Gordola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gordola
comune
Gordola – Stemma
Gordola – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Flag of Canton of Tessin.svg Ticino
Distretto Locarno
Amministrazione
Lingue ufficiali Italiano
Territorio
Coordinate 46°10′44″N 8°51′54″E / 46.178889°N 8.865°E46.178889; 8.865 (Gordola)Coordinate: 46°10′44″N 8°51′54″E / 46.178889°N 8.865°E46.178889; 8.865 (Gordola)
Altitudine 222 m s.l.m.
Superficie 7,0 km²
Abitanti 4 568 (2015)
Densità 652,57 ab./km²
Frazioni Gordemo
Comuni confinanti Cugnasco-Gerra, Lavertezzo, Locarno, Mergoscia, Tenero-Contra, Vogorno
Altre informazioni
Cod. postale 6596
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 5108
Targa TI
Nome abitanti gordolesi
Circolo Navegna
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Gordola
Gordola
Gordola – Mappa
Sito istituzionale

Gordola (in dialetto ticinese Gordora[senza fonte]) è un comune svizzero di 4'568 abitanti del Canton Ticino, nel distretto di Locarno.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune sorge all'imbocco della valle Verzasca, sulla sponda sinistra dell'omonimo fiume; nel territorio comunale è compresa una parte del lago di Vogorno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Rustico a Gordola

Gordola è registrato nei documenti come Gordora nel 1200 e Gordolla/Gordolle nel 1219[1].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è servito dalla stazione di Gordola della ferrovia Bellinzona-Locarno; presso Gordola sorgono l'aeroporto di Locarno-Magadino, civile e militare, e l'eliporto di Gordola.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Daniela Pauli Falconi, Gordola, in Dizionario storico della Svizzera, 12 settembre 2007. URL consultato il 25 settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, 116.
  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone, Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, Lugano 1896.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 3236, 328, 367-368.
  • Guglielmo Buetti, Note Storiche Religiose delle Chiese e Parrocchie della Pieve di Locarno, (1902), e della Verzasca, Gambarogno, Valle Maggia e Ascona (1906), II edizione, Pedrazzini Edizioni, Locarno 1969.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 144-145.
  • Emilio Motta, Effemeridi ticinesi, Edizioni Metà Luna, Giubiasco 1991.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 23, 234, 236, 249, 342, 404.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 151, 162, 229.
  • Giovanni Lombardi, Gli impianti idroelettrici in Ticino, in «Arte&Storia», Il Ticino dell'acqua. Dalla formazione geologica del Cantone alle attività economiche, Edizioni Ticino Management, anno 12, numero 54, aprile-luglio 2012. Lugano 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN254932814 · LCCN: (ENno2012093099 · GND: (DE4704873-6
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino