Corte regia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La corte di un monarca, o in alcuni periodi di un nobile importante, è il termine per nucleo familiare allargato e di tutti coloro che regolarmente frequentavano il sovrano o la figura centrale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta dell'evoluzione della Corte feudale[1], che assume il nome dal luogo nel quale in origine il signore riceveva.

Nelle corti più grandi migliaia di individui comprendevano la corte: ne erano parte molti ufficiali o servitori alle dipendenze permanenti del sovrano, e altri partecipanti nella speranza di un guadagno politico o finanziario[2], o semplicemente per la società e i divertimenti offerti.

Oltre ad essere il centro della vita politica, le corti erano di solito conduttori di moda, e spesso dove le tendenze letterarie, musicali e artistiche si sviluppavano in primo luogo.

L'Ambasciatore Kosa Pan e gli inviati siamesi rendono i loro omaggi a Luigi XIV alla sua corte a Versailles.

Corti regie[modifica | modifica wikitesto]

Longobarde[modifica | modifica wikitesto]

Sacro romano impero[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Tabacco, Dai re ai signori. Forme di trasmissione del potere nel Medioevo, Bollati Boringhieri, Torino 2000
  2. ^ G. Althoff, Amicitia und pacta: Bündnis, Einung, Politik und Gebetsgedenken im beginnenden 10. Jahrhundert, Hahnsche Buchhandlung, Hannover, 1992.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4160420-9