Brezzo di Bedero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brezzo di Bedero
comune
Brezzo di Bedero – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
SindacoMaria Grazia Campagnani (lista civica Andiamo avanti) dal 05/06/2016 - 1º mandato
Territorio
Coordinate45°59′N 8°43′E / 45.983333°N 8.716667°E45.983333; 8.716667 (Brezzo di Bedero)Coordinate: 45°59′N 8°43′E / 45.983333°N 8.716667°E45.983333; 8.716667 (Brezzo di Bedero)
Altitudine352 m s.l.m.
Superficie9,95 km²
Abitanti1 203[1] (30-4-2017)
Densità120,9 ab./km²
FrazioniAlcio, Bedero, Brezzo, Cà Bianca, Casa Fioroli, Casa Passera, Casa Sirpo, Casa Spozio, La Canonica, Nonedo, Pralongo, Trigo, Villaggio Olandese
Comuni confinantiBrissago-Valtravaglia, Cannero Riviera (VB), Germignaga, Oggebbio (VB), Porto Valtravaglia
Altre informazioni
Cod. postale21010
Prefisso0332
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT012020
Cod. catastaleB166
TargaVA
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantibederesi
Patronosan Vittore
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Brezzo di Bedero
Brezzo di Bedero
Brezzo di Bedero – Mappa
Posizione del comune di Brezzo di Bedero nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Brezzo di Bedero (Bresc de Beder in dialetto varesotto[2], AFI: [ˈbrɛʃ de ˈbeːder]) è un comune italiano di 1.203 abitanti della provincia di Varese in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Brezzo di Bedero fu sede, almeno dal 1277, di un importante ramo della nobile famiglia Sessa, che proprio in quegli anni entrava nei ranghi del patriziato milanese.[3]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Brezzo di Bedero fa parte della Comunità Montana Valli del Verbano. Durante il fascismo il comune fu annesso da Luino.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Collegiata di San Vittore il Moro, detta "la Canonica", documentata già a partire dal 1100, di stile romanico. All'interno dell'edificio è stato rinvenuto anche l'importante antifonario ambrosiano estivo, la cui parte iemale (invernale) è conservata alla British Library di Londra [5]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 100.
  3. ^ Francesco Bombognini e Carlo Redaelli, Antiquario della diocesi di Milano dell'arciprete oblato Francesco Bombognini, coi tipi di Giovanni Pirotta, 1º gennaio 1828. URL consultato il 6 maggio 2017.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ VareseNews.it - Il mistero Rosenthal dietro al manoscritto di mille anni fa, su varesenews.it. URL consultato l'11 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN239207877