Gerenzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gerenzano
comune
Gerenzano – Stemma
Gerenzano – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
Sindaco Ivano Campi (Insieme e Libertà per Gerenzano) dal 07-05-2012
Territorio
Coordinate 45°38′26″N 9°00′07″E / 45.640556°N 9.001944°E45.640556; 9.001944 (Gerenzano)Coordinate: 45°38′26″N 9°00′07″E / 45.640556°N 9.001944°E45.640556; 9.001944 (Gerenzano)
Altitudine 226 m s.l.m.
Superficie 9,79 km²
Abitanti 10 870[1] (28-2-2017)
Densità 1 110,32 ab./km²
Comuni confinanti Cislago, Rescaldina (MI), Rovello Porro (CO), Saronno, Turate (CO), Uboldo
Altre informazioni
Cod. postale 21040
Prefisso 02
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012075
Cod. catastale D981
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 437 GG[2]
Nome abitanti gerenzanesi
Patrono santi Pietro e Paolo
Giorno festivo 29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gerenzano
Gerenzano
Gerenzano – Mappa
Posizione del comune di Gerenzano nella provincia di Varese
Sito istituzionale

« Gerenzano ha conservato tra i paesi un tempo rivali, posto eminente che ha dato i natali a personaggi illustri, che ha creato nelle nostre chiese opere d'arte, che ha conservato immutate nel suo popolo quel carattere di probità e di laboriosità che ne forma il supremo vanto »

(M.R. Sac. Antonio Banfi nel suo volume Prevosto di Gerenzano)

Gerenzano (Gerenzàn in dialetto locale[3], AFI: [dʒerẽˈtsãː]) è un comune italiano di 10.870 abitanti della provincia di Varese in Lombardia. È situato a circa 25 km a sud-est del capoluogo al confine con le province di Milano e Como.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Gerenzano si trova nell'alta pianura lombarda lungo la strada che porta da Milano a Varese, a pochi chilometri da Saronno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gerenzano seguì durante il Medioevo le vicende del contado del Seprio. La presenza di una chiesa è già attestata in un documento datato 2 aprile 712. La presenza di una chiesa dedicata a San Pietro è poi indicata in un atto di permuta stipulato nel marzo del 932, confermato alla fine del Duecento nel Liber notitiae sanctorum Mediolani.

Piazza della chiesa S.S. Pietro e Paolo

A quell'epoca a Gerenzano vi erano sei chiese e forse anche una settima dedicata a Sant'Ambrogio; una di queste, che sarà poi demolita e non più ricostruita, aveva una doppia dedicazione, a San Martino, il vescovo di Tours, e a San Brizio, il suo successore, mentre le altre erano dedicate a San Vittore, a San Paolo, a San Nazaro e a San Zenone; alla chiesa dedicata ai Santi Pietro e Paolo, attuale parrocchia centrale del paese, rimane il titolo di "prepositurale".

Nei decenni successivi giunsero altre visite pastorali, che peraltro non segnalarono notevoli variazioni, se non nel 1687, quando in occasione della visita dell'arcivescovo cardinale Federico Visconti, si ha notizia dell'esistenza di un'altra chiesa, dedicata a San Giacomo Apostolo. Edificata fuori dall'abitato, nei pressi della strada che collega Milano con Varese, secondo un dattiloscritto del 14 ottobre 1945, giacente presso la Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Ambientali di Milano, sarebbe stata costruita nel 1512, su un edificio precedente del XIV secolo. Dedicata all'Apostolo Giacomo, la chiesa tuttavia presenta, attraverso i suoi affreschi, una spiccata intonazione mariana; essa rappresenta un esempio di piccola chiesa di stile gotico ad aula unica, come tante ne sorsero in Lombardia dal XIV secolo in avanti, utilizzate come cappelle gentilizie. Caratteristici il campanile, di stile romanico e quindi preesistente all'attuale chiesa, e la casa a due piani, una volta sede del cappellano e oggi abitazione privata, che è addossata all'edificio sacro.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Il fontanile di San Giacomo[modifica | modifica wikitesto]

A sud del paese si trova il fontanile di San Giacomo". Questo fenomeno naturale è particolarmente prezioso per il territorio comunale: l'acqua che sgorga dalla forte pressione della falda acquifera è infatti qualitativamente molto valida, ricca di calcare (200/300 mg al litro) che apporta notevoli vantaggi ai terreni circostanti rendendoli particolarmente fertili e proteggendoli dagli sbalzi di temperatura, mantenendola tra i 9 e i 12 °C durante tutto l'anno. Il fenomeno delle risorgive ha permesso lo sviluppo di un ambiente popolato da querce, pini cordati e robinie, detto il "Bosco della Girola che si estende tra il territorio di Uboldo, Gerenzano e Saronno e presenta caratteristiche proprie dei boschi padani.

Il Parco degli Aironi[modifica | modifica wikitesto]

Veduta del Parco degli Aironi

A Gerenzano si trova anche un parco recintato di 45 ettari, ricavato da una ex discarica la più grande d'Europa dedicato allo svago e all'incontro con la natura. È popolato da volpi, ricci, cervi, daini e mufloni e da circa 14.500 essenze arboree piantate per ricreare un bosco naturale.

Il Parco degli Aironi è accessibile dalla Statale Varesina immettendosi in via del Risorgimento in direzione Rescaldina; il parcheggio può ospitare 150 vetture e ospita un villino attrezzato per ristoro, uffici e servizi igienici dotati di docce per coloro che utilizzano il parco per l'attività fisica, favorita da un percorso vita. Il complesso è dotato anche di una terrazza dalla quale si può osservare il panorama, mentre un osservatorio attiguo al lago permette l'osservazione dei volatili.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 801 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

A Gerenzano, nel 1977, nacque una delle prime radio cattoliche della provincia di Varese: Radio Tabor FM 89,000 MHz e 101,400 MHz. La stazione, sita in una casa coloniale in Via San Giacomo 40, produceva molti programmi d'informazione locale. Cessò l'esistenza nel 1979, cedendo gli impianti alle nascenti Radio Punto di San Vittore Olona (89,000 MHz e 89,400 MHz, poi 88,150 MHz) e Radio Club Origgio (94,000 MHz e 101,400 MHz, poi 101,500 MHz). Successivamente, a Gerenzano operò anche Radio Arcobaleno, FM 100,500 MHz, stazione, tuttavia, dalla vita alquanto effimera.

Persone legate a Gerenzano[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Un tempo dedita all'agricoltura e in particolare all'estrazione della ghiaia, la popolazione di Gerenzano ha dato vita, negli ultimi decenni, a importanti iniziative artigianali nei settori tessile, della carpenteria, dei tessuti e dell'arredamento. Al confine con Saronno sorge un grande centro commerciale denominato "Bossi".

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Gerenzano fu abolito due volte: la prima in età napoleonica quando fu annesso a Turate e poi, dopo protesta, a Cislago, e la seconda in età fascista quando fu annesso a Saronno.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2012 in carica Ivano Campi Insieme e Libertà per Gerenzano Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • Gruppo Sportivo Gerenzano, Twirling
  • ASD Salus Gerenzano , Calcio, Pallavolo, Basket e Altro
  • Pallacanestro Gerenzano - Promozione
  • No Look Gerenzano (Basket) - Uisp Varese
  • C. M. Santa Cecilia - Majorette
  • A.S.D.Club Subacqueo Atlantide
  • A.S.D Gerenzanese calcio
  • Sci Club Gerenzano
  • Motoclub amatori 2 ruote
  • Club ciclistico "Il Ciclo"
  • Circolo botanico "Torvallo 420"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 302.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN234817644