Brenta (comune)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brenta
comune
Brenta – Stemma
Brenta – Bandiera
Brenta – Veduta
Brenta – Veduta
Brenta - SS. Quirico e Giulitta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaVarese
Amministrazione
SindacoGianpietro Ballardin (lista civica Uniti per Brenta) dal 5-6-2016, 2º mandato
Territorio
Coordinate45°54′N 8°41′E / 45.9°N 8.683333°E45.9; 8.683333 (Brenta)
Altitudine276 m s.l.m.
Superficie4,18 km²
Abitanti1 738[1] (31-12-2020)
Densità415,79 ab./km²
Frazioniloc. S. Quirico
Comuni confinantiAzzio, Casalzuigno, Castelveccana, Cittiglio, Gemonio
Altre informazioni
Cod. postale21030
Prefisso0332
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT012019
Cod. catastaleB150
TargaVA
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 531 GG[3]
Nome abitantibrentesi
Patronosanti Vito e Modesto
Giorno festivo15 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Brenta
Brenta
Brenta – Mappa
Brenta – Mappa
Posizione del comune di Brenta nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Brenta è un comune italiano di 1 738 abitanti della provincia di Varese in Lombardia. Fa parte dell'Unione dei comuni del Medio Verbano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di Brenta sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 14 maggio 1962.[4]

«Di verde, alle tre api d'oro. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il verde del campo ricorda la fertilità della terra e la produzione agricola, le api simboleggiano le industrie.[5] Il gonfalone è un drappo partito di giallo e di verde.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Brenta, via Valcuvia con il binario del tram

Posta lungo la strada statale 394 del Verbano Orientale, fra il 1914 e il 1949 Brenta era servita da una fermata della tranvia della Valcuvia, che transitava lungo tale arteria stradale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Brenta, decreto 1962-05-14 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su Archivio Centrale dello Stato. URL consultato il 10 giugno 2022.
  5. ^ Renzo Barbattini, Comune di Brenta (VA), su Le api nell'araldica civica italiana, cartantica.it. URL consultato il 10 giugno 2022.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]