Università Jagellonica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 50°03′39″N 19°55′58″E / 50.060833°N 19.932778°E50.060833; 19.932778

Università Jagellonica
Herb Uniwersytetu Jagiellońskiego.svg
Kraków - Collegium Novum 01.JPG
Ubicazione
StatoPolonia Polonia
CittàCracovia
Dati generali
Nome latinoUniversitas Jagellonica Cracoviensis
MottoPlus ratio quam vis
Fondazione1364
Tipopubblica
RettoreWojciech Nowak
Studenti47 989 (2013) [1]
Dipendenti7 212 (2013) [1]
AffiliazioniEuropaeum, Gruppo di Coimbra, Utrecht Network
Sito web

L'Università Jagellonica (in polacco: Uniwersytet Jagielloński, spesso abbreviato UJ) è un'università di Cracovia.

È la più antica università del Paese, fondata nel 1364 da Casimiro III di Polonia come Akademia Krakowska, ed è quindi una delle più le più antiche al mondo, la seconda più antica dell'Europa orientale, dopo l'Università Carolina. Nel XIX secolo le fu dato il nome di Jagellonica per onorare la dinastia dei sovrani che governarono il Paese dal 1386 al 1572.

Monumento a Niccolò Copernico presso il Collegium Novum dell'Università Jagellonica di Cracovia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Casimiro III di Polonia, per gestire lo stato riunificato, sentì l'esigenza di avere magistrati ed amministratori con una preparazione giuridica adeguata inoltre, considerando l'aumento del numero delle scuole, capì la necessità di fondare un'istituzione capace di formare i docenti. Nel 1364 ottenne da Papa Urbano V l'autorizzazione ad aprire l'Accademia di Cracovia.

Con la morte di Casimiro III l'Università ebbe un momento di crisi, che fu superato grazie a Ladislao II ed alla consorte Edvige (La regina fece dono dei suoi gioielli agli studenti). Re Ladislao nel 1400 rifondò così l'Università con riforme e innovazioni che ne aumentarono la fama in Europa.

Le facoltà di astronomia, giurisprudenza e teologia dell'Università attrassero molti studenti (circa 18.000 studenti, molti dei quali erano arrivati da altri Paesi) e studiosi eminenti. I Paesi di provenienza, oltre alla Polonia, erano Lituania, Russia, Slovacchia, Ungheria, Boemia, Germania e Spagna.

Il primo rettore dell'Università fu Piotr Wysz, e i primi professori furono cechi, tedeschi e polacchi, molti dei quali si erano laureati presso l'Università di Praga in Boemia.

Jan Haller stabilì una sala stampa a Cracovia nel 1500. Dal 1520 fu introdotta la filologia greca da Constanzo Claretti, Wenzel von Hirschberg e Libanus.

L'età d'oro per l'Università giunse durante il Rinascimento polacco, tra il 1500 e il 1535, quando era frequentata da 3.215 studenti, un primato non superato fino al tardo XVIII secolo.

Nel XX secolo fu l'Università dove Papa Giovanni Paolo II iniziò i suoi studi, interrotti a causa dell'invasione nazista che chiuse la scuola, e dove, dopo essersi laureato alla Pontificia Università San Tommaso d'Aquino, lo stesso Pontefice insegnò etica.

Attualmente il nucleo centrale è affiancato da molti altri edifici sparsi nella città per venire incontro al bisogno di ampliare l'offerta formativa. L'università dispone di alcuni edifici adibiti a case dello studente (akademik), le principali sono il Piast e il Żaczek (pron. appr. /jacek/, con la j alla francese).

La sede dell'Università è visitabile.

Al suo interno, è possibile vedere oggetti donati da ex-studenti o personaggi polacchi illustri. Ad esempio, il regista Andrzej Wajda ha donato all'Università l'Oscar, la Palma d'oro, il Leone d'Oro e l'Orso d'oro vinti durante la sua carriera, mentre la poetessa Wisława Szymborska, che è stata studentessa presso l'Università, ha lasciato alla stessa la medaglia d'oro ricevuta con il Premio Nobel alla letteratura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN135493691 · ISNI (EN0000 0001 2162 9631 · LCCN (ENn80050401 · GND (DE1012007-5 · BNF (FRcb11868083c (data) · NLA (EN36081650 · BAV ADV10207072