • Nuovi fenomeni scoperti nell'analisi chimica del latte memori, Pavia, 1772.
  • Delle acque di S. Christoforo, Faenza, 1786.
  • Institutionum medicinae practicae, quas auditoribus suis praelegebat, 5 voll., Mailand 1781–1789.
  • Morbus pectoris complectens, Napoli 1790
  • The institutions of the practice of medicine, traduzione in inglese, Londra, 1800
  • Opera posthuma, Verona, 1820
  • Istituzioni di medicina pratica, Firenze, 1837
  • Autobiografia, Trento, 1885

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b DBI
  2. ^ Dezobry et Bachelet, Dictionnaire de biographie, t.1, Ch.Delagrave, 1876, p.336

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74634914 · ISNI (EN0000 0001 2212 6008 · SBN IT\ICCU\RAVV\056248 · LCCN (ENn85089939 · GND (DE117621498 · BAV ADV10160210 · CERL cnp00883679