Casorate Sempione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casorate Sempione
comune
Casorate Sempione – Stemma Casorate Sempione – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
Sindaco Dimitri Cassani (UdC-LN-NCD) dal 1º giugno 2015
Territorio
Coordinate 45°40′N 8°44′E / 45.666667°N 8.733333°E45.666667; 8.733333 (Casorate Sempione)Coordinate: 45°40′N 8°44′E / 45.666667°N 8.733333°E45.666667; 8.733333 (Casorate Sempione)
Altitudine 285 m s.l.m.
Superficie 6,91 km²
Abitanti 5 747[1] (31-12-2011)
Densità 831,69 ab./km²
Frazioni Nessuna
Comuni confinanti Arsago Seprio, Cardano al Campo, Gallarate, Somma Lombardo
Altre informazioni
Cod. postale 21011
Prefisso 0331
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012039
Cod. catastale B987
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti Casoratesi
Patrono Sant'Ilario e San Tito
Giorno festivo 13 gennaio (Sant'Ilario)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casorate Sempione
Casorate Sempione
Casorate Sempione – Mappa
Posizione del comune di Casorate Sempione nella provincia di Varese.
Sito istituzionale

Casorate Sempione (Caşurà Sempiùñ in dialetto varesotto[2], noto semplicemente come Casorate fino al 1862), è un comune italiano della provincia di Varese in Lombardia, ricostituito nella sua autonomia nel 1901.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Lombardia.

Casorate Sempione sorge nel Basso Varesotto, a 3 km di distanza dall'aeroporto di Malpensa. La città confina con i comuni di Arsago Seprio, Cardano al Campo, Gallarate e Somma Lombardo.

Il territorio è prevalentemente pianeggiante, ad eccezione della collinetta sulla quale sorge la chiesa parrocchiale della Beata Vergine Assunta.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la classificazione climatica internazionale, il centro abitato di Casorate Sempione è situato in Zona E. I Gradi giorno della città sono 2877 ed il limite massimo consentito per l'accensione del riscaldamento è di circa 14 ore giornaliere (dal 15 ottobre al 15 aprile).

Il clima di Casorate Sempione è di tipo continentale: gli inverni sono freddi e presentano molte giornate di gelo, mentre le estati sono calde e afose; è sempre frequente, anche se in misura minore rispetto al passato, il fenomeno della nebbia. Le precipitazioni medie annue sono pari a 1082 millimetri, con un picco in primavera e in autunno ed un minimo relativo in inverno. La media niveometrica del territorio, invece, si aggira intorno ai 40 centimetri all'anno.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Cappella di San Giorgio
  • Cappella di San Rocco
  • Chiesa del Santo Spirito
  • Chiesa di Sant'Ilario
  • Chiesa Parrocchiale della Beata Vergine Assunta

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Scuderia Bocconi
  • Villa Ca' Torretta
  • Villa Masnaga
  • Villa Ughetta

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Le prime notizie sulla popolazione casoratese sono riferite al 1621, quando il parroco don Luigi Mariani, nel suo libro Cenni storici di Casorate, scrisse che in quell'anno vi erano circa 500 abitanti.[4]

Abitanti censiti[5]


Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Festa di san Tito[modifica | modifica wikitesto]

A Casorate è ben viva ancor oggi la festa decennale di san Tito (diacono martire), caratterizzata da devozione religiosa e tradizione popolare, celebrata per la prima volta nel 1926 per iniziativa del parroco don Luigi Mariani, figura umanamente singolare per vivacità di pensiero ed azione. Don Mariani volle celebrare in quell'anno una solenne festa per ricordare il XV centenario del martirio di san Tito.

L'entusiasmo per la celebrazione fece sì che per la prima volta l'urna contenente le spoglie del santo fosse portata in processione per le vie del paese che nel tiepido settembre lombardo, si ornarono di fiori di carta colorati e molte luci. Per le vie di allora passarono i cavalli dei carrettieri e delle prime scuderie con palafrenieri e cavalieri vestiti alla maniera romana dell'epoca di san Tito. Si racconta che mentre le reliquie riposte nell'urna appena restaurata risalivano la scalinata della chiesa, un cavallo le seguisse in ginocchio.

Da quell'anno ogni decennio la festa si ripropone in tutta la sua fastosità, trasformata ormai in una campanilistica gara tra rioni. Si protrae per qualche settimana, ricca di manifestazioni sacre e profane, che uniscono attorno al santo credenti e non. Un'altra tradizione è quella di addobbare le vie di fiori ogni rione o via principale ha una specie di fiore.

L'ultima edizione si è festeggiata nel settembre del 2016.

Preparativi[modifica | modifica wikitesto]

Ancora oggi la festa decennale di san Tito, giunta alla sua decima edizione nel settembre del 2016, è per i cittadini casoratesi motivo di unione, competizione benevola e gioia di stare assieme. Sono sorti, infatti, comitati in ogni rione: attingendo a fonti storiche, a cataloghi, a pubblicazioni e alla creatività individuale, ogni gruppo ha dato vita a progetti di rinnovamento delle proprie vie che prevedono la costruzione di cappelle e di elementi architettonici inseriti in addobbi floreali, arricchiti, alla sera, di nuove suggestioni con lo scintillio delle luminarie. La maggior parte della gente di Casorate Sempione (più di 5000 abitanti) è impegnata già da più di due anni prima del grande evento nei preparativi della festa: fiori, originariamente di carta crespa, ma negli ultimi anni fabbricati con svariati materiali per renderli resistenti alla pioggia (carta sottoposta a trattamento con la cera, nastri da pacco, calze di nylon ritinte e fissate ai fili di ferro, fondi di bottiglie di plastica...); strutture coreografiche di supporto ai fiori; migliaia di lampadine colorate; altari improvvisati per le vie; archi fioriti; cappelle votive; grandi murales, fontane, portali che ricordano le mura delle città medievali. Tutti gli addobbi, fatti a mano con tecniche tramandate di generazione in generazione, adornano muri, tetti, finestre e piazze con fiori diversi per ogni strada, cosicché gli effetti cromatici e scenografici attirino il visitatore in modo diverso ad ogni angolo.

Persone legate a Casorate Sempione[modifica | modifica wikitesto]

XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1991 1996 Mauro Engolli centrosinistra Sindaco
1996 2000 Giovanni Aliverti centrosinistra Sindaco
2000 2 aprile 2005 Anna Maria Aspesi centrodestra Sindaco
3 aprile 2005 28 marzo 2010 Giuseppina Piera Quadrio centrosinistra Sindaco
29 marzo 2010 31 maggio 2015 Giuseppina Piera Quadrio centrosinistra Sindaco
1º giugno 2015 In carica Dimitri Cassani UdC-LN-NCD Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 14 settembre 2013 il comune di Casorate Sempione è gemellato con:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 158.
  3. ^ Fonte dal sito
  4. ^ Massimo Conconi, Casorate Sempione arte-storia problemi, 1985, Comune di Casorate Sempione, p. 20.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN159024700