Tenero-Contra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tenero-Contra
comune
Tenero-Contra – Stemma
Tenero-Contra – Veduta
Tenero e le foci dei fiumi Ticino e Verzasca
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Locarno
Amministrazione
Lingue ufficiali Italiano
Territorio
Coordinate 46°10′45″N 8°51′05″E / 46.179167°N 8.851389°E46.179167; 8.851389 (Tenero-Contra)Coordinate: 46°10′45″N 8°51′05″E / 46.179167°N 8.851389°E46.179167; 8.851389 (Tenero-Contra)
Altitudine 209 m s.l.m.
Superficie 4,47 km²
Abitanti 2 751[1] (31-12-2013)
Densità 615,44 ab./km²
Frazioni Campei, Contra di Sotto, Costa, Fraccia, Reggia
Comuni confinanti Brione sopra Minusio, Gordola, Mergoscia, Minusio
Altre informazioni
Cod. postale 6598 Tenero
6646 Contra
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5131
Targa TI
Circolo Navegna
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Tenero-Contra
Tenero-Contra
Tenero-Contra – Mappa
Sito istituzionale

Tenero-Contra (in ticinese Tendru-Cuntra), è un comune svizzero di 2.617 abitanti situato nel Canton Ticino, che si affaccia sul Lago Maggiore. Nel territorio comunale è compresa una piccola parte del Lago di Vogorno formatosi a seguito della costruzione della diga di Contra sul fiume Verzasca. I due nuclei restituirono numerosi reperti archeologici dell'età del bronzo, del ferro e d'epoca romana.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architettura religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Architettura civile[modifica | modifica wikitesto]

  • Fattoria al Gerbion
  • Stele archeologica di Trovero
  • Casa Franzoni
  • Villa Marcacci-Trevani
  • Masso cuppellare preistorico di Tenero
Case di Gordola con l'oratorio della Fraccia sullo sfondo

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina alle porte di Locarno è situata sul Lago Maggiore, dove la Verzasca si immette nel Verbano. In estate raggiunge un totale di circa 13.000 presenze, di cui 10.000 sono turisti (provenienti per la maggior parte dalla Germania e dalla Svizzera interna).

Oltre che per il turismo, Tenero è conosciuto per il CST (Centro Sportivo nazionale Tenero). Questa struttura molto ampia offre varie possibilità agli sportivi della zona e alle varie scuole, che vengono regolarmente a praticare allenamenti di una settimana. Il centro dispone di 9 palestre, 2 sale pesi, piscine, pista finlandese. Nel 2005 il centro sportivo di Tenero ha ospitato i Junior World Orienteering Championship. Nel 2008 è stato sede d'allenamento per la nazionale tedesca di calcio, in occasione degli europei del 2008, mentre nel 2016 ha ospitato la nazionale di calcio dell'Ucraina per gli Europei 2016.

Inoltre, Tenero è anche un importante polo industriale del Locarnese. Vi sono, infatti, situate varie imprese di medie e grandi dimensioni.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il patriziato di Contra[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale ed ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, (La Fraccia) 163.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, (Tenero 367, 378), 567-568, (Contra 306).
  • Guglielmo Buetti, Note Storiche Religiose delle Chiese e Parrocchie della Pieve di Locarno, (1902), e della Verzasca, Gambarogno, Valle Maggia e Ascona (1906), II edizione, Pedrazzini Edizioni, Locarno 1969.
  • Giuseppe Mondada, Tenero-Contra. Appunti di storia, Edizioni Pedrazzini, Locarno 1968.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 118, 141-142, 144.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 163.
  • Simona Canevascini (a cura di), Un comune dai vigneti alle sponde del Verbano, Tenero-Contra 2010.
  • Giovanni Lombardi, Gli impianti idroelettrici in Ticino, in «Arte&Storia», Il Ticino dell'acqua. Dalla formazione geologica del Cantone alle attività economiche, Edizioni Ticino Management, anno 12, numero 54, aprile-luglio 2012. Lugano 2012.
  • Mario Canevascini, Tenero-Contra. Nomi di luogo tra storia e territorio, Tenero-Contra 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN131334979 · LCCN: (ENn79048307 · GND: (DE4247523-5
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino