Vedano Olona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vedano Olona
comune
Vedano Olona – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
SindacoCristiano Citterio (lista civica Vedano viva) dal 27/05/2019 (2º mandato)[1]
Territorio
Coordinate45°46′36.84″N 8°53′12.84″E / 45.7769°N 8.8869°E45.7769; 8.8869 (Vedano Olona)Coordinate: 45°46′36.84″N 8°53′12.84″E / 45.7769°N 8.8869°E45.7769; 8.8869 (Vedano Olona)
Altitudine360 m s.l.m.
Superficie7,08 km²
Abitanti7 413[2] (30-11-2018)
Densità1 047,03 ab./km²
FrazioniVéla
Comuni confinantiBinago (CO), Castiglione Olona, Lozza, Malnate, Varese, Venegono Superiore
Altre informazioni
Cod. postale21040
Prefisso0332
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT012134
Cod. catastaleL703
TargaVA
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantivedanesi
Patronosan Maurizio
Giorno festivo22 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vedano Olona
Vedano Olona
Vedano Olona – Mappa
Posizione del comune di Vedano Olona nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Vedano Olona (Vedàn in dialetto varesotto) è un comune italiano di 7.413 abitanti della provincia di Varese in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Epoca romana[modifica | modifica wikitesto]

La chiara origine latina del nome fa supporre una consolidata presenza romana sul territorio del Comune. Infatti Vedano sorge su di una terrazza posta sulla sponda sinistra del fiume Olona, compresa tra due strade romane: la Via Mediolanum-Bilitio, che partiva da porta Giovia e arrivava a Varese e che presentava due punti di contatto con il territorio vedanese (alla Cascina Ronco e al Ponte di Vedano), e la Como-Varese, che passava da Binago, Concagno e Malnate.

Probabilmente qui sorgeva, staccato dal fondo valle e poco propizio allo sviluppo di centri abitati, ma vicino alle vie di comunicazione, uno di quei tanti agglomerati agricoli di cui pullulava la piana in età romana.

Epoca medievale[modifica | modifica wikitesto]

Proprio questo primo insediamento ha costituito il nucleo originario del futuro paese, la cui esistenza nel Medioevo è attestata da parecchi documenti. In particolare Giorgio Giulini ricorda come nel 1121 gli abitanti di Vedano, accorsi in aiuto dei Binaghesi, aggrediti dai Comaschi, furono anch'essi "battuti e posti in fuga".

Al X secolo risale forse l'origine della chiesetta romanica di S. Pancrazio e nello stesso secolo Vedano annoverava la presenza di due case di Umiliati, religiosi e lavoratori della lana, il cui nome nel XIII secolo e nel XIV secolo era diventato sinonimo di buon panno.

Da XVII al XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'occupazione spagnola, avvenne l'infeudazione di Vedano, le cui terre passarono definitivamente al senatore Giacinto Arrigoni il 3 aprile 1648. Poiché la concessione feudale in epoca spagnola consentiva al signore la proprietà fondiaria di tutto il feudo, la nobile famiglia degli Odescalchi cominciò ad acquistare l'intera proprietà di Vedano intorno al 1622 fino a diventarne i maggiori possidenti, come documenta il catasto del 1753. Il palazzo, residenza della potente famiglia, ristrutturato nel 1933, è diventato la sede del Comune. La figura più significativa della famiglia fu Benedetto Odescalchi, divenuto Papa col nome di Innocenzo XI e beatificato nel 1956.

Con la fine del secolo XIX, anche Vedano fu interessata allo sviluppo industriale: nel 1873 erano presenti due filande e tre opifici, lungo l'Olona. I suoi abitanti lavoravano però soprattutto nelle fabbriche di Varese e della Valle Olona, quando non emigravano per sfuggire alla miseria (nel solo 1901 i vedanesi emigrati furono 400, in particolare verso Svizzera e Germania).

XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Associazionismo[modifica | modifica wikitesto]

La prima forma di associazionismo operaio fu la “Società di Mutuo Soccorso fra operai e contadini” sorta nel 1883. Ad essa si aggiunsero presto iniziative d'ispirazione socialista: la Cooperativa di Consumo, fondata nel 1898, la Lega dei Muratori, aperta nel 1903 e prima struttura sindacale a Vedano; la Cooperativa per Costruzioni Case Popolari costituita nel 1909. Nel primo dopoguerra anche i cattolici s'impegnarono in campo sociale, promuovendo con don Perego l'Ufficio del Lavoro. Attualmente risultano ancora attive le due cooperative di tradizione socialista, il Circolo Cooperativo Vela e la Cooperativa Costruzione Case Popolari. È importante citare anche il gruppo Alpini Silverio Beretti, che nel 2010 ha festeggiato il cinquantesimo anno dalla fondazione.

Il Ventennio[modifica | modifica wikitesto]

Su tutte queste opere si abbatté la scure del fascismo: in particolare furono occupate le cooperative socialiste per costruzioni di case e furono arrestati i due sacerdoti, don Pietro De Maddalena e don Luigi Monza. Quest'ultimo ritornò a Vedano nel 1937 per fondare la prima di oltre 30 case della Nostra Famiglia, istituto di laiche consacrate dedite alla riabilitazione di ragazzi con disabilità. Don Luigi Monza è stato beatificato nel 2006.

Numerosi furono anche a Vedano i combattenti per la libertà durante il biennio di resistenza (1943-1944). Tra i caduti per cause di guerra ricordiamo Mario Chiesa, a cui è dedicata la lapide posta in via 1º maggio. In Vedano Olona dal 2009, è stata ripristinata la festa della Resistenza, con la nascita di una nuova sede A.N.P.I., "Basso-Sankara", nata con il proposito di ricordare il sacrificio di quanti hanno combattuto per la libertà e la democrazia in Italia, contro il fascismo e l'occupazione nazista.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Odescalchi, attuale sede del Municipio
  • Villa Spech
  • Villa Fara Forni
  • Villa Robbio
  • Villa Monetti
  • Ex Lavatoio del Perseghét
  • Ex Fornace della Baraggia

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Per la Chiesa Cattolica il territorio comunale coincide con la giurisdizione della Parrocchia di San Maurizio martire, facente parte dell'Arcidiocesi di Milano. Il rito liturgico utilizzato è quello ambrosiano.

Sul territorio è presente una minoranza musulmana.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Vedano Olona presenta un unico centro abitato costituito dalla connessione delle due frazioni Vedano e Véla. Su di esso, posto sulla terrazza pianeggiante in posizione centrale nel territorio comunale, gravitano alcuni nuclei abitati e gruppi di case sparse. A Vedano si trovano il municipio e la chiesa parrocchiale.

Suddivisioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Il centro abitato, comprendente anche le più recenti aree residenziali, è storicamente diviso nei seguenti rioni:

  • Centro storico
  • Véla
  • Baraggia (Baràgia)
  • Cruséta
  • Perseghét
  • Periferia Sud

La Vèla, nonostante venga considerato un semplice rione di Vedano, rappresenta un caso particolare di sviluppo urbanistico. Il suo centro storico ha avuto origine molto vicino a quello di Vedano e ha raggiunto dimensioni maggiori rispetto a quelle di molti centri storici di tutta la zona circostante. Nonostante questo non ha mai avuto alcuna indipendenza, né civile né religiosa, seguendo sempre le sorti del vicino capoluogo e restando in una situazione di anonimato. Tale teoria è dimostrabile confrontando le sue caratteristiche urbanistiche con quelle di altri paesi e con l'assenza di ogni particolare menzione della frazione Véla nelle fonti storiche.

Località abitate[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni: Vedano, Véla

Nuclei abitati: Cascina Ronco, Fondo Campagna, Molino Fontanelle, Tròn

Case sparse o isolate: Cascina Celidonia, Cascina Ronchi - Pella, Costacce, La Vigna, Lazzaretto

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è servito dalla ferrovia Saronno-Laveno tramite la Stazione di Vedano Olona.

Tra il 1915 e il 1939 è stata inoltre operativa la fermata Lozza-Ponte di Vedano, servita dalla ferrovia di Valmorea, privata del traffico passeggeri nel 1938, fu soppressa definitivamente l'anno successivo. L'ex fabbricato viaggiatori venne demolito.

Il comune è attualmente attraversato dalla A60 tangenziale sud di Varese, su cui è presente lo svincolo per Vedano Olona.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elezioni amministrative ed europee 2019 Live - VareseNews, 27 mag 2019
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2018.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia