Corana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corana
comune
Corana – Stemma Corana – Bandiera
Corana – Veduta
Entrata del paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
SindacoVittorio Balduzzi (lista civica) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate45°04′N 8°58′E / 45.066667°N 8.966667°E45.066667; 8.966667 (Corana)Coordinate: 45°04′N 8°58′E / 45.066667°N 8.966667°E45.066667; 8.966667 (Corana)
Altitudine71 m s.l.m.
Superficie12,87 km²
Abitanti800[1] (31-8-2019)
Densità62,16 ab./km²
FrazioniGhiaie
Comuni confinantiCornale e Bastida, Cervesina, Pieve Albignola, Sannazzaro de' Burgondi, Silvano Pietra, Voghera, Zinasco
Altre informazioni
Cod. postale27050
Prefisso0383
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT018054
Cod. catastaleC982
TargaPV
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 619 GG[3]
Nome abitanticoranesi
PatronoMaria SS. Assunta
Giorno festivo15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Corana
Corana
Corana – Mappa
Posizione del comune di Corana nella provincia di Pavia
Sito istituzionale
Museo agricolo Corana.jpg
Scuola elementare di Corana.jpg

Corana (Curäna in dialetto oltrepadano) è un comune italiano di 800 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella pianura dell'Oltrepò Pavese, presso la riva destra del Po, poco a valle della confluenza del torrente Curone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Corana ebbe particolare importanza nell'alto medioevo, quando era Corte Regia, estesa anche sui territori di Silvano Pietra e Bastida de' Dossi, e comprendente altre corti e castelli. Nell'894 l'imperatore Lamberto II di Spoleto la donò alla madre Ageltrude; e un'altra imperatrice, Adelaide, nel 969 ne fece dono al monastero di San Salvatore di Pavia. Questa proprietà si trasformò ben presto in signoria feudale, che durò molti secoli. Tuttavia altri enti religiosi avevano beni in Corana, in particolare la Mensa arcivescovile di Milano. Nel 1270 la zona di competenza di quest'ultima divenne autonoma, e si costituì in comune a sé, detto Corana della Mensa; la zona rimasta sotto la signoria del monastero del Salvatore prese invece il nome di Corana del Comune, che indica una pluralità di proprietari. Infatti il comune di Corana o Corianum nell'antico nome latino, apparteneva al monastero di san Pietro in ciel d'oro, la mensa arcivescovile di Pavia e il monastero di sant'Agata. Il monastero infatti vi manteneva solo la signoria feudale; la Mensa arcivescovile, invece, nel territorio di sua competenza, univa a tale signoria la pressoché totale proprietà fondiaria. I due comuni erano così disposti: a nord c'era Corana della Mensa, ampiamente estesa nella zona percorsa dal Po, comprendendo l'isola dove ora sorge l'unica frazione di Ghiaie, e anche una zona a nord del fiume, dove si trova Cascinotto Mensa (ora frazione di Pieve Albignola); a sud Corana del Comune, che si estendeva fino alla cascina Campone. Non vi erano però due paesi: questi comuni si spartivano il centro abitato tagliandolo in due, lungo l'attuale strada Silvano-Cervesina. Il feudo di Corana del Comune venne infeudato dapprima il 24 marzo 1447 al condottiero Angelello di Lavello dal duca Francesco Sforza, approfittando della decadenza del monastero del Salvatore che ne aveva la signoria; ma, ricostituita nel frattempo l'autorità del monastero, esso riuscì a subinfeudare nel 1468 la corte di Corana (con Silvano Pietra e Bastida de' Dossi) ai Bottigella di Pavia (già da tempo feudatari o affittuari di molte terre del monastero), cui rimase fino all'estinzione nel 1690; successivamente il monastero riprese il diretto dominio di Corana del Comune.

Anche la cascina Campone fu un comune a sé, col nome di Corana del Campone, nell'ambito del feudo di Corana del Comune, cui fu unito nel XVIII secolo.

Finito il feudalesimo nel 1797, i due comuni furono uniti nel 1802. Nel 1868 la frazione Cascinotto Mensa fu separata da Corana e unita a Pieve Albignola. Nel 1932 fu unito a Corana un piccolo territorio a ridosso dell'abitato, in precedenza appartenente a Silvano Pietra.

Nel frattempo si è andato sviluppando il centro di Ghiaie, situato in quella che un tempo era una vasta isola del Po, detta appunto Isola delle Ghiaie; oggi ha superato per popolazione lo stesso capoluogo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN157302742
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia