Origgio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Origgio
comune
Origgio – Stemma
Origgio – Veduta
La Torre ai Caduti, nella piazza principale del paese
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
Sindaco Mario Angelo Ceriani (Lega Nord) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate 45°35′49″N 9°01′06″E / 45.596944°N 9.018333°E45.596944; 9.018333 (Origgio)Coordinate: 45°35′49″N 9°01′06″E / 45.596944°N 9.018333°E45.596944; 9.018333 (Origgio)
Altitudine 194 m s.l.m.
Superficie 7,92 km²
Abitanti 7 707[1] (28-2-2017)
Densità 973,11 ab./km²
Frazioni Cascina Muschiona, Cascina Broggio
Comuni confinanti Caronno Pertusella, Cerro Maggiore (MI), Lainate (MI), Nerviano (MI), Saronno, Uboldo
Altre informazioni
Cod. postale 21040
Prefisso 02
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012109
Cod. catastale G103
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 393 GG[2]
Nome abitanti origgesi
Patrono Natività di Maria Vergine
Giorno festivo seconda domenica di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Origgio
Origgio
Origgio – Mappa
Posizione del comune di Origgio nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Origgio (Origg in dialetto saronnese[3], AFI: [uˈritʃ]) è un comune italiano di 7.707 abitanti della provincia di Varese, un tempo nella provincia di Milano. Il comune è posto all'estremità Sud della provincia, circa 17 km a nord-ovest di Milano e nelle immediate vicinanze di Saronno. Fa parte del territorio dell'Alto Milanese. Nella sua storia fu soppresso due volte per essere poi ripristinato in seguito a mutamenti politici: nel 1811 fu Napoleone ad annetterlo a Uboldo, mentre nel 1928 su ordine di Mussolini venne aggregato a Saronno.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La zona agricolo-boschiva di Origgio, sullo sfondo il Bosco del Conte

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Origgio è situato nella zona alluvionale dell'alta Pianura Padana, ad una quota di 194 m s.l.m. Il territorio di Origgio è, praticamente per la quasi totalità, pianeggiante e attraversato, nella zona agricolo-boschiva, dal torrente Bozzente. Origgio condivide con i comuni di Uboldo e Cerro Maggiore un grande bosco di robinie e querce, chiamato Bosco del Conte. Questo bosco sorge nella vecchia zona di spaglio del torrente Bozzente. Attualmente è in corso la realizzazione del Parco Sovracomunale dei Mughetti, che si estenderà per 1000 ettari nelle zone agricolo-boschive di Origgio, Uboldo e Cerro Maggiore, a tutela del corridoio ecologico del Bozzente e di una delle ultime zone verdi rimaste nella zona dell'Alto Milanese.[4].

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima di Origgio è di tipo continentale. Gli inverni sono freddi e presentano molte giornate di gelo. Le estati sono calde e afose. È frequente, anche se in costante diminuzione, il fenomeno della nebbia.

In base alla media trentennale di riferimento (1961-1990) della stazione meteorologica di Milano Malpensa, situata a circa 20 km in linea d'aria dal centro di Origgio, secondo l'Organizzazione Mondiale della Meteorologia, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta attorno a +1 °C; quella del mese più caldo, luglio, è di circa +22 °C, quella media di circa +11 °C. Le precipitazioni medie annue sono pari a 1082 mm, con picco primaverile e autunnale e minimo relativo invernale.[5][6][7]

Dal punto di vista legislativo il comune di Origgio ricade nella Classificazione climatica E in quanto i Gradi giorno della città sono 2393, dunque il limite massimo consentito per l'accensione dei riscaldamenti è di 14 ore giornaliere dal 15 ottobre al 15 aprile[8].

MILANO MALPENSA Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 6,1 8,6 13,1 17,0 21,3 25,5 28,6 27,6 24,0 18,2 11,2 6,9 7,2 17,1 27,2 17,8 17,3
T. min. mediaC) −4,4 −2,5 0,4 4,3 9,0 12,6 15,3 14,8 11,5 6,4 0,7 −3,6 −3,5 4,6 14,2 6,2 5,4
Precipitazioni (mm) 67,5 77,1 99,7 106,3 132,0 93,3 66,8 97,5 73,2 107,4 106,3 54,6 199,2 338,0 257,6 286,9 1 081,7
Giorni di pioggia 6 6 8 9 10 9 6 8 6 7 8 6 18 27 23 21 89
Umidità relativa media (%) 78 76 69 73 74 74 74 73 74 77 80 80 78 72 73,7 77 75,2
Vento (direzione-m/s) N
3,3
N
3,3
N
3,4
N
3,5
N
3,3
N
3,2
N
3,1
N
3,0
N
3,1
N
3,1
N
3,4
N
3,3
3,3 3,4 3,1 3,2 3,3

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del paese è attribuita all'epoca romana [senza fonte]. Il nucleo originario si sviluppò a partire dal XVII e IX secolo. Origgio appare con nomi differenti su vari documenti storici: Oleoductus, Oleoductum, Uduluctum, Udrugium, Udrigium, Urugio.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa della Beata Vergine Maria Immacolata di Origgio

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa della Beata Vergine Maria Immacolata Concezione[modifica | modifica wikitesto]

È la chiesa parrocchiale del comune. L'edificio e le opere contenute sono del 1700. La chiesa è stata successivamente ampliata nel 1912. Negli ultimi anni sono stati eseguiti vari interventi di restauro. Vi sono tuttora conservati dipinti del 1700 che raffigurano episodi della vita di San Carlo Borromeo e numerosi mosaici realizzati nell'ultimo decennio. È composta da una navata principale e da due navate laterali secondarie. La piazza antistante, in occasione di determinate festività, viene utilizzata per manifestazioni religiose e musicali.

La Chiesa di San Giorgio dopo una nevicata

Chiesa di San Giorgio[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di San Giorgio è nota nel paese per l'inclinazione del suo campanile. La sua costruzione risale all'epoca longobarda, come dimostrato da un atto di vendita dell'anno 1181 [senza fonte]. Divenne successivamente chiesa parrocchiale. Nel 1596 venne costruito il nuovo campanile, la sacrestia e l'abside. Venne inoltre ampliata in senso longitudinale, spostando quindi l'ingresso principale. Da ultimo si provvedette alla costruzione di una nuova cappella contenente un ciclo di affreschi sulla nascita di Cristo e un grande crocifisso ligneo del XV secolo. Nel 1701 perse il ruolo di chiesa parrocchiale, essendo stata costruita l'attuale parrocchia dedicata all'Immacolata concezione. Da questo momento la chiesetta cadde in uno stato di trascuratezza fino ai primi decenni del 900 quando si provvedette al suo restauro. Ora si celebrano funzioni nei periodi festivi, oltre a numerosi matrimoni.

Il Santuario della Madonna del Bosco

Santuario della Madonna del Bosco[modifica | modifica wikitesto]

Il Santuario è situato lungo la strada che porta alla Cascina Muschiona, poco dopo il cimitero. Originariamente vi era una Cappella dedicata alla Madonna Addolorata, fatta risalire all'epoca medievale. Veniva comunemente chiamata dagli Origgesi con l'appellativo di Madonna del Bosco in quanto posta al limitare dell'allora zona boschiva. La popolazione era molto devota a questa Madonna, tanto da compiere processioni e cortei invocando aiuto e protezione nei momenti di difficoltà. Nel 1935 al posto della Cappella (danneggiatasi in seguito ad un incidente) venne costruito, con l'ausilio di tutti gli operai e muratori origgesi, l'attuale Santuario.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

La Torre Schiaparelli

Torre ai Caduti[modifica | modifica wikitesto]

La Torre ai Caduti fu eretta in poco più di un anno a partire dal 1926, in ricordo, appunto, dei caduti della prima guerra mondiale. Al suo interno sono installati un serbatoio per l'acqua potabile e una grande campana. Attualmente è chiusa al pubblico e non visitabile se non in occasioni particolari.

Torre Schiaparelli[modifica | modifica wikitesto]

L'astronomo Giovanni Virginio Schiaparelli (1835-1919) compì ricerche molto importanti (in particolare riguardo alle comete) dall'alto di questa torre, situata all'interno del Parco Comunale.

Castello Borromeo[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruito nel tardo medioevo [senza fonte], inizialmente caratterizzato da un ampio quadrilatero aperto solo su un lato e da una torre a scopo di difesa e avvistamento, attualmente conserva una pianta ad L. Durante il XVI secolo vennero apportate delle modifiche alla struttura originaria, quali l'abbattimento di alcuni corpi di fabbrica e la costruzione di un lungo e valorizzante viale d'accesso. Venne inoltre creato un grande giardino all'italiana, sfruttando le pendenza che separavano il piano-campagna dall'edificio. Attualmente è in parte adibito a privata abitazione.

Villa Borletti[modifica | modifica wikitesto]

Villa Borletti è un importante edificio storico situato nel centro del paese. Si affaccia direttamente sulla Piazza della Chiesa da un lato e sul retrostante Parco Comunale dall'altro. È una tipica villa lombarda settecentesca, nata come dimora di villeggiatura dei Conti Borromeo, con annesso un grande giardino privato divenuto in seguito Parco Comunale. Dal 1801 al 1869 la villa diventa proprietà della famiglia Predetti; viene poi acquistata, sempre come casa di villeggiatura, da Francesco Borletti, marito di Ester Schiapparelli, figlia del noto astronomo milanese Giovanni Schiaparelli. Nel 1969 la villa viene ceduta al comune di Origgio, con lo scopo di trasferirvi la sede del municipio. Verrà invece utilizzata come sede della biblioteca comunale. Una parte della villa viene altresì demolita, in quanto pericolante, per fare posto ad un parcheggio pubblico. Nei primi anni '90 la villa viene svuotata e dichiarata inagibile, a causa di gravi problemi statici e di conservazione. Nel corso del 2011 sono terminati i lavori di recupero e restauro.

Dal 2014 l'associazione Hesperia (aps-hesperia.it) ha preso in gestione l'edificio che rimane di proprietà comunale. I volontari dell'associazione, coadiuvati dalla popolazione origgese, hanno allestito in breve tempo, al piano terreno, una "Sala delle Arti e dei Mestieri" con oggetti di un tempo, una "Sala delle Colonne" ove si celebrano matrimoni civili ed una "Sala Conferenze" che ospita convegni, riunioni, proiezioni di film e eventi culturali di ogni tipo. L'intero primo piano è dedicato a mostre di arte contemporanea curata da esperti del settore.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Questo grafico indica l'evoluzione demografica di Origgio. Si può infatti notare come gli abitanti siano aumentati notevolmente con l'inizio del periodo del "boom economico" italiano. Abitanti censiti[9]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Svolge un ruolo molto importante nel paese il Corpo Musicale San Marco (nato nel 1937), di cui fanno parte una sessantina di musicanti. Vi è inoltre un coro detto "Coro Amici della montagna" (nato nel 1979) che ha la propria sede vicino alle scuole elementari.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

La piazza del mercato di Origgio e la palazzina sede delle associazioni

Nei giorni intorno al 25 aprile ogni anno si tiene ad Origgio la Fiera delle Merci e del Bestiame, che si articola su tutto il territorio comunale e che vede concorsi di bellezza e destrezza per bestiame di vario genere nelle categorie bovini, ovocaprini ed equini. Il 25 aprile le bancarelle occupano quasi la totalità del paese (500 espositori circa nel 2006). Si svolgono inoltre una sfilata di carrozze con tiri da uno a dodici cavalli, gare di cavalli e soprattutto la mostra bovina con premiazioni gastronomiche.

La festa del paese si svolge la seconda domenica di settembre.

Persone legate ad Origgio[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Panorama del territorio

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Prima del boom edilizio degli anni '50 i pochi abitanti di Origgio erano raccolti intorno alle grosse cascine. La memoria di questi nomi è giunta fino ad oggi[10]:

  • Villa Regina
  • Cascina Streppina
  • Cascina Muschiona
  • Cascina S.Eustorgio
  • Cascina Malingamba
  • Cascina Fornace
  • Bosco dei Conti Borromeo
  • Cascina Maestroni
  • Cascina Ferrario (loc. Broggio)

Quest'ultimo è posto ad ovest dell'abitato lungo la strada che conduce a Cantalupo di Cerro Maggiore, nelle vicinanze dell'uscita autostradale Origgio-Ovest e dei boschi dei Conti Borromeo. In località Cascina Broggio nacque nel 1869 il maratoneta Carlo Airoldi.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Territorio a vocazione prevalentemente industriale anche se rimangono svariati ettari di terreno coltivato. I Principali prodotti del luogo sono le patate ed il mais. Grandi strutture industriali, refettori, capannoni e conviti sorgono ancora sul territorio a memoria delle attività del Linificio Nazionale ormai chiuso. Oggi hanno stabilimenti in Origgio le farmaceutiche Novartis, Euticals, Formenti, Ciba e Sanofi-Aventis, la chimico-vetraria O-I (produttrice di bottiglie in vetro che vanta un altoforno fra i più grandi d'Europa), l'azienda di grande distribuzione Bennet, la Fiege, specializzata in logistica, la Gedy SPA specializzata in accessori per bagno, l'ICR SpA, azienda leader nell'incisione di cilindri rotocalco e numerose altre medie imprese.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Origgio è attraversato da strade, comunali, provinciali e statali, che lo collegano in modo diretto con i comuni limitrofi e più importanti della zona. In particolare:

Autostrade[modifica | modifica wikitesto]

Origgio è ben collegata alla rete autostradale italiana grazie alla presenza sul suo territorio dell'Autostrada A9 Lainate-Como Chiasso con lo svincolo di Origgio-Uboldo e l'Autostrada A8 Milano-Varese svincolo di Origgio Ovest.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Non sono presenti stazioni nel territorio comunale, i collegamenti ferroviari con tutta la regione, sono garantiti, grazie alla vicinanza della Stazione di Saronno delle Ferrovienord.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

I collegamenti urbani e interurbani di Origgio sono gestiti da Air Pullman Spa e in parte da Movi bus Spa, che lo collegano con Saronno, Uboldo, Lainate, Rho e Milano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1996 2000 Mario Ceriani Lista civica di Centro-destra Sindaco
2000 2005 Mario Ceriani Lista civica di Centro-destra Sindaco
2005 2010 Luca Panzeri Lista civica di Centro-destra "Per Origgio" Sindaco
2010 2015 Luca Panzeri Lista civica di Centro-destra Sindaco
2015 in carica Mario Ceriani Lega Nord Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ ortografia classica
  4. ^ Sito ufficiale del Parco dei Mughetti
  5. ^ Medie climatiche 1961-1990, wunderground.com. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  6. ^ Dati climatologici medi, eurometeo.com. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  7. ^ Tabelle e grafici climatici, meteoam.it. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  8. ^ Fonte dal sito Confedilizia.it
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Peppino donzelli; Cislago 1986; Storia dei tre torrenti: Bozzente - Gradeluso - Fontanile dall'anno 1500 fino all'epoca della loro separazione del 1762 ai giorni nostri

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN138527288 · BNF: (FRcb12290409v (data)