Senato cittadino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Senato cittadino era un consesso civico istituito in diversi Stati italiani preunitari, dal Piemonte alla Sicilia tra il XV e il XVIII secolo, investito di funzioni giurisdizionali, amministrative e anche legislative. I suoi componenti erano scelti tra i nobili e i patrizi della città.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Senato milanese sorse nel 1499 dalla fusione del Consiglio segreto e del Consiglio di giustizia del duca di Milano aveva attribuzioni giudiziarie, giudicava le cause dei feudatari ed era sede d'appello nelle cause criminali maggiori[1]. Funzionò fino al 1786.

Nel Regno di Sicilia le più importanti città dell'isola durante il dominio aragonese e il vicereame spagnolo ebbero un senato civico, dal Senato di Messina a quello di Trapani[2], di Siracusa (che si riuniva a palazzo del Vermexio), di Catania, fino a quello di Palermo[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]