Senato cittadino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Senato cittadino era un consesso civico istituito in diversi Stati italiani preunitari, dal Piemonte alla Sicilia tra il XV e il XVIII secolo, investito di funzioni giurisdizionali, amministrative e anche legislative. I suoi componenti erano scelti tra i nobili e i patrizi della città.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Senato milanese sorse nel 1499 dalla fusione del Consiglio segreto e del Consiglio di giustizia del duca di Milano aveva attribuzioni giudiziarie, giudicava le cause dei feudatari ed era sede d'appello nelle cause criminali maggiori[1]. Funzionò fino al 1786.

Nel Regno di Sicilia le più importanti città dell'isola durante il dominio aragonese e il vicereame spagnolo ebbero un senato civico, dal Senato di Messina a quello di Trapani[2], di Siracusa (che si riuniva a palazzo del Vermexio), di Catania, fino a quello di Palermo[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ senato, in Dizionario di storia, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010. URL consultato il 1º ottobre 2019.
  2. ^ Archivio del Senato di Trapani, su trapaniinvittissima.it. URL consultato il 13 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2014).
  3. ^ E non altrimenti: il Settecento a Palermo nei bandi del Senato cittadino in SearchWorks, Stanford University. URL consultato il 1º ottobre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]