Chiesa dei Santi Pietro e Vincenzo martire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa dei Santi Pietro e Vincenzo martire
StatoSvizzera Svizzera
CantoneTicino Ticino
LocalitàTenero
ReligioneCristiana cattolica
TitolarePietro apostolo
Diocesi Lugano
Stile architettonicotardo barocco
Inizio costruzione1586
Completamento1747

La chiesa dei Santi Pietro e san Vincenzo martire[1] è un luogo di culto cattolico di Tenero.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Edificata sull'area di un originario edificio forse d'origine altomedievale, venne rinnovato nel 1586 per poi essere trasformata in epoca barocca. Nel 1719 fu aggiunto il coro, e le due cappelle laterali negli anni 1742-1747. Di fronte alla facciata sta l'antico ossario del 1751. Subì un restauro con rinnovamento interno e sostituzione dell'arredo liturgico nel 1995[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Interno[modifica | modifica wikitesto]

All'interno l'aula è coperta da una volta a botte decorata nella seconda metà del XIX secolo. Gli stalli del coro sono del 1794 mentre le cappelle laterali presentano altari neoclassici in marmi policromi. In controfacciata si trova l'organo a canne Mascioni opus 1201, costruito nel 2017; a trasmissione elettrica, dispone di 12 registri su due manuali e pedale.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La chiesa dei Santi Pietro e Vincenzo martire - Inventario dei beni culturali Archiviato il 4 marzo 2014 in Internet Archive.
  2. ^ Buetti, 1969, 299-302.
  3. ^ Tenero (Svizzera), mascioni-organs.com. URL consultato il 23 dicembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guglielmo Buetti, Note Storiche Religiose delle Chiese e Parrocchie della Pieve di Locarno, (1902), e della Verzasca, Gambarogno, Valle Maggia e Ascona (1906), II edizione, Pedrazzini Edizioni, Locarno 1969.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 144.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 163.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]